Isabella Polimanti

Articoli di Isabella Polimanti

Un’apertura da Oscar: è sulle suggestive note della musica di Nicola Piovani, colonna sonora de “La vita è bella”, che ha inizio la conferenza stampa di presentazione della nuova stagione del Teatro Eliseo e del Piccolo Eliseo. Un incantevole prologo, eseguito da Europa InCanto - orchestra di giovani e talentuosi musicisti diretti dal Maestro Germano Neri - che apre con atmosfere soavi lo sguardo sugli spettacoli e sugli eventi in programma per la stagione 2019-2020.

Con “I Giganti della Montagna”, Gabriele Lavia chiude la sua personale trilogia pirandelliana. Dopo i “Sei personaggi in cerca d’autore” e “L’uomo dal fiore in bocca… e non solo”, porta in scena un maestoso allestimento dell’ultima opera, incompiuta, scritta dal grande drammaturgo siciliano. Fino al 31 marzo al Teatro Eliseo di Roma.

Un triennio importante quello che si aprirà con la stagione 2018-2019 del Teatro Quirino. Ricorrerà, nel 2021, il centocinquantesimo compleanno della storica sala romana, una grande occasione di festeggiamenti e celebrazioni che seguiranno alle imminenti operazioni di restyling della struttura nata nel 1871. Nel presentare in netto anticipo - rispetto alle consuetudini, e rispetto agli altri teatri romani - la programmazione della prossima stagione, il Presidente - e co-direttore artistico unitamente a Guglielmo Ferro - Geppy Gleijeses sottolinea, in apertura della conferenza, l’avvilente carenza di contributi da parte delle Istituzioni. Non perde neppure l’occasione per un riferimento incisivo alla nota vicenda del finanziamento al Teatro Eliseo, ora alle valutazioni della giustizia amministrativa, avendo presentato, alcuni tra i teatri più importanti della città, un ricorso contro il contribuito assegnato alla sala diretta da Luca Barbareschi.

Sabato, 27 Gennaio 2018 20:29

Il Padre - Teatro della Pergola (Firenze)

Dopo Pirandello e Brecht, Gabriele Lavia torna in scena con il suo terzo allestimento de “Il Padre” di August Strindberg. Con Federica Di Martino, sua moglie nella vita e sulla scena, porta sul palco la lotta tra i sessi, la crisi della famiglia e della borghesia, in una sottile quanto spietata guerra di sopraffazione. Lo spettacolo, prodotto da Fondazione Teatro della Toscana, è andato in scena al Teatro Della Pergola di Firenze dal 16 al 21 gennaio ed è ora approdato a Roma (al Teatro Quirino, dal 23 gennaio al 4 febbraio); la tournée proseguirà poi a Bologna, Milano, Torino, Genova ed Udine.

Martedì, 28 Novembre 2017 18:55

The Bodyguard - Teatro Sistina (Roma)

Prende spunto dal cosiddetto “stalking”, piaga sociale balzata tristemente e prepotentemente alle cronache dei nostri giorni. È da questo “reato” (giusto chiamare le cose con il proprio nome), nesso involontario con i tempi odierni, che origina - per poi dipanarsi in tutt’altre e più romantiche atmosfere - l’impianto drammaturgico del musical “The Bodyguard”, in scena al Teatro Sistina fino al prossimo 3 dicembre. Federico Bellone, giovane ed affermato regista, porta in scena una brillante e ben riuscita trasposizione teatrale di quello che nel 1992 fu un film di grande successo, con protagonisti l’indimenticata Whitney Houston e Kevin Costner.

Dal 12 ottobre al 26 novembre. A quarantatré anni di distanza dal suo debutto, torna nei teatri italiani “Aggiungi un posto a tavola”, commedia musicale scritta da Garinei e Giovannini con le musiche di Armando Trovajoli e le coreografie di Gino Landi. Ispirata a “After me, the deluge”, di David Forrest, vede nelle vesti del protagonista Gianluca Guidi che, alla sua seconda edizione, raccoglie il testimone da papà Johnny Dorelli. Rappresentata per la prima volta nel 1974, la commedia ha avuto grandissimo successo e si è affermata anche sulla scena internazionale con oltre 30 edizioni e circa 15 milioni di spettatori. In occasione dell’ottantesimo compleanno del Teatro Brancaccio, Alessandro Longobardi raccoglie la sfida e la riporta in scena con una produzione grandiosa e di notevole impegno.

Un teatro aperto a tutti, un’agorà civile e culturale che sia fulcro di democrazia partecipata, di pensieri, utopie, emozioni. È questo il senso racchiuso nella composizione della stagione che Antonio Calbi, al suo quarto anno di direzione del Teatro di Roma, presenta in una sala gremitissima del Teatro India.

Non perde il piglio appassionato che lo caratterizza ogni volta alla presentazione degli spettacoli scelti per la nuova stagione. Che piaccia o no, che ispiri simpatia o meno, Luca Barbareschi affronta la numerosissima platea del suo teatro con aria benevola, empatica, passionale. Concentrato esclusivamente sul valore dell’arte e nella convinzione dell’importanza delle politiche culturali. Rimarrà deluso chi si aspettava la sua controffensiva alle manifestazioni di dissenso espresse da molti addetti ai lavori sul conto del noto emendamento (ormai legge) che attribuisce al Teatro Eliseo un finanziamento di 8 milioni di euro per il biennio 2017/2018.

La definisce una stagione “notevole”, sia sotto il profilo artistico sia sotto l’aspetto produttivo. Ha un’aria soddisfatta Gigi Proietti, direttore artistico del Globe Theatre, gioiello elisabettiano nel cuore di Villa Borghese giunto al quattordicesimo anno di programmazione. Una tradizione ormai consolidata delle estati romane, un evento che i romani aspettano con favore e fervore, e che suscita sempre l’interesse e la curiosità dei turisti di passaggio. Un rito catartico che negli anni si è andato sempre più espandendo passando dalle 20.000 presenze degli inizi alle 65.000 della scorsa stagione.

Sul palcoscenico del Teatro Argentina l’inquietudine e la curiosità suscitate dalla parola “futuro” prenderanno forma con INFUTURARSI, saggio-spettacolo dei giovani attori del Laboratorio Teatrale Integrato Piero Gabrielli, diretto da Roberto Gandini. Uno spettacolo che riflette sul tema del “futuro”, guardato e restituito dagli occhi di 26 ragazzi con e senza disabilità, per riscoprire quanto i giovani siano oggi fondamentali per la crescita e il miglioramento dei tempi che verranno.

Torna al Teatro Vittoria la rassegna SALVIAMO I TALENTI - Premio Attilio Corsini, iniziativa nata per promuovere progetti teatrali di grande qualità i cui protagonisti sono giovani registi e giovani attori. Giunta alla nona edizione, la rassegna propone quattro spettacoli scelti dalla direzione artistica di Viviana Toniolo nel panorama dei cosiddetti teatri off, imprescindibile bacino di nuove risorse e nuovi talenti da proporre sui palcoscenici maggiori. Lo spettacolo vincitore sarà inserito nel cartellone 2017/2018 del Teatro Vittoria.

Riprendono anche questa settimana al Teatro Cometa Off le repliche di RITRATTI DI SIGNORA, ironica commedia firmata da Fabio Mureddu e diretta dalla brillante regia di Vanessa Gasbarri.

Prende il via presso gli spazi interni ed esterni del Teatro India la quarta edizione del Festival Dominio Pubblico - la città agli under 25, un festival dedicato alla creatività Under 25. Sono in programma circa 50 eventi tra spettacoli teatrali e di danza, audiovisivi, arti visive e concerti dislocati principalmente negli spazi interni ed esterni del Teatro India con alcuni eventi programmati in spazi più periferici come Cinema Aquila e Teatro Biblioteca Quarticciolo (per il programma completo: DOMINIO PUBBLICO 2017).

Al Teatro Trastevere va in scena LA RAPINA, scritto e diretto da Federico Maria Giansanti. Una commedia grottesca e divertente che alterna ironia e realismo nel racconto delle esperienze di vita di personaggi del ceto popolare romano.

Tutto questo e molto altro… all’interno dell’articolo, con tutti i dettagli degli spettacoli in scena questa settimana a Roma.

Buon Teatro con SaltinAria!

Pagina 1 di 11
TOP