Enrico Bernard

Articoli di Enrico Bernard

Dal 9 al 16 novembre al Teatro Studio "Eleonora Duse" debutta lo spettacolo "Bestia da stile", di Pier Paolo Pasolini, saggio di diploma dell' allievo regista Fabio Condemi. Pubblicato nel 2005, questo testo, a cui Pasolini lavorò a più riprese a cavallo del ’68, rappresenta una riflessione sulla difficoltà di raccontare i conflitti della modernità. La vicenda si svolge negli Anni ’30 in Boemia e ha come protagonista Jan, doppio del poeta e ispirato allo studente cecoslovacco che si diede fuoco durante la Primavera di Praga. Pasolini ripercorre le tappe della sua formazione letteraria e politica e al tempo stesso affronta e subisce l’ingiuria della storia, la guerra, la dispersione e la degradazione degli affetti. "Bestia da Stile" è l’evoluzione del progetto "Pier Paolo - Poeta delle ceneri", rappresentato alla Pelanda lo scorso aprile, e diretto del docente di regia Giorgio Barberio Corsetti con il coordinamento di Daniela Bortignoni.

Mercoledì, 23 Settembre 2015 17:54

Omaggio A Voi - Teatro dei Conciatori (Roma)

"Omaggio A Voi" è un recital in concerto per festeggiare i 30 anni di teatro di Maria Rosaria Omaggio, che ripercorre le donne che ha amato interpretare e che l’hanno fatta amare dal pubblico: da George Sand a La Santa Sulla Scopa di Luigi Magni, dalla Duse di D’Annunzio alla Cocotte intellettuale di Trilussa, dalla Didone Abbandonata a Graciela di Gabriel Garcia Márquez, dalla napoletana Filumena alla toscana Oriana Fallaci, dai giochi nonsense di Calvino a quelli in musica di Giorgio Gaber, dal Sonetto d’amore di Shakespeare al Valzer della toppa di Pasolini, per salutare con Sfida di Ada Negri e un Palazzeschi futurista, che già nel 1913 scriveva che il Controdolore, il sorriso, è la miglior ricetta di vita.

Domenica, 31 Maggio 2015 21:50

Scacco Pazzo - Teatro Sala Umberto (Roma)

Millenovecentonovantuno. Un grande regista di cinema, Nanni Loy, si avvicina per la prima volta al teatro. Lo accompagnarono tre splendidi attori: Alessandro Haber, Monica Scattini, Vittorio Franceschi. Così nacque "Scacco pazzo": un successo clamoroso, confermato dai numerosi premi vinti, e ribadito dagli oltre dieci allestimenti all’estero, dalla Russia alla Scozia, dalla Spagna alla Finlandia. Più di vent’anni dopo, ecco gli inseparabili Nicola Pistoia e Paolo Triestino (accompagnati da Elisabetta De Vito) a regalarci una nuova versione del magnifico testo di Franceschi. Due fratelli, costretti da un incidente ad una grigia convivenza coatta, ci apriranno le porte della loro anima, dei loro sogni, dei loro dolori. Una donna è lì, arrivata quasi per caso. Grazie a lei, per un momento, sembra che tutto possa colorarsi di vita, ma…

Il Summit di Genova, atteso per riunire capi di stato e di governo delle maggiori democrazie industriali, si è trasformato in un caso storico di violenza tale da far intervenire con una sentenza e dopo 14 anni, la Corte di Strasburgo per dare finalmente giustizia a chi, per anni, ha continuato a denunciare quanto accaduto in Piazza Alimonda, nella scuola Diaz, nel carcere di Bolzaneto. ‘G8 - sotto l’ira del sole’ raccoglie storie, reali o romanzate, di chi c’è stato, di chi ha subito, di chi avrebbe voluto esserci. Tanti occhi e tante voci cucite da un filo drammaturgico per far sì che anche il teatro contribuisca a non dimenticare.

Dal 27 marzo al 19 aprile. Dopo aver debuttato con successo al festival di Todi nella scorsa estate, arriva a Roma al teatrino Stanze Segrete di Trastevere, piccolo ma importante spazio storico romano dal cartellone sempre originale e agguerrito, Aleida e il Che di Maricla Boggio per la regia di Ennio Coltorti. Lo spettacolo emoziona e commuove fornendo una doppia lettura del grande comandante Guevara: parallelamente alla narrazione storica e drammatica delle vicende che videro protagonista il rivoluzionario piú amato d’ogni tempo il testo illustra la dimensione umana, intima e sentimentale del personaggio storico facendolo rivivere in una dimensione antiretorica, al di lá del mito, immergendolo nella vita fatta di passioni oltreché di grandi ideali.

L’originale ensemble, fondato e diretto dal musicista e compositore persiano Pejman Tadayon, torna a calcare il prestigioso palcoscenico romano con un progetto dedicato a due figure che hanno segnato, in maniera indelebile, la vita spirituale dei rispettivi popoli: Rumi e San Francesco d’Assisi. Analizzando la poesia dei due mistici, vissuti a cavallo del XIII secolo, è possibile comprendere le misteriose analogie che conducono all’essenza del loro fervore, mentre la musica, quale elemento ispiratore, si nutre di un linguaggio universale che avvicina tradizioni geograficamente distanti, ma solo in apparenza inconciliabili.

Showman a tutto tondo e cantante rivelazione, Enzo Iacchetti, come se non bastassero le sue doti di Grande Comunicatore e Intrattenitore, come se non fosse sorprendente il suo talento musicale, possiede anche un'altra qualità umana, questa sì più rara: la sincerità del suo entusiasmo che trascina letteralmente il pubblico. Mercoledì 18 marzo Iacchetti ha festeggiato le 120 repliche del suo spettacolo “Chiedo scusa al Signor Gaber” mettendolo in scena al Salone Margherita di Roma. L'esigenza di un omaggio al più grande cantautore del '900 viene da Enzo Iacchetti come un irrefrenabile desiderio per suggellare la sua amicizia anche a dodici anni dalla scomparsa del maestro milanese.

Dal 12 al 22 marzo, al Teatro Parioli Peppino De Filippo, Andrea Giordana e Giancarlo Zanetti in "Il Bell’Antonio”, da Vitaliano Brancati, con la regia di Giancarlo Sepe. Nel mondo, il secondo romanzo italiano più letto e amato, dopo il Gattopardo, risulta essere il Bell’Antonio. Un lucido e meraviglioso affresco dell’Italia fatto attraverso un meccanismo concentrico che, dal sistema nazione, dalla storia di un Paese in grande difficoltà durante il periodo fascista, fotografa una micro-storia in Sicilia di una famiglia e del suo Bell’Antonio. Un progetto importante che riporta in teatro una grande coppia: Andrea Giordana e Giancarlo Zanetti, due meravigliosi attori, che per anni hanno messo in scena grandissimi allestimenti. Un cast di ottimi attori per uno spettacolo che nel 2015 rappresenterà l’Italia all’estero.

Martedì, 10 Febbraio 2015 21:55

One Man Chef - Salone Margherita (Roma)

Sprizza contagiosa energia l'entertainer Demo Mura alle prese con fornelli e maccheroni, filetti e dessert, nel coinvolgente e divertente show "One man chef" da lui condotto al Bagaglino Salone Margherita. Allo spettatore non resta che essere servito a tappe per i dovuti assaggi dopo essere stato chiamato a dare una mano in cucina. Lo show di importazione americana fa tuttavia meno presa su un pubblico più casareccio, e anche casalingo, come quello italiano, avvezzo a fare della propria cucina e del piatto preferito una sorta di ideologia.

Domenica, 08 Febbraio 2015 15:21

Oblivion.Zip - Salone Margherita (Roma)

Oblivion.Zip, l’archivio portatile e compresso degli Oblivion ma con un nuovo “sesto incomodo”: il pubblico. Da fastidio tollerato a malapena (quando ride e applaude contaminando i mirabili sketch dei cinque artisti) a vera e propria risorsa dello show. Ogni spettatore a inizio spettacolo è invitato, infatti, a lasciare il nome del suo cantante preferito in mano al temibile quintetto. E l’imprevedibilità diventa spettacolo.

TOP