Enrico Bernard

Articoli di Enrico Bernard

Sabato, 01 Settembre 2018 14:44

Sulle vie di Borges - Teatro Comunale (Todi)

Uno spettacolo che offre la magia dell’incontro tra letteratura e musica. Un evento che ha come protagonisti Massimo Popolizio e il jazzista argentino Javier Girotto per ricreare l’atmosfera evocata dalle pagine straordinarie di un maestro del fantastico come Borges. “Il libro di sabbia” raccoglie tredici, memorabili, racconti di incontri: incontri, tutti, destinati a ramificarsi nell’ospitale immaginazione di chi li legge, quasi fossero originati miracolosamente dai suoi stessi sogni.

Giovedì, 30 Agosto 2018 20:02

Generazione XX - Teatro Comunale (Todi)

L’opera prima di Anton Giulio Calenda, con la regia di Alessandro Di Murro, è una ricerca sulla comprensione delle dinamiche post-moderne di produzione di immagini e stereotipi comportamentali che plasmano l’esistenza delle nuove generazioni. È il risultato della riflessione fatta da una giovane compagnia teatrale che intende indagare e comprendere la propria identità storica e il proprio essere nel mondo contemporaneo. “Generazione XX” ha debuttato al Teatro Comunale di Todi nell’ambito della XXXII edizione del Todi Festival.

In una notte astratta e sospesa sul nulla come su un ponte spezzato, due donne corrono apparentemente per allenarsi per partecipare alla maratona di New York, ma superano il fatidico passaggio a livello della vita oltre il quale non c’è più ritorno. “Maratona di New York” di Edoardo Erba, nella regia di Andrea Bruno Savelli con protagoniste Fiona May e Luisa Cattaneo, debutta in prima assoluta al Todi Festival, inaugurando la XXXII edizione della rassegna.

Domenica, 03 Giugno 2018 16:43

Veni Vici Domini - Teatro Vascello (Roma)

Uno spettro si aggira sul palcoscenico: è lo spettro di Nicola Vicidomini. Tra esaltazione lirica e masturbazione genitale, tra sputacchi in faccia a se stesso e provocazioni blasfeme supportate però da un contesto letterario e filosofico, il trascinante e "ripugnante" comico sembra ispirarsi a quel monaco e grande filosofo, Giordano Bruno, al quale dovettero inchiodare la lingua per farlo tacere prima di bruciarlo sul rogo a Campo de' Fiori.

Una sofferta rinascita attraverso un'amicizia speciale, che riscatta il desiderio di spiritualità e di fede in qualcosa, garantisce un’evoluzione e racconta del perenne, quotidiano conflitto tra Vita e Morte, tra Razionale e Irrazionale, tra vita etica e vita estetica, tra l'Anima e il Fuoco. “Il prete e la fanciulla”, scritto, diretto e interpretato da Melania Fiore, un assolo che è in realtà un dialogo con la parte scissa del proprio Sé. Che quelle due Voci siano la Stessa Voce? Un incontro dai risvolti sorprendenti, un viaggio che cambierà profondamente la vita di entrambi.

Un excursus anarrativo, musicale, lirico, umoristico, visionario, affresco di una dimensione sospesa, antistorica, che individua il suo mistero religioso in una provincia campana desertica e agreste, passando dall'umorismo di intonazione partenopea più all'avanguardia ad una nuova Commedia dell'Arte, poi verso i territori di antichi madrigali e villanelle. Si attraverseranno le spiagge notturne della canzone romantica napoletana, ma anche le osterie della posteggia, per approdare nei "vasci" della sceneggiata. Pino Mauro, Nando Citarella e Nicola Vicidomini per la prima volta insieme all' Auditorium Parco della Musica con “Io, tu e Pino Mauro”, accompagnati da tre musicisti d'eccezione: Sergio Colicchio al piano, Paolo Iannarella ai fiati e Alessandro Patti al contrabbasso.

Sabato, 24 Febbraio 2018 21:45

La morsa - Spazio 18b (Roma)

Pirandello costruisce in “La morsa” un’implacabile stanza della tortura, in cui tuttavia non vi è alcun boia. La messinscena, essenziale e geometrica, mette in risalto le relazioni tra i personaggi e il pubblico diventa elemento drammaturgico che spia i protagonisti e contribuisce all’atmosfera di questo inesorabile processo delle emozioni.

L'allestimento di Marco Sciaccaluga del capolavoro giovanile di Schiller “Intrigo e amore” convince lo studioso di letteratura tedesca per la precisione filologica della versione italiana di Danilo Macrì e per la modernità della lettura del testo come critica sociale e politica contro il potere, ma al contempo appassiona lo spettatore per la forza dei protagonisti e interpreti di questa tragica storia di un amore impossibile.

Domenica, 28 Gennaio 2018 15:17

Eltongion - Spazio 18b (Roma)

Dal 25 al 28 gennaio. Grazie alle canzoni del cantautore britannico, un semplice netturbino di periferia somigliante alla pop-star tanto da essere soprannominato "Eltongion", aiuta il giovane Andrei a trovare il coraggio di aprirsi e vincere le sue paure. Una storia di formazione in cui entra anche Maria, giovane insegnante di sostegno, figura attraverso la quale i due metteranno a nudo i loro cuori e troveranno la forza di essere se stessi.

Dal 29 dicembre al 4 febbraio. La “Commedia della Pentola” di Plauto (nota anche come “Aulularia”), in scena al Teatro Arcobaleno nell’adattamento di Vincenzo Zingaro (che ha attinto alla traduzione del latinista Ettore Paratore), è tra le opere più note del commediografo latino; pur essendo incompleta, ha ricevuto un finale nel XV secolo dall’umanista Urceo Codro. Così l’avaro Euclione nei secoli si è trasformato nell’Arpagone di Molière. Un’interpretazione provocatoria e originale quella di Vincenzo Zingaro, secondo cui «gli antichi meccanismi del teatro plautino sono il fondamento di una vis comica dalle forme e dai contenuti sempre attuali».

TOP