Lunedì, 02 Febbraio 2015 21:11

Forbici&Follia - Teatro Sala Umberto (Roma)

Dal 27 gennaio al 15 febbraio. "Scherenschnitt" (termine che indica l’arte del ritagliare la carta con le forbici), è un testo scritto dallo psicologo svizzero Paul Portner, molto interessato ai processi di interpretazione della realtà. Era nato come dramma interattivo, ma molto serio ed intenso - diventava tuttavia spesso comico dal momento in cui gli spettatori, in qualità di “testimoni”, cominciavano ad interagire con la storia. Nel 1976, Bruce Jordan e Marylin Abrams (ideatori e produttori di numerosi allestimenti, dopo un inizio come insegnanti e attori amatoriali), acquistarono i diritti dell’opera e la riscrissero in forma di commedia con il nome di "Shear Madness", arricchendo continuamente il testo con battute e riferimenti all’attualità e improvvisazione. E' tempo di invadere l'Italia, e la nuova edizione di "Shear Madness" è piena di sorprese, a cominciare da un cast assolutamente stellare e divertente che vede per la prima volta insieme attori come Max Pisu, Roberto Ciufoli, Michela Andreozzi, Barbara Terrinoni, Nini Salerno e Nino Formicola per un divertente spettacolo che per la prima volta rompe la quarta parete immaginaria per coinvolgere il pubblico in una pazza indagine.

Giovedì, 25 Dicembre 2014 19:37

Forbici & Follia - Teatro Nuovo (Milano)

Mentre il pubblico prende posto nella grande platea del Teatro Nuovo, in pieno centro di Milano, il palco è già in movimento, con personaggi buffi che ballano al suono di musica disco, saltano ma anche asciugano capelli sempre seguendo il ritmo dei brani che si susseguono. La scenografia difatti mostra l’interno modernissimo di un parrucchiere, oh pardon, di un ‘hair designer’ che ama far divertire i propri clienti. Forbici & Follia è la traduzione data a "Shear Madness", uno spettacolo scritto da Bruce Jordan e Marylin Abrams dopo aver acquistato, nel 1976, i diritti d’autore da tale Paul Portner, uno psicologo svizzero che aveva inventato un modo interattivo di interpretare la realtà usando l’arte di ritagliare la carta. Da qui, i due riscrissero l’opera di Portner in forma di commedia, aggiungendo nel tempo diverse battute riferite alla cronaca o a pura improvvisazione. Negli Stati Uniti questa commedia, che si ripropone da anni, ha battuto tutti i record di repliche in svariate città.

Vengo a prenderti stasera

Solo pochi giorni di presenza, dal 4 al 7 ottobre, ma sufficienti a inaugurare la stagione del Teatro Manzoni di Milano, scelta premiata da una presenza incontenibile di pubblico, amici e colleghi più o meno vip che hanno voluto assistere al debutto da regista teatrale di Diego Abatantuono, che non finisce davvero mai di stupire. E saranno rimasti a bocca aperta a fine spettacolo i vari personaggi in platea, superfotografati da uno stuolo di paparazzi, tra cui cito Claudio Bisio, Gigio Alberti, Andrea Brambilla meglio noto come Zuzzurro, in prima fila, Enrico Beruschi, sorridente e in scarpe da tennis, Jonathan con tre belle figliole al seguito, Paolo Limiti meno rosso del solito e ancora Giorgio Mastrota, Valerio Staffelli e molte giovani star della televisione tra cui il conduttore di Colorado Cafè Paolo Ruffini. Sottolineo che la prossima tappa sarà quella del Teatro Giuditta Pasta di Saronno dal 26 al 27 ottobre.

Vengo a prenderti stasera

VENGO A PRENDERTI STASERA
tratto da “La morte dei comici” di Lorenzo Beccati e Valerio Peretti Cucchi
adattamento di Diego Abatantuono, Nini Salerno e Giovanni Bognetti
interpretato da Mauro Di Francesco e Nini Salerno
per la regia di Diego Abatantuono
Scene di Gianandrea Gazzola
Musiche a cura di Diego Abatantuono, Nini Salerno e Gianandrea Gazzola
Al Teatro Manzoni dal 4 al 7 ottobre
Biglietto: poltronissima € 30,00  -  poltrona € 20,00
Orari: feriali ore 20,45 - domenica ore 15,30

Diego Abatantuono, apre la stagione 2012/2013 del Teatro Manzoni di Milano, debuttando con la sua prima regia teatrale in prima nazionale il 4 ottobre con lo spettacolo “Vengo a prenderti stasera”.
I protagonisti della commedia sono due compagni storici di Diego Abatantuono, Nini Salerno e Mauro di Francesco.
La vicenda narra l’incontro con la morte, la sua, di un attore (Mauro di Francesco) mai arrivato al successo. Nel tentativo di esorcizzarla, mette a nudo tutte le sue paure. La Morte invece (Nini Salerno), attraverso stupefacenti magie, cerca di persuaderlo a sparire subito e a farsi accompagnare nell’inferno dei “comici”, dove già ha collocato illustri predecessori come Totò, John Belushi, Massimo Troisi, Walter Chiari, Stanlio e Ollio, Charlie Chaplin e Vittorio De Sica. Gli equivoci e i contrasti tra i due proseguono sino ad approdare a un clamoroso colpo di scena finale. Tutto molto surreale e all’insegna della più accesa comicità.
Vengo a prenderti stasera” è tratto da “La morte dei comici” di Lorenzo Beccati e Valerio Peretti Cucchi e adattato per il palcoscenico da Nini Salerno, Giovanni Bognetti e da un maestro della comicità come Diego Abatantuono, per la prima volta alla regia teatrale.
Scene curate da Gianandrea Gazzola; musiche a cura di Diego Abatantuono, Nini Salerno e Gianandrea Gazzola. Debutto alla produzione anche per Caremoli & Ruggeri.
Commedia brillante, con un testo originale, molto divertente e al quale non mancano però tracce metafisiche, capace di dosare emozioni e risate.

 

Fonte: Ufficio stampa Teatro Manzoni


Se devi dire una bugia

Dal 7 al 26 febbraio. Un vortice di entrate ed uscite, falsi morti che si rivelano morti vivi, in un testo di un genere, “la commedia degli equivoci” all'inglese, che affonda le sue radici in un'antichissima tradizione “all'italiana” perfettamente realizzata da una compagnia di “comici” di spessore.

TOP