Dal 15 al 26 gennaio al Piccolo Teatro di Milano è andata in scena “La commedia della vanità”, composta nel 1934 dallo scrittore bulgaro Elias Canetti, premio Nobel per la Letteratura nel 1981, per la regia di Claudio Longhi, che porta sul palco ventitre attori e due musicisti, in un’opera che immagina le conseguenze di un mondo in cui viene bandito l’uso di specchi, foto, ritratti e di ogni strumento con cui contemplare se stessi.

Si conclude il 17 gennaio, al Teatro Storchi di Modena, il progetto "Carissimi Padri…", con la mise en scène "Istruzioni per non morire in pace: Patrimoni, Rivoluzioni, Teatro" prodotta da ERT-Emilia Romagna Teatro Fondazione e Teatro della Toscana. Il trittico, dalla durata complessiva di nove ore, nasce da un minuzioso lavoro di ensemble che ha tenuto impegnati per un intero anno il drammaturgo Paolo Di Paolo, il regista Claudio Longhi, gli attori Donatella Allegro, Nicola Bortolotti, Michele Dell’Utri, Simone Francia, Lino Guanciale, Diana Manea, Eugenio Papalia, Simone Tangolo e la musicista Olimpia Greco.

TOP