“Un bel dì saremo - L’Azienda è di tutti e serve a tutti”, il nuovo progetto teatrale di ERT Emilia Romagna Teatro Fondazione a cura di Claudio Longhi

Scritto da  Sabato, 13 Maggio 2017 

Proseguono a ritmo ultra intenso le attività di “Un bel dì saremo”, il nuovo progetto di teatro partecipato di Emilia Romagna Teatro a cura di Claudio Longhi. Dopo il successo de “Il ratto d’Europa” (2012-2013) e di “Carissimi Padri” (2014-2015) gli attori Donatella Allegro, Nicola Bortolotti, Michele Dell’Utri, Simone Francia, Lino Guanciale, Diana Manea, Eugenio Papalia e Simone Tangolo tornano per coinvolgere nel percorso e nell’ evoluzione del progetto i cittadini di Modena, e non solo. La caratteristica espansiva del progetto, infatti, ha creato una rete di adesione ampia e capillare che vede coinvolti nelle numerose attività anche cittadini provenienti da altre città. Collaborano alla realizzazione numerosi partner, associazioni, istituzioni e scuole.

 

Nell’ottica di un articolato processo di ideazione collettiva, tutti i partecipanti porteranno il proprio personale contributo sull’idea di “secolo breve” e su quale sia stato, e qual è tuttora, il significato degli avvenimenti che hanno segnato i cambiamenti sociali dei primi anni del secolo scorso.

A partire da un luogo, l’edificio dell’antica centrale elettrica di Modena, si racconterà la storia di Modena di inizio Novecento, il suo processo di modernizzazione, l’industrializzazione, l’avvio del concetto di servizio pubblico, temi sui quali ancora oggi ci stiamo interrogando e che riguardano profondamente la nostra identità.

Gli esiti di tutte le attività laboratoriali confluiranno in una sorta di narrazione corale che porterà alla genesi della drammaturgia dello spettacolo che andrà in scena nella fase finale del progetto. Gli eventi che si susseguiranno durante il biennio di realizzazione del progetto sono vari e numerosi: atelier, laboratori, cene-spettacolo, incontri, mise en espace itineranti, letture; attività tese a promuovere nuove modalità di relazione tra il teatro e il cittadino, che si configura non più soltanto come spettatore ma anche come partecipante attivo. Un nuovo modo - o meglio antico, perché torna alle origini del teatro greco - di considerare il teatro e la sua funzione centrale all’interno di una comunità.

Vediamo i prossimi appuntamenti.

20 maggio 2017
FANTASMI OLTRE IL ‘900
letture itineranti a cura di ERT Fondazione
in collaborazione con Comune di Modena - Europe Direct Modena
con Donatella Allegro, Michele Dell’Utri, Simone Francia, Lino Guanciale, Diana Manea, Simone Tangolo
e con la partecipazione degli allievi della Scuola di Teatro Iolanda Gazzerro - laboratorio permanente per l’attore, corso Fondamenti di pratiche attoriali, approvato dalla Regione Emilia-Romagna e cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo

Il 20 maggio, in occasione della "Notte Bianca” modenese si terrà in Piazza Grande una lettura spettacolo dal titolo FANTASMI OLTRE IL '900. Sarà un’occasione, aperta a tutti, per rievocare in salsa “eroicomica” storie e aneddoti legati agli spazi che hanno segnato l’immaginario di intere generazioni, luoghi dimenticati che si andranno a riscoprire. Rievocando in salsa eroicomica storie e aneddoti legati a spazi del secolo scorso oramai semi-“scomparsi”, una serata (in tandem con la mostra realizzata alla Galleria Europa) per riattraversare idealmente i luoghi mitici della contemporaneità assieme alle loro “maschere”: industrie, case e piazze nate di getto tra Otto e Novecento, destinate a divenire teatro di avvenimenti epocali, ma presto sepolte dal flusso frenetico della storia odierna. Spazi che hanno segnato l’immaginario di generazioni, per esser poi dimenticati e, infine, riscoperti in modi inattesi. E fu così che dalle fabbriche “pesanti” nacquero le industrie del “pensiero”…

-h. 23.00
Primo momento itinerante della lettura, della durata di 45 minuti a ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria (fino esaurimento posti disponibili): Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
-h. 23.45
Secondo momento, a fruizione fissa, della lettura in Piazza Grande, della durata di 20 minuti circa e ad accesso libero.

Info: 059 2032602
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.europedirect.comune.modena.it
www.unbeldisaremo.it
www.emiliaromagnateatro.com
Prezzo: Gratuito
Organizzatori:
Emilia Romagna Teatro Fondazione Comune di Modena – Europe Direct Modena
Luogo: Piazza Grande, Modena

Dal 14 maggio al 12 novembre 2017
E’ DOMENICA SON QUI VISITE “LABORIOSE”
ciclo di racconti e letture

È domenica. C’è ancora chi, nel nostro frenetico presente, cammina con il passo lento e leggero del giorno di festa. Magari ha corso e rincorso il mestiere e i suoi numerosi doveri per l’intera settimana e di certo le punte delle sue scarpe oggi fingono d’essere assopite, perché sanno bene che è imminente la ripresa delle fatiche quotidiane: però è domenica, è il tempo del camminatore distratto, girovago nella sua città. Alla fine busserà alla porta di qualcuno, per il piacere di una visita, di un caffè, di una chiacchierata… su quando la città era meno frastornante, su quando i fumi delle industrie ne soffocavano l’aria, su quando quei negozi là o erano diversi o proprio non c’erano, su quando quel fabbricato lì, che pare ci sia sempre stato, diventerà qualcosa di nuovo…

Dieci partner e dieci domeniche, dal 14 maggio al 12 novembre, per raccontare e leggere la città nel Novecento, grazie a una serie di istantanee personali, tratte dalla routine per nulla banale del lavoro di ognuno. Per vedere così i sorprendenti mutamenti avvenuti, per misurare le delusioni più brucianti, o per rinnovare certe illusioni di ieri tuttora buone per il prossimo futuro…

Gli attori del progetto “Un bel dì saremo” suoneranno dunque alle porte di dieci “case” modenesi, per farsi narrare da altrettanti ospiti vicende, utopie, aneddoti e figure del laborioso secolo passato. I pezzi personali di ognuno, combinandosi fra loro e intrecciandosi a trasfigurazioni teatrali e letterarie, daranno corpo a un puzzle collettivo, a uno specchio franto della città novecentesca.

Per ragioni di capienza e di sicurezza alcuni incontri saranno accessibili solo su invito. Gli appuntamenti ospitati in spazi più ampi saranno a ingresso gratuito previa prenotazione. Per ogni dettaglio si rimanda al calendario riportato di seguito. Per chi non potrà seguire di persona il ciclo, appuntamento comunque sulle pagine e sul sito della Gazzetta di Modena!

Le visite, domenica dopo domenica…

Calendario

14 maggio // ore 10.30
#1_Tra chi s’affaticava sull’acque, sul gaz o sui trams, c’era una volta l’AMCM...
narrano Giorgio Tavernari, Luciano Abati, Manfredo Paltrinieri
legge Nicola Bortolotti
in collaborazione con Circolo dipendenti HERA Modena
Ingresso gratuito su invito

28 maggio // ore 10.30
OvestLab - via Nicolò Biondo, 86 - Modena
#2_Sfuma nelle nebbie d’un mito contemporaneo, la storia collettiva e fortunata del villaggio artigiano e delle sue case-officine...
narra Beppe Manni
legge Simone Francia
in collaborazione con Amigdala, Periferico Festival
Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Prenotazioni aperte da lunedì 15 maggio
(ogni persona può prenotare due posti al massimo)

25 giugno // ore 10.30
#3_Una passione teatrale fuor dal proprio mestiere... o forse al suo fianco - parte 1
narra Roberto Toni
legge Lino Guanciale
in collaborazione con Amici dei Teatri Modenesi
Ingresso gratuito su invito

2 luglio // ore 10.30
#4_ Correva l’anno 1969, la tecnologia portava l’uomo sulla Luna, ma il futuro della tecnica era da farsi ancora qua, nelle officine della Terra...
narra Alberto Artioli
legge Michele Dell’Utri
in collaborazione con CNA Modena e ART Meccanica
Ingresso gratuito su invito

9 luglio // ore 21.00
#5_Una passione teatrale fuor dal proprio mestiere...o forse al suo fianco - parte 2
narra Franca Manzotti
legge Diana Manea
in collaborazione con Amici dei Teatri Modenesi
Ingresso gratuito su invito

10 settembre // ore 10.30
#6_Dilettanti e professionisti, spiriti liberi e ingegni politici, la città del Novecento e i suoi sports
narra Stefano Gobbi
legge Eugenio Papalia
in collaborazione con Centro Sportivo Italiano - Comitato di Modena
Ingresso gratuito su invito

1 ottobre // ore 15.30
Società Operaia di Mutuo Soccorso di Modena - Corso Canalchiaro, 46 - Modena
#7_Come è difficile e bello vivere in tanti, tutti insieme in città...
narra Pier Giorgio Benatti
legge Simone Tangolo
in collaborazione con
Unione Società Centenarie Modenesi
Società Operaia di Mutuo Soccorso di Modena
Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Prenotazioni aperte da lunedì 18 settembre
(ogni persona può prenotare due posti al massimo)

15 ottobre // ore 10.30
#8_Qualcosa di bello sta nel sogno della città ideale di domani
narra Vincenzo Vandelli
legge Donatella Allegro
in collaborazione con FAI Giovani Modena
Ingresso gratuito su invito

29 ottobre // ore 10.30
#9_Una scuola superiore - fatta distrutta rifatta copiata nel tempo dell’industria trionfante
narra Tiziano Quartieri
legge Simone Francia
in collaborazione con Amici del Corni
Ingresso gratuito su invito

12 novembre // ore 10.30
Teatro delle Passioni - viale Carlo Sigonio, 382 - Modena
#10_ Sul calar dell’anno, impressioni lontane e desideri sospesi di una città, Modena, in un secolo chissà quanto lontano
narra Giuliano Barbolini
leggono Donatella Allegro, Nicola Bortolotti, Michele Dell’Utri, Lino Guanciale, Diana Manea, Eugenio Papalia
in collaborazione con Comune di Modena - Ufficio Politiche Europee e Relazioni Internazionali
Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Prenotazioni aperte da lunedì 30 ottobre
(ogni persona può prenotare due posti al massimo)

Ciclo di racconti e letture in collaborazione con Gazzetta di Modena
e con Amici dei Teatri Modenesi, Amici del Corni, Amigdala, Centro Sportivo Italiano - Comitato di Modena, Circolo dipendenti HERA Modena, Comune di Modena - Ufficio Politiche Europee e Relazioni Internazionali, CNA Modena, FAI Giovani Modena, Unione Società Centenarie Modenesi

Per informazioni:
Emilia Romagna Teatro Fondazione
059.2136011 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.emiliaromagnateatro.com - www.unbeldisaremo.it

 

Articolo di: Isabella Polimanti

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP