Trasparenze - Atelier della scena contemporanea (Modena, dal 22 al 27 ottobre)

Scritto da  Sabato, 06 Ottobre 2012 

Biancofango

Dal 22 al 27 ottobre 2012 il Teatro dei Segni e il quartiere San Giovanni Bosco di Modena si accendono per la prima edizione del festival Trasparenze – Atelier della scena contemporanea, un progetto di Teatro dei Venti, ATI Teatro dei Segni e Officinae Efesti con il sostegno del Comune e Provincia di Modena, Regione Emilia-Romagna e Fondazione Cassa di Risparmio.
Trasparenze ruota tutto intorno all’incontro con i giovani, alla ricerca continua degli spettatori di domani, per questo cinque spettacoli in cartellone sono stati selezionati tramite Bando da una Consulta di Valutazione composta da ragazzi dei Centri di Aggregazione Giovanile del Comune di Modena, giovani tra i 16 e i 24 anni, che con passione e serietà hanno scelto tra le circa 350 proposte arrivate.
Il festival ha un programma che guarda alla scena contemporanea nazionale, ma vuole sopratutto contaminare pubblico e linguaggi radicandosi nel territorio, per questo propone incursioni fuori dal Teatro con eventi in luoghi cardine della vita sociale del quartiere – la Casa Protetta per anziani, la Scuola Primaria, le vicine sale parrocchiali.
Biancofango, Kronoteatro, Riserva Canini, Teatro Magro, Zaches Teatro sono le giovani realtà teatrali – ma già affermate sul panorama nazionale – che avranno la possibilità di mostrare i loro lavori ma anche di incontrare e dialogare con la Consulta di Valutazione e la città di Modena. Oltre alle cinque compagnie selezionate, completano il programma alcuni studi teatrali di artisti modenesi e non, incontri e proiezioni di documentari, e non ultimo un laboratorio di scrittura e comunicazione per spettatori attivi “tra web e platea” con i ragazzi della Consulta tenuto da Simone Pacini.
Trasparenze è un progetto di: Teatro dei Venti, ATI Teatro dei Segni, Officinae Efesti.
Il festival sarà raccontato e documentato sul blog
http://trasparenzemodena.wordpress.com e su Twitter attraverso l’hashtag #trasparenze2012.

 

TRASPARENZE - Atelier della scena contemporanea
22/27 ottobre 2012
Teatro dei Segni  e complesso San Giovanni Bosco
http://trasparenzemodena.wordpress.com/
Il Teatro dei Venti di Modena, in risposta al persistente senso di smarrimento, cercando di non perdere mai il gusto del fare - per il Teatro e tramite il Teatro, ha stretto un sodalizio con Officinae Efesti di Napoli, con la quale ha deciso di immaginare e concretizzare un progetto di festival come laboratorio permanente ed occasione di incontro tra i linguaggi. Siamo convinti che lo scambio delle competenze e l’unione delle esperienze sia la sfida della generazione del tempo presente, un’occasione per confondersi e valutare oltre il già praticato. Il Festival Trasparenze – atelier della scena contemporanea fa tesoro dell’esperienza di Eruzioni Festival e diviene luogo di comunità temporanea. Uno spazio per valorizzazione modelli e processi creativi, al fine di stimolare una movimentazione dell’arte più dinamica e aperta dell’attuale, capace di riflettere le contemporaneità che ci sono e quelle che verranno. Non cerchiamo di scoprire qualcosa di nuovo, ma qualcosa di sommerso, quella brace sotto la cenere che tiene calda la cultura e l’arte. Il lavoro della direzione artistica è stato supportato da una Consulta Giovanile, composta di cinquanta giovani tra i 16 e i 24 anni. I giovani hanno visionato i circa 300 progetti artistici che sono pervenuti in risposta all’avviso pubblico, e dopo diverse sessioni di consultazione e discussione, hanno individuato i progetti da presentare nel programma e alla città. Il programma di questa prima edizione si compone di spettacoli, incontri, presentazioni e laboratori che abiteranno teatri, parchi pubblici e luoghi di aggregazione della città di Modena, che si vestirà per sette giorni con le aspirazioni e le visioni dei circa 50 giovani artisti ospiti.
Trasparenze in fin dei conti è un azzardo, e invitiamo tutti a puntare insieme a noi!
Direzione Artistica
Agostino Riitano e Stefano Tè

PROGRAMMA GIORNALIERO:
dal 22/10 al 27/10, ore 17-19: laboratorio di scrittura e comunicazione per spettatori attivi "tra web e platea", con i ragazzi della Consulta*. Il lab è tenuto da Simone Pacini, operatore teatrale e fondatore del blog fattiditeatro -
http://fattiditeatro.wordpress.com
Martedì 23/10
20.30 Arterie c.i.r.t.| das Nicht - sala parrocchia San Pio X
21.30 KRONOTEATRO | PATER FAMILIAS_dentro le mura - Teatro dei Segni
Mercoledì 24/10
20.30 Ludovico Van Teatro per il progetto “Laboratorio Corsaro” | NEFAS - patologie dei 7 nani (1° studio) - sala parrocchia San Pio X
21.30 ZACHES TEATRO | Mal Bianco - Teatro dei Segni
Giovedì 25/10
19.00 Talkin’ theatre: dialogo con AGOSTINO RIITANO (art director e project manager) e presentazione della ricerca “Rispondi al Futuro” realizzata da C.Re.S.Co, zeropuntotre, Fondazione Fitzcarraldo - barLUMI
20.30 FRANCESCO ROSSETTI | Il mio bosco selvaggio - studio - Sala bianca TdV
21.30 RISERVA CANINI | Talita kum - Teatro dei Segni
Venerdì 26/10
19.00 Talkin’ theatre: Presentazione del libro SORGENTI. Nascita del Teatro Corporeo con Yves Lebreton condotto da Francesco Rossetti. - Ludoteca Strapapera
20.30 SILVIA MEI | A very little action  - sala parrocchia San Pio X
21.30 BIANCOFANGO | Porcomondo - Teatro dei Segni
Sabato 27/10
12.00 proiezione film documentario Viaggio alla radice (’80), Italia 2003 - Scuola Primaria S. G. Bosco
16.00 Talkin’ theatre: dialogo Giovani a teatro: sulla partecipazione attiva, con Simone Pacini, la Consulta e con la partecipazione del pubblico - barLUMI
dalle 17.00: dimostrazione di lavoro del laboratorio teatrale Edipo Re, con gli anziani della Casa Protetta San Giovanni Bosco - Casa Protetta San Giovanni Bosco
dalle 17.00: dimostrazione di lavoro della residenza di Teatar Libero - Parchetto S. G. Bosco
dalle 17.00: dimostrazione di lavoro del laboratorio di percussioni - Parchetto S. G. Bosco
19.00 proiezione di Nun Me Movo (20’) documentario di Cristiano Regina e Sara Regina - Casa Protetta San Giovanni Bosco
20.30 Progetto Brockenhaus | La Menta sul Pavimento - Teatro dei Segni
22.00 Teatro Magro | Senza Niente - Teatro dei Segni

TUTTI I GIORNI DEL FESTIVAL:
ore 9.00-13.00  residenza teatrale della compagnia serba Teatar Libero, una compagnia di recente formazione, composta da attori giovanissimi. Il gruppo di lavoro nasce nel 2011 da un progetto sostenuto da Regione Emilia Romagna, promosso da Arci Modena, Teatro dei Venti, Voice off finalizzato alla formazione di giovani operatori teatrali in ambito sociale. Teatar Libero é in residenza nel festival Trasparenze per avviare un primo studio verso la creazione di uno spettacolo per ragazzi.
dalle ore 16.00 a mezzanotte – mercatino di artigianato artistico nel Parchetto San Giovanni Bosco
dalle ore 16.00 – barLUMI, punto ristoro nel Parchetto San Giovanni Bosco in collaborazione con A MODO BIO – Mercato Albinelli.
ore 16.00-18.00 - laboratorio teatrale Edipo Re, con gli anziani della Casa Protetta San Giovanni Bosco, condotto da Daniele De Blasis (Teatro dei Venti).
ore 16.00-18.00 – Ritmo, vita, percussioni. Laboratorio di percussioni nella Ludoteca Strapapera, condotto dal maestro Roberto Kirtan Romagnoli e aperto a tutti i ragazzi tra i 10 e i 15 anni.
ore 18.30-20.30 -  happy hour
* La Consulta é composta da ragazzi e ragazze dai 16 ai 24 anni dei Centri di Aggregazione Giovanile, che hanno partecipato alla selezione degli spettacoli in scena a Trasparenze.

 

INFO SPETTACOLI
La Menta sul Pavimento (50’)  | Progetto Brockenhaus |
www.progettobrockenhaus.com
Si abbassa lo sguardo e si entra in un luogo deturpato, abbandonato, bombardato, lasciato alle intemperie. All'ingresso ci sono due marionette. Ricordano due bambini ... Sulle loro spalle una pesante cassa di legno. "Signor presidente quale sarà il futuro dei nostri bambini?".
Mal Bianco (50’) | ZACHES TEATRO |
www.zaches.it
Mal Bianco è il secondo capitolo della Trilogia della Visione, un progetto più ampio sull’opera pittorica di tre differenti artisti che indaga l’atto del vedere come forma articolata di percezione. L’ispirazione iconografica viene dal maestro giapponese Hokusai, il creatore dei Manga, parola che letteralmente significa “immagini senza nesso logico” .
PATER FAMILIAS_dentro le mura (55’) | KRONOTEATRO |
www.kronoteatro.it
Il progetto FAMILIA di Kronoteatro inaugurato con “ORFANI_la nostra casa”, prosegue con un secondo spettacolo scritto dalla drammaturga Fiammetta Carena. Viene indagato il rapporto tra generazioni, il tragico vuoto dove non vi è coscienza di sé e il richiamo all’omologazione esercitato dal gruppo.
Porcomondo (53’) | BIANCOFANGO |
www.biancofango.it
Un uomo. Una donna. Una coppia. Una stanza. Una camera da letto. Un mese. Dicembre. Una notte. Quella di Natale.
La neve che tutto ricopre e tutto cancella. L'alba che coglie d'anticipo il buio, svela i desideri osceni, consuma i pensieri, stravolge gli animi, conduce al logoramento.
Senza niente (45’) | TEATRO MAGRO |
www.teatromagro.com
Un monologo intenso, vissuto, nel quale il confine tra attore e personaggio diventa labile, così come è labile il limite tra finzione e realtà. Una pièce sincera, in quanto rispecchia davvero la società in cui viviamo, perché l’attore “è rimasto davvero senza niente”. (
www.teatromagro.com)
Talita kum (35’) | RISERVA CANINI |
www.riservacanini.org
Talita Kum è uno spettacolo per un’attrice e una marionetta, frutto dello studio di una innovativa tecnica di manipolazione di una marionetta a taglia umana. La costruzione stessa della marionetta ha ispirato lo sviluppo di una drammaturgia che indaga le relazioni tra una donna e la presenza d’ombra che le sta alle spalle.

 

STUDI | ESTRATTI | CONFERENZE PERFORMANTI | PROIEZIONI
A very little action
(30’)| videoperformance di e con SILVIA MEI, in collaborazione con Adriano Razzi
Mi alzo tutte le mattine e non smetto di pormi le stesse domande, non smetto di continuare a fare quello che faccio. Malgrado tutto. Cosa significa essere indipendente, cosa significa fare il curatore, cosa significa essere un lavoratore della cultura... Questa é una piccola azione. Una partitura di gesti quotidiani. Il gesto pensivo che misura l’effetto del suo impatto, che si fa sostenibile. E’ il gesto di cui si prende cura, letteralmente, dell’arte.
DAS NICHT (20’) | Arterie c.i.r.t.
Il vuoto indagato attraverso figure scarne che si mutano in icone contemporanee sospese tra amore, odio, solitudine e passioni feroci. Caligola, incarnazione di un’umanità vorace e insaziabile apre un gioco in cui i ruoli di vittime e carnefici si scambiano continuamente perdendo la linea fra colpevoli ed innocenti.
Il mio bosco selvaggio (20’) | FRANCESCO ROSSETTI
Francesco Rossetti è in residenza a Trasparenze dal 20/10 al 21/10.
Il bosco selvaggio è la mente, con le proprie ferite, il peso dei ricordi, il mormorio costante dei pensieri e le connessioni creative che naturalmente produce. Lo studio esplora dunque una condizione di ascolto e, in senso più profondo, una ricerca di identità.
NEFAS - patologie dei 7 nani (1° studio) (30’) | Ludovico Van Teatro |
http://ludovicovanteatro.blogspot.it/
Nefas racconta la favola di Biancaneve e i sette nani. I sette nani sono i sette peccati capitali: Lussuria, Avarizia, Gola, Superbia, Invidia, Ira, Accidia. Leggere Biancaneve alla luce dei sette peccati fa emergere una nuova Biancaneve, e nuovi peccati che forse peccati non sono.  
Nun Me Movo (20’) | documentario di Cristiano Regina e Sara Regina |
www.voiceoff.org
Clementina e Immacolata, due sorelle ottantenni, vivono insieme da sempre a Napoli. La loro quotidianità si riassume in piccoli gesti ripetitivi: cucinare, lavare i panni a mano, cucire. Condividono forzatamente lo stesso spazio, sedute in cucina alla tv o mentre guardano le finestre del palazzo di fronte, in silenzio o raccontandosi i ricordi di una vita. Clementina, quasi novanta anni, la voce flebile, così fragile ma ancora sana e gentile, è quasi soggiogata dalla forza e irruenza di Immacolata, più vitale e scaltra e comunque profondamente affezionata alla sorella maggiore.
Viaggio alla radice
(’80), Italia 2003 | film documentario di di Marcello Sannino, produzione Officinae Efesti
Il documentario Viaggio alla radice - racconta una settimana di studi teorici e pratici sull'esperienza del grande maestro del mimo corporeo avvalendosi della testimonianza di tre ex-allievi di E. Decroux Come la radice è alla base di ogni ramificazione, capace di renderla unica nella sostanza, così la radice-Decroux sostiene, con energia e forza, un percorso comune.

 

PARTNER
Con il sostegno di:
Regione Emilia-Romagna
Comune di Modena – ass. Cultura
Circoscrizione 2
Fondazione
Partner tecnici:
Voice Off
Via Stella 8
Media partner:
fattiditeatro
Gazzetta di Modena
Si ringrazia per la collaborazione:
Teatro Comunale Luciano Pavarotti
Arci
Eruzioni festival
Ludoteca Strapapera
Parrocchia San Pio X
Casa Protetta San Giovanni Bosco
Scuola Primaria San Giovanni Bosco
Trasparenze è un progetto di: Teatro dei Venti, ATI Teatro dei Segni, Officinae Efesti
I LUOGHI DEL FESTIVAL:
- Teatro dei Segni  e Quartiere San Giovanni Bosco (via San Giovanni Bosco 150)
- Sala teatrale (via San Giovanni Bosco 150, I piano)
- Info Festival e Ufficio Festival (via San Giovanni Bosco 150)
- Sale della Parrocchia San Pio X (via Bellini 101)
- Casa Protetta per Anziani San Giovanni Bosco (via San Giovanni Bosco 150)
- Ludoteca Strapapera (via San Giovanni Bosco 150)
- Scuola Primaria San Giovanni Bosco (via San Giovanni Bosco 171)
- Parchetto San Giovanni Bosco
- Bar (Parchetto San Giovanni Bosco)
PREZZI
SPETTACOLO 8€
STUDIO 4€
SPETTACOLO+STUDIO 10€
Per sabato 2 spettacoli 14€
Tutti gli altri eventi in programma sono a ingresso libero.
A spettacolo iniziato non è più consentito entrare in sala.
L’acquisto dei biglietti può essere effettuato il giorno stesso dello spettacolo a partire dalle 18.30 presso il Teatro dei Segni
.
INFO:
Teatro dei Venti
Via San Giovanni Bosco 150 – Modena
www.teatrodeiventi.it - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
059/7114312 – 389/7993351

Fonte: Simone Pacini


Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP