Teatro Sistina: presentati al pubblico gli spettacoli per la stagione 2011-2012

Scritto da  Sabato, 18 Giugno 2011 
Gigi Proietti

Presentato al teatro Sistina il cartellone artistico della prossima stagione. Gianmario Longoni, direttore artistico del teatro romano, illustra le novità e gli irrinunciabili habitué. In avvio di conferenza la sua convinzione: “La crisi c’è, ma si può combattere con la qualità e i contenuti”.

 

 

Dal 27 settembre, l’avvio di stagione è affidato a Gigi Proietti, sull’onda del successo che l’attore romano riscuote ad ogni occasione. Proietti è infatti in scena al Sistina anche in questa chiusura d’anno. Col titolo “Di Nuovo Buonasera..a tutti” vuole omaggiare un format che il pubblico ha dimostrato di gradire in anni di messe in scena. Lo show sarà un mix di colonne portanti del suo repertorio e nuove creazioni comiche.

Michelle HunzikerAlle porte dell’autunno, dall’8 novembre, Michelle Hunziker porta la sua solarità in palcoscenico. Lo spettacolo “Mi scappa da ridere” non è un inedito, ma un recital ben accolto dal pubblico già nella tournée dello scorso anno. Michelle si racconta in tutte le sfaccettature della sua personalità e negli episodi della sua vita, con un one woman show che la vede ballerina, cantante e intrattenitrice, supportata da orchestra, corpo di ballo e una scenografia innovativa, talora interattiva. Soprattutto, attorno alla bella Michelle si aggira un personaggio particolare, critico e dissacratore, a metà tra il Grillo Parlante e lo Stregatto (tanto per descrivere la sua essenza); una figura intrigante impersonata da Michele Foresta alias Mister Forest. Scritto a molte mani da Riccardo Cassini, Francesco Freyrie, Piero Guerrera, Giampiero Solari e dalla stessa Michelle e con Giampiero Solari anche alla regia.

Massimo Romeo Piparo impugna, invece, la regia di un classico: “La cage aux folles”, meglio noto al grande pubblico italiano con il titolo “Il vizietto”. Nei panni di Renato e Albin, sarà protagonista la coppia formata da Massimo Ghini e Cesare Bocci. E’ per l’appunto il caso di parlare di “coppia” perché, ripassando la trama della celebre pièce - se mai ce ne fosse bisogno - Albin e Renato sono una coppia omosessuale che deve affrontare l’incontro con i futuri suoceri. Il figlio da loro cresciuto, infatti, ha intenzione di sposarsi, ma la ragazza appartiene ad una famiglia politicamente in vista ed estremamente conservatrice. Un seguito divertente e significativo allo stesso tempo. Tra canzoni di successo e Drag Queen su tacchi a spillo, il musical è in cartellone dal 22 novembre al 18 dicembre.

La cage aux follesSegue un grande ritorno: “Rinaldo in campo”. L’esordio di questa commedia musicale risale al 1961, centenario dell’Unità d’Italia. Sembra dunque d’obbligo riproporlo in coincidenza dei centocinquanta anni appena celebrati. Nel musical si fronteggiano a suon di sentimenti Rinaldo Dragonera, brigante gentiluomo della Sicilia e Angelica, baronessa e garibaldina. Dal 20 dicembre al 22 gennaio.

In cartellone non poteva mancare una rivelazione delle passate stagioni: “Peter Pan, il Musical”. Il capolavoro di Matthew Barrie in scena dal 24 gennaio al 12 febbraio, per la regia di Maurizio Colombi e su musiche di Edoardo Bennato, il quale arricchirà ulteriormente lo spettacolo di qualche novità musicale. Annunciata anche una scena inedita.

Dal 14 febbraio: Maurizio Battista. Scenicamente in procinto di convolare a nozze, bloccherà la cerimonia nuziale per rivelare al pubblico i precedenti amorosi al suo grande “Sì”. In “Il mio secondo matrimonio”, con la comunicatività e l’ironia che lo contraddistinguono, Maurizio racconterà le stranezze di sei coppie, quelle che hanno preceduto il suo secondo matrimonio.  E’ la storia della mia vita”, interviene Maurizio, “… che tristezza!”, ironizza. Al suo fianco si alterneranno anche Lallo Costa, Riccardo Graziosi e Francesca Nunzi.

Stanno suonando la nostra canzoneUn’altra simpatia, questa volta napoletana, a partire dal 13 marzo fino al 1 aprile: “Sono in Zona” è il titolo del nuovo spettacolo di Alessandro Siani. La ricetta dello show include anche gli attori Francesco Albanese, Claudia Miele e Salvatore Misticone, oltre a musiche orchestrate dal dj Frank Carpentieri e cinque scatenati ballerini di breakdance.

Verso la conclusione della stagione Gianluca Guidi si cimenta nella regia di “Stanno suonando la nostra canzone”, di Neil Simon. Gianluca definisce questo testo “un’opera divertente, ma nello stile di Simon, perciò di un divertimento non inutile”. Protagonisti saranno Giampiero Ingrassia e Simona Samarelli.

In chiusura Massimo Ranieri ripropone “Canto perché non so nuotare..da 500 repliche” in cui canta le sue canzoni più famose oltre a brani di grandi cantanti italiani, come Mina, Battisti e Battiato.

 

Articolo di: Laura Branchini

Sul web: www.ilsistina.com

Grazie a: Ufficio Stampa Teatro Sistina

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP