Parole d’Autore: presentata la stagione 2018-2019 del Teatro Quirino

Scritto da  Sabato, 05 Maggio 2018 

Un triennio importante quello che si aprirà con la stagione 2018-2019 del Teatro Quirino. Ricorrerà, nel 2021, il centocinquantesimo compleanno della storica sala romana, una grande occasione di festeggiamenti e celebrazioni che seguiranno alle imminenti operazioni di restyling della struttura nata nel 1871. Nel presentare in netto anticipo - rispetto alle consuetudini, e rispetto agli altri teatri romani - la programmazione della prossima stagione, il Presidente - e co-direttore artistico unitamente a Guglielmo Ferro - Geppy Gleijeses sottolinea, in apertura della conferenza, l’avvilente carenza di contributi da parte delle Istituzioni. Non perde neppure l’occasione per un riferimento incisivo alla nota vicenda del finanziamento al Teatro Eliseo, ora alle valutazioni della giustizia amministrativa, avendo presentato, alcuni tra i teatri più importanti della città, un ricorso contro il contribuito assegnato alla sala diretta da Luca Barbareschi.

 

Per la campagna di comunicazione è stato scelto il claim “Parole d’autore” associato all’immagine di una bocca semiaperta, simbolo di stupore, emozione, sensualità. Saranno le parole di Ronald Harwood, Victor Hugo (“un drammaturgo che si farà conoscere” - ironizza Gleijeses), Pirandello, Palazzeschi e Čechov, solo per citare alcuni degli autori presenti con le loro opere nella stagione a venire.

Dopo aver citato i brillanti risultati della stagione appena conclusa con oltre 5.500 abbonati, quasi 100.000 presenze e più di 300.000 accessi tra bistrot e biblioteca, Gleijeses passa a presentare alcuni dei protagonisti della prossima stagione presenti in sala, e annuncia con un certo compiacimento la messa in scena di un trittico pirandelliano, e la ripresa di uno spettacolo, da lui diretto, che nella stagione passata ha avuto grandissimo successo e prestigiosi riconoscimenti: “Le Sorelle Materassi”.

Un grande ritorno sulle scene, dopo tanti anni di assenza, sarà quello di Giovanna Ralli, presente in sala insieme a Giuseppe Pambieri. Saranno i protagonisti, in apertura di stagione, di “Quartet” di Ronald Harwood. Una commedia dolce-amara ma divertente, sulla terza età di personaggi che metteranno ordine al loro passato con malinconia “attiva” - afferma Patrick Rossi Gastaldi che ne cura la regia.

A seguire, il ritorno di un grande attore, Franco Branciaroli, assente in conferenza, che sarà il protagonista di un classico di Victor Hugo, “I Miserabili” con la regia di Franco Però.

Cita Peter Brook Michele Placido per riferirsi all’allestimento scenografico minimale del suo “Sei Personaggi in Cerca d’Autore”, “uno spettacolo - afferma - che non sarà molto Pirandello”. E racconta del commento di una spettatrice dopo la prima allo Stabile di Catania: “è uno spettacolo poco pirandelliano”. “Era quello che volevo” chiosa soddisfatto.

Fa parte del trittico pirandelliano anche “Il Fu Mattia Pascal”, con la regia di Guglielmo Ferro e con protagonista Daniele Pecci che ne ha curato anche l’adattamento insieme a Rosario Coppolino.

Completa il trittico un altro grande classico, “Il Berretto a Sonagli” con Marina Biondi e Sebastiano Lo Monaco che ne cura anche la regia.

A dicembre l’attesissima ripresa di cui si diceva. Uno spettacolo che ha avuto uno straordinario successo a novembre dello scorso anno. Con la regia di Geijeses, torna “Sorelle Materassi” di Aldo Palazzeschi. Interviene Marilù Prati, una delle protagoniste, che si dice felice di riprendere per la terza stagione questo spettacolo che definisce “toccato dalla grazia” e che ha superato le 170 repliche. Un adattamento attuale, curato da Ugo Chiti, a cavallo tra tradizione e avanguardia.

Lo spettacolo delle feste natalizie sarà “Operazione San Gennaro - La leggenda”, tratto dall’omonimo film di Dino Risi, con protagonista e regista Massimo Ghini.

A gennaio, in occasione del 90° compleanno di Luciano De Crescenzo, Geppy Gleijeses porterà in scena “Così parlò Bellavista”, tratto dall’omonimo romanzo, e dal film, di De Crescenzo. Il debutto sarà a settembre al Teatro San Carlo di Napoli.

Seguirà a febbraio, “Viktor Und Viktoria”, liberamente ispirato all’omonimo film di Reinhold Schunzel, con Veronica Pivetti nel ruolo che fu dell’indimenticabile Julie Andrews.

Uno spettacolo che ha riscosso grande successo nella passata edizione del Festival di Borgio Verezzi sarà in scena tra febbraio e marzo: “La Cena delle Belve”, con l’adattamento del compianto Vincenzo Cerami e la regia associata di Julien Sibre e Virginia Acqua. Gianluca Ramazzotti, protagonista in scena e produttore dello spettacolo, omaggia Vincenzo Cerami e racconta emozionato la genesi della collaborazione con un autore così raffinato che, nonostante i problemi di salute, portò a compimento la traduzione e l’adattamento della versione italiana, consegnandoci un testo che ha nel potere della trama e nelle sfumature dei personaggi la sua cifra distintiva. Un adattamento che tratteggia con crudeltà, ma anche con leggerezza, i contrasti della natura umana. Una situazione paradossale metterà in evidenza piccole e grandi meschinità, la vigliaccheria, la spavalderia dei personaggi. Impossibile non immedesimarsi. Impossibile non chiedersi: “Ed io, come mi comporterei se fossi al loro posto?”. Protagonisti in scena Marianella Bargilli, Francesco Bonomo, Maurizio Donadoni, Ralph Palka, Gianluca Ramazzotti, Emanuele Salce e Silvia Siravo.

Antonia Brancati, presenta “La Governante”, un testo del 1952 scritto da suo padre Vitaliano Brancati per sua madre Anna Proclemer, che ne fu protagonista varie volte a fianco di Gianrico Tedeschi. Fu portato in scena per la prima volta nel 1963 a Parigi, e nel 1965 in Italia dopo l’abolizione della censura inflitta all’opera a causa del tema trattato, quello della omosessualità. Vedrà ora protagonisti una coppia inedita di attori, Ornella Muti ed Enrico Guarnieri. La regia è di Guglielmo Ferro. “Uno dei grandi Platania (il protagonista maschile, n.d.r.) è stato suo padre Turi - afferma la Brancati - quindi sa tutto della commedia. E si dice felice di come stiano andando le prove. La Muti sarà una grande sorpresa, e Guarnieri, si sa, è un grandissimo interprete siciliano. Verremo a vederlo!”

Due protagonisti assoluti del teatro italiano, Massimo Ranieri e Giancarlo Sepe, presentano una delle opere più note e più rappresentate di sempre, “Il Gabbiano” di Anton Čechov. Un incontro fortunato, il loro. Si dicono entrambi felici di questa collaborazione, e di tornare al Quirino. E Sepe ricorda la sua regia di Medea, con la straordinaria Mariangela Melato, che debuttò proprio su questo palco. E la platea applaude commossa. Il Gabbiano è “un testo che colpisce perché parla di teatro nel teatro” - afferma Ranieri - e continua dicendo di essersi affidato completamente al suo amico regista, perché ama profondamente il suo modo di fare teatro. Massimo Ranieri canterà, perché questo spettacolo “è una sorta di esegesi musicale de “Il Gabbiano” visto da un critico musicale”. La prima rappresentazione fu un vero insuccesso. Cechov allora chiamò un critico musicale per capirne le ragioni. Il critico leggerà davanti a Cechov il testo sprigionando un’esegesi, un’emanazione quasi spontanea dalle parole dell’opera, che diventeranno frasi di canzoni meravigliose, in un gioco teatrale in cui il protagonista entra ed esce dal personaggio, in modo “un po’ pirandelliano”. Un talento interpretativo come quello di Massimo Ranieri sarà certamente l’attore giusto nel ruolo giusto.

Ad aprile un cast tutto al femminile per “Otto Donne e un mistero”, commedia-thriller tratta dal film di Robert Thomas e la regia di Guglielmo Ferro. Anna Galiena e Debora Caprioglio saranno le protagoniste dello spettacolo che vedrà la partecipazione di Paola Pitagora ed un cast di giovani attrici: Antonella Piccolo, Claudia Campagnola, Erika Puddu.

Nel finale di stagione, a maggio, andrà in scena l’adattamento teatrale di Sergio Pierattini del film di Pupi Avati “Regalo di Natale” con la regia di Marcello Cotugno. La storia di quattro amici che si incontrano la notte di Natale per una partita a poker. Si sviluppa così una doppia partita: quella con le carte, in cui tutti sperano di avere una rivalsa sugli insuccessi della vita; e l’altra, quella che si gioca sulla loro amicizia in crisi. “Un adattamento - spiega Cotugno - che riporta la storia nel contemporaneo. In un periodo di crisi di valori rendere attuale questo testo ci è sembrata la cosa migliore, pur mantenendo assolutamente tutta la struttura del film di Pupi”.

Confermata anche quest’anno la presenza del Balletto di Roma con “Otello” in scena dal 30 aprile al 5 maggio e la rassegna “Dal Palco allo schermo”, ciclo pomeridiano di proiezioni della versione cinematografica degli spettacoli in programmazione a ingresso libero.

Il progetto “Sogno italiano” aprirà le porte del Quirino ai giovani, agli studenti, agli universitari. Matinée e pomeriggi dedicati con lo scopo di occupare le mattinate dei giovani con argomenti inusuali. Un progetto ideato da Adriana Apicella e Marta Bifano, che vuole raccontare ai giovani la storia di importanti figure di riferimento del recente passato. Attori di chiara notorietà interpreteranno Pirelli, Agnelli, Ferragamo. Si parlerà delle imprese italiane, Piaggio, Fiat, Lamborghini. Delle donne che hanno conseguito risultati straordinari in ambito scientifico, da Samantha Cristoforetti a Margherita Hack. Un mese sarà dedicato allo sport, con i grandi protagonisti del settore. Laboratori per ragazzi diversamente abili che saranno supportati dall’arte per meglio sviluppare le potenzialità creative. Laboratori per gli studenti che parteciperanno alle attività programmate in collaborazione con il Miur dell’alternanza scuola-lavoro.

Il Teatro Quirino si conferma una realtà culturale pulsante, viva e variegata, che - sottolinea soddisfatto Gleijeses - ha previsto fin dagli inizi della sua direzione un utilizzo degli spazi per 18 ore. Con la Biblioteca ad accesso gratuito, il Bistrot, i laboratori, le rassegne parallele alla programmazione teatrale, si configura come realtà in continua crescita. Polo centrale della tradizione teatrale romana, offre agli spettatori un incremento degli spettacoli in abbonamento contenendone il costo. Con una pluralità di iniziative che troveranno nuova espansione, nuovi servizi, e sorprese in vista dei grandi festeggiamenti per il centocinquantenario della sua nascita, il Quirino onora, anche per questa stagione, la sua consolidata tradizione.

 

9-21 ottobre
Marioletta Bideri & Rosario Coppolino per Bis Tremila e Compagnia Molière in collaborazione con Festival Teatrale di Borgio Verezzi presentano (in ordine alfabetico)
GIUSEPPE PAMBIERI, COCHI PONZONI, PAOLA QUATTRINI, GIOVANNA RALLI
QUARTET
di Ronald Harwood
scene Fabiana Di Marco
costumi Teresa Acone
regia PATRICK ROSSI GASTALDI

23 ottobre - 4 novembre
Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia CTB Centro Teatrale Bresciano Teatro De Gli Incamminati
FRANCO BRANCIAROLI
I MISERABILI
di Victor Hugo
adattamento teatrale Luca Doninelli
e con (in ordine alfabetico) Alessandro Albertin, Silvia Altrui, Filippo Borghi, Federica De Benedittis, Emanuele Fortunati, Ester Galazzi, Andrea Germani, Riccardo Maranzana, Francesco Migliaccio, Jacopo Morra, Maria Grazia Plos, Valentina Violo
scene Domenico Franchi
costumi Andrea Viotti
luci Cesare Agoni
musiche Antonio Di Pofi
regia FRANCO PERÒ

6-18 novembre
Arca Azzurra Teatro La Contrada Teatro Stabile di Trieste ABC Produzioni
DANIELE PECCI con
ROSARIO COPPOLINO
IL FU MATTIA PASCAL
di Luigi Pirandello
cast da definire
regia GUGLIELMO FERRO

20 novembre - 2 dicembre
Teatro Stabile di Catania in coproduzione con Goldenart Production presenta
MICHELE PLACIDO
SEI PERSONAGGI IN CERCA D’AUTORE
di Luigi Pirandello
musiche di scena Luca D’Alberto
costumi Riccardo Cappello
luci Gaetano La Mela
uno spettacolo di MICHELE PLACIDO

4-9 dicembre
Gitiesse Artisti Riuniti
in collaborazione con Festival Teatrale di Borgio Verezzi
LUCIA POLI, MILENA VUKOTIC con MARILÙ PRATI
SORELLE MATERASSI
libero adattamento di Ugo Chiti
dal romanzo di Aldo Palazzeschi
e con Gabriele Anagni, Sandra Garuglieri, Gian Luca Mandarini, Roberta Lucca
scene Roberto Crea
costumi Ilaria Salgarella, Clara Gonzalez, Liz Ccahua
coordinate da Andrea Viotti (Accademia Costume&Moda, Roma - 1964)
luci Gigi Ascione
musiche Mario Incudine
regia GEPPY GLEIJESES

11-23 dicembre
Sicilia Teatro
in collaborazione con Festival La Versiliana – Pietrasanta
Teatro Luigi Pirandello – Agrigento
SEBASTIANO LO MONACO, MARINA BIONDI
IL BERRETTO A SONAGLI
di Luigi Pirandello
e con altri sei attori
costruzione scene Keiko Shiraishi
costumi Cristina Da Rold
musiche Mario Incudine
luci Nevio Cavina
regia SEBASTIANO LO MONACO

26 dicembre - 13 gennaio
Best live e DIANA OR.I.S presentano
MASSIMO GHINI
OPERAZIONE SAN GENNARO La leggenda
tratto dall’omonimo film di Dino Risi
scritto da Massimo Ghini e Stefano Reali
supervisione al testo Luca Manfredi
e con in ordine alfabetico Domenico Aria, Mirko Ciccariello, Stefania De Francesco, Carlo Di Maio, Antonio Fiorillo, Valentina Gullace, Ernesto Lama, Ernesto Mahieux, Giampiero Mancini, Iolanda Salvato, Nunzia Schiano
musiche originali Armando Trovajoli
scenografia Roberto Crea
costumi Silvia Frattolillo
orchestrazioni, esecuzioni e direzione d’orchestra M° Maurizio Bosnia
testi canzoni Francesca Nicotra
coreografie Naike Orilio
disegno luci Marco Palmieri
regia MASSIMO GHINI

15 gennaio - 3 febbraio
Gitiesse Artisti Riuniti Best live
presentano Festa per il compleanno del caro amico Luciano
GEPPY GLEIJESES con MARISA LAURITO, BENEDETTO CASILLO
COSÌ PARLÒ BELLAVISTA
dal film e dal romanzo di Luciano De Crescenzo
adattamento teatrale di Geppy Gleijeses
con NUNZIA SCHIANO
e con Gianluca Ferrato, Salvatore Misticone, Elisabetta Mirra
e altri cinque attori
scene Roberto Crea
costumi Gabriella Campagna
luci Gigi Ascione
musiche Claudio Mattone
regia GEPPY GLEIJESES

5-17 febbraio
a.ArtistiAssociati PIGRA
VERONICA PIVETTI
VIKTOR UND VIKTORIA
commedia con musiche liberamente ispirata all’omonimo film di Reinhold Schunzel
versione originale Giovanna Gra
con GIORGIO LUPANO, YARI GUGLIUCCI
e con Pia Engleberth, Roberta Cartocci, Nicola Sorrenti
scene Alessandro Chiti
costumi Valter Azzini
luci Alessandro Verazzi
musiche originali e arrangiamenti Maurizio Abeni
regia EMANUELE GAMBA

19 febbraio - 3 marzo
Gianluca Ramazzotti per Ginevra Media Production Centro d’Arte Contemporanea Teatro Carcano
in collaborazione con 51° Festival di Borgio Verezzi presentano
MARIANELLA BARGILLI, FRANCESCO BONOMO, MAURIZIO DONADONI, RALPH PALKA, GIANLUCA RAMAZZOTTI, EMANUELE SALCE, SILVIA SIRAVO
LA CENA DELLE BELVE
di Vahé Katchà elaborazione drammaturgica Julien Sibre
versione italiana Vincenzo Cerami
scene Carlo De Marino
costumi Francesca Brunori
disegno luci Giuseppe Filipponio
direzione tecnica Stefano Orsini
disegni animati e proiezioni Cyril Drouin
regia associata JULIEN SIBRE e VIRGINIA ACQUA

5-17 marzo
Teatro ABC Catania Teatro Arte presentano
una Produzione di Corte Arcana/Isola Trovata
ORNELLA MUTI, ENRICO GUARNERI
LA GOVERNANTE
di Vitaliano Brancati
e con Rosario Minardi, Nadia De Luca, Rosario Marco Amato, Caterina Milicchio, Turi Giordano, Naike Rivelli
scene Salvo Manciagli
costumi Dora Argento
REGIA DA DEFINIRE

19-31 marzo
Teatro Diana Rama 2000
MASSIMO RANIERI
IL GABBIANO
di Anton Čechov
cast da definire
adattamento e regia GIANCARLO SEPE

2-14 aprile
La Pirandelliana Compagnia Molière ABC Produzioni presentano
ANNA GALIENA, DEBORA CAPRIOGLIO
con la partecipazione di PAOLA PITAGORA
OTTO DONNE E UN MISTERO
di Robert Thomas cast da definire
musiche Massimiliano Pace
costumi Françoise Raybaud
regia e scene GUGLIELMO FERRO

30 aprile - 5 maggio
Direzione Artistica Francesca Magnini Luciano Carratoni presenta
BALLETTO DI ROMA
OTELLO
coreografia FABRIZIO MONTEVERDE
musiche Antonin Dvorak
scene Fabrizio Monteverde
assistente alle coreografie Anna Manes
costumi Santi Rinciari
light designer Emanuele De Maria
costumi realizzati da Sartoria Tailor’s & Co. di Spatafora Angela Liana

7-19 maggio
La Pirandelliana
GIGIO ALBERTI, FILIPPO DINI, GIOVANNI ESPOSITO, VALERIO SANTORO, GENNARO DI BIASE
REGALO DI NATALE
di Pupi Avati
adattamento teatrale Sergio Pierattini
scenografie Luigi Ferrigno
costumi Alessandro Lai
luci Pasquale Mari
regia MARCELLO COTUGNO

 

ABBONAMENTI posto e giorno fisso
13 SPETTACOLI esclusi "Sorelle Materassi" e "Otello"
martedì / mercoledì / giovedì / venerdì / sabato pomeriggio
platea interi € 273,00 - ridotti € 247,00
I balconata interi € 234,00 - ridotti € 208,00
II balconata interi € 195,00 - ridotti € 175,50
galleria interi € 130,00 - ridotti € 117,00

sabato / domenica
platea interi € 338,00 - ridotti € 305,50
I balconata interi € 299,00 - ridotti € 273,00
II balconata interi € 247,00 - ridotti € 221,00
galleria interi € 169,00 - ridotti € 156,00

CARD LIBERE
8 SPETTACOLI
martedì / mercoledì / giovedì / venerdì
platea interi € 184,00 - ridotti € 168,00
I balconata interi € 152,00 - ridotti € 136,00
II balconata interi € 128,00 - ridotti € 116,00
galleria interi € 88,00 - ridotti € 80,00

8 SPETTACOLI
sabato / domenica
platea interi € 224,00 - ridotti € 204,00
I balconata interi € 200,00 - ridotti € 184,00
II balconata interi € 168,00 - ridotti € 152,00
galleria interi € 104,00 - ridotti € 96,00

5 SPETTACOLI
martedì / mercoledì / giovedì / venerdì
platea interi € 135,00 - ridotti € 120,00
I balconata interi € 110,00 - ridotti € 100,00
II balconata interi € 85,00 - ridotti € 75,00
galleria interi € 60,00 - ridotti € 55,00

5 SPETTACOLI
sabato / domenica
platea interi € 150,00 - ridotti € 140,00
I balconata interi € 130,00 - ridotti € 120,00
II balconata interi € 107,50 - ridotti € 100,00
galleria interi € 75,00 - ridotti € 70,00

12 INGRESSI under 35
valida da martedì a sabato per il settore di II balconata
massimo 2 ingressi a spettacolo
intero € 120,00 - ridotti € 110,00

BIGLIETTI settimanali dal martedì al sabato pomeriggio
platea interi € 30,00 - ridotti € 27,00
I balconata interi € 24,00 - ridotti € 22,00
II balconata interi € 19,00 - ridotti € 17,00
galleria interi € 13,00 - ridotti € 12,00

BIGLIETTI weekend sabato sera e domenica
platea interi € 34,00 - ridotti € 31,00
I balconata interi € 28,00 - ridotti € 25,00
II balconata interi € 23,00 - ridotti € 21,00
galleria interi € 17,00 - ridotti € 15,00

I portatori di handicap che al momento dell’acquisto attestano l’invalidità possono usufruire della tariffa “ridotto”.
Ove previsto, all’accompagnatore verrà rilasciato un biglietto “cortesia” al costo di 2 €.
Per i disabili in carrozzina sono previsti posti dedicati.
Si consiglia la prenotazione telefonica con qualche giorno di anticipo.
Si avvisa che la struttura del Teatro Quirino non è provvista di ascensore.
I prezzi sono comprensivi di prevendita. per under 26 e over 65 sono previsti prezzi ridotti ad esclusione del weekend e dei giorni festivi e prefestivi.
Abbonamenti e biglietti non sono validi per la recita del 31 dicembre.
Dopo l’emissione non sarà più possibile sostituire o annullare singoli biglietti e tagliandi di card.

 

Teatro Quirino Vittorio Gassman - via delle Vergini 7, 00187 Roma
Per informazioni e prenotazioni: botteghino telefono 06.6794585, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ; segreteria telefono 06.6783042 interno 1, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Articolo di: Isabella Polimanti
Grazie a: Paola Rotunno, responsabile ufficio stampa Teatro Quirino
Sul web: www.teatroquirino.it

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP