Teatro Parioli Peppino De Filippo: la stagione 2015/2016, porte aperte alla multidisciplinarietà

Scritto da  Mercoledì, 27 Maggio 2015 

Si presenta ricco di eventi il cartellone della stagione 2015/2016 del Teatro Parioli Peppino De Filippo, articolato com’è fra commedie della tradizione italiana, classici internazionali, musica, danza ed operetta. Fra gli interpreti che si alterneranno sul palcoscenico di via Giosuè Borsi Lello Arena, Isa Danieli, Sebastiano Somma, Edoardo Siravo, Franco Branciaroli, Ugo Pagliai, Gianrico Tedeschi, Glauco Mauri.

 

«Ancora una volta mi chiedo cosa sia per me il Teatro...è il racconto quotidiano che fa l’uomo per dare un senso alla propria esistenza». Richiamandosi all’insegnamento ricevuto dai grandi maestri della sua famiglia - come Eduardo, Peppino, Titina, fino ad arrivare al nonno Scarpetta -, Luigi De Filippo ha ricordato, nel corso della conferenza di presentazione della nuova stagione, quale sia il filo conduttore che sottende ogni suo nuovo allestimento. Lo stesso che ha tenuto a mente quando si è trattato di realizzare il cartellone della stagione 2015/2016 del Teatro Parioli, il palcoscenico di cui è direttore artistico per il quarto anno consecutivo. La struttura romana, che quest’anno è partner ufficiale di Telethon, intende accontentare i gusti dei suoi abbonati e lo fa nella misura più ampia possibile ospitando ancora una volta spettacoli appartenenti a generi diversi fra loro come il balletto, l’operetta, i classici internazionali e le commedie della tradizione italiana.

«Il teatro privato sta vivendo un momento difficile: le istituzioni lo ignorano e lo ostacolano - ha spiegato Luigi De Filippo nel presentare la programmazione -. Oggi ho portato l’emblema di questa situazione: una zattera che si arrabatta per stare a galla in un mare infido. Il teatro privato offre al pubblico le produzioni migliori, anche commerciali, perché no? E direi che è normale. Ma è fatto da persone competenti e intelligenti, quindi ha sempre ottime carte da giocare. Nonostante le difficoltà, le cose vanno bene e noi offriamo al pubblico programmi interessanti. Ancora una volta, oltre alla commedia ci sarà l’operetta, la musica e la danza. Il tutto, sotto l’egida dei De Filippo, che è garanzia di qualità».

Luigi De Filippo sarà in scena con tre lavori: dal 17 dicembre al 10 gennaiocon «Miseria e Nobiltà» di Eduardo Scarpetta; dal 23 al 28 febbraio con «Il berretto a sonagli» di Luigi Pirandello, nella versione napoletana di Eduardo De Filippo; dal 31 marzo al 17 aprile, come ultimo spettacolo in abbonamento, con «La fortuna di nascere a Napoli», di cui lo stesso direttore artistico è autore.

Ma l’apertura di stagione è affidata, il 29 ottobre, ad uno spettacolo di danza «La vie en rose-Bolero» della Compagnia di Balletto di Milano, i cui artisti si muovono sulle coreografie ideate da Adriana Mortelliti. In questo spettacolo la prima parte è incentrata su alcuni classici della canzone francese, mentre la seconda sulle musiche di Ravel. Dal 3 all’8 novembre sarà la volta del «Cyrano de Bergerac» di Edmond Rostand, per la regia di Carlo Sciaccaluga, mentre dal 12 al 22 novembre Lello Arena ed Isa Danieli saranno impegnati nel classico di William Shakespeare «Sogno di una notte di mezza estate», nella riscrittura di Ruggero Cappuccio e regia di Claudio Di Palma. «Uno sguardo dal ponte» di Arthur Miller arriverà il 26 novembre con repliche fino al 13 dicembre. A vestire il ruolo del protagonista di questo classico della drammaturgia del Novecento è Sebastiano Somma, diretto da Enrico Maria Lamanna. Il resto della compagnia è ancora da definire, ma è certa la collaborazione di Pino Donaggio che per la prima volta si dedica alla scrittura di musiche per il palcoscenico, pur essendo avvezzo alle collaborazione cinematografiche.

Il teatro dell’assurdo andrà in scena il 14 gennaio con «Aspettando Godot» di Samuel Beckett diretto da Maurizio Scaparro ed interpretato da Antonio Salines, Luciano Virgilio, Edoardo Siravo, Enrico Bonavera. Per la prima volta a Roma, la Compagnia Italiana di Operette allestirà dal 28 al 31 gennaio «Cin ci la’», con Silvia Santoro e Carlo Vitale. Le coreografie sono di Monica Emmi, la musica di Carlo Lombardo e la direzione musicale del Maestro Maurizio Bogliolo. Dall’11 al 22 febbraio ci sarà «Dipartita finale» con Gianrico Tedeschi, Ugo Pagliai, Franco Branciaroli e Maurizio Donadoni (testo e regia dello stesso Branciaroli). «Diamoci del tu» di Norm Forster è il lavoro che Anna Galiena ed Enzo De Caro interpreteranno dal 10 al 20 marzo, diretti da Emanuela Giordano.

Due sono i lavori fuori abbonamento che la struttura di via Giosuè Borsi ospiterà nel corso della prossima stagione: «Il Vangelo secondo Pilato» di Eric−Schmitt con Glauco Mauri (anche regista) e Roberto Sturno (dal 3 al 22 maggio); «Mandragola» (dal 4 al 7 febbraio) diretta da Alessandro Marmorini.

Il Teatro Parioli, negli anni della direzione artistica di Luigi De Filippo, si fa vanto di dedicare una particolare attenzione ai giovani talenti. Quest’anno, per onorare tale vocazione, darà spazio ad una nuova rassegna denominata «Primo sale» e dedicata per l’appunto ad artisti emergenti. L’iniziativa, curata da Giulio Baffi, si svilupperà dal 6 al 24 ottobre con l’allestimento di sei spettacoli di cui quattro già individuati, ed altri due in corso di valutazione: «L’anima buona di Lucignolo», «Il duello», «Patres» e «Wrong Play, My Lord».

Verrà poi riproposta la manifestazione gestita da Elisa Greco, «Personaggi e Protagonisti: incontri con la Storia. Colpevole o innocente?». Si tratta di un appuntamento in cui magistrati, avvocati e personaggi della società civile intavoleranno un dibattimento processuale attorno ad un personaggio storico al fine di decretarne, con la partecipazione attiva del pubblico, la colpevolezza o l’innocenza.

L’attenzione alle scuole, poi, quest’anno si concretizzerà con la messa in scena di due spettacoli musicali, realizzati con il contributo de «La Compagnia delle Stelle» e del «Teatro Novanta». I lavori sono, «La Gabbianella e il gatto» e «Il diario di Anna Frank». Inoltre, il cartellone per i più piccoli comprende una serie di concerti didattici eseguiti dalla banda della Marina Militare con cui il teatro Parioli ha avviato una proficua collaborazione. Una sintonia d’intenti fra i due che ha portato all’approntamento anche di altri tre eventi: il concerto di Natale del 22 dicembre, il Bal en Tete−Concerto di Carnevale dell’8 febbraio; ed il concerto di Primavera.

Infine, il Teatro Parioli Peppino De Filippo ospiterà la Gerardo Di Lella Pop Orchestra che si esibirà nei lavori «Dance Era» (il 4 ottobre) ed «Emozioni» (il 5 marzo).

 

Teatro Parioli Peppino De Filippo - Via Giosuè Borsi 20, Roma
Per informazioni e prenotazioni:
telefono 06 8073040, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Articolo di: Simona Rubeis
Grazie a: Maurizio Quattrini, Ufficio Stampa Teatro Parioli Peppino De Filippo
Sul web: www.teatropariolipeppinodefilippo.it

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP