Teatro Parioli: la bella stagione inizia in autunno

Scritto da  Sabato, 14 Giugno 2014 

Questo lo slogan scelto per la programmazione 2014-2015 del palcoscenico romano intitolato a Peppino De Filippo e diretto dal figlio Luigi. Oltre agli spettacoli in cartellone, tante le iniziative culturali studiate per l’occasione: concerti, proiezioni cinematografiche, lavori per bambini. Previsto anche un testo per ricordare l’allenatore della Lazio Tommaso Maestrelli, che quaranta anni fa portò il club romano alla vittoria del suo primo scudetto. Fra gli artisti presenti alla conferenza, Nello Mascia, Tato Russo ed Andrea Giordana.

 

Un cartellone multidisciplinare che contempla il classico, la commedia, l’operetta, la musica e la pièce studiata appositamente per i più piccoli. Si presenta così, ricca ed articolata, la stagione 2014-2015 del Parioli, che sotto la direzione artistica di Luigi De Filippo conferma la sua vocazione di teatro votato alla ricerca dell’evento culturale in ogni sua forma.

Tato Russo, Glauco Mauri, Andrea Giordana sono alcuni degli artisti che si alterneranno sulle tavole del palco di via Giosuè Borsi per interpretare testi di Cechov, Pirandello, Shakespeare, Brancati. «Noi facciamo teatro da quattro generazioni - ha precisato De Filippo, durante la presentazione che si è tenuta giovedì -. Quando compii dieci anni, mio zio Edoardo mi regalò “la scatola d’oro”. Chi ha la mia età sa che è una collezione di libri di letteratura classica, riadattata per i ragazzi. Lì cominciai a conoscere, e ad amare, i giganti della scrittura». Ed è proprio leggendo quei testi che De Filippo rimase colpito dalla frase di Balzac, che poi ha voluto citare come incipit della sua presentazione «Vuoi essere uno scrittore di valore universale? Racconta il tuo villaggio». «E noi De Filippo lo abbiamo sempre fatto - ha precisato il direttore -, raccontando Napoli, la sua cultura, rendendola gradevole agli spettatori». «Prendetevi una vacanza dai pensieri quotidiani - ha chiosato -. Venite e divertitevi da noi dove si scrive TEATRO, ma si legge FANTASIA». 

La stagione della struttura intitolata al grande Peppino De Filippo si apre il 13 novembre con «Il fu Mattia Pascal» di Luigi Pirandello, secondo l’allestimento di Tato Russo, regista ed interprete, che con questo lavoro arriva al quarto anno di repliche. A seguire, dal 4 a 7 dicembre, la compagnia Corrado Abbati porterà in scena «La vedova allegra», dal libretto di Victor Leon e Leo Stein, soggetto di Henri Meilhac, musica di Franz Lehàr, adattamento e regia di Corrado Abbati. «Se il teatro è fantasia, l’operetta allora è evasione, è la favola per adulti - ha voluto ricordare Stefano Maccarini, produttore della Compagnia -. Pur conoscendo fasi alterne, l’operetta ha sempre qualcosa da dire, da scoprire». 

Dal 15 al 25 gennaio Maurizio Panici ed Ambrogio Sparagna saranno impegnati con «Come vi piace (As you like it)», una commedia con musiche dal vivo di William Shakespeare. Glauco Mauri invece sarà il protagonista di «Quattro buffe storie (Cecè - La patente - Domanda di matrimonio - Fa male il tabacco, di Luigi Pirandello (Cecè e La Patente) ed Anton Cechov (Domanda di matrimonio e Fa male il tabacco). Ad affiancarlo in questo lavoro in scena dal 29 gennaio al 15 febbraio sarà Roberto Sturno. Dal 19 febbraio al 1° marzo sarà la volta di Franco Branciaroli con «Enrico IV» di Luigi Pirandello; mentre dal 12 al 22 marzo ci sarà Andrea Giordana che - assieme al figlio Luchino e a Giancarlo Zanetti, per la regia di Giancarlo Sepe - andrà in scena con «Il bell’Antonio» di Vitaliano Brancati. 

Elementi importanti della programmazione, i due allestimenti curati dal direttore artistico del teatro Parioli: «La lettera di mammà», commedia in due atti di Peppino di Filippo, in scena dall’11 dicembre all’11 gennaio e «Quaranta…ma non li dimostra», lavoro nato dalla felice collaborazione di Peppino e Titina De Filippo (dal 19 febbraio al 1° marzo). 

Fra gli eventi fuori stagione, particolarmente interessante è il progetto volto a ricordare l’allenatore della Lazio che portò il club romano a vincere il suo primo scudetto nel 1974. Lo spettacolo «Tommaso Maestrelli, l’ultima partita», interpretato da Nello Mascia, è un lavoro nato dalla penna di Giorgio Serafini Prosperi (anche regista), Roberto Bastanza e Pino Galeotti. «Maestrelli è stato un secondo padre per noi - ha detto Pino Wilson, capitano della Lazio nel 1974 -. Ma fu un padre con enormi difficoltà, perché noi calciatori non eravamo propriamente dei figli perfetti». «Lui fece un miracolo - ha precisato Nello Mascia -, non solo perché fece vincere alla Lazio lo scudetto, ma anche perché compattò un gruppo fortemente disomogeneo come quello di cui disponeva. Orientò i ragazzi verso un obiettivo comune». Il lavoro, sarà in scena da 23 ottobre al 9 novembre. 

Altro evento da segnalare, la rassegna «Mattina in Musical», rivolta alle scuole materne ed elementari con una serie di quattro spettacoli: «Il canto di Natale», 1 e 2 dicembre; «Santa Claus», 3 dicembre; «La gabbianella e il gatto», dal 3 al 5 marzo; «Il mago di Oz», dal 13 al 15 aprile.

Ancora, Leontina Pallavicini sarà impegnata il 28 novembre con «Maramao tu non sei morto!!», un viaggio romantico nel canzoniere degli anni ’30 e ’40. Poi, una rassegna cinematografica, curata da Laura Tibaldi De Filippo e realizzata assieme ad Agiscuola. Infine, il progetto «Parioli & Musica», in collaborazione con il maestro Gerardo di Lella che propone un suggestivo percorso volto ad intercettare le varie sensibilità musicali di un pubblico sofisticato e colto. 

«Teniamo molto agli abbonati - ha detto il direttore organizzativo Filippo Vacca -. Ed è per questo che abbiamo pensato ad una tipologia di abbonamento rivolta a chi desidera partecipare alle prime degli spettacoli, ad un prezzo ridotto rispetto ad altre strutture…un po’ in controtendenza, come al solito. Questo perché ci teniamo che il nostro pubblico stia con noi e con gli artisti in un momento importante come quello del debutto». Pertanto, oltre alle formule tradizionali, c’è la possibilità di optare per un abbonamento a cinque prime a scelta (al costo di 100 euro in platea e 80 in galleria) oppure ad 8 prime a scelta (116 euro in platea e 104 in galleria). 


Teatro Parioli Peppino De Filippo - via Giosuè Borsi 20, 00197 Roma
Per informazioni: telefono botteghino 06/8073040, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orari botteghino: 10-14; 15-19
Dopo la pausa estiva il botteghino riaprirà per la campagna abbonamenti lunedì 1° settembre
Campagna abbonamenti: dal 12 giugno al 31 luglio presso il botteghino del teatro. Rinnovi entro il 30 settembre 

Articolo di: Simona Rubeis
Grazie a: Maurizio Quattrini, Ufficio Stampa Teatro Parioli Peppino De Filippo
Sul web: www.teatropariolipeppinodefilippo.it

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP