Teatro Manzoni: la stagione 2015-2016 tra spunti di riflessione e tante risate

Scritto da  Sabato, 19 Settembre 2015 

Spunti di riflessione a non finire e sicuramente tante risate. Si preannuncia con questi principi ispiratori la proposta artistica del Teatro Manzoni di Roma per il prossimo anno. Fra gradite conferme e giovani talenti, moltissimi gli attori che si succederanno sul palco di via Monte Zebio. Fra di loro, Pietro Longhi, Paola Gassman, Carlo Alighiero, Elena Cotta, Francesca Nunzi, Max Tortora, Fabio Avaro, Rita Forte, Saverio Marconi, Antonello Costa, Enzo Casertano, Gianfranco D’Angelo e Patrizia Pellegrino.

 

L’atmosfera è delle migliori: la serata è moderata da un artista di classe come Pietro Longhi; la platea è «invasa» dagli abbonati; la spiegazione degli spettacoli è realizzata, in modo leggero ed esauriente, dagli stessi attori che ne saranno interpreti. È in questo clima tanto familiare, quanto affidabile e concreto, che lunedì 14 settembre si è svolta la conferenza stampa di presentazione della stagione 2015-2016 del Teatro Manzoni. Dopo aver raccontato con una certa dose di ironia le preoccupazioni passate legate alla bolletta “pazza” dell’Acea di ben 95 mila euro, il direttore artistico ha dato la parola ai singoli protagonisti del cartellone, molti dei quali sono degli habitué del palcoscenico romano.

L’inaugurazione è per il 29 settembre, con l’allestimento di «Maigret al Liberty bar» di George Simenon, che approda a Roma dopo il debutto avvenuto in estate al Festival di Borgio Verezzi. «È con grande emozione che porto in scena Maigret - ha raccontato il regista Silvio Giordani -, perché si tratta di un personaggio che ha accompagnato la mia giovinezza». «È un testo molto particolare - ha precisato Paola Gassman, protagonista della pièce -. Non è solo un giallo, ma un lavoro in cui c’è molta psicologia: si scava nel personaggio e c’è un’atmosfera particolare, che abbiamo cercato di riprodurre con grande attenzione». Fra gli altri interpreti di questo lavoro che sarà proposto fino al 25 ottobre, anche Pietro Longhi e Miriam Mesturino.

Per il 27 ottobre, invece, è prevista la messa in scena de «L’erba del vicino è sempre più verde» di Hugh e Margaret Williams con Cinzia Berni, Francesca Nunzi, Diego Ruiz e Carlo Alighiero (che dirige anche lo spettacolo). A seguire, il 24 novembre, arriveranno Stefano Ambrogi e Gabriella Silvestri con "L’appartamento - sold out", storia di tre coppie di diverse culture, non sempre supportate da un buon livello di reciproca tolleranza, che per una beffa della vita si trovano a condividere lo stesso spazio. «Il testo è strepitoso - ha detto Gabriella Silvestri -, ed indubbiamente è anche molto attuale: c’è la questione della convivenza fra etnie, c’è il problema delle case popolari». La regia è di Vanessa Gasbarri.

Ad incaricarsi della doppia rappresentazione della notte del 31 dicembre quest’anno sarà la coppia composta da Fabio Avaro e Rita Forte, alle prese con «Cicale». Il testo di Jean-Marie Chevret, che sarà replicato dal 29 dicembre al 24 gennaio, è incentrato su tematiche di natura familiare. «In un certo senso il lavoro può essere considerato il seguito di “Questi figli amatissimi” perché si parla di vicende legate a ragazzi, figli di genitori separati», ha spiegato il regista Silvio Giordani. «È una specie di gioco sulla famiglia - ha aggiunto -, con sfumature sulla verità. Si ride e si scherza, ma si parla sempre di temi di grande attualità».

Gianfranco D’Angelo e Patrizia Pellegrino arriveranno il 26 gennaio con «Alcazar», una delle prime commedie di Gianni Clementi. La direzione del lavoro è di Luca Pizzurro. Il 23 febbraio invece sarà la volta di Elena Cotta che, affiancata da Carlo Alighiero (anche regista), sarà protagonista di «Lady Killers - la signora omicidi» di William Rose. Il 22 marzo tornerà Max Tortora, altro volto noto del palco romano, che sarà interprete assieme a Francesca Antonelli di «Doppia Coppia». La regia di questo spettacolo, in cartellone fino al 17 aprile, è di Paola Tiziana Cruciani.

«Re-Fusi» di Roberta Skerl è il lavoro che vedrà impegnato nelle vesti di attore l’acclamatissimo regista del musical «made in Italy» Saverio Marconi, assieme al bravo Enzo Casertano. A dirigere il lavoro, in scena dal 19 aprile al 15 maggio, sarà Vanessa Gasbarri.

La chiusura della stagione del teatro Manzoni, che il 6 gennaio del 2016 festeggerà i suoi trent’anni di attività, è affidata a «Straziami ma d’amore saziami» di Josiane Balasko con Pietro Longhi, Gabriella Silvestri e Antonello Costa, diretti da Silvio Giordani. Repliche dal 17 maggio al 12 giugno.


Teatro Manzoni - via Monte Zebio 14/c, 00195 Roma
Per informazioni e prenotazioni:
telefono 06/3223634 - 06/3223538, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Botteghino: dal lunedì al sabato ore 10.00-20.00 - domenica ore 11.00-13.00 e 15.00-20.00

Articolo di: Simona Rubeis
Grazie a: Ufficio stampa Valeria Buffoni
Sul web: www.teatromanzoni.info

TOP