Teatro. Dunque sono - presentata la stagione 2015/2016 del Teatro di Roma

Scritto da  Martedì, 07 Luglio 2015 

Sono 15 i percorsi che compongono la nuova Stagione di Progetti del Teatro di Roma, riconosciuto dal MiBACT Teatro Nazionale: 95 spettacoli complessivi, di cui 19 produzioni, 7 prime nazionali, 676 alzate di sipario. Un’offerta che può apparire eccessiva, ma è una messe necessaria, strutturata in capitoli che hanno ciascuno il proprio senso e la propria ragione. Un processo già attivato dalla passata stagione che, attraverso un “cantiere” articolato in progetti e percorsi, ha rilanciato il Teatro della Capitale come luogo “plurale” e di tutti. In questa ottica di teatro della città e di città nel teatro, il direttore Antonio Calbi e il presidente Marino Sinibaldi presentano la Stagione di Progetti 2015/2016, vivace, articolata e multidisciplinare, con un percorso di 12 mesi di continua attività offerta tutti i giorni, a tutte le generazioni di pubblico e con più proposte quotidiane.

 

Una corposa e ricca conferenza stampa degna negli aggettivi del cartellone presentato. Filoni tematici che abbracciano tutte le problematiche che il teatro della contemporaneità sente vicine. Dalla guerra al terrorismo, dalla città alla protesta, dal classico al contemporaneo. Tanti i nomi e tanti i numeri di una stagione che si apre festeggiando i successi di quella appena trascorsa.

Si alza il sipario sulla nuova stagione del centro teatrale di maggior rilievo della capitale. Antonio Calbi, direttore artistico del Teatro di Roma, ha accolto il numeroso e variegato pubblico della conferenza stampa con la sigla iniziale di quello che è stato uno dei progetti simbolo della scorsa stagione (e che continuerà nella prossima): "Ritratto di una capitale". Quasi a sottolineare quanto ha voluto ricordare anche il sindaco Ignazio Marino: la direzione artistica di Calbi, come la presidenza di Marino Sinibaldi, mirano non solo ad offrire un cartellone di qualità, ma ad aprire le porte del Teatro di Roma alla città, avvicinando e richiamando la popolazione a tutti i livelli, perché il teatro diventi, nelle parole dell'assessore alla cultura della Regione Lazio Lidia Ravera "la casa dei cittadini".

Ciò risulta più che mai importante e significativo all'indomani del conferimento del titolo di Teatro Nazionale da parte del MiBACT, nell'ambito di quella che la stessa Ravera definisce una "riforma complessa e accogliente, molto innovativa, talmente innovativa che la messa a regime andrà lentamente".

I numeri di questa nuova stagione sono come sempre alti: 95 spettacoli, di cui 19 produzioni, 7 prime nazionali per un totale di 676 alzate di sipario, naturalmente divise tra la più tradizionale sede del Teatro Argentina e quella più legata al presente e allo sperimentale del Teatro India.

Tanti anche i numi tutelari che veglieranno sulla prossima stagione: uno su tutti Pier Paolo Pasolini, che nel quarantesimo anniversario della sua morte sarà rievocato ed omaggiato in otto diverse proposte teatrali inserite nel progetto "Roma per Pasolini": dal lavoro nato dall'incontro tra Giovanna Marini e Vinicio Marchioni, Sono Pasolini, progetto prodotto dal Teatro di Roma che mira a raccontare i due volti del compianto scrittore tramite il dialogo tra la parola ed il canto, all'interpretazione del Vantone di Ninetto Davoli, alla drammaturgia ipercontemporanea di ricci/forte in PPP ultimo inventario prima di liquidazione. Particolarmente interessante il progetto Treno Corsaro - in viaggio con Pier Paolo Pasolini, una "drammaturgia viaggiante" ideata da Antonio Calbi che percorrerà l'intera penisola, da Udine a Matera, nella primavera del 2016. Lo stesso Sindaco Marino si è servito delle parole di Pasolini per augurare buon lavoro alle maestranze del Teatro di Roma.

Come sempre vi sarà spazio per i classici e le relative rivisitazioni: la Medea del Teatro Patologico di Dario D'Ambrosi aprirà la stagione a settembre; Maurizio Scaparro dirigerà il Goldoni della Bottega del Caffè su musiche di Nicola Piovani; Fabrizio Arcuri dirigerà una riscrittura in chiave pulp del Candide di Voltaire, con Filippo Nigro; una regia al femminile invece per Preamleto, esperimento drammaturgico di Michele Santeramo volto a "cambiare le premesse" della vicenda shakespeariana raccontata dalla regia di Veronica Cruciani. Non mancherà Pirandello, in scena all'India con le regie di Valter Matosti (Il Berretto a Sonagli) e Roberto Latini (I Giganti della Montagna). Sempre all'India sarà ospitato il Lear di Edward Bond per la regia di Lisa Ferlazzo Natoli, inserito in un progetto sulla drammaturgia di Bond. Infine il classico dei classici, l'Odissea, sarà narrato in cinque puntate da Giovanna Bozzolo e Eva Cantarella nel progetto Storie dall'Odissea, prodotto dal Teatro Di Roma.

L'amore per i classici non toglierà spazio ad un'indagine teatrale sul presente: particolarmente interessante il progetto Punk Islam, racconto di Roberto Scarpetti sui giovani convertiti all'islam integralista, diretto da Cesar Brie. Patrizia Zappa Mulas racconterà invece l'incubo della violenza sulle donne in occidente con Chiudi gli occhi da lei scritto, diretto e interpretato. Luca Zingaretti porterà in scena The Pride, spettacolo in prima nazionale all'Argentina di Alexi Kaye Campbell.

Non mancheranno nomi di rilievo internazionale (da Peter Brook a Cesar Brie e Daniel Pennac ma anche spettacoli provenienti dalle "periferie" orientali europee, Armenia e Lituania); largo spazio sarà concesso alla scena al femminile: dall'acclamato Sette Minuti di Stefano Massini con Ottavia Piccolo, racconto corale di lavoro, donne e diritti diretto da Alessandro Gassman, a Tante facce nella memoria, la tragedia delle Fosse Ardeatine raccontata da sei donne dirette da Francesca Comencini, che nella passata stagione hanno riscosso tale successo all'India da passare al più prestigioso palco dell'Argentina.

Tornerà Elio de Capitani con la sua compagnia dell'Elfo. Dopo lo straordinario successo di Frost/Nixon, duello verbale che smaschera la menzogna pubblica, De Capitani e la sua apprezzatissima compagnia racconteranno la menzogna privata tramite la drammaturgia di Arthur Miller e del suo Morte di un commesso viaggiatore, spettacolo che ha già raccolto ampi consensi nella passata stagione. Ad omaggiare Miller nel centenario della sua nascita sarà anche la prestigiosa coppia artistica Orsini-Popolizio, che porterà in scena Il Prezzo. Nello stesso filone degli "Sconquassi americani" rientra la regia di Arturo Cirillo de Lo zoo di Vetro di Tennessee Williams.

Un significativo numero di quelli che Calbi definisce "registi dell'età di mezzo": Fabrizio Parenti dirigerà I Furiosi, testo di Nanni Balestrini che racconta gli ultràs in forma di poema. Pierpaolo Sepe dirigerà Crave di Sarah Kane, drammaturga britannica prematuramente scomparsa. Nell'ambito del filone che guarda alla tragedia della grande guerra nel centenario della discesa in campo dell'Italia, tanti gli spettacoli che raccontano la trincea. Mario Perrotta porterà il suo ultimo, poetico lavoro sulla tragedia della prima guerra mondiale raccontata dal l'inedito punto di vista della lingua multiforme delle trincee: Milite Ignoto - quindicidiciotto. Titolo inquietante per i nostri giorni quello scelto invece da Giuseppe Cederna, che racconterà il fronte con L'ultima estate dell'Europa. Anche Marco Baliani si inserisce in questo filone con Trincea, da lui scritto, diretto e interpretato.

Altro percorso ricco di proposte è quello dedicato ai temi familiari: il Father and Son di Michele Serra interpretato da Claudio Bisio e diretto da Giorgio Gallione, ma anche il più classico Giorni Felici di Beckett, con Nicoletta Braschi e Andrea Renzi nell'inedita veste di regista. E ancora una riscrittura di un classico come Casa di Bambola ad opera di Emanuela Giordano (Quartetto casa di bambola con Mascia Musy).

Continua la collaborazione tra Teatro di Roma ed il festival Teatri del Sacro, in occasione del Giubileo. Gli spettacoli più significativi dell'appena conclusasi rassegna dei Teatri del Sacro (tra cui Andrea Cosentino, Punta Corsara, Carullo e Minasi) saranno ospitati al Teatro India ad aprile 2016. Nell'ambito di tale percorso sul Sacro si inserisce anche l'atteso ultimo lavoro di Pippo Delbono, Vangelo.

La variegata offerta culturale del teatro di Roma non lascia fuori la danza contemporanea: all'Argentina la nuova creazione di Virgilio Sieni, Le Sacre, la sua coreografica interpretazione della Sagra della Primavera di Stravinskji che fece scandalo coreografata dal grande Nizinskij, mentre l'India proporrà, tra gli altri, ...e d'oro le sue piume di Julie Ann Anzillotti, e tre lavori di Enzo Cosimi tra cui Bastard Sunday, ispirato a Pier Paolo Pasolini.

Infine significativo è lo spazio riservato alle esperienze di teatro sociale, come la rassegna Garovano Verde a cura di Rodolfo Di Giammarco, il lavoro degli ormai famosi detenuti-attori di Rebibbia diretti da Fabio Cavalli, il teatro patologico di Dario D'Ambrosi ed il progetto triennale firmato Deflorian/Tagliarini Roma - gli anelli di Saturno, rivolto all'area urbana che circonda il Teatro India (la quale, ha annunciato Calbi in sede di conferenza stampa, verrà intitolata a Pier Paolo Pasolini).

Questo e molto altro offrirà il Teatro Di Roma alla città, nello spirito dello slogan "Liberi pensieri, in libere emozioni".

 

STAGIONE 2015/2016 - TEATRO ARGENTINA

11/13 settembre 2015
TEATRO DA MANGIARE?
di Paola Berselli e Stefano Pasquini
con Paola Berselli, Maurizio Ferraresi e Stefano Pasquini
regia Stefano Pasquini
Teatro delle Ariette

Sì, al Teatro da mangiare? si mangia davvero, si mangiano le cose che il Teatro delle Ariette coltiva e trasforma nella propria azienda agricola. Seduti attorno a un tavolo, preparando e consumando un vero pasto, raccontano a modo loro la singolare esperienza di contadini-attori: dieci anni di vita in campagna e di teatro fatto fuori dai teatri.

14/15 settembre 2015
MEDEA
di Euripide
regia Dario D’Ambrosi
con Almerica Schiavo, Dario D’Ambrosi, Mauro F. Cardinali, Michela D’Ambrosi
coro Attori diversamente abili del Teatro Patologico
musiche originali Francesco Santalucia
direzione coro Papaceccio
coreografia Marisa Brugarolas
costumi Giuseppe Avallone
scene Maria Grazia D’Ambrosi
luci Claudio Giordano, Luca Giordano
Produzione Teatro PatologICO

Fra ciò che a tratti appare e ciò che rimane nascosto tra le righe del dramma, tra un guizzo di follia e uno di tremenda passione, la Medea del Teatro Patologico diviene palcoscenico degli impulsi e delle sonorità che non si svelano, nell’ineluttabilità del destino che ogni personaggio si costruisce. Fra le lanterne di un coro che sempiterno ascolta e soccorre, pubblico e attori palpitano in un unico, grande respiro, accompagnando follia ed estasi di morte in un dramma che penetra il reale fisico e l’irreale psichico. Gli attori speciali di Dario D’Ambrosi, ragazzi disabili psichici e fisici, rispondono sulla scena ai ritmi delle percussioni e dell’azione tragica, mettendo in relazione corpo e linguaggio: un corpo che si fa lingua attraverso la musica; e un linguaggio che affianca all’italiano il greco antico. Violenza, commozione e dolore, in questa Medea, riverberano nel coro, cuore del dramma accanto a quello della protagonista. Ogni suono completa le vibranti suggestioni del greco antico, mentre l’italiano è lasciato al silenzio, all’assenza di musica, a quella carica di emotività sanguigna che è presente nei monologhi di Medea e nei rapidi e intensi scambi di battute.

16 settembre 2015
OMAGGIO A KANTOR
Proiezione di La classe morta (1975)
di Tadeusz Kantor
regia cinematografica di Andrzej Wajda
in collaborazione con la Festa del Cinema

A cent'anni dalla nascita e a quaranta dalla creazione della sua opera teatrale più importante La classe morta (diventata film per la regia di Andrzej Wajda), Fondazione cinema per Roma propone un evento-omaggio al grande artista e autore polacco Tadeusz Kantor, che con il suo “Teatro della morte” rivoluzionò la scena teatrale della seconda parte del Novecento. Con la collaborazione dello slavista Luigi Marinelli, della Fondazione Kantor (Varsavia), dell’Istituto Polacco di Roma e della Cricoteka di Cracovia, riprende vita, tra cinema e teatro, letture e immagini, il pensiero dissonante e provocatorio di uno dei maggiori teorici della rappresentazione

17 settembre 2015
MILITE IGNOTO
quindicidiciotto
uno spettacolo di Mario Perrotta
tratto da Avanti sempre di Nicola Maranesi
e da La Grande Guerra, i diari raccontano un progetto a cura di Pier Vittorio Buffa e Nicola Maranesi per Gruppo editoriale L’Espresso e Archivio Diaristico Nazionale
Produzione Permàr, Archivio, Diaristico Nazionale, dueL, La Piccionaia

Il racconto del primo, vero momento di unità nazionale. Nelle trincee di sangue e fango della prima guerra mondiale veneti e sardi, piemontesi e siciliani, pugliesi e lombardi si sono conosciuti e ritrovati vicini per la prima volta, accomunati dalla paura e dallo spaesamento per quell’evento più grande di loro. Il racconto dell’ultimo evento bellico dove il milite ebbe ancora un qualche valore anche nel suo agire solitario, mentre da quel conflitto in poi – anzi, già negli ultimi sviluppi dello stesso – il milite divenne, appunto, ignoto, dimenticato in quanto essere umano che ha un nome e un cognome, una faccia e una voce. Nella Prima guerra mondiale, gradatamente, anche il nemico diventa ignoto, perché non ci sono più campi di battaglia per i “corpo a corpo”, dove guardare negli occhi chi sta per colpirti a morte, ma ci sono trincee dalle quali partono proiettili e bombe anonime, senza un volto da maledire prima dell’ultimo respiro. Attraverso una lingua d’invenzione nata dal mescolamento di tutti i dialetti italiani, uno spettacolo che esalta le piccole storie di singoli uomini che hanno vissuto quei tragici eventi, per gettare altra luce sulla grande storia

20 ottobre – 8 novembre 2015
IL PREZZO
di Arthur Miller
traduzione di Masolino D’Amico
con Umberto Orsini, Massimo Popolizio, Alvia Reale, Elia Schilton
regia Massimo Popolizio
scene Maurizio Balò
costumi Gianluca Sbicca
luci Pasquale Mari
direzione artistica Umberto Orsini
PRODUZIONE COMPAGNIA ORSINI
PRIMA NAZIONALE

Il testo di Arthur Miller fotografa con spietata lucidità e amara compassione le conseguenze della crisi economica che colpì gli Stati Uniti nel 1929. Figli di un padre che ha subìto drammaticamente questa crisi, due fratelli si incontrano dopo alcuni anni dalla sua morte per sgomberare un appartamento in cui sono accumulati i mobili e gli oggetti raccolti dal genitore nel corso della sua vita e che sta per essere demolito. Un vecchio broker è chiamato a stabilirne il prezzo. Dietro questo semplice spunto emergono le incomprensioni e le menzogne che la paura della perdita improvvisa del benessere esercitano su chi si dibatte nella crisi. Miller tratta questo tema con la consueta maestria, rivelandoci un capolavoro che pur venendo da lontano ci riporta ai nostri giorni così pieni di incertezze

29 e 30 ottobre, 5 e 6, 12 e 13, 19 e 20 novembre, 3 e 4 dicembre 2015
PROGETTO ODISSEA
Un progetto di Eva Cantarella e Giovanna Bozzolo
con Eva Cantarella e Giovanna Bozzolo
musiche a cura di Oreste Bossini
PRODUZIONE TEATRO DI ROMA

Il serial più famoso del mondo, il primo della storia occidentale: milioni e milioni di ascoltatori, quando erano i poeti a raccontare la storia del ritorno di Ulisse a Itaca. Milioni e milioni di lettori, a partire dal momento in cui l’Odissea venne messa per iscritto. Oggi, tornano a raccontarci quella storia Giovanna Bozzolo ed Eva Cantarella. Cinque episodi, cinque racconti. Storie di esseri umani e di dèi, di mostri, di ninfe e di maghe, di amori e mortali inimicizie, di tradimenti, battaglie e discese negli inferi. Accomunate dalla stessa funzione: quella – che nelle società orali spettava alla parola dei poeti – di trasmettere di generazione in generazione un patrimonio culturale che il pubblico, ascoltando, imparava a conoscere e rispettare. E che aiutano noi a non dimenticarlo.

10 - 15 novembre 2015
LA BOTTEGA DEL CAFFE’
di Carlo Goldoni
regia di Maurizio Scaparro
con Pino Micol e cast in via di definizione
musiche Nicola Piovani
di Carlo Goldoni
regia Maurizio Scaparro
con Pino Micol, Vittorio Viviani, Manuele Morgese, Ruben Rigillo, Carla Ferraro, Maria Angela Robustelli ,
Ezio Budini, Giulia Rupi , Alessandro Scaretti
musiche Nicola Piovani
eseguite dalla violinista Lisa Green
scene e costumi Lorenzo Cutùli
luci Maurizio Fabretti
PRODUZIONE FONDAZIONE TEATRO DELLA TOSCANA

«Tra i motivi che mi spingono a mettere in scena oggi La bottega del caffè – racconta Maurizio Scaparro – uno è tornare a parlare di Venezia e del suo Carnevale, durante il quale la commedia si svolge, dalle prime luci dell’alba di un mattino invernale fino a quando scende la notte; un altro è che Goldoni scrive questa opera in italiano, quasi a prendere le distanze da una Venezia che rischiava di dimenticare la sua grandezza e di cedere alla tentazione della mercificazione. E non casualmente il protagonista, Don Marzio (e forse Goldoni stesso), osserva le vicende di quelle giornate di festa attraverso un occhialetto, diabolica lente, con cui scopre le debolezze, i commerci, gli amori, le piccole truffe delle persone che arrivano o vivono a Venezia, che, tra bische, botteghe e bordelli, sembra avviarsi al suo declino. Ma non dimentica Don Marzio (o Goldoni) di parlare del mondo che sta cambiando fuori da Venezia: dall’orologio che viene da Londra, alle notizie che filtrano dalle gazzette europee, fino al rimpianto per una Napoli mai conosciuta. Così, provando questo mio nuovo Goldoni, mi è capitato di pensare a Goldoni e al suo occhialetto, e anche a questa nostra vecchia Europa che viviamo con qualche fatica».

17 - 22 novembre 2015
FATHER AND SON
ispirato a Gli sdraiati e Breviario comico
di Michele Serra
regia Giorgio Gallione
con Claudio Bisio
e con i musicisti Laura Masotto (violino) - Marco Bianchi (chitarra)
scene e costumi Guido Fiorato
musiche Paolo Silvestri
luci Aldo Mantovani
PRODUZIONE TEATRO DELL’ARCHIVOLTO

Father and son racconta dei padri e dei figli, del loro inceppato comunicare senza pudori e con un linguaggio in continua oscillazione tra l’ironico e il doloroso, tra il comico e il tragico. È una riflessione sul nostro tempo, sulla libertà e l’autorità, che rivela in filigrana una società spaesata e in metamorfosi, ridicola e zoppa, verbosa e inadeguata. Una società di “dopo-padri”, educatori inconcludenti e nevrotici, e di figli che preferiscono nascondersi nelle proprie felpe, sprofondare nei propri divani, circondati e protetti dalle loro protesi tecnologiche, rifiutando o disprezzando il confronto. Da questa assenza di rapporto nasce il racconto beffardo e tenero di Michele Serra, un monologo interiore (ovviamente del padre, verboso e invadente quanto il figlio è muto e assente), che trova nel soliloquio di Claudio Bisio tutte le risonanze, comiche ed etiche. La società dalla quale i ragazzi si defilano è ritorta su se stessa, ormai quasi deforme; non è chiaro se i vecchi lavorano come ossessi, pur di non cedere il passo ai giovani, o se i giovani si sdraiano perché è più confortevole che i vecchi provvedano a loro.

24 novembre – 6 dicembre 2015
THE PRIDE
di Alexi Kaye Campbell
traduzione Monica Capuani
regia Luca Zingaretti
con Luca Zingaretti
e con Valeria Milillo, Riccardo Bocci, Alex Cendron
PRODUZIONE ZOCOTOCO
PRIMA NAZIONALE

The Pride è un testo enigmatico costruito magnificamente con un’alternanza tra due storie diverse e separate che si svolgono in periodi di tempo distinti, il 1958 e il 2008. In ognuna di esse ci sono tre personaggi principali che condividono gli stessi nomi e sono interpretati dagli stessi attori, a sottolineare che i personaggi di una storia sono le ombre di quelli dell’altra. È il 1958. Philip è sposato con Sylvia, che sta lavorando alle illustrazioni dell’ultimo libro per bambini di Oliver. C’è una strana vibrazione che scatta tra i due uomini quando si incontrano per la prima volta. Comincia tra loro un gioco che li costringe a girare intorno a qualcosa che è impossibile affrontare esplicitamente. È il 2008. Stufo della sua imperscrutabile infedeltà, Philip, un photo-reporter, lascia Oliver, giornalista di talento con cui ha una relazione da un anno e mezzo. Oliver si ritrova da solo ad annegare le sue pene nel whisky e nei giochi di ruolo con uomini improbabili che cerca su Internet, finché arruola Sylvia, che gli ha presentato Philip, per contrastare la solitudine e cercare di capire, grazie alla sua amicizia, le ragioni del proprio comportamento. Philip, Oliver e Sylvia stanno lottando tutti per quella che sperano sarà una vita più facile.

25 novembre – 20 dicembre 2015
FOODBALL
di Nicola Sapio e Gigi Palla
regia Gigi Palla
PRODUZIONE TEATRO DI ROMA

Ad Ago, brillante adolescente ma dal comportamento alimentare a rischio, è stato regalato il Fanta Foodball, un nuovo videogioco dove i giocatori sono alimenti. Durante una partita, l’amico Ciccio Pomodoro, adolescente obeso e sedentario, a causa di un corto circuito viene risucchiato nel gioco, trovandosi trasformato nell’omonimo ortaggio e vedendosi inserito come elemento di punta nella squadra della Mediterranea FB Club. Comincia il campionato e la Mediterranea dovrà affrontare i temibili avversari della AS Cibo Spazzatura. Su Ago ricadrà la responsabilità di creare il miglior FoodBall Club, allenare Ciccio e compagni, riuscire a vincere la finale e riportare il suo amico alla realtà. Ma vi riuscirà solo dopo aver compreso l’importanza della corretta alimentazione e del vivere sano, e per fare questo servirà il contributo dei bambini in platea chiamati a partecipare alla partita. Foodball vuole contribuire a tenere alta l’attenzione sull’educazione alimentare, a pochi giorni dal termine di Expo 2015 - “Nutrire il pianeta, Energia per la vita”. Gioco, musica, interazione e interattività, ma soprattutto teatro per trasmettere ai più piccoli il concetto del mangiare bene utilizzando la metafora del calcio e dello sport

9 – 20 dicembre 2015
MORTE di UN COMMESSO VIAGGIATORE
di Arthur Miller
traduzione Masolino d’Amico
regia Elio De Capitani
con Elio De Capitani
Cristina Crippa, Angelo Di Genio, Marco Bonadei, Federico Vanni,
Gabriele Calindri, Daniele Marmi, Vincenzo Zampa, Alice Redini, Vanessa Korn
scene e costumi Carlo Sala
luci Michele Ceglia
suono Giuseppe Marzoli
PRODUZIONE TEATRO DELL’ELFO

Elio De Capitani firma una personale messinscena del capolavoro di Miller, il testo che racconta l’ultimo giorno di vita di Willy Loman, commesso viaggiatore pronto a tutto per vendere. Una storia personale che diventa collettiva, un classico degli anni Cinquanta che parla di noi e del nostro presente. «Ogni tanto, per capire a che punto siamo arrivati conviene spegnere le urla dai talk show e passare una sera a teatro», hanno scritto. «Bastano pochi minuti della versione di De Capitani per capire che in realtà siamo tutti diventati commessi viaggiatori, qualunque mestiere facciamo, qualunque mezzo di trasporto usiamo, l’auto o l’aereo o internet, siamo ruffianeschi e affabulanti venditori porta a porta di merci e in particolare di una: noi stessi». Nella scenografia mutevole di Carlo Sala, in un andare e venire fra realtà e sogno, De Capitani (Premio Hystrio all’interpretazione e Premio Flaiano) è un «Willy Loman commovente, bravissimo nel tenere il suo personaggio su di una corda tesa molto profonda e umanissima». Ma è l’intera compagnia a dare una splendida prova, con una recitazione sul filo di un vissuto tutto interiore

22 dicembre – 3 gennaio
RITRATTO di UNA CAPITALE
un progetto di Antonio Calbi e Fabrizio Arcuri
regia Fabrizio Arcuri
Roma Est, di Roberto scarpetti
Odioroma, Mariolina Venezia
Flaminia bloccata, di Fausto Paravidino
L’arcispedale quando si fa l’alba, di Valerio Magrelli
Alla città morta. Prima epistola ai romani, di e con Daniele Timpano/Elvira Frosini
Angeli cacacazzi ovvero ah, come starei bene a vive se fossi morto, di Elena Stancanelli
PRODUZIONE TEATRO DI ROMA

È stato quasi un “manifesto” politico e d’arte della Roma di oggi che ha segnato la stagione 2014/2015, preso d’assalto dai cives accorsi a vedere lo stato di salute dell’Urbe. Riappaiono sette dei 26 tasselli della maratona teatrale Ritratto di una Capitale - Ventiquattro scene di una giornata a Roma. Un polittico teatrale a più mani, un “ritratto” che ha anche i modi dell’epica, della poesia, della trasfigurazione, fra invettive di rabbia e dichiarazioni d’amore. 

4 gennaio 2016
Laboratorio Teatrale Integrato Piero Gabrielli
IL PURGATORIO
tratto dalla Divina Commedia di Dante Alighieri
adattamento Attilio Marangon
regia Roberto Gandini
con Jessica Bertagni, Edoardo Lombardo, Fabrizio Lisi Chiara Mercuri, Florin Pagnini, Gelsomina Pascucci,
Gabriele Ortenzi Fabio Piperno, Emmanuel Rotunno, Simone Salucci, Emanuele Sgroi Giulia Tetta,
Livia Travia, Danilo Turnaturi, Federico Zylka
scene Paolo Ferrari
costumi Tiziano Iuno
musiche Roberto Gori
PRODUZIONE TEATRO DI ROMA

È un atipico Purgatorio, quasi un “bignami poetico”, quello messo in scena dalla Piccola Compagnia del Piero Gabrielli. Una sorta di “parafrasi naif” che ripercorre i versi di Dante con spirito giocoso e vivace, proprio in occasione del 750° anniversario della sua nascita e del Giubileo della Misericordia indetto da Papa Francesco

5 e 6 gennaio 2016
DAI 3 AI 93. UNA MERAVIGLIOSA INVENZIONE
uno spettacolo di Barbara Della Polla e Ennio Guerrato
con Barbara Della Polla, Ennio Guerrato, Carlo Furlan, Lorenza Muran, Tiziana de Guarrini
interventi di Fausta Braga, Antonio Cipolla, Eugenio Monti Colla, Giuseppina Volpicelli
visual design Antonio Giacomin
PRODUZIONE TEATRO STABILE DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

Una voce narrante. Cinque marionettisti. Un ponte di legno. Alcuni spezzoni di video con testimonianze attuali e filmati d’epoca proiettati su vecchi sacchetti che custodivano preziose marionette. Una conferenza-spettacolo alla riscoperta dell’arte antica delle marionette, ma anche un’occasione per rivivere la storia e gli aneddoti che hanno reso grandi nel mondo i Piccoli di Podrecca.

8 – 10 gennaio 2016
LE SACRE
PRELUDIO
regia e coreografia Virgilio Sieni
musica Daniele Roccato
interpreti Ramona Caia
Claudia Caldarano, Patscharaporn Distakul, Vittoria Sapetto De Ferrari Giulia Mureddu, Sara Sguotti

LA SAGRA DELLA PRIMAVERA
regia e coreografia Virgilio Sieni
musica Igor Fedorovic Stravinskij
interpreti Jari Boldrini, Ramona Caia, Claudia Caldarano, Nicola Cisternino, Patscharaporn Distakul,
Vittoria Sapetto De Ferrari, Maurizio Giunti, Giulia Mureddu Giulio Petrucci, Rafal Pierzynski
Sara Sguotti, Davide Valrosso
luci Fabio Sajiz, Virgilio Sieni
costumi Giulia Bonaldi, Virgilio Sieni
PRODUZIONE TEATRO COMUNALE DI BOLOGNA, EMILIA ROMAGNA TEATRO FONDAZIONE
COMPAGNIA VIRGILIO SIENI

Una coreografia primitiva che vuole essere uno scavo archeologico del corpo; una coreografia che chiede agli interpreti di originare i movimenti dalle risonanze e dalle stratificazioni ritmiche della musica di Stravinskij affinché lo sguardo di chi osserva si abbandoni alla foresta dei gesti. Danzare La Sagra della primavera significa indagare – tra intuito e struttura, rito e gioco – il sacrificio “come forma epifanica e morale del bene comune”, come scoperta dell’ignoto che scorre ai bordi della nostra vita, alla ricerca del gesto che dalle pieghe più profonde dell’individuo va a costruire una comunità. A precedere La Sagra sarà un Preludio su musica di Daniele Roccato. 

12 – 17 gennaio 2016
ORESTEA
di Eschilo
traduzione Monica Centanni
regia Luca De Fusco
con Mariano Rigillo, Elisabetta Pozzi, Angela Pagano, Gaia Aprea, Claudio Di Palma,
Giacinto Palmarini, Anna Teresa Rossini, Paolo Serra
e con Fabio Cocifoglia, Paolo Cresta , Dely De Maio, Francesca De Nicolais,Gianluca Musiu,
Federica Sandrini, Dalal Suleiman, Enzo Turrin
scene Maurizio Balò
costumi Zaira de Vincentiis
musiche Ran Bagno
coreografie Noa Wertheim
PRODUZIONE TEATRO STABILE DI NAPOLI, TEATRO STABILE DI CATANIA

Nelle nostre intenzione, l’Orestea avrebbe dovuto declinarsi in un Trittico. Accanto alle riedizioni delle celebri versioni di Peter Stein e Romeo Castellucci, ecco questa molto mediterranea. Unica trilogia a essere sopravvissuta fino ai giorni nostri, l’Orestea di Eschilo racconta una storia le cui radici affondano nella tradizione mitica dell’antica Grecia: l’assassinio di Agamennone da parte della moglie Clitemnestra, la vendetta del loro figlio Oreste che uccide la madre, la persecuzione del matricida da parte delle Erinni e la sua assoluzione finale ad opera del tribunale dell’Areopago. Con questo allestimento, che si divide in due parti − Agamennone e Coefore/Eumenidi − Luca De Fusco, dopo l’esperienza a Siracusa, si confronta con una tragedia classica accompagnato dall’ensemble di interpreti già protagonisti nel 2013 di Antonio e Cleopatra e nel 2014 del Giardino dei ciliegi. L’Orestea è qui uno spettacolo “in musica”, la cui partitura è curata dal compositore israeliano Ran Bagno. Su questo tappeto sonoro preciso e avvolgente si muovono le sensuali e misteriose coreografie di Noa Wertheim, direttrice della Vertigo Dance Company.

19 – 31 gennaio 2016
VANGELO
di Pippo Delbono
con gli attori della Compagnia Pippo Delbono
e del Teatro Nazionale Croato di Zagabria
testo, regia e film Pippo Delbono
musiche originali per coro e orchestra Enzo Avitabile
PRODUZIONE EMILIA ROMAGNA TEATRO FONDAZIONE e TEATRO NAZIONALE CROATO DI ZAGABRIA
co-produzione Théâtre Vidy Lausanne, Maison de la Culture d’Amiens – Centre de Création et de Production,
Théâtre de Liège in collaborazione con Teatro Comunale di Bologna e Cinémathèque Suisse, Lausanne

Artista puro, scosso da una inquietudine mai sopita, dalla ricerca spasmodica dello sconfinamento fra generi e linguaggi, rovistando nel solco fertile tra autobiografia e cronaca, Delbono crea insieme alla sua compagnia un’opera collettiva che coinvolge attori, danzatori, l’Orchestra e il Coro del Teatro Nazionale Croato di Zagabria. Un work in progress per una creazione lirica che sa raccontare le storie che attraversano il mondo contemporaneo per parlare di questo oggi complesso, «di questo oggi buio con squarci di luce». «Ho iniziato a filmare e a fotografare le immagini che ho incontrato nei miei viaggi. E poi ho iniziato a cercare paesaggi, mari, tramonti, cieli che mi narrassero miracoli, luce. “Quei calci lanciati verso il cielo − scriveva Pasolini guardando i ragazzi giocare a pallone – ci insegnano a lanciare i nostri desideri il più lontano possibile”. E alla fine mi sono rimaste dentro quelle immagini, quei suoni, quegli echi, quei silenzi sentiti in quei campi di zingari e di profughi, in quelle corsie d’ospedale, ma anche quella forza vitale trovata nei luoghi deputati al dolore»-

25 gennaio – 20 febbraio 2016
LEO
da un’idea di Alberto Nucci Angeli e Lorenzo Terranera
testo di Luisa Mattia e Alberto Nucci Angeli
scenografie di Lorenzo Terranera
regia, luci e costumi di Alessandro Serra
PRODUZIONE TEATRO DI ROMA

Nella Toscana del Quattrocento cresce Leonardo, figlio naturale di Ser Piero da Vinci. Leo vuole conoscere la madre, ma la sua condizione di figlio illegittimo glielo impedisce anche se gli consente di vivere senza obblighi familiari: non sarà notaio come suo padre… Singolare, originale e libero, Leo dispiega il suo estro. Il suo tempo è fatto di gioco, di immaginazione: tutto in lui stupisce e affascina. Ogni esperienza si trasforma in congettura, progetto, disegno, comprese le sue avventure nottetempo tra la grotta dei pipistrelli e il cimitero! Intelligenza e curiosità vincono l’incertezza, superano qualunque confine e sono gli elementi che fanno di Leo un vero “ponte” tra mondi diversi: cresce a contatto con una comunità rurale da cui impara linguaggio di strada, divertimenti, facezie e superstizioni e a cui restituisce un sapere colto, solido e innovativo. Il genio di un bambino che il mondo conoscerà come Leonardo da Vinci si rivela con decisa semplicità, sorprende e seduce.

2 – 14 febbraio 2016
TI REGALO LA MIA MORTE, VERONIKA
di Federico Bellini e Antonio Latella
liberamente ispirato alla poetica del cinema fassbinderiano
regia Antonio Latella
con Monica Piseddu
e in o. a. Valentina Acca, Caterina Carpio, Nicole Kehrberger, Candida Nieri,
Fabio Pasquini, Annibale Pavone, Maurizio Rippa
ombre Massimo Arbarello, Fabio Bellitti, Sebastiano Di Bella
scene Giuseppe Stellato - costumi Graziella Pepe - musiche Franco Visioli - luci Simone de Angelis
PRODUZIONE EMILIA ROMAGNA TEATRO FONDAZIONE
nell’ambito di Progetto Prospero

Con Ti regalo la mia morte, Veronika Antonio Latella incontra nuovamente la poetica di Rainer Werner Fassbinder, dopo la messa in scena di Querelle nel 2002 e delle Lacrime amare di Petra von Kant nel 2006. La base di questo nuovo lavoro non è però un testo teatrale dell’autore bavarese, ma parte dell’opera cinematografica che Fassbinder ha dedicato alla rappresentazione e all’analisi della donna. Partendo dalla rievocazione della vicenda di Veronika Voss, ultima tra le protagoniste del suo cinema, lo spettacolo incontra alcune tra le figure femminili grazie alle quali il regista ha consegnato forse una grande, unica opera in cui sguardo cinematografico e biografia personale tendono inevitabilmente a coincidere. Una corsa folle, senza protezioni, una prolungata allucinazione in cui realtà e finzione diventano quasi indistinguibili. Un viaggio nella mente di Veronika, diva sul viale del tramonto e vittima della morfina somministrata da medici senza scrupoli, dove i ricordi diventano illusorie gratificazioni e i sentimenti merce di scambio, dove persino la morte è accettabile, come liberazione o nuova possibilità.

16 – 21 febbraio 2016
7 MINUTI
di Stefano Massini
uno spettacolo di Alessandro Gassmann
con Ottavia Piccolo
e Paola Di Meglio, Silvia Piovan, Olga Rossi Balkissa Maiga, Stefania Ugomari Di Blas,
Cecilia Di Giuli, Eleonora Bolla , Vittoria Corallo , Arianna Ancarani, Giulia Zeetti
scene Gianluca Amodio - costumi Lauretta Salvagnin - light designer Marco Palmieri
musiche originali Pivio&Aldo de Scalzi - videografie Marco Schiavoni
PRODUZIONE EMILIA ROMAGNA TEATRO FONDAZIONE,
TEATRO STABILE DELL’UMBRIA, TEATRO STABILE DEL VENETO

Lavoro, donne e diritti, per dare voce e anima a undici operaie che raccontano le paure per il proprio futuro e per quello dei propri figli, le rabbie inconsulte e le angosce che situazioni di precarietà lavorative scatenano. Alessandro Gassmann incontra Ottavia Piccolo nel “dramma proletario” scritto da Stefano Massini per riflettere sulla dignità del lavoro, sui diritti acquisiti e sull’importanza di non perderli. Basato su un episodio realmente accaduto in una fabbrica francese, 7 minuti racconta il braccio di ferro tra le operaie tessili di Yssingeaux, nell’Alta Loira, e i nuovi dirigenti subentrati al controllo. Il fatto di cronaca risale al gennaio 2012 quando undici donne si riuniscono per decidere se accettare la riduzione di 7 minuti della pausa. Un’unica scena per descrivere i percorsi di vita di un gruppo di operaie, madri, figlie, capaci di raccontare un’umanità che tenta disperatamente di reagire all’incertezza del futuro. Ottavia Piccolo, tra questi undici caratteri, rappresenta una sorta di “madre coraggiosa” che indica una via alternativa, il tentativo di far prevalere la giustizia.

27 febbraio – 13 marzo 2016
CANDIDE
ispirato a Voltaire di Mark Ravenhill
traduzione Pieraldo Girotto
regia Fabrizio Arcuri
con Filippo Nigro, Lucia Mascino, Francesca Mazza, Francesco Villano, Matteo Angius
e altri interpreti in via di definizione
PRODUZIONE TEATRO DI ROMA
PRIMA NAZIONALE

Mark Ravenhill riscrive nel 2013 il Candide che Voltaire aveva composto nel 1759 come risposta indignata a coloro che si erano convinti che il terremoto, che aveva raso al suolo Lisbona quattro anni prima, fosse parte di un piano divino per il bene dell’umanità. Candide è un ottimista, un sognatore convinto che tutto andrà per il meglio. Poi all’improvviso il mondo, che ha creduto il migliore possibile, comincia a crollargli intorno. Due secoli dopo, Ravenhill compone un meccanismo che mette in ridicolo le certezze su cui si fonda il mondo contemporaneo. Un gioco scenico di teatro nel teatro di gusto shakespeariano che permette di avanzare una mossa nel gioco della società e far esplodere il tema del “futuro del nostro presente”. Con il Candide, Voltaire demolisce quella che considera la più grande idiozia culturale e ideologica del suo tempo, sulla quale i poteri (la Chiesa e lo Stato, differentemente) si fondano (o simulano di farlo). Con lo stesso testo ora Ravenhill aggredisce con estrema ironia i pregiudizi del nostro presente, le nostre opportunità che non sono altro che illusioni, e il nostro futuro che non è altro se non un presente frustrato.

15 – 20 marzo 2016
TANTE FACCE NELLA MEMORIA
drammaturgia a cura di Mia Benedetta e Francesca Comencini
liberamente tratto dalle registrazioni raccolte da Alessandro Portelli
regia Francesca Comencini
con Mia Benedetta, Bianca Nappi, Carlotta Natoli, Lunetta Savino, Simonetta Solder, Chiara Tomarelli
luci Gianni Staropoli - costumi Paola Comencini
PRODUZIONE ASSOCIAZIONE INARTE con il patrocinio della Regione Lazio

L’abbiamo applaudito, commossi, una sera al Teatro India, e abbiamo subito deciso che sì, doveva essere ripreso nel più prestigioso Teatro Argentina. Il Teatro è anche il luogo delle presenze che furono, della memoria del passato. Anche quando è un passato tragico e carico di orrore. La memoria di chi resta è più forte di ogni lapide, resoconto storico, ricostruzione a posteriori. Da questa riflessione nasce l’urgenza di portare in scena, e consegnare all’ascolto, le testimonianze dirette di sei donne che hanno attraversato il cruento eccidio delle Fosse Ardeatine: parenti delle vittime, partigiane, testimoni, come eroine riconosciute della Resistenza o anonime cittadine romane capitate quasi loro malgrado nella grande macchina della Storia. Grazie alle interviste fatte da Alessandro Portelli con il suo lavoro di ricostruzione, lo spettacolo dà voce alle storie di queste donne in un flusso dove le diverse voci si alterano, costruendo un’unica grande memoria storica. Una memoria al femminile narrata attraverso un percorso emotivo fatto di ricordi, intimità, piccoli gesti che hanno determinato la loro resistenza e perseveranza per raccontare una Roma diversa, che oggi non può che apparirci silenziosamente eroica.

16 – 20 marzo 2015 Sala Squarzina
ROME L’IVER
ideazione e regia Noel Casale&Xavier Marchand
tratto da Hitler e Mussolini. 1938. Il viaggio del Führer in Italia di Ranuccio Bianchi Bandinelli
e Isole. Guida vagabonda di Roma di Marco Lodoli
ideazione e realizzazione Noël Casale & Xavier Marchand
con Noël Casale
scene e costumi Anne Lezervant - luci Marie Vincent
co-produzione Espace Diamant / Ville d’Ajaccio, Compagnie, Lanicolacheur (Marsiglia)
con il sostegno di Collectivité Territoriale de Corse,
Le Hublot, à Colombes, Théâtre de la Joliette (Minoterie) – Marsiglia in collaborazione con l’Institut français Italia
Spettacolo in francese con sopratitoli in italiano
PRODUZIONE TEATRO DI ROMA

Rome l’hiver è un monologo che ci accompagna alla scoperta di una Roma diversa da quella “da cartolina”. Una veduta sulla Città eterna che tra passato e presente intreccia le pagine del diario personale di Ranuccio Bianchi Bandinelli con la Roma meno conosciuta, inattesa, quella raccontata da Marco Lodoli. Il viaggio inizia nel 1938 con il professore di archeologia Bandinelli, cooptato dal governo Mussolini per accompagnare il Duce e Hitler in visita ai musei di Roma e di Firenze. Per una settimana si troverà al fianco dei dittatori, testimoniando il loro modo di comportarsi, di parlare, di mangiare, di osservare... Alle pagine di questo diario si sovrappone lo sguardo rivolto al presente dello scrittore Lodoli. Siamo a Roma nel 2014. Attraverso brevi frammenti di testo, un’altra faccia della città prende forma. Un arcipelago formato da tanti isolotti: il frontone di una chiesa trasformato dalle bocche di leone, la trattoria del quartiere Pigneto, un libraio o un calzolaio senza età... Tra i quali scorre il Tevere. 

23 – 25 marzo 2016
Theatre des Bouffes du Nord
JOURNAL D’UN CORPS
di e con Daniel Pennac
adattamento teatrale Daniel Pennac e Clara Bauer
regia Clara Bauer
scene, costumi e luci Oria Puppo - musiche Jean-Jacques Lemêtre
produzione C.I.C.T. / Théâtre des Bouffes du Nord
in coproduzione con Les Théâtres de la Ville de Luxembourg, Compagnie Mia
produttore delegato per l’ltalia Roberto Roberto per Laila srl
Il libro Journal d’un corps è edito in Francia da Editions Gallimard
e in Italia, con il titolo Storia di un corpo da Feltrinelli con la traduzione di Yasmina Melaouah
spettacolo in francese con sopratitoli in italiano

Daniel Pennac porta in scena la lettura-teatrale dal suo romanzo Journal d’un corps, il diario che un uomo tiene degli stati successivi del suo corpo dai 12 agli 87 anni. È a prima vista il più intimo dei diari, ma non appena ci addentriamo, scopriamo che questo giardino tanto segreto è il più comune dei nostri territori. Così, sul palcoscenico prende forma il diario delle sorprese che il suo corpo, nell’arco di una vita intera, fa alla sua mente. La lettura ad alta voce sgorga allora naturale, come passaggio dal singolare al plurale, dal corpo unico del lettore al corpo comune del pubblico. Come testimoniare la realtà di questa macchina fisica con cui ognuno di noi si compone durante tutta la propria esistenza? Con Journal d’un corps Pennac decide di portarci sul terreno delle secrezioni, dei dolori e degli umori. Nella forma di un check-up di lungo corso, il diario di bordo che lui presta all’eroe del suo romanzo ha, come oggetto primario, l’involucro carnale che ci serve da veicolo dal primo vagito fino all’ultimo sospiro. Quasi un nuovo manuale del saper vivere destinato a tutte le generazioni

30 marzo – 10 aprile 2016
PREAMLETO
di Michele Santeramo
regia Veronica Cruciani
con (in ordine di apparizione) Massimo Foschi, Manuela Mandracchia,
Michele Sinisi, Gianni D’addario, Matteo Sintucci
scene e costumi Barbara Bessi - luci Gianni Staropoli - musiche Paolo Coletta
PRODUZIONE TEATRO DI ROMA

In Preamleto Michele Santeramo, partendo dall’Amleto di Shakespeare, racconta cosa succede prima della morte di Re Amleto, analizzando in chiave contemporanea il concetto di potere. “ll potere a questo serve: a continuare a comandare”. Re Amleto è malato: non ha più memoria. Non ricorda niente, nemmeno chi sia sua moglie, né chi sia suo figlio Amleto, né tantomeno a quale faccia corrisponda suo fratello Claudio. Non ricorda niente ma comanda ancora, con potere di vita e di morte su tutti. La perdita continua della memoria produce nel personaggio del Re una tenerezza e una forza comica che sono centrali nel testo, accompagnate dalla presenza di Polonio, consigliere timoroso, sempre indeciso, pronto comunque ad “accorrere in soccorso dei vincitori”, come molte figure di questa Italia. Indagare su quel che può accadere prima dell’Amleto significa provare a scoprire intrecci e motivazioni che nel testo shakespeariano si affidano solo alla fantasia dello spettatore. La sensazione è che quella storia sia diventata il modello a cui l’umanità si è ispirata, e che ha ben saputo replicare nella vita di tutti i giorni; una storia che non accadrebbe se non venisse ispirata dalla parola “vendetta”.

13 – 17 aprile 2016
VITA AGLI ARRESTI DI AUNG SAN SUU KYI
scritto e diretto da Marco Martinelli
ideazione Marco Martinelli e Ermanna Montanari
con Ermanna Montanari, Roberto Magnani, Alice Protto Massimiliano Rassu
incursione scenica Fagio
musica Luigi Ceccarelli
spazio scenico e costumi Ermanna Montanari
luci Francesco Catacchio, Enrico Isola
montaggio ed elaborazione video Alessandro Tedde, Francesco Tedde
realizzazione suono Edisonstudio Roma
PRODUZIONE TEATRO DELLE ALBE, RAVENNA TEATRO

Il Teatro delle Albe guarda a oriente per raccontare la vita di Aung San Suu Kyi, una vita passata per oltre 20 anni agli arresti domiciliari, sotto la dittatura militare che opprime la Birmania da più di mezzo secolo. La scrittura di Martinelli parte dalla figura di questa donna mite e determinata, Nobel per la pace nel 1991, interpretata da Ermanna Montanari (premio Eleonora Duse 2013), per allargarsi a una riflessione sul mondo contemporaneo, alla necessità di cantare “la maestà della vita”. Sul palcoscenico si snodano cinquant’anni di vita birmana, dal sacrificio del padre di Aung San Suu Kyi che orienta la sua vita, fino alle sue scelte, in tempi e luoghi differenti, tornando a quella casa in cui la combattente per la pace è stata reclusa come una mistica, sola con il proprio inconscio, i propri sogni e fantasmi. Qui si mostra lo scandalo della bontà: se vogliamo cambiare il mondo, la bontà è un’eresia necessaria. Eresia, ovvero, etimologicamente, scelta: si sceglie di non cedere alla violenza, alla legge che domina il mondo, si sceglie di restare “esseri umani”. Nonostante tutto.

20 aprile – 8 maggio 2016
CALDERON
di Pier Paolo Pasolini
regia Federico Tiezzi
con Sandro Lombardi, Lucrezia Guidone, Graziano Piazza, Silvia Pernarella, Josafat Vagni, Debora Zuin
PRODUZIONE TEATRO DI ROMA E FONDAZIONE TEATRO DELLA TOSCANA

Calderón è la straordinaria riscrittura del classico La vita è sogno di Pedro Calderón de la Barca, che Pasolini ambienta nella Spagna franchista durante gli anni del regime. Ma Calderón è soprattutto una precipitosa discesa agli inferi: del mondo sociale e di se stessi. Come un sogno che si chiude sempre in un altro sogno, Rosaura si risveglia in una classe sociale sempre diversa. Dal mondo aristocratico a quello piccolo-borghese fino alla miseria sottoproletaria, Rosaura è sempre straniera. Come straniero è sempre stato il suo scomodo autore, poeta civile, ma anche mistico, disperato profeta. Bloccati in una storia e in una società cui non vogliono appartenere, i protagonisti di Calderón vivono nello spazio doloroso fra la rabbia e la nostalgia, l’amore per il mondo e il rancore verso gli adulti, i padroni della storia. Scritto nel 1966 e pubblicato nel 1973, unico dramma teatrale pubblicato in vita da Pasolini, il testo è la grande parabola di un conflitto generazionale più che mai contemporaneo. Tragedia in versi, dramma di poesia, grandioso affresco storico, Calderón risulta tuttora il punto più alto della drammaturgia italiana del secondo Novecento.

11 – 15 maggio 2016
BATTLEFIELD
tratto dal Mahabharata
di Peter Brook, Jean-Claude Carrière e Marie-Hélène Estienne
regia Peter Brook e Marie-Hélène Estienne
con Carole Karemera, Jared McNeill, Ery Nzaramba, Sean O’Callaghan
musiche Toshi Tsuchitori
luci Philippe Vialatte
Produzione C.I.C.T. / Théâtre des Bouffes du Nord
in coproduzione con Young Vic Theatre, C.I.R.T., Singapore Repertory Theater,
Les Théâtres de la ville de Luxembourg, PARCO Co. Ltd. / Tokyo / Japan

A distanza di trent’anni dal suo Mahabharata, opera memorabile e monumentale, il maestro della scena internazionale Peter Brook torna sul palcoscenico con il celebre poema epico indiano, uno dei testi fondamentali della religione induista. Nel 1985 la sua messinscena sconvolse il Festival di Avignone. Oggi, con Battlefield, Brook prova a far rivivere una storia di violenza e rimorso che interroga il nostro tempo e riflette i conflitti che straziano il nostro mondo. Non un semplice racconto, ma una guerra di sterminio che si consuma tra fazioni della stessa famiglia dei Bharata. Una storia universale che ci insegna ancora, inaspettatamente, ad aprire gli occhi di fronte alle realtà che la vita ci presenta. Da una parte sono schierati cinque fratelli, i Pandava, dall’altra i loro cugini, i Kaurava, i cento figli del Re cieco Dhritarashtra. Alla fine del conflitto prevalgono i Pandava, il più anziano dei quali, Yudishtira, deve salire al trono con il peso di una vittoria macchiata dalla distruzione. ll re Dhritarashtra, che ha perso tutti i suoi figli, e il nuovo re, suo nipote Yudishtira, condividono lo stesso bruciante dolore, eppure dovranno assumersene la responsabilità.

18 – 29 maggio 2016
RITRATTO DI UNA NAZIONE
L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro – Venti scene dall’Italia di oggi
un progetto di Antonio Calbi
regia Fabrizio Arcuri
PRODUZIONE TEATRO DI ROMA

Per restituire al teatro in modo più palese e potente il suo essere specchio delle comunità, e soprattutto il suo essere presente al proprio tempo, abbiamo immaginato quattro paesaggi teatrali, uno per ciascuna stagione, in forma di ritratti. Il primo è stato Ritratto di una Capitale – Ventiquattro scene di una giornata a Roma, andato in scena nel novembre 2014, pochi giorni prima che Mafia Capitale scoppiasse come una eruzione che ancora oggi scotta. 24 autori, più 2 guest, Franca Valeri e Corrado Augias, interpreti di se stessi, ad aprire e chiudere l’alfabeto di una piccola folla di artisti, fra cui 60 interpreti, impegnati con generosità e entusiasmo nel dare corpo, voce, immagini, suoni, al ritratto scenico di una Capitale mancata di una Nazione senza Stato. Razzismo, violenza, disorientamento, malinconie e tragedie, mafie varie, fiorite dal malcostume, di una metastasi urbanistica priva di valori civici, cinicamente disinteressata al “bene comune”. Ma anche sberleffi, comicità spassosa, financo un grottesco funerario, in un insieme assai eloquente del mondo fuori dal Teatro Argentina, così amaro e plumbeo. Obiettivo raggiunto, dunque, se è vero che da quel novembre il velo è stato squarciato e il marcio è emerso lasciandoci attoniti. Nel maggio 2016 ecco il nuovo paesaggio: Ritratto di una Nazione – L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro – Venti scene dall’Italia di oggi, adotta la medesima forma, quella di un polittico etico, estetico, poetico, con 20 autori a firmare altrettante scene sul tema del lavoro, di chi ce l’ha e di chi l’ha perduto o non l’ha mai trovato. Tutte le regioni a Roma, dunque, con il sapore delle loro differenti geografie naturali, sociali, antropologiche, linguistiche. Alla regia nuovamente Fabrizo Arcuri, set virtuale di Luca Brinchi e Roberta Zanardo/Santasangre e di Daniele Spanò, colonna sonora live dei Mokadelic. Un progetto che sentiamo ancora più forte e necessario, e che è, a oggi, privo di economie. Si palesino, dunque, sostenitori, partner, mecenati, in modo che il progetto diventi realtà.

30 maggio – 5 giugno 2016
Laboratorio Teatrale Integrato Piero Gabrielli
CAROSELLO ITALIANO
adattamento Attilio Marangon
regia Roberto Gandini
con gli allievi del Laboratorio Teatrale Integrato Piero Gabrielli – Pilota
scene Paolo Ferrari
costumi Loredana Spadoni
musiche Roberto Gori
PRODUZIONE TEATRO DI ROMA

L’identità nazionale raccontata attraverso un “carosello” teatrale di storie, canzoni e pantomime. Racconti e suggestioni dei giovani italiani di ogni epoca che hanno messo in gioco la loro vita per conquistare la libertà. Giovani che non si preoccuparono dei rischi, che non fecero calcoli di convenienza, ma che vollero a ogni costo realizzare il sogno di Garibaldi, di Mazzini e di Cavour. Sono le storie che ci rappresentano, che ci fanno sentire italiani.

14 – 16 giugno 2016
ULTIMO INVENTARIO PRIMA DELLA LIQUIDAZIONE
HOMMAGE À PIER PAOLO PASOLINI
di ricci/forte
con Anna Gualdo
Giuseppe Sartori, Liliana Laera
scene Francesco Ghisu
movimenti Marco Angelilli
costumi Gianluca Falaschi
PRODUZIONE CSS TEATRO STABILE DI INNOVAZIONE DEL FRIULI VENEZIA GIULIA E
FESTIVAL DELLE COLLINE TORINESI

I romanzi di Pier Paolo Pasolini, un terreno civile disseminato da andirivieni, spiazzamenti continui, cadute e riprese tematiche, la discussione di un lavoro che trova l’unità nel suo farsi, nei risentimenti di un “io” spavaldo e insieme turbato. Uno sguardo non lineare, un non finito michelangiolesco, per restituire il bisogno di etica che Pasolini denunciava da quelle pagine congedate. Cuore di un tempo, il nostro, così turbato e letargico, pronto a cambiare direzione in un panorama privo di ideali. Lingue e nazionalità differenti saranno il collante di questa frammentarietà, conteggio delle macerie, ma anche condivisione delle istanze che muovono le nuove generazioni europee, impantanate in un vischioso apparente benessere propinato da uno Stato confuso. Uno smascheramento della società attraverso lo sguardo visionario e critico di un ensemble che da sempre si interroga sulle metamorfosi del presente. È l’essenza parziale, tronca, delle opere letterarie di Pasolini ad attrarre per il suo spirito profetico. Una scrittura allucinata per combattere l’edonismo imperante; un disordine che racconta la voglia di vita; l’esplosione del bisogno di valori, nascosti sotto la frantumazione della morale; la tensione kantiana dei dettagli di un corpo che si fa simbolo universale. Un appuntamento artistico e un impegno, in questo attuale medioevo culturale, inderogabile.

 

STAGIONE 2015/2016 - TEATRO INDIA

7 – 14 settembre 2015
SHORT THEATRE
Giunge alla decima edizione il Festival multidisciplinare ideato e organizzato da AREA06 a Roma con la direzione artistica di Fabrizio Arcuri. Territorio d’indagine è la scena contemporanea: teatro, danza, musica, installazioni, video, performance, clubbing, tutte le contaminazioni di generi e formati che tentano di trovare una lingua innovativa per descrivere la nostra contemporaneità. La programmazione italiana e internazionale, la presenza, rinnovata e accresciuta, di momenti di discussione e di studio: questi gli ingredienti di un discorso, che quest’anno sarà intorno al tema della “Nostalgia di futuro”. Il Teatro India ospiterà le fasi preparatorie di Fabulamundi. Playwriting Europe e IYMA – International Young Makers in Action; inoltre, il 13 settembre, la dimostrazione dell’Ecole des Maîtres diretta dal regista croato Ivica Buljan.

19 – 24 settembre 2015
FABULAMUNDI
PLAYWRITING EUROPE CROSSING GENERATIONS
Progetto di cooperazione europea intorno alla drammaturgia contemporanea
Vincitore dei fondi europei: Programma Cultura 2007/2013 e Programma Europa Creativa 2014/2020

Il Teatro di Roma si associa quest’anno alla rete di partner di Fabulamundi. Playwriting Europe che da settembre 2013 promuove la drammaturgia contemporanea di Italia, Francia, Germania, Spagna e Romania, presentando letture e mise en espace, laboratori e residenze degli autori contemporanei selezionati in ciascun paese. Le attività prevedono un focus sulle 5 drammaturgie sulla tematica “crossing generations”. Aderiscono alla rete: per l’Italia PAV (coordinatore di progetto), Teatro I (Milano) e Short Theatre (Roma); per la Francia, Theatre Ouvert a Parigi e la Mousson d'étè a Pont à Mousson; per la Spagna, Sala Beckett a Barcellona; per la Germania, Theater an Der Parkaue e Itz Berlin, entrambi a Berlino; per la Romania, Teatrul Odeon di Bucarest e National Theatre di Targu Mures.

30 settembre – 18 ottobre 2015 Sala B
L’ESPOSIZIONE UNIVERSALE
di Luigi Squarzina
regia Piero Maccarinelli
con Luigi Diberti, Stefano, Arianna Di Stefano, Laurence Mazzoni, Sara Pallini, Alice Spisa
e gli interpreti del Corso di Perfezionamento per Attori della Scuola del Teatro di Roma
Roberto Caccioppoli, Maria Teresa Campus, Paride Cicirello, Giulio Maria Corso,
Vincenzo D’Amato, Gregorio De Paola, Carmine Fabbricatore, Michele Lisi Pietro Masotti,
Stefano Scialanga, Nicola Sorrenti, Jacopo Uccella
costumi Gianluca Sbicca - musiche Antonio Di Pofi - movimenti scenici Francesco Manetti
immagini Istituto Luce - scelte da Roland Sejko - montaggio Luca Onorati
PRODUZIONE TEATRO DI ROMA

Potente affresco ambientato nella Roma post-bellica, tra gli scheletri degli edifici incompiuti dell’E42 (l’Esposizione Universale di Roma prevista per il 1942 e cancellata dalla guerra), L’Esposizione Universale ci racconta di un pezzo lacerante della storia della Capitale e ci illumina su ciò a cui assistiamo, attoniti, oggi. Mai rappresentato per divieto della censura e rimasto inedito per le scene italiane fino a questo allestimento di Piero Maccarinelli, che ha debuttato a giugno 2015, il testo ripercorre le vicende umane di un gruppo di sfollati, provenienti da tutta Italia con percorsi e speranze molto diverse, che si intrecciano con le speculazioni edilizie della ricostruzione, il malaffare, la miseria, in una storia di illusioni perdute che, riletta oggi, appare profetica.

19 – 21 ottobre 2015
IL GRANDE MALE (Armenia)
uno spettacolo civile dedicato al centenario del genocidio armeno
testo e regia Sargis Galstyan
con Antonio Conte, Jonis Bascir, Ermanno De Biagi, Vincenzo De Michele, Marine Galstyan,
Lorenzo Girolami, Arsen Khaciatryan, Claudia Mancinelli, Sargis Galstyan
luci Andrea Panichi - regia musicale Jonis Bascir - costumi Sabrina Beretta - grafica video Edmondo Angelelli
Produzione Compagnia InControVerso in collaborazione con l’Ambasciata della Repubblica d’Armenia in Italia

Berlino, 1921. Lo studente armeno Soghomon Tehlirian è sotto processo per aver ucciso con un colpo di pistola Talaat Pasha, uno degli organizzatori del genocidio, rifugiato nel 1919 in Germania sotto falso nome, per sfuggire a una condanna a morte per “crimine di lesa umanità” a danno delle popolazioni armene residenti nell’Impero Ottomano. Dopo due giorni di processo è Talaat – del quale vengono ricostruite le atroci gesta attraverso le drammatiche rivelazioni dei sopravvissuti chiamati a deporre – a essere condannato moralmente: le prove a suo carico sono talmente terrificanti che Tehlirian viene assolto per l’omicidio da lui compiuto. Gli atti processuali dai quali nasce Il grande male sono una preziosa chiave per comprendere quell’immane tragedia che fu il genocidio armeno nel 1915. Attraverso i dialoghi riportati fedelmente dalle testimonianze scritte e le immagini dell’epoca proiettate in scena si va a formare un vortice di informazioni documentate che guidano lo spettatore nel dramma degli avvenimenti di quegli anni e portano luce su un capitolo dimenticato della storia dell’uomo.

23 – 24 ottobre 2015
DREAMSPELL (Lituania)
dal Sogno di August Strindberg
regia Kamilė Gudmonaitė
con Mantas Zemleckas, Danas Kamarauskas,
Gražvydas Staigvilas, Balys Ivanauskas, Aurimas Baėinskas, Edgaras Žemaitis
coro Rėta Žibaitytė, Danguolė Petrikaitė, Gintarė Kulikauskytė, Jovita Skardžiėtė, Paulina Simutytė
Produzione UTOPIA Theatre - Accademia di Musica e Teatro di Lituania Lithuanian national drama theatre
in collaborazione con Ambasciata della Repubblica di Lituania in Italia
Ministero della Cultura della Repubblica di Lituania

Un poeta si ritrova in un sogno misterioso con un unico compito: aprire la porta dietro la quale potrebbe essere nascosto l’enigma del mondo. Fin dall’inizio è chiaro che l’apertura della porta sarà un processo “kafkiano”... Dreamspell è l’opera prima di Kamilė Gudmonaitė, studentessa lituana al terzo anno di regia, che attraversa il Sogno di Strindberg per trasportarci in un’atmosfera di influenze turche, giapponesi e tibetane, dove le diverse scene sono immaginate come quadri viventi permeati da canti e azioni fisiche. Un invito a immergersi nel gioco della magia teatrale che, attraverso la metafora di una scuola grottesca, ci interroga sull’identità umana e sul senso della vita. Nell’equilibrio tra la logica e l’irrazionalità, Dreamspell si pone alla ricerca dello stato mentale tra il sonno e la veglia, in quello spazio dove i pensieri più profondi non sottostanno alla razionalità. «Se ci fosse una porta che potesse rivelare cose sconosciute – racconta la regista – ci sarebbe sempre un qualche meccanismo per bloccare il tuo desiderio “pericoloso” di aprire quella porta».

27 ottobre – 1 novembre 2015 sala A
SONO PASOLINI
composizione per coro e attore solista in funzione di Lettore
oratorio Giovanna Marini
testi Pier Paolo Pasolini
prima Lettera Luterana e Canti della Nuova Gioventù
con Vinicio Marchioni
e il Coro Favorito
della Scuola Popolare di Musica di Testaccio
maestro di coro Patrizia Rotonda
PRODUZIONE TEATRO DI ROMA
PRIMA NAZIONALE

Giovanna Marini, una delle musiciste più espressive del panorama musicale popolare e contemporaneo, indaga nel profondo l’universo e la vita di Pasolini per riempire la musica dei suoi versi che parlano dell’oggi, della gioventù isterilita e lontana dai sogni, ma anche degli ideali, degli entusiasmi e degli amori veri. La voce del poeta, messa a tacere nella notte del primo novembre 1975 all’Idroscalo di Ostia, resiste al tempo e torna a vivere nella composizione per coro e attore solista in funzione di Lettore che la musicista romana porta in scena per presentarci “Pier Paolo Pasolini di fronte a se stesso”. Così si apre il dibattito cantato tra il Lettore che legge I giovani infelici da Lettere Luterane e il Coro che ascolta, canta e commenta, ma sempre con parole di Pasolini: quelle delle poesie in friulano della Nuova Gioventù, piene di dolcezza e di nostalgia. Ecco Pasolini ancora una volta con sé e contro di sé per un moderno oratorio a quarant’anni dalla sua terribile morte.

18 – 22 novembre 2015
ALTROVE
scritto e diretto da Paola Ponti
con Massimo De Lorenzo, Costance Ponti, Tiziano Caputo
luci Danilo Facco
Produzione Compagnia della Luna

Può un ragazzo della periferia, senza istruzione, con un padre padrone e un redditizio lavoro di spacciatore, immaginare un’altra vita? La sua esistenza scorre nella routine della quotidianità: lo spaccio, i bar, le botte e una inusuale passione per il flauto traverso. Tutto tra le quattro vie del quartiere. Sembra non esserci presa di coscienza, le ore scorrono una dietro l’altra. Sembra non esistere nemmeno la possibilità di pensarlo un altrove, quando una sera, per caso, compare una giovane straniera, che, a differenza del ragazzo, non ha ancora smesso di sognare. “Dura tutto un attimo, dice la protagonista femminile. Dura tutto un attimo. La vogliamo anche fare difficile?” Altrove è la possibilità di avvicinarsi di più a se stessi, per non accorgersi alla fine di aver vissuto la vita di qualcun altro. Immaginarsi un altro luogo significa per i protagonisti avere la possibilità di vivere la propria vita. Per il padre è troppo tardi. Le sue scelte l’hanno ormai soffocato. Per i ragazzi forse c’è ancora tempo. Si trovano in quell’istante appesi al filo, quando presto tutto potrebbe essere già passato.

19 – 29 novembre 2015
L’ULTIMA ESTATE DELL’EUROPA
di Giuseppe Cederna e Augusto Golin
regia Ruggero Cara
con Giuseppe Cederna
musiche originali eseguite dal vivo di Alberto Capelli e Mauro Manzoni
scene Rosanna Monti
costumi Alexandra Toesca
luci Giuseppe La Torre
Produzione Art Up Art

Sarajevo, domenica 28 giugno 1914. Sono le dieci del mattino di una splendida domenica d’estate. Fra quarantacinque minuti due colpi di pistola sconvolgeranno quel mondo. Un tumulo informe di sacchi e legni anneriti dal fuoco diventa la zattera a cui si aggrappa il protagonista dello spettacolo, un naufrago della Grande Guerra. Un sopravvissuto. Posseduto dall’implacabile progressione della memoria e incalzato dai temi musicali dei luoghi e dei personaggi, Giuseppe Cederna dà voce e corpo a quell’umanità di vittime e di carnefici che trasformarono l’Europa in un immenso mattatoio. Quasi 10 milioni di soldati uccisi al fronte, 7 milioni di civili morti, più di 20 milioni di feriti e mutilati, la Grande Guerra fu la prima grande carneficina di massa. Memorie, poesie, storie, lettere dal fronte per raccontare pensieri, preghiere, illusioni, desideri, paure: dai Futuristi ai Generali, dai fanti mandati a morire sul Carso e sull’Isonzo ai loro compagni di naufragio, spettri usciti dalle trincee austriache, fino alle parole di scrittori e poeti come Owen, Stuparich, Gadda, Ungaretti, Trilussa, Rumiz. Dall’esaltazione patriottica alla consapevolezza del terrore delle trincee. Dalle “radiose giornate di maggio” alla notte di Caporetto.

25 – 29 novembre 2015
TRINCEA
scritto e interpretato da Marco Baliani
regia Maria Maglietta
scene e luci Lucio Diana
musica e immagini Mirto Baliani
visual design David Loom
Produzione Marche Teatro in coproduzione con Festival delle Colline Torinesi

La scena è una grande pagina bianca, uno spazio sospeso, un luogo che attende di vivere. In questo tempo inceppato in un puro e denso presente, il corpo di un qualsiasi soldato, anonimo e senza una precisa nazionalità, inizia a muoversi con improvvisi vuoti dell’anima. E allora riaffiorano schegge di vita nel luogo più emblematico di questa guerra lontana cento anni: la “trincea” della Prima guerra mondiale. Movimento, suono, immagini, parole per mostrare l’indicibile, la follia, la paura, la perdita di identità di quella guerra che trasforma il singolo soldato in ingranaggi di un’enorme fabbrica produttrice di morte. Su tutto la fame, di cibo, di acqua, di umanità, di relazioni per un viaggio dentro la notte della nostra “modernità”. Uno spettacolo aspro, crudo, a tratti grottesco, dove il soldato è un corpo narrante, tragico baluardo di un disperato istinto di sopravvivenza, sottoposto alla casualità di un morire inutile e atroce. Non c’è un’unica storia, non c’è il racconto di un solo uomo, ma diversi istanti di vita di uomini “comuni” nelle condizioni disumane della Prima guerra mondiale.

1 – 6 dicembre 2015
MILITE IGNOTO
quindicidiciotto
uno spettacolo di Mario Perrotta
tratto da Avanti sempre di Nicola Maranesi
e da La Grande Guerra, i diari raccontano, un progetto a cura di Pier Vittorio Buffa e Nicola Maranesi
per Gruppo editoriale L’Espresso e Archivio Diaristico Nazionale
Produzione Permàr, Archivio Diaristico Nazionale, dueL, La Piccionaia

Il racconto del primo, vero momento di unità nazionale. Nelle trincee di sangue e fango della prima guerra mondiale veneti e sardi, piemontesi e siciliani, pugliesi e lombardi si sono conosciuti e ritrovati vicini per la prima volta, accomunati dalla paura e dallo spaesamento per quell’evento più grande di loro. Il racconto dell’ultimo evento bellico dove il milite ebbe ancora un qualche valore anche nel suo agire solitario, mentre da quel conflitto in poi – anzi, già negli ultimi sviluppi dello stesso – il milite divenne, appunto, ignoto, dimenticato in quanto essere umano che ha un nome e un cognome, una faccia e una voce. Nella Prima guerra mondiale, gradatamente, anche il nemico diventa ignoto, perché non ci sono più campi di battaglia per i “corpo a corpo”, dove guardare negli occhi chi sta per colpirti a morte, ma ci sono trincee dalle quali partono proiettili e bombe anonime, senza un volto da maledire prima dell’ultimo respiro. Attraverso una lingua d’invenzione nata dal mescolamento di tutti i dialetti italiani, uno spettacolo che esalta le piccole storie di singoli uomini che hanno vissuto quei tragici eventi, per gettare altra luce sulla grande storia.

7 – 20 dicembre 2015 Sala A
Teatro di Roma
LEAR DI EDWARD BOND
adattamento e regia Lisa Ferlazzo Natoli
traduzione Tommaso Spinelli
con Danilo Nigrelli, Fortunato Leccese, Anna Mallamaci,
Emiliano Masala, Alice Palazzi, Pilar Perez Aspa, Francesco Villano
luci Luigi Biondi
suono Alessandro Ferroni e Umberto Fiore
scene, costumi, immagini e video Luca Brinchi, Fabiana Di Marco Maddalena Parise, Daniele Spanò
immagini a china Francesca Mariani
collaboratore artistico Roberta Zanardo
PRODUZIONE TEATRO DI ROMA in coproduzione con lacasadargilla
PRIMA NAZIONALE

Lear di Edward Bond affronta la questione tutta contemporanea dei confini e delle ferite su cui si sono edificate le controverse democrazie dell’Occidente. Non a caso nella vicenda tutto gira intorno a una compressione, a uno stato di pericolo diffuso, in cui Lear – autocrate paranoico – costruisce un muro per tenere fuori i nemici. Non a caso si parla di violenza in tutte le sue forme, quelle private e quelle più sapientemente democratiche; di società che manipolano il concetto di violenza, rendendolo via via più minuzioso fino a farlo diventare accettabile. Lear di Edward Bond racconta di un mondo dominato dal mito originario dello Stato e della Legge come cosa privata e oscenamente casalinga e del suo inevitabile precipizio. Perché, come dice lo stesso Bond: “non abbiamo bisogno di un piano per il futuro, abbiamo bisogno di un metodo per cambiare”.
Lear è l’ultima tappa del progetto Linee di confine, cantiere aperto a una serie di dispositivi teatrali ed eventi ‘non teatrali’ che, dalla pubblicazione della traduzione inedita del Lear alla mostra di fotografie Wallonwall di Kai Wiedenhöfer, hanno permesso di operare intorno al pensiero di Edward Bond, a certe questioni e narrazioni così prossime al mondo contemporaneo 

RASSEGNA DI DANZA

9 – 10 dicembre 2015
TERRAMARA
coreografia Michele Abbondanza
con Eleonora Chiocchini e Francesco Pacelli
cura del riallestimento Antonella Bertoni
musiche Bach, Yared, Borè e musiche della tradizione popolare
scene Lucio Diana
luci Carlo Meloni
costumi Marta Griso
Produzione 1991 Drodesera Centro Servizi Culturali Santa Chiara
produzione 2013 Compagnia Abbondanza/Bertoni
Progetto RIC.CI (Reconstruction Italian Contemporary Choreography ’80-’90

Prima creazione del duo Abbondanza/Bertoni, che avrebbe continuato a sondare nei modi più diversi il tema del rapporto uomo-donna, Terramara rinasce dalla versione originaria del 1991 in una completamente rinnovata. Una magia tutta umana che riporta sul palcoscenico amore e danza per un incontro fatto non solo di ricordo, ma di flussi vitali che continuano, come vuole l’arte coreografica. Con i suoi echi bachiani e le fitte suggestioni ungheresi, indiane, rumene ma anche siciliane, la pièce era delicatamente tesa a ricordare i caratteri di una “mediterraneità” tutta nostra, esemplare, e forse da scoprire. Gli interpreti danzano tra centinaia di arance riversate in scena, a scivolare sul tempo che scorre e sulle trasformazioni dell’amore, riconfermando la bontà di una terra “amara” ma generosa nell’intreccio coreografico e nella fisicità a tinte calde.

12 – 13 dicembre 2015
Fattoria Vittadini
DUETTO
L’importanza della trasmigrazione degli ultimi sciamani
coreografia Alessandro Certini e Virgilio Sieni
con Mattia Agatiello, Riccardo Olivier
scene Tiziana Draghi
costumi Loretta Mugnai
luci Roberta Faiolo
Produzione Fattoria Vittadini
Progetto RIC.CI (Reconstruction Italian Contemporary Choreography ’80-’90)

Duetto è uno spettacolo messo in scena nel 1989 da Virgilio Sieni e Alessandro Certini, oggi riproposto da Fattoria Vittadini, compagnia costituita da giovani danzatori formati alla Scuola Paolo Grassi di Milano. “Il racconto di una sfida tra due guerrieri e del loro smarrimento di fronte al combattimento”. Così Sieni racconta Duetto, una fra le pièce coreografiche più innovative nell’Italia degli anni Ottanta, dove la danza dialoga sul bene e sul male con piglio ora epico ora ironico. Un racconto gestuale per due danzatori, in abiti ricchi, dorati, di foggia indiana, che suggeriscono con le sole mani e un gioco di teste il confronto, l’inseguimento e la lotta dei due guerrieri del Bhagavadgîtâ, episodio del poema epico Mahabharata. Duetto lega la danza pura, narrativa e il folklore, disperdendo le influenze del teatrodanza indiano in un flusso continuo con il solo alternarsi di buio e luce.

15 – 17 dicembre 2015
FEAR PARTY
regia, coreografia, scene, costumi Enzo Cosimi
interpreti Paola Lattanzi, Pablo Tapia Leyton
musica Chris Watson
luci Gianni Staropoli
Produzione Compagnia Enzo Cosimi e MiBACT in collaborazione con AMAT
con il sostegno per le residenze di Kilowatt Festival
ACS Abruzzo Circuito Spettacolo C.L.A.P. Spettacolodalvivo

«Tutti sperimentiamo la paura, ma non sapremmo che è paura se non fossimo costituiti già fin dall’inizio coraggiosi.» Uno spettacolo per esplorare il profilo della paura, le sue diverse valenze psicologiche, i suoi inneschi e disinneschi collettivi. Paure intime dell’uomo contemporaneo, angosce iniettate dal germe della macchina sociale. Sistemi di vita che non possiamo controllare. Il lavoro affronta il tema attraverso una scrittura del corpo aperta, mettendo in atto un’impalcatura del gesto in equilibrio tra rigore astratto, disciplina e pulsioni sensoriali. Malinconia e paura si legano a visioni grottesche generando una scrittura sospesa tra densità e leggerezza. Lo spettacolo è la prima tappa della trilogia Sulle passioni dell’anima.

18 dicembre 2015
BASTARD SUNDAY
dedicato a Pier Paolo Pasolini
regia e coreografia Enzo Cosimi
interpreti Paola Lattanzi, Pablo Tapia Leyton
video e progetto visivo Enzo Cosimi
musica originale Robert Lippok
luci Stefano Pirandello
Produzione Compagnia Enzo Cosimi e MiBACT in coproduzione
con Fondazione Teatro Comunale di Ferrara, Fondazione Musica per Roma

Ispirato alla figura e all’opera di Pier Paolo Pasolini, Bastard Sunday amplifica e viviseziona, attraverso un’impalcatura drammaturgica, la visione poetica pasoliniana, aprendola a una complessità inedita. Interpretato da una figura femminile androgina insieme a una figura maschile, lo spettacolo si muove in un paesaggio astratto, sospeso, rarefatto che arriva alla fine a caricarsi di un presagio di speranza. Bastard Sunday si avvale per le musiche della collaborazione del musicista e compositore berlinese Robert Lippok dei To Rococo Rot, artista tra i più interessanti e innovativi della scena musicale elettronica europea.

19 – 20 dicembre 2015
CALORE
regia, coreografia, scena, costumi Enzo Cosimi
interpreti Francesco Marilungo, Riccardo Olivier, Francesca Penzo Alice Raffaelli
musiche Glenn Branca, Benjamin Britten, Liquid-Liquid Chris Watson. Musica Popolare Africana
luci Stefano Pirandello - abito Gianni Serra - gioiello Cristian Dorigatti
Produzione Compagnia Enzo Cosimi e MiBACT
in collaborazione AMAT Arteven Circuito Teatrale Regionale Veneto, Fondazione del Teatro Grande di Brescia, Fondazione Fabbrica Europa per le arti contemporanee, Fondazione Milano Teatro Scuola Paolo Grassi, Fondazione Ravenna Manifestazioni, Fondazione Teatro Comunale di Ferrara, Teatro Pubblico Pugliese, Torinodanza Progetto RIC.CI (Reconstruction Italian Contemporary Choreography ’80-’90)

Calore è il titolo del primo lavoro coreografico di Enzo Cosimi che debuttò a Roma nel settembre del 1982 con il suo ensemble Gruppo Occhèsc. Energia vigorosa e ritmi serratissimi per uno spettacolo nato per interpreti non-danzatori pur riconoscendosi in pieno in una scrittura di danza. È questo un pezzo che ritorna dal repertorio della coreografia contemporanea italiana, per riconsegnare un nuovo sguardo alla nostra memoria storica coreografica. Lo spettacolo è un viaggio visionario dove all’interprete è richiesto un processo di regressione che serve come traccia per disegnare un’età dell’infanzia e dell’adolescenza infinita.

22 – 23 dicembre 2015
…E D’ORO LE SUE PIUME
coreografia Julie Ann Anzilotti
interpreti Paola Bedoni, Giulia Ciani, Liber Dorizzi
musiche originali Steven Brown
testi tratti dal Libro dei Salmi
scene Tiziana Draghi
costumi Loretta Mugnai
luci Alessandro Ruggiero
suono Davide Cristiani
Produzione Compagnia Xe, Comune di San Casciano Val di Pesa Regione Toscana, MiBACT

“Tu hai mutato il mio dolore in danza” (Salmo 30,11). Uno spettacolo di teatrodanza che trae ispirazione dal Libro dei Salmi della Bibbia e che cerca di restituire, attraverso la danza, la parola, la musica e il silenzio, la delicatezza e la profondità di questi scritti e la loro capacità di creare echi e adesioni in ognuno di noi. I Salmi scritti da Re Davide parlano del rapporto dell’uomo con Dio in un dialogo intimo e continuo; e non c’è sentimento che ci appartenga che non sia rappresentato in essi come in uno specchio: l’angoscia, la richiesta di aiuto, la gioia, la pace, la lode sono i temi affrontati in una coreografia che alterna momenti individuali a momenti corali. Il lavoro si avvale della preziosa collaborazione del musicista e compositore Steven Brown, leader del cult-group Tuxedomoon, che ha composto musiche di esuberante fantasia, dissonanti, inquiete o sognanti.

12 – 17 gennaio 2016
LA BELLE JOYEUSE
Cristina Trivulzio Principessa di Belgioioso
scritto e diretto da Gianfranco Fiore
con Anna Bonaiuto
scene Sergio Tramonti
costumi Sandra Cardini
luci Pasquale Mari
produzione PAV un progetto realizzato in collaborazione con CADMO

Anna Bonaiuto è “la belle joyeuse”, Cristina Trivulzio, principessa di Belgioioso. Figlia del Rinascimento e dell’Illuminismo, Musa del Romanticismo, voce dissonante, aspra, appassionata, a tratti necessaria e illuminante anche per i nostri giorni, trovò principalmente nell’arte della seduzione la forza di attraversare da protagonista il Risorgimento italiano. Donna dalle mille sfaccettature, è stata definita in modo sprezzante o entusiasta: “sanguinaria assassina” per il governo austriaco, “sfacciata meretrice” per papa Pio IX, “bellezza affamata di verità” per Heine, “prima donna d’Italia” per Cattaneo. Il monologo ricorda la sua vita e forse svela almeno in parte il suo vero volto, tenacemente nascosto dietro innumerevoli maschere, restituendo così Cristina di Belgioioso non al suo tempo, ma al nostro.

15 – 19 gennaio 2016
FIGLI SENZA VOLTO
di Ida Farè
regia Aldo Cassano
con Natascia Curci
video Semira Belkhir, Marco Burzoni, Stefano Stefani Federico Tinelli
scene Valentina Tescari - luci Giuseppe Sordi- costumi Lucia Lapolla
Produzione Animanera / CRT Milano

Siamo negli anni Settanta, in un quartiere di periferia di una città del Nord, un casermone dell’edilizia popolare, un appartamento uguale a tanti altri. Attraverso il filo dei pensieri osserviamo la vita quotidiana di un uomo e di una donna, una coppia simile a tante altre. Ma dietro i gesti e le azioni della normalità – i piatti della cena nel lavandino, la sveglia del mattino, il caffè sul fuoco – si svela l’esistenza di due terroristi in clandestinità, e con essa i sentimenti di disperazione che possono alimentare la scelta estrema della lotta armata: la dimensione di una vita consumata nell’ombra, l’ansia di riuscire a mimetizzarsi, la paura di essere riconosciuti, l’ascolto dei passi e il controllo ossessivo dei vicini, nella speranza che tutto vada come deve andare. L’esito della vicenda è noto, ma l’interesse sta nell’entrare nella mente e nella psicologia di quei figli della società della crescita economica e del benessere diffuso che hanno scelto di muovere guerra a un sistema capace di garantire soltanto quella pallida esistenza – la tragedia di una generazione che ha tentato “l’assalto al cielo”.

20 – 24 gennaio 2016 Sala A
BERRETTO A SONAGLI
di Luigi Pirandello
adattamento e regia Valter Malosti
con Valter Malosti
e altri interpreti in via di definizione
suono G.u.p. Alcaro - luci Francesco dell’Elba - cura del movimento Alessio Maria Romano - scene Nicolas Bovey
Produzione Teatro di Dioniso

Valter Malosti affronta per la prima volta Pirandello confrontandosi con uno dei testi più popolari del grande drammaturgo siciliano e con uno dei personaggi più amati e controversi, cercando di strapparlo allo stereotipo e alle convenzioni e tentando di restituirgli la sua forza eversiva originaria, che vive in massima parte nella violenza beffarda della lingua, una sorta di musica espressionista e tragicomica, e nei “corpi in rivolta” posti al centro della scena che è anche labirinto, una feroce macchina/trappola. Questo spettacolo si inserisce nel solco delle rivisitazioni “d’autore” di Malosti, come era accaduto con il felice lavoro tratto dalla Scuola delle mogli di Molière. Dice il regista: «Colgo nella pièce un carattere visionario come in Molière, e un andamento da farsa nera. Ciampa è per me un buffone tragico, come il Nietzsche di Ecce homo e l’Arnolphe della Scuola delle mogli. In Pirandello, più che una risposta, la pazzia è una posizione umoristica. L’astuzia feroce di Ciampa consiste nel mimare per la signora Fiorìca l’esempio dell’abisso della follia, unica soluzione del debole, in modo che lei alla fine vi precipiti.»

26 – 31 gennaio 2016
LE PAROLE DI RITA
Racconto teatrale per voce immagini e musica dall’autobiografia e dalle lettere di Rita Levi-Montalcini
di Andrea Grignolio e Valeria Patera
regia Valeria Patera
con Giulia Lazzarini
Produzione TIMOS teatro-eventi

Capita spesso che i personaggi che raggiungono un’ampia notorietà si consegnino alla nostra memoria con l’aura austera dell’età avanzata, quasi che giovani non lo fossero mai stati. Questo vale anche per Rita Levi-Montalcini che, dopo essere stata insignita del Premio Nobel per la medicina, è diventata un’icona internazionale stigmatizzata da uno stile inconfondibile. Ma che indefesso impegno e rigore non necessariamente esulino da allegria, umorismo e prontezza di spirito, ce lo conferma la lettura del suo epistolario. Ed è proprio questa trascinante vitalità a essere portata in scena per un inedito incontro con la grande scienziata. Il testo, che intreccia passaggi dell’autobiografia con lettere scritte dall’America alla madre e alla sorella Paola, si compone di videoclip con flash delle opere dei suoi pittori preferiti, i volti e i suoi ricordi famigliari, le esclusive immagini al microscopio filmate con Giuseppe Levi, paesaggi musicali e ancora l’angoscia della guerra e i palpiti di una giovane donna che decide il suo destino in un’epoca storica in cui questa libertà non era affatto ovvia.

3 – 7 febbraio 2016
DUE DONNE CHE BALLANO
di Josep M. Benet Jornet
traduzione Pino Tierno
regia Veronica Cruciani
con Maria Paiato e Arianna Scommegna
Produzione La Contemporanea

Una donna anziana e una giovane chiamata a farle da badante. Tutte e due schive, energiche, sarcastiche ed eroiche. Si odiano e si detestano perché sono simili, perché ognuna ha bisogno dell’altra, e, nella solitudine delle rispettive vite, sono l’una per l’altra l’unica presenza confortevole. Consumano le poche ore alla settimana che passano insieme becchettandosi, pungendosi e confessando di sé quello che solo a un estraneo si riesce a confessare. Ballano la danza dell’esistenza dura e difficile di chi porta dentro una sofferenza ma fuori esibisce una faticosa immagine di forza e autosufficienza. Ballano come una coppia estratta dal mazzo della casualità, quando nelle balere due sconosciuti si trovano a ballare insieme. E per questo ballo non ci sono cavalieri, non ci sono uomini possibili, non ci sono mariti, padri o figli ad accompagnarle. Ma solo due donne che ballano. Una piccola storia che diventa un modo gentile, amaro e profondamente ironico, per raccontare un’intera società in cui spesso ci si trova in solitudine ad affrontare la pista da ballo del proprio destino.

9 – 14 febbraio 2016
QUARTETTO CASA DI BAMBOLA
da Henrik Ibsen
riscrittura scenica Emanuela Giordano
con (in ordine di apparizione) Mascia Musy, Stefano Santospago, Alessandra Fallucchi, Federico Pacifici
musiche originali Antonio Di Pofi
Produzione Argot Produzioni

Quattro attori e una regista si interrogano sulle contraddizioni e le dinamiche espresse da Ibsen nella relazione tra uomo e donna: potere, possesso, erotismo, denaro. Scoprono che da allora, da quando Ibsen scrisse Casa di Bambola, le cose sono sì, cambiate, ma le dinamiche e gli equilibri all’interno di una coppia sono forse le stesse. Il quartetto in scena ci accompagna nell’opera che suscitò grande scalpore in tutto il mondo, tanto che alcune produzioni suggerirono di apporre cambiamenti radicali nel finale, giudicato improponibile. Casa di Bambola ha infatti avuto tre finali diversi ma solo l’originale è quello approvato dall’autore. Questi tre finali, finora mai messi in scena, sono raccontati e interpretati per la prima volta. Ci aiutano a capire la portata dirompente del testo giudicato troppo spregiudicato se non addirittura amorale.

13 – 28 febbraio 2016
I FURIOSI
di Nanni Balestrini
regia Fabrizio Parenti
drammaturgia Francesco Flamminio e Fabrizio Parenti
con Giampiero Judica, Fabrizio Parenti, Giorgio Marchesi, Josafat Vagni
PRODUZIONE TEATRO DI ROMA
PRIMA NAZIONALE

Un poema in prosa per raccontare gli ultràs, visti come cavalieri erranti dediti all’ultimo codice cavalleresco rimasto, quello che sotto la bandiera della violenza e della fedeltà alla propria squadra di calcio riunisce tutte le anime sole e senza patria. Da questo materiale letterario nasce uno spettacolo fatto di corpi e voci, d’energia insensata e di commovente ironia, in cui il racconto della guerra tra curve assume le parvenze dell’Iliade o delle chanson de geste raccontate al termine del mondo, laddove fuori da uno stadio qualcuno combatte l’ultima battaglia rimasta per sentirsi vivo. Raccontare l’epica della curva, lo stadio che rimbomba, i lacrimogeni, la rissa, la disperazione, il vuoto, la festa. Mostrare come la verità non muore, non invecchia. Mostrare come, attraverso un viaggio da Milano a Cagliari, si può narrare l’Italia, la perdita dell’innocenza politica, lo spettro del fallimento di intere generazioni, il nichilismo di chi ha creduto di poter cambiare la realtà e l’illusione permanente di chi si sente altro dalla società che ingabbia, offende, esclude.

17 – 28 febbraio 2016
I GIGANTI DELLA MONTAGNA, ATTO PRIMO
di Luigi Pirandello
adattamento e regia Roberto Latini
con Roberto Latini
senza Federica Fracassi
musiche e suoni Gianluca Misiti
luci Max Mugnai
video Barbara Weigel
produzione Fortebraccio Teatro
in collaborazione con Armunia Festival Costa degli Etruschi.
Fondazione Orizzonti d’Arte, Emilia Romagna Teatro Fondazione

Incompleto per la morte dell’autore e rappresentato postumo nel 1937, I giganti della montagna è l’ultimo dei capolavori pirandelliani, forse il più rarefatto ed evocativo. Il dramma è ambientato in un luogo nebuloso dove trova compimento il viaggio della Compagnia della Contessa, al limite della sopravvivenza, nel difficile tentativo di portare in scena il proprio spettacolo, La favola del figlio cambiato. Questo luogo misterioso è la villa degli Scalognati, abitata da personaggi grotteschi guidati da una specie di Mago, Cotrone, in grado di creare illusioni e scatenare fulmini e mesmerismi. Nella versione di Roberto Latini saranno solo due attori, Federica Fracassi e lo stesso Latini, a farsi strumenti polifonici e a mettere in scena l’intero dramma per portarlo verso una dimensione nuova: «Voglio immaginare tutta l’immaginazione che posso – racconta il regista – per muovere dalle parole di Pirandello verso un limite che non conosco. Portarle al di fuori di tempo e spazio, toglierle ai personaggi e alle loro sfumature, ai caratteri, ai meccanismi dialogici». Una riflessione sul linguaggio e sul limite linguistico per varcare la soglia delle inquietudini pirandelliane.

1 – 3 marzo 2016
PER UNA STELLA
un progetto di Marta Galli, Anna Maini e Roberto Rampi
testo Anna Maini
regia Stefano De Luca
con Tommaso Banfi, Marta Comerio
scene e costumi Linda Riccardi
produzione ArteVOX Teatro in collaborazione con LupusAgnus
con il patrocinio di Museo Storico del Trentino, Museo Centrale del Risorgimento di Roma

Drammaturgia originale ispirata a una storia vera, Per una stella racconta l’incrocio di due destini sullo sfondo della Grande Guerra: quello di Rosa Anna, figlia del kaiserjäger austriaco Franz, e quello del soldato italiano Pietro, che combatte la stessa guerra di Franz, ma sul fronte opposto. Tra migliaia di spari, è un colpo solo, una sola stella, a unire le loro vite. Uno spettacolo che racconta la guerra e si interroga sui suoi significati attraverso gli occhi di una bambina che non sa nulla di essa; è grazie a lei che scopriamo quello che la Guerra fa alle madri, ai figli e ai soldati. Uno spettacolo che vive i conflitti con lo spirito critico di un giovane uomo, che insegue con impeto la pace, ne indaga le strade ma che, messo di fronte alla necessità, alla fine, spara.

3 – 13 marzo 2016
Laros
IL VANTONE
di Pier Paolo Pasolini
da Miles Gloriosus di Plauto
regia Federico Vigorito
con Ninetto Davoli, Edoardo Siravo,
e con Gaetano Aronica, Paolo Gattini, Marco Paoli, Silvia Siravo, Enrica Costantini, Valerio Camelin
scene e costumi Antonia Petrocelli
Produzione Laros di Gino Caudai

«Tra le domande che mi feci studiando il Miles di Plauto, la più insistente fu “Perché, Pasolini?”, quale curiosità spinse il grande poeta a decidere di tradurre una commedia del III secolo avanti Cristo in una lingua, tra l’altro, non sua: il dialetto romanesco? – racconta il regista Federico Vigorito – Certo non poteva rispondere alla mia indagine la sola ipotesi che il progetto nascesse su richiesta di Vittorio Gassman (il progetto tra l’altro non riuscì nemmeno a debuttare). Rileggendo la commedia Miles e Vantone, compresi come questo testo permettesse a Pasolini di indagare l’umanità grazie agli spaccati di vita plautini: il servo fedele e astuto, il vecchio saggio, il giovane innamorato, il soldato stolto e presuntuoso, prigionie e imbrogli. Allora divenne plausibile immaginare Efeso come una periferia qualsiasi della Roma che Pier Paolo Pasolini ha così tanto amato, far compiere al tempo un salto di due millenni e lasciare che la storia di Pirgopolinice e Palestrione abbandonasse la sua natura farsesca, allegorica, per mutarsi in una graffiante commedia sociale».

4 – 7 marzo 2016
LA STANZA DELLA TORTURA
drammaturgia Luca Scarlini
regia Marco Carniti
con Francesca Benedetti

Salò Sade, opera ultima di Pier Paolo Pasolini, realizzata nel 1975, poco prima della morte, conclude la parabola del poeta sotto il segno della fine degli ideali di palingenesi del decennio precedente, spenti nella violenza del terrorismo e nelle spirali del consumismo più estremo. La stanza della tortura riscrive le suggestioni estreme sadiane attraverso l’incomparabile voce di Francesca Benedetti, attingendo a suggestioni da Pasolini, come da altri autori, dallo stesso Sade delle Centoventi giornate di Sodoma, come dal saggio Sade di Roland Barthes e dal capitale Sade prossimo mio di Pierre Klossowski. La voce sola evoca quindi una camera di sangue, per parafrasare la sadiana riscrittura di Barbablu di Angela Carter, in cui vive una umanità distorta, ripiegata su se stessa, vista come in un quadro notturno di Francis Bacon, o negli echi ossessivi della mai sazia tirannia del male delle dittature del passato e del presente.

8 – 13 marzo 2016
IO SONO MISIA
L’ape regina dei geni
di Vittorio Cielo
regia Francesco Zecca
con Lucrezia Lante della Rovere
luci Pasquale Mari - scene Gianluca Amodio - costumi Alessandro Lai - musiche Diego Buongiorno
PRODUZIONE TEATRO DI ROMA

Dopo il successo di Malamore, col quale si aggiudica il Premio Flaiano, Lucrezia Lante della Rovere continua a dare voce a straordinari profili di donne della nostra cultura, conducendoci questa volta nell’universo di memorie e confidenze della fascinosa personalità di Misia Sert. Ritratto vivido di una levatrice dell’arte, amica influente dei grandi protagonisti della belle epoque parigina, tra cui Stravinskij, Diaghilev, Nijinsky, Debussy, Toulouse Lautrec, Picasso, Ravel, Cocteau e molti altri, dei quali Misia non poteva fare a meno. «Io non partorisco. Io Faccio Partorire. Gli uomini hanno bisogno di una sfinge, per partorire... la bellezza» – dal testo teatrale – «Con i miei occhi color malva, ho visto ora dopo ora, Pablo Ruiz trasformarsi nel mostro-Picasso. Debussy disteso sui miei divani, sognare il sesso del fauno. Stravinskij incendiarsi nella Sagra di Primavera. Ravel ricamare musica per dispetto di Satie. Il carnefice di ballerini Diaghilev, il Domatore di Nijinsky, far impazzire quel dio della danza. E Proust, scrivere ogni parola… Fino a mettermi nella seconda riga, della prima pagina, della Recherche…»

16 – 20 marzo 2016
Teatro di Roma
MICHELANGELO - VITA
rime e lettere di Michelangelo Buonarroti
adattamento Antonio Piovanelli
regia e scene Giacomo Andrico
con Antonio Piovanelli
PRODUZIONE TEATRO DI ROMA

Michelangelo Buonarroti, scultore sublime e “divino”. Non ci sono dubbi nel riconoscere tra i segni dei suoi marmi la presenza di atti “furiosi” e incontenibili. Michelangelo “uomo” solo che abita e attraversa i luoghi spietati del potere. Un uomo tribolato che lavora continuamente nel tentativo di conoscere e sentire con il suo corpo il battito della materia. La pittura lo affaticava, l’architettura lo coinvolgeva nella mischia delle invidie dei colleghi, ma la scultura gli dava luce bianca, accecante e respiro. È possibile trovare, ancora oggi, nelle sue forme tanto del “divino” che abita la terra? È possibile, attraverso l’incontro con la vita, le parole, le fatiche, i dolori, l’intelligenza di un artista inarrivabile spesso in lotta col potere, e con se stesso. Forse l’uomo più vicino agli dei che l’umanità tutta, di sempre, ha potuto e potrà sempre godere come atto di bellezza inspiegabile.

31 marzo – 10 aprile 2016
GIORNI FELICI
traduzione Carlo Fruttero
(Giulio Einaudi Editore)
regia Andrea Renzi
con Nicoletta Braschi
e Roberto De Francesco
scene e costumi Lino Fiorito
luci Pasquale Mari
Produzione Melampo e Fondazione del Teatro Stabile di Torino

In scena Winnie, sepolta fino alla vita in un cumulo di sabbia, e Willie, il marito. Mentre la sabbia ricopre inesorabilmente entrambi, Winnie chiacchiera senza sosta, in un’alternanza insensata di momenti che sono il cuore della straordinaria esplorazione beckettiana della vita, ai margini della follia. Scrive il regista Andrea Renzi: «È con emozione e timore che ci si accosta a Giorni felici, uno dei maggiori testi contemporanei che appartiene di diritto al canone del teatro del secolo breve. In questa pièce visione e scrittura sono tutt’uno e nella corrispondenza tra Beckett e Alan Schneider, il suo regista di riferimento statunitense, scopriamo come il romanziere, poeta, saggista è uomo di scena, attento ai dettagli e coinvolto nella misteriosa arte dell’attore... Il resto è il tenace corpo a corpo tra Nicoletta Braschi e Winnie. Una sfida sull’asse della fragilità e della resistenza, della logorroicità e del silenzio, della dipendenza e della solitudine, del riso e del pianto, dell’urlo e del canto. Noi, stretti nel terreno come lei, facciamo ricorso a tutte le nostre risorse per intrattenerci a lungo e ancora con la relazione vitale che più amiamo: il teatro».

4 – 17 aprile 2016
OLTRE LA SCENA,
DENTRO LA VITA.
I TEATRI DEL SACRO PER IL GIUBILEO 2015

Dopo il successo della rassegna Tra cielo e terra, che ha visto in scena lo scorso marzo quattro spettacoli dei Teatri del Sacro al Teatro India, la Federgat e il Teatro di Roma rafforzano la loro collaborazione con un progetto speciale dedicato al Giubileo. Nell’aprile 2016 il Teatro di Roma ospiterà alcuni degli spettacoli più significativi della IV edizione dei Teatri del Sacro appena conclusa. Tra gli artisti in scena a Roma ci saranno Andrea Cosentino, Punta Corsara, Carullo e Minasi, Cesar Brie, Fabrizio Pugliese e tanti altri. Un appuntamento che, grazie al linguaggio vivo della scena, vuole essere prima di tutto un’occasione di libero e aperto confronto intorno ai temi del sacro e della spiritualità: istanze che toccano da vicino le inquietudini e le speranze dell’uomo del nostro tempo, suscitando interesse sia da parte dei credenti sia dei non credenti, con particolare attenzione ai giovani e alle nuove generazioni.

19 – 24 aprile 2016
MAGDA E LO SPAVENTO
da Innamorate dello spavento di Massimo Sgorbani
dramaturg Francesca Garolla
regia Renzo Martinelli
con Milutin Dapcevic e Federica Fracassi
audio e video Fabio Cinicola - luci Mattia De Pace
Produzione Teatro i

Il dialogo della morte, il dialogo dell’incubo. Il dialogo delle fiabe da raccontare ai bambini per farli stare buoni. Il dialogo impossibile eppure reale tra la infanticida e il genocida. Un dialogo pieno di comparse, da Biancaneve ai sette nani, passando per Topolino, con Walt Disney che sorride sornione alla finestra del bunker. Magda e lo spavento: in effetti c’è da aver paura, pensando alla storia. Si ride, si scherza, si flirta amabilmente con l’uomo nero e, per farlo, bisogna avere il sangue freddo di Magda Goebbels, essere capaci di far amabilmente morire sei piccoli cuccioli d’uomo, il freddo del cianuro e il bacio della buona notte. Ecco arrivare l’innominabile, l’osceno − Heil Hitler! − per l’ultima tappa della trilogia Innamorate dello spavento, progetto teatrale di Massimo Sgorbani sulle figure femminili legate al Führer. L’unico dei tre testi a vedere in scena proprio Mein Führer, orribile, eppure bellissimo agli occhi idealizzanti delle sue seguaci, forte, eppure debolissimo, l’uomo di razza dalle origini incerte.

27 aprile – 8 maggio 2016
CHIUDI GLI OCCHI
scritto e diretto
da Patrizia Zappa Mulas
con Fabio Bussotti, Elia Schilton, Luciano Virgilio, Patrizia Zappa Mulas
scene Francesco Zito
costumi Virginia Gentili
PRODUZIONE TEATRO DI ROMA

Teheran, uno studente lancia dell’acido solforico sul viso di una compagna di università che non ha accettato la sua proposta di matrimonio. Sta a noi districarci da soli in quella scena di violenza. La ragazza accecata e sfigurata si appella alla Shari’a. Occhio per occhio, è la legge sacra. La vittima vince il processo e ottiene il diritto di versare negli occhi del suo aggressore quaranta gocce di acido. La pena stabilita è una tortura, ma il diritto islamico ha fatto un passo avanti: il lancio dell’acido era un reato minore, ora è un reato grave. Il principio di giustizia si afferma. Tocca alla vittima eseguire la condanna o perdonare. La ragazza decide per la pena e le nostre certezze vanno in pezzi: abbiamo esultato con lei e ci sentiamo trascinati indietro di secoli, in una sala di tortura. Ora, è il nostro sguardo sotto processo. I personaggi in scena non sono la vittima e l’aggressore, ma i loro sostenitori che palleggiano torti e ragioni. Chiudi gli occhi ci costringe nella parte dei giurati in un processo fuori controllo che ci fa perdere la capacità di emettere un verdetto. Fa inciampare anche noi. È una commedia.

28 – 30 aprile 2016
FRIENDLY FEUER
una polifonia europea
drammaturgia scenica e regia
a cura di Marta Gilmore
con Eva Allenbach, Tony Allotta
Marta Gilmore, Armando Iovino Vincenzo Nappi
Produzione Isola Teatro
con il sostegno di E45 Napoli Fringe Festival Teatro Studio Uno (Roma), Centro Didattico Musicale (Roma)

Nell’anno di un centenario che mediaticamente celebra un eccidio quasi dimenticato, facciamo capolino sui campi della Grande Guerra. “Non passa lo straniero” si cantava quando il nemico risiedeva entro i confini di Schengen. Oggi sono altri i cimiteri dei morti senza nome e per loro non suona la fanfara. Disertare, impazzire, sottrarsi, come il fragile atto di chi si arrende. Oggi come allora il fuoco amico ti toglie il lustro di una fine gloriosa. Resta il silenzio, frammenti di discorsi, di lingue, e di esseri umani. Resta un corpo ritto, le mani alzate, che tenta di percorrere lo spazio che lo divide dalla parte avversa. Sparate al disertore. Friendly Feuer è uno spettacolo/performance sulla relazione fra l’Europa di oggi e quella di cento anni fa, quando esplose il primo conflitto mondiale. Le vicende individuali di diserzione, nevrosi di guerra e suicidio vengono giustapposte, per contrasto, assonanza o dissonanza, a un presente precario e feroce. Mentre concetti quali nemico, straniero, codardia, coraggio e patria, vengono coniugati al passato, come al presente, senza fornire risposte esaustive, ma lambendo argomenti complessi per immagini, frammenti, evocazioni.

3 – 5 maggio 2016
COLLOQUI CON LA CATTIVA DEA
piccole storie dalla Grande Guerra
una drammaturgia in musica di e con Elena Bucci
musiche originali alla fisarmonica di Simone Zanchini
luci Loredana Oddone
cura, registrazione e ricerca dei suoni di Raffaele Bassetti
Produzione Le Belle Bandiere e Ravenna Festival 2014
con il sostegno di Regione Emilia Romagna, Comune di Russi

La guerra non si combatte solo al fronte, fra assalti epici e atti d’eroismo. La guerra ferisce anche nelle case e nelle fabbriche, quando porta la propria ombra su mogli e figli; quando annichilisce ogni aspirazione che non sia quella di sopravvivere. Così, in quel 1914, mentre si sognava un mondo rinnovato e pieno d’energia, si imponeva drammaticamente la voce della “Cattiva Dea”. Tra parole e musica Elena Bucci ci accompagna nella cronaca del suo personale viaggio nel tempo, alla ricerca di vicende e sguardi di chi ha riconosciuto la “Cattiva Dea” e ha reagito a cambiamenti inimmaginabili, pur rimanendo ai margini della storiografia ufficiale. Saggi storici e raccolte di lettere, diari e documenti, storie locali e familiari, per un fiume di scritture e testimonianze, un gigantesco coro che, attraverso dissonanze e differenze, si accorda in un possente canto contro la guerra. Alle ombre di questo coro, per un tratto breve, sarà dato corpo e voce. Per prime, alle donne, che di fronte alla follia della distruzione, si trovarono a lavorare, creare, curare, consolare, difendere.

10 – 15 maggio 2016
ROSSO
di John Logan
traduzione Matteo Colombo
regia, scene e costumi Francesco Frongia
con Ferdinando Bruni e Alejandro Bruni Ocaña
luci Nando Frigerio
Produzione Teatro dell’Elfo

La pièce è ispirata alla biografia del pittore americano Mark Rothko, maestro dell’espressionismo astratto, che alla fine degli anni Cinquanta ottenne la più ricca commissione della storia dell’arte moderna, una serie di murales per il ristorante Four Season di New York. Puntando i riflettori proprio su quel periodo, Rosso mette in scena lo scontro tra generazioni di artisti: tra Rothko, un uomo maturo che fa i conti con se stesso, e Ken, giovane allievo alla ricerca di un “padre”. «Il figlio deve scacciare il padre. Rispettarlo, certo, ma anche ucciderlo» – sostiene Rothko ripercorrendo la propria storia – «Abbiamo distrutto il cubismo, io e de Kooning e Barnett Newman». Dopo due anni di lavoro febbrile per realizzare i dipinti murali, sarà inevitabilmente Ken a mettere in discussione il maestro in uno scontro teso e feroce che lo spinge alla scelta radicale (ma intimamente coerente) di disattendere gli impegni con il Four Season.

12 - 29 maggio 2016
PUNK ISLAM
di Roberto Scarpetti
regia César Brie
interpreti in via di definizione
PRODUZIONE TEATRO DI ROMA in coproduzione con Teatro dell’Elfo
PRIMA NAZIONALE

È dicembre. La metro di Roma, linea A, è affollata di turisti e romani che si riversano in centro per gli acquisti natalizi. Tra loro c’è Davide, 21 anni, viso da bravo ragazzo, quasi coperto sotto il cappuccio di una felpa. È agitato. Suda. Nel suo zaino c’è un ordigno artigianale. Davide è pronto a farsi esplodere... Ma come è arrivato Davide al punto di farsi saltare in aria? La bomba l’ha preparata con Mahdi, un italiano convertito all’Islam, esattamente come lui, e con Rafiq, un fondamentalista afgano. I tre amici cominciano a parlare di Shari’a, Jihad, martirio. Di tutte le vittime innocenti, civili, uomini, donne e bambini, che ogni giorno vengono uccise dai droni degli Stati Uniti. È una nuova Shoah con i musulmani al posto degli ebrei e con gli Stati Uniti a fare la parte dei Nazisti. E per questo sentono di dover fare qualcosa, sentono di dover aiutare i loro fratelli musulmani in nome della Ummah, la nazione islamica. Punk Islam nasce da una domanda: cosa trovano i ragazzi europei nell’Islam che non riescono a trovare nella loro cultura di appartenenza?

17 – 22 maggio 2016
DOPO PASOLINI
di Paola Berselli e Stefano Pasquini
con Paola Berselli, Maurizio Ferraresi, Gregorio Fiorentini, Rosa Massari Stefano Pasquini
produzione Teatro delle Ariette in coproduzione con Théâtre de Chambre

Cosa resta di Pasolini oggi nella nostra vita? Riprendendo la morale della favola pasoliniana La terra vista dalla luna possiamo dire che “essere morti o essere vivi è la stessa cosa”. Un pezzo di mondo in mezzo alla campagna. Resti di civiltà, di umanità, di festa. E una roulotte. Dentro alla roulotte Paola e Stefano. I due vivono insieme in campagna, coltivando e mescolando da molti anni terra e teatro. In Dopo Pasolini mettono in gioco il loro amore, le loro passioni, la morte, la malattia, l’effimero della vita.

18 – 22 maggio 2016
LO ZOO DI VETRO
di Tennessee Williams
traduzione Gerardo Guerrieri
regia Arturo Cirillo
con Milvia Marigliano, Monica Piseddu, Arturo Cirillo, Edoardo Ribatto
scene Dario Gessati - costumi Gianluca Falaschi- luci Mario Loprevite
Produzione TieffeTeatro

La regia poetica e sensibile di Cirillo si misura con un classico del teatro del Novecento, mostrando meccanismi familiari sempre attuali e personaggi reali, nell’Italia di oggi come nell’America degli anni Quaranta. Lo zoo di vetro è “un dramma di memoria”, secondo la definizione dello stesso Tennessee Williams, un testo dalla doppia natura: realistico nella descrizione dei rapporti tra i personaggi, ma totalmente onirico rispetto al tempo della vicenda e al tempo della sua rappresentazione. Potente messa in scena dell’atto del ricordare e del rapporto con il passato come luogo del rimpianto: «Il futuro diventa presente, il presente passato, e il passato un eterno rimpianto» si dice nel testo. Al centro della vicenda il fallimento di una famiglia, una madre che vive ancorata al ricordo di una giovinezza dorata, un gruppo di ex-giovani ormai senza più età.

24 – 29 maggio 2016
Teatro delle Ariette
SUL TETTO DEL MONDO
di Paola Berselli e Stefano Pasquini
regia Stefano Pasquini
con Paola Berselli, Maurizio Ferraresi Stefano Massari, Stefano Pasquini
immagini e video Stefano Massari
Produzione Teatro delle Ariette

Ci sono due spaventapasseri. Abitano al 2781 di via Rio Marzatore, località Castello di Serravalle, comune di Valsamoggia, provincia di Bologna, Italia, il podere chiamato “Le Ariette”. Sono arrivati nell’autunno del 1989, quando crollava il muro di Berlino. Fanno teatro, coltivano la terra, curano molti animali e fanno anche da mangiare. Sopra le Ariette c’è il colle più alto di tutta la valle. Loro lo chiamano “il tetto del mondo” e ogni tanto salgono fino in cima per guardare lontano. Hanno fatto questo spettacolo per condividere con noi questo sguardo, che non sanno spiegare con le parole.

7 – 12 giugno 2016
CRAVE
di Sarah Kane
regia Pierpaolo Sepe
con Gabriele Colferai, Dacia D’Acunto, Gabriele Guerra, Morena Rastelli
scene Francesco Ghisu
costumi Annapaola Brancia d’Apricena
luci Cesare Accetta
movimenti di scena Chiara Orefice
Produzione Casa del Contemporaneo

Autrice britannica prematuramente scomparsa nel 1999, Sarah Kane nella sua breve vita ha scritto cinque testi teatrali. Inizialmente accusata di essere volutamente provocatoria per i temi trattati, in realtà la Kane ha dimostrato notevoli capacità stilistiche indagando gli abissi del dolore e del desiderio, della speranza e della disperazione, e Crave ne è la prova. Tradotto come Febbre, l’opera racchiude un inappagato desiderio dell’autrice per la vita, la bellezza e la verità. Come dimostrano i protagonisti, che, dal momento in cui cominciano a parlare (un dialogo, un monologo, singole frasi, dialoghi spezzati invocazioni e frammenti di storie) disegnano, in forma libera e musicale un intreccio di motivi che lascia intuire i contorni del mosaico di una vita. Due le storie: quella di A (author, abusator, actor), uomo anziano che ha una storia morbosa e violenta con C (child), appena adolescente, che non sopporta di amare quell’uomo; e quella di M (mother), una donna sulla via della vecchiaia che vuole un figlio per non restare sola, ma lo vuole senza amore, da B (boy), un ragazzo che la rifiuterà in modo umiliante.


Teatro Argentina - Largo di Torre Argentina 52, 00186 Roma
Per informazioni e prenotazioni: telefono 06/684000346, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Biglietteria: telefono 06/684000311 (ore 10-14/15-19 lunedì riposo), vendita on-line www.vivaticket.it

Articolo di: Sabrina Fasanella
Grazie a: Amelia Realino, Ufficio stampa Teatro di Roma
Sul web: www.teatrodiroma.net

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP