Teatro dell'Orologio: "Nessuno si salva da solo", la stagione 2016/2017

Scritto da  Martedì, 11 Ottobre 2016 

“Nessun teatro si salva da solo” è una necessità. La necessità, l’ appello del Teatro dell’Orologio per questa stagione 2016/2017, la volontà di continuare a costruire un luogo che sia uno spazio aperto sotto cui ripararsi, dove il teatro, gli artisti che hanno voglia di sporcarsi con il teatro, possano essere. Un luogo costruito dall’incontro con l’altro, una disposizione ad accogliere, ad ascoltare per cercare di essere attenti. L’attenzione trasversale all’intero panorama contemporaneo nazionale, mista al rapporto vigoroso con le giovani realtà teatrali, rendono il lavoro dell’Orologio fluido e disarticolato: l’obiettivo è surfare tra il divenire del contemporaneo, dell’attuale.

 

NESSUN TEATRO SI SALVA DA SOLO
STAGIONE 2016 - 2017

Poche righe per raccontare, a grandi linee, la stagione 2016-2017, con 46 spettacoli in cartellone che corrono tra artisti e compagnie che scelgono di ritornare al Teatro dell’Orologio, un monitoraggio degli artisti under35, sia della scena romana che nazionale e collaborazioni con importanti produzioni, con la testa e il cuore sempre sulla stessa cosa: la drammaturgia.

Teatrodilina e Biancofango da tre anni segnano la stagione del Teatro dell’Orologio, e anche quest’anno, rispettivamente con Gli uccelli migratori (dal 1° al 4 dicembre), scritto e diretto da Francesco Lagi e Porcomondo, di Francesca Macrì e Andrea Trapani (dal 6 all’11 dicembre). Lo scorso anno il Teatro dell’Orologio ha festeggiato i dieci anni anni della compagnia Biancofango mentre quest’anno festeggia i dieci anni di Fibre Parallele, con una delle prime produzioni della compagnia di Licia Lanera (Premio Ubu 2014): Due, dal 20 al 22 gennaio. Fibre Parallele da questo triennio è tra le nuove istante under35 ministeriali, insieme a Kronoteatro, in programmazione con Cannibali (dal 25 al 27 novembre), uno spettacolo sull’esercizio del potere e sul confronto generazionale, e Blu-Teatro, che presenta al Teatro dell’Orologio due lavori: Toy Boy, di Massimo Odierna (dal 9 al 12 febbraio) e Donne D’Acqua Dolce, di Viviana Altieri ed Elisabetta Mandalari (dal 5 al 7 maggio)

Grazie allo spettacolo Orfeo e Euridice (stagione 2015-2016), il Teatro dell’Orologio ha conosciuto e stimato il lavoro di Eco di Fondo / Teatro Presente, che presentano rispettivamente La Sirenetta (dal 23 al 26 marzo), di Giacomo Ferraù e Giulia Viana, uno spettacolo che tratta in maniera intelligente le tematiche di genere, e La Mite, da F. Dostoevskij, per la regia di César Brie. (dal 7 al 12 febbraio). Prosegue il rapporto di proficua collaborazione con la realtà torinese Tedacà, quest’anno in scena con Il sentiero dei passi pericolosi del canadese Michel Marc Bouchard. Sempre da Torino, altre tre giovani compagnie presentano i loro lavori al Teatro dell’Orologio: Proprietà Commutativa, con 3Q Liberi Esperimenti Politici (dal 24 al 19 gennaio), Il mulino di Amleto, con Gl’innamorati underground (dal 10 al 12 febbraio) e il Teatro della Caduta, nuova istanza ministeriale under35, che presenta Madama Bovary, scritto e interpretato da Lorena Senestro (dal 15 al 18 febbraio).

Nel segno della nuova drammaturgia italiana, grazie al Focus sul Premio Riccione, continuano i rapporti con il centro teatrale MaMiMò e Quattroquinte.
Il primo presenta Scusate se non siamo morti in mare, uno spettacolo quanto mai attuale, che traccia interrogativi sulla migrazione, sulla sua natura di fenomeno sia politico che naturale. Il testo è di Emanuele Aldrovandi, giovane talento della drammaturgia italiana (Premio Riccione / Tondelli 2013 con Homicide House, Premio Hystrio-Scritture di Scena 2015 con Farfalle). Aldrovandi sarà anche curatore, con Monica Nappo, del corso di drammaturgia del Teatro dell’OrologioQuattroquinte porterà lo spettatore ad assaporare l’Alba, testo di Maria Teresa Berardelli (Premio Riccione / Tondelli 2009 con Sterili) con Daniele Natali e Aurora Peres, che troviamo protagonista anche di Costellazioni, insieme a Jacopo Venturiero, per la regia di Silvio Peroni, dal 15 al 20 novembre.

Sempre dal Premio Riccione, il Teatro dell’Orologio ospiterà per la prima volta a Roma, Ritratto di donna araba che guarda il mare, di Davide Carnevali, per la regia di Claudio Autelli, compagnia LAB121

Nonostante gli impegni europei con il progetto Walking on the moon, non può mancare uno spettacolo della compagnia residente al Teatro dell’Orologio: CK Teatro. Torna infatti, dal 24 al 26 febbraio, Hitchcock. A Love story, con Anna Favella e Massimo Odierna.

Continua negli anni il rapporto con Fattore k, produzione romana che presenta due lavori nella stagione 2016/2017: Palomar, un delicato e raffinato spettacolo di Raquel Silva, piccola forma di teatro di carta dal libro omonimo di Italo Calvino, in collaborazione con Association Pagaille e Compagnia Pensée Visible, e Idiota, drammaturgia del catalano Jordi Casanovas: uno spettacolo sulla crisi, la crisi economica globale e le nostre crisi personali, i nostri tentativi spesso goffi e comici per riuscire a stare a galla, diretto da Roberto Rustioni.

Dopo un’anno di pausa, Berardi / Casolari, che entrano in contatto con il Teatro dell’Orologio grazie alla prima edizione di Dominio Pubblico (2015), presentano, dal 24 al 29 gennaio, il loro nuovo spettacolo La Prima, la migliore, prodotto da ERT, mentre per la prima volta il Teatro dell’Orologio collabora con il Teatro dell’Elfo e ospita lo spettacolo Road Movie (dal 29 al 4 dicembre) con Angelo Di Genio, Premio Hystrio - Mariangela Melato: uno spettacolo sul tema dell’HIV per la regia di Sandro Mabellini.

Nel monitoraggio costante delle realtà nazionali di rilievo, non poteva mancare la drammaturgia tagliente de Leviedelfool, in scena per la stagione 2016-2017 con due spettacoli: Requiem for Pinocchio (dal 10 al 12 marzo) e Luna Park - Do you want a cracker?, selezione Inbox 2016, terzo episodio della Trilogia dell’essere, che apre il mese di novembre, dal 4 al 6. A seguire, un’altra importante realtà contemporanea: Scena Verticale dall’11 al 13 novembre, con Il Vangelo secondo Antonio che quest’anno ha debuttato al Festival Primavera dei Teatri (Castrovillari). Sempre nel segno della nuova drammaturgia, il Teatro dell’Orologio ospita Tutti i miei cari (dal 18 al 20 novembre) di Francesca Zanni, pièce su Anne Sexton, per la regia di Francesco Zecca, con una poetica Crescenza Guarnieri, il duo Alvigini / Di Vito, con lo spettacolo Liberi Tutti, dal 14 al 19 febbraio e Hikikomori, un testo di Katia Ippaso e Marco Andreoli, per la regia di Arturo Armone Caruso, dal 13 al 18 dicembre, la storia del rapporto feroce e appassionato tra madre e figlio.

Una grandissima parte della stagione 2016-2017 è caratterizzata dalla programmazione di giovani compagnie under35. Cominciamo con Giacomo Bisordi, che apre con Amore e resti umani di Brad Fraser (dal 21 al 23 ottobre) e presenta, in prima nazionale, U R, dal 14 al 19 marzo, spettacolo tratto da Rossum's Universal Robots di Karel Čapek. Sempre in ottobre, è il momento di Marcello Cotugno, in prima nazionale con Il corpo giusto (dal 27 al 30 ottobre), un testo di Eve Ensler in cui l’autrice raccoglie, declinandole nelle tinte di un grottesco rabelaisiano, le voci di quelle donne che sono in cerca di un nuovo spazio, di una nuova consapevolezza, per se stesse e per la propria carne. Chiude il mese di ottobre Apparecchio di Francesca Blancato (27 - 30 ott), presentato in forma di primo studio nella stagione scorsa, una produzione Aut-Out in collaborazione con Rialto Sant’Ambrogio e Compagnia Frosini/Timpano. Dopo Apparecchio, il debutto romano, del gruppo artistico molisano diretto da Stefano Sabelli, in scena con Re Lear (28 ott - 06 nov).

Nel mese di dicembre, ospitiamo con orgoglio la compagnia Unter-Wasser con lo spettacolo OUT, finalista al Premio Scenario Infanzia 2014: un teatro visuale e di figure confluisce in un’opera poetica adatta ad adulti e bambini mentre apriamo il 2017 con S.P.E.M. (dal 12 al 15 gennaio) di Cristina Pelliccia e Giulia Trippetta, andato in scena lo scorso anno al Teatro dell’Orologio in occasione del Festival ContaminAzioni 2015. Segue la compagnia Ariel dei Merli con Testo tossico (dal 20 al 22 gennaio), una drammaturgia di Francesca Manieri, diretto e interpretato da Federica Rosellini, che ritroviamo in Faust Marlowe Burlesque, un testo di Aldo Trionfo e Lorenzo Salveti, in scena dal 24 al 26 febbraio per la regia di Massimo Di Michele.

Dal 16 al 19 febbraio Samuele Chiovoloni cura la regia e l’adattamento di Combustibili, testo della scrittrice belga Amélie Nothomb, portato in scena con la compagnia Teatro di Sacco. Tra le nuove giovani realtà che abbiamo intercettato ci sono Alchemico Tre, del romagnolo Michele Di Giacomo, e la compagnia Esercitazioni invisibili. Alchemico Tre presenta Le buone maniere. I fatti della Uno bianca: un testo di Michele Di Vito per la regia di Michele Di Giacomo, in scena dal 23 al 26 febbraio, a cui segue Futura umanità, di Agiteatro, in debutto dal 28 febbraio al 2 marzo, mentre Esercitazioni Invisibili presenta il progetto the waste land, in scena dal 30 marzo al 2 aprile. In contemporanea, in Sala Orfeo, Paolo Zuccari è alla regia de Il fuoco nell’anima, una drammaturgia di Roberto Scarpetti sull’ossessione femminile per la presenza dominante e ingombrante degli uomini nelle loro vite.

Tra gli appuntamenti speciali che caratterizzano la programmazione, si trova la Compagnia Ziba con La Tana, spettacolo Vincitore del Festival Inventaria 2016 (il 27 e 28 aprile), la compagnia InContro-Verso che porta in scena una drammaturgia di Jean Paul Sartre nello spettacolo A porte chiuse, una pièce intrisa di teatro, musica e danza in scena dal 28 febbraio al 5 marzo, Anita Cherubina Bianchi, in fusione con le opere artistiche di Fulvia Cardella, con il suo spettacolo AP\NE-A e l’anteprima del nuovo lavoro (21 e 22 feb-braio) di Luciano Melchionna, Ophelìa. La stagione si chiude con un evento speciale di Attilio Fontana e Shiddartha Prestinari dal titolo Sirene confuse, in scena dal 16 al 21 maggio.

EVENTI SPECIALI

Tra gli eventi speciali presenti in stagione vi sono gli appuntamenti mensili (un lunedì al mese) con la Danza di B*PFORM, la piattaforma per collettivi, coreografi, compagnie e gruppo che orbitano nel campo della danza e della performance contemporanea, per la direzione artistica di Silvia Marti, organizzazione Giulia Federico.
Dal 15 ottobre con un appuntamento al mese avrà luogo la rassegna di Improvvisazione Teatrale della SITI - Scuola Internazionale di Teatro all’Improvviso - a cura di Giorgia Mazzucato: attori provenienti da tutto il mondo confluiranno per creare ogni volta spettacoli irripetibili anche grazie ai suggerimenti del pubblico protagonista.

Dal 21 novembre al 4 dicembre la Sala Moretti ospiterà EXIT. Giunta alla nona edizione, la rassegna ideata e realizzata dalle compagnie aderenti alla Federazione Italiana Artisti, ha l’obiettivo di offrire un teatro che non sia d’élite, ma pensato e attento al pubblico.

A maggio è confermato il Festival Inventaria, ideato e diretto da DoveComeQuando, che giunge alle settima edizione e ospita tantissimi appuntamenti alla ricerca infaticabile di nuove proposte teatrali (8 - 21 mag). Una vera festa del teatro off con oltre 20 spettacoli il cui vincitore farà parte della stagione 2017 - 2018 del Teatro dell’Orologio.

Anche quest’anno torna, infine, l’appuntamento con Dominio Pubblico - La città agli under 25, progetto del Teatro dell’Orologio e del Teatro Argot Studio, in collaborazione con il Teatro di Roma. Verrà creato un gruppo di 80 ragazzi che avranno l’obiettivo di realizzare un Festival interamente dedicato ad artisti under 25, di cui cureranno tutte le fasi, dalla scelta degli spettacoli fino all’organizzazione e alla logistica (30 mag – 4 giu).

 

OTTOBRE

21 - 23 Sala Moretti | Schadenfreude/Giacomo Bisordi - AMORE E RESTI UMANI
27 - 30 Sala Orfeo | Marcello Cotugno - IL CORPO GIUSTO
27 - 30 Sala Gassman | Francesca Blancato - APPARECCHIO
28 - 30 OTT/03 - 06 NOV Sala Moretti | Teatro del Loto - RE LEAR

NOVEMBRE

04 - 06 Sala Orfeo | LeviedelFool - LUNA PARK - DO YOU WANT A CRACKER?
11 - 13 Sala Orfeo | Scena Verticale - IL VANGELO SECON-DO ANTONIO
12 - 13 Sala Gassman | Fattore K/Raquel Silva - PALOMAR
15 - 20 Sala Orfeo | Khora Teatro/Silvio Peroni - COSTELLA-ZIONI
18 - 20 Sala Moretti | Zecca/Guarnieri/Zanni - TUTTI I MIEI CARI
21 - 04 DIC Sala Moretti - EXIT
25 - 27 Sala Orfeo | Kronoteatro - CANNIBALI
29 - 4 DIC Sala Gassman | Teatro dell’Elfo - ROAD MOVIE

DICEMBRE

01 - 04 Sala Orfeo | Teatrodilina - GLI UCCELLI MIGRATORI
06 - 11 Sala Moretti | Biancofango - PORCOMONDO
13 - 18 Sala Moretti | Arturo Armone Caruso - HIKIKOMORI
17 - 18 Sala Orfeo | Unterwasser - OUT

GENNAIO

12 - 15 Sala Moretti | Cristina Pelliccia/Giulia Trippetta - S.P.E.M.
20 - 22 Sala Gassman | Ariel dei Merli - TESTO TOSSICO
20 - 22 Sala Moretti | Fibre Parallele - DUE
24 - 29 Sala Orfeo | Berardi/Casolari - LA PRIMA, LA MI-GLIORE
24 - 29 Sala Gassman | Proprietà Commutativa - 3Q LIBERI ESPERIMENTI POLITICI

FEBBRAIO

02 - 05 Sala Moretti | Fattore K/Roberto Rustioni - IDIOTA
03 - 05 Sala Orfeo | Tedacà - IL SENTIERO DEI PASSI PE-RICOLOSI
07 - 12 Sala Orfeo | Teatro Presente/Cesar Brie - LA MITE
09 - 12 Sala Gassman | Blu Teatro - TOY BOY
10 - 12 Sala Moretti | Il mulino di Amleto - GL’INNAMORATI UNDERGROUND
14 - 19 Sala Moretti | Alvigini/Di Vito - LIBERI TUTTI
16 - 19 Sala Orfeo | Teatro di Sacco - COMBUSTIBILI
15 - 18 Sala Gassman | Teatro della caduta - MADAMA BO-VARY
21 - 22 Sala Orfeo | Luciano Melchionna | OPHELIA
23 - 26 Sala Gassman | Alchilico Tre - LE BUONE MANIERE. I FATTI DELLA UNO BIANCA
24 - 26 Sala Orfeo | CK Teatro - HITCHCOCK. A LOVE STO-RY
24 - 26 Sala Moretti | MaDiMi - FAUST MARLOWE BURLE-SQUE
28 - 02 MAR Sala Orfeo | Agiteatro - FUTURA UMANITA’
28 - 05 MAR Sala Moretti | Incontroverso - A PORTE CHIUSE

MARZO

03 - 05 Sala Orfeo | Centro Teatrale MaMiMò - SCUSATE SE NON SIAMO MORTI IN MARE
10 - 12 Sala Moretti | Le viedelFool - REQUIEM FOR PINOC-CHIO
14 - 19 Sala Orfeo | Schadenfreude/Giacomo Bisordi- U R
21 - 02 APR Sala Orfeo | Paolo Zuccari - IL FUOCO NELL’ANIMA
23 - 26 Sala Moretti | Eco di Fondo - LA SIRENETTA
30 - 02 APR Sala Moretti | Esercitazioni Invisibili - THE WA-STE LAND

APRILE

04 - 05 Sala Orfeo | Anita Cherubina Bianchi - AP\NE-A
11 - 14 Sala Moretti | Lab 121 - RITRATTO DI DONNA ARA-BA
19 - 22 Sala Moretti | Quattroquinte - ALBA
27 - 28 Sala Moretti | Compagnia Ziba - LA TANA

MAGGIO

05 - 07 Sala Moretti | Blu Teatro - DONNE D’ACQUA DOLCE
08 - 21 Sala Moretti/Sala Gassman - INVENTARIA
16 - 21 Sala Orfeo Siddhartha Prestinari /Attilio Fontana - SI-RENE CONFUSE
30 - 04 GIU Sala Orfeo - DOMINIO PUBBLICO - LA COTTA’ AGLI UNDER 25


Fonte: Gertrude Cestiè, Ufficio Stampa Teatro dell'Orologio

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP