Assaggi di Stagione: tutte le commedie in una sera - la stagione 2015/2016 del Teatro de' Servi

Scritto da  Sabato, 13 Giugno 2015 

La stagione si è appena conclusa (e ottimamente, con 28.500 spettatori e 15.000 abbonati) e il sipario del Teatro de’ Servi si è subito riaperto per gli attesi e ormai consueti “Assaggi di stagione”, il modo più vivo e piacevole per presentare il nuovo cartellone. Due serate di live trailer-show, condotte da Marco Simeoli, in cui tutte le compagnie previste per il 2015/2016 hanno offerto al numeroso pubblico un breve estratto dei loro spettacoli.

 

12 “pillole” di pochi minuti ciascuna ma sufficienti per assaporare il gusto della stagione futura e la precisa linea delle proposte. Ancora una volta, confermando un’identità artistica consolidata negli ultimi anni, il Teatro de’ Servi si conferma Casa della commedia contemporanea italiana. Il marchio di fabbrica, ormai vincente, è nella combinazione di testi brillanti, risate e leggerezza. La panoramica offerta da queste anteprime condensate in una sera ha confermato la vitale spensieratezza del piccolo teatro romano che ha adeguatamente scelto come slogan: “La televisione è un mobile, il Teatro è vita”. Andiamo quindi ad assaggiare gli spettacoli uno ad uno.

Inizio promettente il 22 settembre con un musical che vanta 8 anni di presenza continuativa in scena, adattamenti in 26 lingue e 4 premi Outer Critics Circle Awards (tra cui Miglior Musical off-Broadway): è “Nunsense - le amiche di Maria” di Dan Goggin, nell’adattamento italiano di Fabrizio Angelini in collaborazione con Gianfranco Vergoni e con la direzione musicale di Gabriele De Guglielmo. Un originale musical in cui sette esuberanti suore, sopravvissute all’avvelenamento causato dalla zuppa di finocchio di Suor Giulia, sono alle prese con una raccolta fondi per poter seppellire le loro sorelle meno fortunate, trovate riverse con la faccia nella venefica minestra e conservate nel congelatore nell'attesa di una degna sepoltura.

Il 13 ottobre arriva la prima commedia brillante. In “Questa volta te lo dico che ti amo”, scritta e diretta da Luca Franco con Roberta Scardola (ex “I Cesaroni”) protagonista, una rimpatriata tra vecchi compagni di scuola diventa occasione per raccontare una storia di amicizia e amori non corrisposti con una vena nostalgica per gli anni ’80 e ’90.

Il 3 novembre “Il toyboy di mia madre”, scritto da Marco Mazza e diretto da Eleonora Pariante, racconterà in chiave attuale e ironica le difficoltà della vita di un ragazzo e una ragazza, coinquilini e aspiranti artisti, e della madre di lei, prossima al matrimonio con un compagno molto più giovane.

La commedia sulle paure sociali di e con Bernardino De Bernardis dal titolo “Immigrati brava gente” porterà invece in scena dal 24 novembre un tema attuale e scottante. Facendo piombare un immigrato a casa di una semplice famiglia napoletana, condirà la poesia del quotidiano con l’energia e l’umorismo partenopei.

Il compito di allietare le festività natalizie, a partire dal 15 dicembre, sarà affidato alle situazioni da vaudeville e alla comicità esplosiva dei cinque stravaganti protagonisti di “Una splendida vacanza”, opera del 1998 di Ester Cantoni (qui anche regista e interprete).

Ritmo e humour segneranno invece la commedia “Se ti sposo mi rovino” scritta, diretta e interpretata da Marco Cavallaro e sospesa tra materialismo e sentimentalismo. Lo spettacolo, in scena dal 5 gennaio, racconterà di un miliardario scapolo così amante delle donne da chiederle in sposa tutte; i suoi guai naturalmente inizieranno quando tutte le amanti si presenteranno a casa sua per organizzare le nozze.

I riflettori si accenderanno poi sul trionfatore della III edizione di “Una commedia in cerca di autori”, concorso per autori tra i 18 e i 40 anni indetto dal Centro di Produzione La Bilancia per valorizzare i talenti nostrani. Il testo vincitore, proclamato proprio durante gli “Assaggi di Stagione”, è “Il capo dei miei sogni” di Sara Palma e Daniele Benedetti, una divertente analisi del nostro tempo su tagliatori di teste, capi e dipendenti. Alla commedia sono garantite 60 date sicure in Italia con la regia di Roberto Marafante.

Il 16 febbraio con “Abbiamo ucciso Sofocle” di L.N. Ironwhite (regia di Antonio Serrano) assisteremo, complice un improvviso incidente in scena che rimescola le carte, ad una esilarante distruzione di un testo classico di Sofocle e a tutto ciò che sul palco non andrebbe fatto, in un originale esempio di teatro nel teatro.

Dall’8 marzo sarà invece la volta di una commedia improvvisamente velata di giallo. Ne “L’accompagno di papà”, scritto e diretto da Roberto Marafante, Lucia, suo fratello Gino e il dottor Magnesio vivono sulle spalle dell’anziano genitore, sfruttando l’assegno di sostegno per invalidità concesso dallo Stato. Ma che succederà quando un giorno il padre non si troverà più?

Ancora un tema attuale e delicato ma trattato con ironica leggerezza: stavolta tocca ai valori della famiglia, ai nuclei familiari non omologati, ai diritti degli omosessuali nell’essere genitori. Tra equivoci, battute e segreti, “Un bacio dai tuoi papà” arriverà il 29 marzo, scritto da Gianpiero Pumo, diretto da Gianluca Ferraro e interpretato (tra gli altri) da Giorgia Trasselli.

Forte dei successi cinematografici ed editoriali, sarà Federico Moccia uno dei protagonisti di fine stagione con il suo “Compagni di banco” interpretato da Michela Andreozzi e Francesco Apolloni e in scena dal 19 aprile: una favola leggera per ridere con sentimento, raccontando di amicizie nate sui banchi di scuola e di seconde occasioni.

Infine, il 10 maggio, “Il Majorana Show” di Claudio Pallottino con regia di Marco Simeoli chiuderà la stagione. Il palco diventa uno studio televisivo e un caso scottante diventa argomento da talk televisivo. Ettore Majorana nel 1938 si imbarcò sul postale Roma-Palermo dopo aver dichiarato di pensare al suicidio e da quel momento se ne persero le tracce: scomparsa o suicidio?

Il prossimo appuntamento con gli “Assaggi di Stagione”, l’ultimo prima dell’inizio ufficiale della programmazione, è fissato per il prossimo 15 settembre alle ore 21.00. Un appuntamento da non perdere, così come le dodici irresistibili commedie che costelleranno la prossima stagione del Teatro de' Servi all'insegna del brillante buonumore e di uno sguardo ironico rivolto a vizi e virtù della nostra società contemporanea.

 

Teatro de’ Servi - via del Mortaro 22 (angolo via del Tritone), 00187 Roma
Per informazioni e prenotazioni: telefono 06/6795130 - mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orari botteghino: dal martedì al sabato ore 10/20, domenica ore 15/17.30, Periodo dal 1 giugno al 20 settembre dal lunedì al sabato ore 10/19
Abbonamenti: 12 spettacoli a partire da 80€ fino a 125€ - Sconto rinnovo entro il 30 giugno
Biglietti: Platea 22€ - Galleria 18€
Orario spettacoli: da martedì a venerdì ore 21, sabato ore 17.30 e 21, domenica ore 17.30, lunedì riposo

Articolo di: Michela Staderini
Grazie a: Carla Fabi e Barbara Ghinfanti, Ufficio stampa Teatro de' Servi
Sul web: www.teatroservi.it

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP