La Stagione 2019 della Fondazione Inda: un presente antichissimo al Teatro Greco di Siracusa

Scritto da  Lunedì, 22 Aprile 2019 

Antichissimo presente con tre registi al debutto al Teatro Greco: Davide Livermore, Muriel Mayette-Holtz e Tullio Solenghi. In scena Laura Marinoni, Maddalena Crippa ed Elisabetta Pozzi: tre prime donne molto amate a Siracusa. “Donne e guerra”, questo il tema di attualità scelto per questa edizione con la volontà di ribadire la classicità alias l’universalità della tragedia greca. La stagione gioca sui confini fra tragedia e commedia come rappresentazione della vita e va oltre la rappresentazione delle tragedie per costruire un percorso.

 

L’obiettivo dell’Inda è rappresentare l’antico, anche con il coordinamento di altri teatri di pietra, greco-romani, con un linguaggio contemporaneo. In tal senso il tema del teatro greco è la sottolineatura del classico come intramontabile Il sottotitolo ribadisce tale scelta con la dicitura “Un presente antichissimo” e il tema dell’anno, “Donne e guerra”, si inserisce nel filone dell’attualità, della storia che insegna senza che l’uomo impari. Il 2019 sottolinea la resilienza al femminile che intreccia estetica (rappresentazione teatrale e arte) con l’etica (il valore della vita e della lotta per i diritti) con un inno alla speranza dopo la distruzione.

Sovrintendente della stagione 2019 Antonio Calbi, che nelle ultime stagioni ha diretto con intelligenza il Teatro di Roma, emozionato e stimolato dalla sfida di riportare il teatro al rito collettivo dell’antichità. Questo a ben vedere era legato alla presenza del coro, che rappresenta il popolo anonimo, gli altri senza nomi ma anche il noi, il senso della comunità, scomparso nel teatro moderno, se non nell’opera lirica.

Le opere scelte, “Elena” e “Le Troiane” di Euripide e “Lisistrata” di Aristofane sottolineano l’assurdo della guerra, la sua inutilità crudele ma anche il ruolo delle donne, non solo nel senso dei diritti di genere quanto di autoaffermazione politica, soprattutto nel caso della commedia. Quest’ultima, la “Lisistrata” con protagonista Elisabetta Pozzi, eroina comica ma eroina, vuole presentarsi nel suo lato tragico perché l’antimilitarismo e il ruolo delle donne che occupano l’Acropoli è tragico anche se il modo di porgersi è farsesco e da sempre si è giocato su questo lato, più accattivante. La regia di Tullio Solenghi al debutto a Siracusa, pur ritagliando per sé un piccolo ruolo esilarante, sceglie il dialogo con la tragedia.

Anche gli altri due registi sono al loro debutto al Teatro Greco, rispettivamente Davide Livermore e Muriel Mayette. Il primo firma la regia di “Elena” di Euripide, opera alla sua seconda volta sulla scena siracusana dopo la versione del 1978, interpretata oggi nel ruolo della protagonista da Laura Marinoni. Celata dietro una maschera, sarà come un fantasma, una nuvola e la regia intende riprodurre l’antico impianto classico per l’importanza data al coro, alla musica e alla maschera che creava un’unicità timbrica nella voce dei diversi personaggi, oggi riprodotta attraverso il suono elettronico.

Maddalena Crippa sarà la protagonista, nel ruolo di Ecuba, delle “Troiane”, sempre di Euripide con la regia della francese Muriel Mayette, prima donna a dirigere la Comédie française. La Crippa è alla sua terza volta siracusana dopo essere stata “Medea” nel 2004 con la regia di Peter Stein e Clitemnestra in “Elettra” di Sofocle per la regia di Gabriele Lavia (recensione e intervista a Maddalena Crippa disponibili su SaltinAria). Interessante si annuncia la partecipazione allo spettacolo dell’attore Paolo Rossi, dalle origini serbe e siciliane di Corleone, questa volta in un insolito ruolo tragico. Intrigante anche il progetto scenico di Stefano Boeri, direttore della Triennale di Milano, che ha scelto di utilizzare per il Bosco delle Troiane, gli alberi abbattuti delle foreste della Carnia, creando un ponte tra il Friuli e la Sicilia, lanciando un messaggio di rinascita perché alcune piantine di leccio saranno piantumate proprio a Siracusa.

Quella di Siracusa non si annuncia solo come la stagione delle tragedie ma un percorso a tutto tondo con diverse novità. Innanzi tutto due serate speciali con la prima volta nella cavea del Teatro Greco di Luca Zingaretti, che leggerà “La Sirena” dal racconto “Lighea” di Giuseppe Tomasi di Lampedusa; l’unica tappa siciliana del tour mondiale di Ludovico Einaudi il 25 luglio; l’Orecchio di Dionisio inoltre ospiterà quattro incontri che vedranno gli interventi di Eva Cantarella, Claudio Magris, Luciano Canfora e Lella Costa. Il 20 giugno è in programma Agon, il processo simulato che vedrà salire sul banco degli imputati Elena di Troia.

Tre sono le mostre allestite da maggio a settembre: al Museo Paolo Orsi l’esposizione delle opere di Umberto Passeretti, autore del manifesto ufficiale della Stagione 2019, che da sempre si è dedicato a dipingere l’archeologia; alla Galleria Regionale di Palazzo Bellomo la mostra di Matteo Basilé, da tre suoi scatti sono nati i manifesti delle tre produzioni dell’Inda al Teatro Greco, e l’esposizione sulle Orestiadi di Gibellina.

Imponente l’impegno della Fondazione Inda per offrire tre mesi di spettacoli ed eventi unici di altissimo livello con nomi di rilievo a livello internazionale. Tre sono le nuove produzioni, 48 le repliche tra il 9 maggio e il 6 luglio, oltre 100 gli attori che si esibiranno nella cavea del Teatro Greco di Siracusa. L’Inda guarda anche ai ragazzi con la venticinquesima edizione del Festival Internazionale dei Giovani di Palazzolo Acreide, realizzata con il sostegno della Fondazione Sicilia: oltre 2400 studenti di 88 scuole dall’Italia e dal mondo si esibiranno sul palco del Teatro di Akrai, dall’11 maggio al 2 giugno.

 

Laura MarinoniELENA
Opera di | Euripide
Traduzione | Walter Lapini
Regia | Davide Livermore
Costumi | Gianluca Falaschi
Musiche | Andrea Chenna
Disegno Luci | Antonio Castro
Video Design | D-Wok
Assistente alla regia | Alberto Giolitti
Assistente scenografo | Lorenzo Russo
Assistente ai costumi | Anna Missaglia
Personaggi e interpreti (in ordine di apparizione)
Elena | Laura Marinoni
Teucro | Viola Marietti
Menelao | Sax Nicosia
Vecchia | Mariagrazia Solano
Primo Messaggero | Maria Chiara Centorami
Teonoe | Simonetta Cartia
Teoclimeno | Giancarlo Judica Cordiglia
Secondo messaggero | Linda Gennari
Corifea | Federica Quartana
Coro e Dioscuri | Bruno Di Chiara, Marcello Gravina, Django Guerzoni, Giancarlo Latina, Silvio Laviano, Turi Moricca, Vladimir Randazzo, Marouane Zotti
Date: Maggio 9/11/15/17/19/21/23/25/29/31, Giugno 2/4/6/8/12/14/16/18/20/22

 

Maddalena CrippaLE TROIANE
Opera di | Euripide
Traduzione | Alessandro Grilli
Regia | Muriel Mayette-Holtz
Drammaturgo | Cristiano Leone
Progetto Scenico | Stefano Boeri
Costumi | Marcella Salvo
Musiche | Cyril Giroux
Disegno Luci | Angelo Linzalata
Regista assistente | Mercedes Martini
Assistente per il progetto scenico | Anastasia Kucherova
Personaggi e interpreti (in ordine di apparizione)
Atena | Francesca Ciocchetti
Poseidone | Massimo Cimaglia
Ecuba | Maddalena Crippa
Taltibio | Paolo Rossi
Cassandra | Marial Bajma Riva
Andromaca | Elena Arvigo
Menelao | Graziano Piazza
Elena | Viola Graziosi
Corifea | Clara Galante
Capo coro | Elena Polic Greco
Chitarrista | Fiammetta Poidomani
Astianatte | Riccardo Scalia
Coro | Doriana La Fauci, Maria Baio, Maria Gabriella Biondini, Cettina Bongiovanni, Carmen Cappuccio, Irene Di Maria, Lucia Imprescia, Rosamaria Liistro, Giusy Lisi, Maria Verdi
Coro ADDA | Giulia Antille, Beatrice Barone, Priscilla Bavieri, Virginia Bianco, Simona Caleca, Irene Cangemi, Serena Carignola, Serena Chiavetta, Federica Cinque, Benedetta D’Amico, Simona De Sarno, Ambra Denaro, Adele Di Bella, Giorgia Greco, Federica Gurrieri, Irene Jona, Giorgina Kezich, Valentina Lo Manto, Sveva Mariani, Sara Mancuso, Vittoria Mangiafico, Ornella Matragna, Giulia Messina, Silvia Messina, Irene Mori,Arianna Pastena, Francesca Piccolo, Daniela Quaranta, Isabella Sciortino, Alba Sofia Vella, Francesca Vignali, Gaia Viscuso, Gabriella Zito
CGuardie di Taltibio | Riccardo Livermore, Davide Raffaello Lauro, Gabriele Rametta, Alessio Iwasa, Nicola Morucci, Andrea Pacelli
CGuardie di Menelao | Massimo Marchese, Francesco Piraneo, Salvatore Amenta
Date: Maggio 10/12/14/16/22/24/26/28/30, Giugno 1/5/7/9/11/13/15/19/21/23

 

Elisabetta PozziLISISTRATA
Opera di | Aristofane
Traduzione | Giulio Guidorizzi
Regia | Tullio Solenghi
Scene e costumi | Andrea Viotti
Coreografia | Paola Maffioletti
Light designer | Pietro Sperduti
Collaboratore alla regia e curatore musicale | Marcello Cutugno
Assistente alla regia | Martina Garciulo
Personaggi e interpreti (in ordine di apparizione)
Lisistrata | Elisabetta Pozzi
Cleonice | Federica Carrubba Toscano
Mirrina | Giovanna Di Rauso
Lampitò | Viola Marietti
Coro di vecchi:
Drace | Vittorio Viviani
Strimodoro | Totò Onnis
Filurgo | Mimmo Mancini
Coro di donne:
Nicodice | Simonetta Cartia
Calice | Silvia Salvatori
Critilla | Tiziana Schivarelli
Donna Beota | Elisabetta Neri
Un commissario | Federico Vanni
Tre donne | Margherita Carducci, Elisabetta Neri, Federica Carruba Toscano
Cinesia | Tullio Solenghi
Didascalio | Roberto Alinghieri
Un Araldo Spartano | Giuliano Chiarello
Un Ambasciatore Spartano e due Ateniesi | Riccardo Livermore, Francesco Mirabella
Tregua | Elisabetta Neri
Pedasta | Massimo Lopez
Corifeao | Simonetta Cartia
Coro | Giulia Antille, Beatrice Barone, Emanuele Carlino, William Caruso, Adele Di Bella, Tommaso Garrè, Federica Gurrieri, Irene Jona, Gabriele Manfredi, Giulia Messina, Silvia Messina, Federico Mosca, Roberto Mulia, Salvatore Pappalardo, Stefano Pavone, Gabriele Rametta, Isabella Sciortino, Alba Sofia Vella, Salvatore Ventura, Gabriella Zito
Date: Giugno 28/29/30, Luglio 2/3/4/5/6

 

Articolo di Ilaria Guidantoni
Grazie a: Ufficio stampa Maya Amenduni
Sul web: www.indafondazione.org

TOP