I trent’anni "ricreativi" del Romaeuropa Festival

Scritto da  Giovedì, 24 Settembre 2015 

Trenta sono gli anni del Romaeuropa Festival che in questi giorni apre i battenti. Nella precarietà del panorama culturale attuale, Romaeuropa costituisce una certezza, un appuntamento ormai ineludibile che un pubblico sempre più numeroso attende con curiosità. Dal 23 settembre sino all'8 dicembre, 76 saranno i giorni di spettacolo, 48 gli appuntamenti in tutta Roma, oltre 300 gli artisti che si alterneranno nei 15 luoghi deputati a ospitare le diverse rappresentazioni artistiche. Undici le installazioni, affiancate da un programma di performance, presenti al Digitalife-Luminaria a cui il Macro Testaccio-la Pelanda, come ogni anno, aprirà i suoi spazi. Trentesima edizione, dunque, un compleanno ricco che avrà come punto cardine, intorno al quale ruoteranno tutti gli appuntamenti, la rielaborazione e la storicizzazione di un contemporaneo quanto mai complesso e chiuso a ogni paradigma interpretativo.

 

Il tema della ri-creazione sia nel suo significato ludico e gioioso, presente nelle forme artistiche in modalità diverse, che nella ricerca di nuove forme di lettura del presente. Festival delle arti performative contemporanee per eccellenza, Romaeuropa s’innesta quest’anno in una forte tessitura musicale che percorrerà tutta la programmazione attraverso diversi generi: teatro, danza, circo e arti visive. I linguaggi espressivi s’intrecciano rendendone fluidi i confini.

La musica ha sempre avuto spazi di ricercata raffinatezza e anche quest’anno Romaeuropa non mancherà di rispettare la tradizione presentando opere a vocazione sperimentale. Le “Sonate e interludi per pianoforte preparato” di John Cage, interpretate da Fabrizio Ottaviucci ne sono valido esempio. Come anche la composizione di “Verklarte Nacht” di Arnold Schonberg, secondo titolo della coreografa di fama mondiale Anne Teresa De Keersmaeker, o il suo ciclo “Schwanengesang D744 (Canto del Cigno)" di Franz Schubert che accompagnerà la scrittura drammaturgica di Romeo Castellucci.

In calendario troviamo anche la danza contemporanea di Russell Maliphant, Jan Fabre, Akram Khan, Alessandro Sciarroni. Per il teatro oltre a Romeo Castellucci che avrà come scenografia per il suo “Giulio Cesare” le Terme di Diocleziano, ci sarà Emma Dante e per la prima volta Carrozzeria Orfeo.

Durante la conferenza stampa di presentazione del programma sia Monique Veaute, Presidente e Fondatrice del Festival insieme a Jean-Marie Drot e a Giovanni Pieraccini, che Fabrizio Grifasi, Direttore Generale e Artistico dal 2008, hanno sottolineato la vocazione multidisciplinare della programmazione artistica del Festival e l’apertura alla pluralità delle estetiche e dello sguardo degli artisti provenienti da differenti paesi - Germania, Inghilterra, Ungheria tra gli altri - per sottolineare lo spazio privilegiato concesso alla ricerca creativa europea. “Durante questi anni il Festival ha cambiato volto mantenendo però alcuni punti fermi - afferma Grifasi - come il rispetto per le visioni artistiche degli autori e l’apertura a un pubblico vasto ed eterogeneo perché la creazione contemporanea deve essere sempre più condivisa”.

Roma accoglierà, come sempre, il Festival dalla natura nomade in spazi pubblici e privati: dal Teatro Vascello al Teatro Argentina, dall’Auditorium al Macro. L’ampio programma quest’anno avrà un'eco amplificata grazie alla nuova collaborazione con la Rai, attraverso Rai Cultura, Rai 5, Rai Radio2 e Rai Radio3.

Ad inaugurare la lunga e interessante kermesse è il regista e attore Robert Lepage: dal 23 al 27 settembre al Teatro Argentina è infatti in scena, prodotto da Ex Machina, “887”, bel monologo scritto, diretto e interpretato dall’autore stesso. L’opera prende il proprio nome dall’indirizzo della via - rue Murray 887 - in cui Lepage ha trascorso la sua infanzia e giovinezza a Québec City, un tuffo nella memoria individuale e collettiva.

I NUMERI DEL 30° ROMAEUROPA FESTIVAL
oltre 300 artisti
di 21 nazionalità
76 giorni di spettacolo
50 eventi
20 prime
110 recite
15 location
12 installazioni e 4 performances in mostra a Digital Life | Luminaria
oltre 50.000 posti per il pubblico
13 progetti di formazione
11 incontri Post.it dopo spettacolo con il pubblico
35 programmi di sala
di cui 12 curati da giovani scrittori selezionati dalla casa editrice minumum fax
spettacoli diffusi in streaming e sui canali RAI
speciali televisivi
3.000 titoli dell’archivio storico del Romaeuropa Festival online sul nuovo sito della Fondazione

Calendario ROMAEUROPA FESTIVAL 2015
SETTEMBRE
23, 24,26,26 ore 21 | Teatro Argentina
teatro
Robert Lepage 887

29,30 ore 21 | Teatro Argentina
danza
Compagnie Maguy Marin May B

30, ore 21 | Teatro Vascello
nuovo circo / danza
Radhouane El Meddeb / Matias Pilet / Alexandre Fournier Nos Limites

OTTOBRE
1, 2, 3 ore 21 | 4 ore 17 | Teatro Vascello
nuovo circo / danza
Radhouane El Meddeb / Matias Pilet / Alexandre Fournier Nos Limites

2, 3 ore 21 | Teatro Argentina
danza / musica
Teresa De Keersmaeker / Rosas / ensemble
Ictus Vortex Temporum

4 ore 21 | Teatro Argentina
danza / musica
Anne Teresa De Keersmaeker / Rosas
Verklärte Nacht

6,7 ore 21 | Teatro Argentina
danza / musica
RussellMaliphant Company Conceal | Reveal

8 ore 21 | Teatro Argentina
musica
Fabrizio Cassol / Aka MoonAlefBa

10 ore 21 | 11 ore 17 | Teatro Argentina
danza / musica
Compagnie Marie Chouinard
Gymnopèdies | Henri Michaux: Mouvements

14, 15, 16 ore 21 | Auditorium Conciliazione
danza
Akram Khan Company Kaash

16, ore 22 | La pelanda
musica / new media Club to Club – The Italian New Wave
Prurient (US) + special guest to be announced soon

17, ore 22 | La pelanda
musica/ new media new media Club to Club – The Italian New Wave
Miles/Demdike Stare (Us) + Shapednoise + special guest to be announced soon

17 ore 19 | Teatro Argentina
performance di 24 ore
Troubleyn/Jan Fabre
Mount Olympus. To glorify the cult of tragedy

dal 20 al 31 ore 21 | 25 ore 17 | Teatro Vittoria
teatro
Emma Dante Operetta Burlesca

21 ore 18 | Opificio Romaeuropa
danza
Waiting for DNAeurope | DNAappunti coreografici

22, 23 ore 21 -24 ore 16 e 21, 25 ore 17 |Teatro Vascello
nuovo circo / danza / arti digitali
Adrien M & Claire B Le mouvement de l’air

23 ore 21 | MACRO Testaccio – La pelanda
musica
Vox Nova Italia / Karlheinz Stockhausen
Stimmung| Capricorn

24 ore 19 | MACRO Testaccio-La pelanda
musica
Fabizio Ottaviucci / John Cage
Sonatas and Interludes per pianoforte preparato

dal 27 al 30 ore 19 e 21 | Aula Ottagonale
delle Terme di Diocleziano (Ex Planetario)
teatro
Romeo Castellucci Giulio Cesare. Pezzi staccati

29 ore 22 | MACRO Testaccio-La pelanda
musica/ Afropolitan
Pat Thomas & Kwashibu Area Band

30 ore 22 | MACRO Testaccio-La pelanda
musica/ Afropolitan
Petit Noir

31 ore 22 | MACRO Testaccio-La pelanda
musica/ Afropolitan
BLK JKS

31 ore 19 | MAXXI
musica / performance
People from the mountain Musica da cucina

dal 1 al 31 | Foro Italico - Sala della Scherma
installazione
Arcangelo Sassolino Time Tomb

NOVEMBRE
1 ore 17 | Teatro Vittoria
teatro
Emma Dante Operetta Burlesca

4, 5, 6, 7 ore 21 - 8 ore 17| Teatro Vittoria
teatro
Emma Dante Io, Nessuno, Polifemo.

3 ore 20.30 | Teatro India - foyer
danza DNAeurope
Aoife McAtmneySofter Swells

3 ore 21 | Teatro India - Sala B
danza DNAeurope
Annamaria Ajmone Tiny

3 ore 21.45 | Teatro India – Sala B
danza DNAeurope
Chiara Frigo West End

4 ore 19 | Teatro India – Sala B
danza DNAeuropemeets Aerowaves
Igor &Moreno Idiot-Syncrasy

4 ore 21 | Teatro India – Sala B
danza DNAeuropemeets Aerowaves
Liat Waysbort Please me Please

4 ore 21.45 | Teatro India - Sala A
danza DNAeuropemeets Aerowaves
Hodworks Conditions of Being a Mortal, movement I. movement II

5 ore 21 | Teatro India - Sala A
danza DNAeurope
Albert Quesada Wagner & Ligeti

6 ore 21 | Teatro India - Sala B
danza DNAeurope
Ioannis Mandafounis e Elena Giannotti ApersonA

7 ore 18 | Teatro India - Sala B
danza DNAeurope
Jan Martens Ode to the Attempt(a solo for meself)

7 ore 19 -8 ore 21 | Teatro India
musica | teatro
Romeo Castellucci / Franz Shubert
Schwanengesang D744 (Il canto del cigno)

dal 10 al 14 ore 21, 15 ore 17| Teatro Vascello
teatro
Ascanio Celestini Laika

13, 14 ore 21 - 15 ore 17| Teatro India
teatro
Carrozzeria Orfeo Animali da bar

13, 14 ore 22 | MACRO Testaccio-La pelanda
musica / performance / arti digitali
The Winstons + Esecutori di metallo su carta/
Musorgskij Pictures at an exhibition

19, 20, 21 ore 21 - 22 ore 17| Teatro Vascello
circo contemporaneo
Aurèlien Bory Questcequetudeviens?

20, 21 ore 22 | MACRO Testaccio-La pelanda
musica / video
Marok / Alessandra Celletti / Beppe Brotto /
Masbedo nulla è andato perso

25, 26, 27 ore 21 - 28 ore 16 e 21 - 29 ore 17
Teatro Brancaccio
nuovo circo
Les 7 doigts de la main Cuisine et confessions

26 ore 22 | MACRO Testaccio-La pelanda
musica
Tempo Reale / Mauricio Kagel Acustica

28 ore 18, ore 20 e ore 22 |
MACRO Testaccio-La pelanda
musica / performance / arti digitali
Quiet Ensemble The enlightenment

27 ore 21 | Auditorium Parco della Musica
musica
Massimo Zamboni / Francesco Magnelli /
Giorgio Canali / Ginevra Di Marco / Angela
Baraldi / Lo Stato Sociale/ Appino / Brunori
Sas / Max Collini/ Francesco Di Bella
Epica Etica Etnica Pathos-25 anni

28, 29 ore 21 | Teatro Vascello
teatro
Hotel Pro Forma Laughter in the Dark

DICEMBRE
1, 2 ore 21| Teatro Vascello
teatro musicale
Muta Imago / Esemble Hermes / Bruno Maderna
Hyperion

5 ore 21 | MACRO Testaccio – La Pelanda
PEOPLE FROM THE MOUNTAIN
Matita – Musica

5 ore 22 | MACRO Testaccio-La pelanda
musica
Rhò / Daniele Spano’ / Luca Brinchi Across the line

8 ore 18 | MAXXI
danza
Alessandro Sciarroni / Balletto di Roma
Turning| Symphony of sorrowful songs

 

INFOLINE, PRENOTAZIONI E ACQUISTO BIGLIETTI:
online sul sito www.romaeuropa.net o al telefono chiamando l’ufficio promozione al numero +39 06 45553050/51

Articolo di: Lia Matrone
Grazie a: Giulia Di Giovanni e Matteo Antonaci, Ufficio stampa Romaeuropa Festival
Sul web: www.romaeuropa.net

TOP