Questa sono Io… uno sguardo diverso. Evento sulla violenza di genere al Teatro Tor Bella Monaca

Scritto da  Domenica, 01 Marzo 2015 

Mercoledì 4 marzo al Teatro Tor Bella Monaca, l’Associazione Culturale Gli Utopisti presenta “Questa sono Io… uno sguardo diverso”, uno spettacolo nato dall’esigenza di sensibilizzare il pubblico sul problema del femminicidio e della violenza di genere. Più che una pièce teatrale è uno spettacolo che nasce dall’incontro e dalla fusione di diverse arti, teatro, cinema, danza, poesia, per portare lo spettatore a scardinare il modo di vedere e di pensare la donna di derivazione patriarcale; la solidarietà tra generi e il riconoscimento dell’individualità dell’Altro, attraverso l’accettazione e la comprensione degli interessi e dei bisogni dell’Altro/a è ciò a cui auspichiamo attraverso le nostre immagini e le nostre parole.

Testo e regia Diletta D’Ascia

Poesie ”Oblio” di Diletta D’Ascia, “L’odore della vita” di Ilaria Guidantoni, “Litigare” di Valentina Celentano
con Valentina Celentano, Salvatore Lanza, Alessia Capua, Fabio Ferrante, Giulia Delicato, Roberto Oliveri 
coreografie e danza Giulia Fabrocile

Sullo sfondo di un dialogo piuttosto quotidiano tra un uomo e una donna, che si rincontrano dopo diversi anni, le loro Coscienze, doppie, si confrontano, parlano, gridano, a loro stessi più che alla Coscienza dell’altro, ciò che provano, ciò che rimpiangono. Emma nasconde dietro un volto truccato, e un atteggiamento ironico, la sofferenza per essere vittima della violenza fisica e psicologica del marito; Simone è a conoscenza della violenza che subisce la donna ma non sa aiutarla, si limita a essere una presenza alterna e uno spettatore maldestro della vita di lei.
Le Coscienze si sdoppiano, in un vertice di parole e sentimenti, la Prima Coscienza della donna esprime la sofferenza, l’angoscia, il senso di solitudine della sua condizione, dalla quale non sa e non riesce a uscire, mentre la Prima Coscienza dell’uomo sembra voler avvicinare, in qualche modo, Emma. Ma la Coscienza della Donna ricorda anche la persona che era e prova rabbia contro se stessa e contro gli altri, tenta di usare questo incontro per risvegliare l’Emma del passato; quella dell’Uomo, prova, d’altro canto, risentimento e si pone invece in modo sarcastico, nei confronti di Emma e di se stesso. Alla fine di questo breve incontro e di un dialogo banale, fatto di sguardi, e di sensazioni che provengono dalle Coscienze e dai ricordi, più che di parole, Emma avrà compiuto un percorso che la porterà a una nuova consapevolezza. Teatro, cinema, poesia e danza si fondono nel percorso che questa donna compie, nello spazio di un incontro fortuito, verso la riappropriazione dell’atto di guardare, inteso come metafora di libertà, di presa di coscienza e di riaffermazione della propria individualità.

Saranno proiettati 8 cortometraggi, scritti e diretti da Diletta D’Ascia, Presidente Associazione Culturale Gli Utopisti; corti che sono il nucleo e struttura portante di questo spettacolo nato come progetto di sensibilizzazione.

Sarà, inoltre, proiettato “Donne con la primavera ancora lontana”, scritto e diretto da Souhail Bayoudh, Presidente Associazione Forza Tounes, regista e attivista per i diritti umani tunisino, che lancerà uno nuovo sguardo sulla violenza alle donne e con il quale condividiamo un nuovo progetto per lottare contro la violenza di genere nello spazio del Mediterraneo.

Lo spettacolo sarà arricchito dalle parole della scrittrice e giornalista Ilaria Guidantoni, con la poesia, L’odore della vita, tratta dalla raccolta Prima che sia buio. In ordine sparso seguendo un filo. Colosseo Editoriale.

QUESTA SONO IO… UNO SGUARDO DIVERSO
Teatro, Cinema, Poesie e Danza per raccontare il viaggio di una donna.
Serata per la lotta contro la violenza di genere.

4 marzo 2015 - ore 21.00
Teatro Tor Bella Monaca
Via Bruno Cirino

http://www.casadeiteatri.roma.it/events/questa-sono-io-uno-sguardo-diverso

Fonte: Diletta D'Ascia

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP