Il percorso monografico dedicato alla compagnia Proxima Res apre la stagione del Teatro dell'Orologio

Scritto da  Mercoledì, 30 Settembre 2015 

La compagnia Proxima Res è stata fondata nel 2009 e ha la sua sede a Milano. E' un laboratorio permanente di idee; un centro di produzione artistica; un luogo di studio, in cui sviluppare talenti e dialogare alla ricerca di forme teatrali che comunichino pensiero; un incontro tra artisti: registi, drammaturghi, coreografi, attori e danzatori che desiderano sviluppare le loro intuizioni, lavorare insieme per ampliare la ricerca e lo studio sullo spettacolo dal vivo; infine una scuola di teatro e di movimento, un “luogo” di allenamento e ascolto per il corpo e una scuola di formazione attoriale. Sostiene progetti di giovani artisti che in questi anni faticano ad avere visibilità e spazio. Proxima Res apre la stagione 2015/2016 del Teatro dell'Orologio con un trittico di spettacoli: "Invidiatemi come io ho invidiato voi", "Fuorigioco" e "Antropolaroid".

 

PROXIMA RES
Margherita Baldoni, Caterina Carpio, Mariangela Granelli, Emiliano Masala, Francesca Porrini, Carmelo Rifici e Tindaro Granata, attuale direttore artistico.

 

INVIDIATEMI COME IO HO INVIDIATO VOI
dal 6 all’11 ottobre 2015
dal martedì al sabato ore 21:30 | domenica ore 18:30
SALA MORETTI

scritto e diretto da Tindaro Granata
con (in ordine alfabetico)
Caterina Carpio, Tindaro Granata, Mariangela Granelli, Paolo Li Volsi, Bianca Pesce, Francesca Porrini
voce registrata del magistrato Elena Arcuri
assistente alla regia Agostino Riola
scene e costumi Eliana Borgonovo
disegno luci Matteo Crespi
elaborazioni musicali Marcello Gori
produzione BIBOteatro e Proxima Res

In Invidiatemi come io ho inviato voi, una donna diventa amante del datore di lavoro di suo marito. Si frequentano di nascosto. La donna, che ha una figlia di 3 anni, progetta di lasciare il marito per andare a vivere con l’amante. Per abituare la bimba alla presenza di una figura maschile diversa da quella del padre, la donna affida spesso la bimba all’amante. L’amante è un pedofilo e, dopo un abuso, la bimba muore. Il pedofilo ha avuto l’ergastolo, la madre viene condannata a 15 anni di reclusione perché viene dichiarata colpevole di connivenza. Sapeva.
Tutti i componenti della storia dichiareranno la loro versione dei fatti, cercando una verità che non tiene conto della bimba che è morta. “Se volessi essere banale e superficiale direi che la bambina rappresenta la nostra Italia. La perdita di un innocenza stuprata dalla nostra disonestà. A volte sono banale. Il testo è basato su una storia vera, ma il riferimento che c’è sotto è puramente metaforico”. (Tindaro Granata)

FUORIGIOCO
dal 13 al 22 ottobre 2015
dal martedì al sabato ore 21:00 | domenica ore 18:00
SALA ORFEO
PRIMA NAZIONALE

di Lisa Nur Sultan
con Giampiero Judica, Elisa Lucarelli, Emiliano Masala, Francesca Porrini
progetto e regia Emiliano Masala
scene Andrea Simonetti
luci Javier Delle Monache
suono Alessandro Ferroni
assistente alla regia Mauro Santopietro
produzione Proxima Res e Progetto Goldstein

La Storia si ripete sempre tre volte: la prima come tragedia, la seconda come farsa e la terza come partita di calcio. 28 giugno 2012: Italia-Germania, semifinale degli Europei.
Gli occhi del paese sono puntati su SuperMario, perché non ci faccia fare la fine della Grecia. E poi certo anche sull’altro Mario, perché a Bruxelles convinca la Merkel ad allentare la cinghia.
Ma a noi interessa il terzo Mario, il compagno di Anna, che abita in quel palazzo, dietro quella finestra, e stasera vorrebbe guardarsi la partita come tutti, ma non potrà. Perché sul cornicione accanto, Adriano e Laura si tengono per mano: si vogliono buttare. Ma perché? E soprattutto, perché proprio ora?!!
Siam pronti alla morte, l’Italia chiamò, sì! La partita ha inizio.
FUORIGIOCO è una commedia amara, che racconta dinamiche universali di crisi di coppia e dilemmi esistenziali dentro la cornice di una partita che fu simbolica, nell’estate più angosciante della recente storia italiana.” (Emiliano Masala)

ANTROPOLAROID
dal 23 al 25 ottobre
dal martedì al sabato ore 21:00 | domenica ore 18:00
SALA ORFEO

scritto e diretto da Tindaro Granata
con Tindaro Granata
scene e costumi Margherita Baldoni e Guido Buganza
disegno luci Matteo Crespi
elaborazioni musicali Daniele D’Angelo
organizzazione/distribuzione Paola Binetti
produzione Proxima Res

Antropolaroid è la fotografia di una famiglia siciliana, una polaroid umana che si snoda attraverso la voce e il corpo di Tindaro Granata. Le storie tramandate inconsapevolmente dai nonni di Tindaro, diventano lo spunto originalissimo e poetico per un racconto popolare in cui la famiglia, insieme alla storia di un paese, sono i protagonisti. Personaggi e voci prendono vita esclusivamente con l’aiuto del corpo dell’interprete, solo ad abitare la scena vuota. L’attore-autore si distacca dal modello originario di tradizione orale del “Cunto” senza però prescinderne, dando vita ad una lingua sconosciuta, un dialetto siciliano ricco di detti familiari, voci antiche, memorie sonore della sua terra d’origine. Senza artifici scenografici, i personaggi di Tindaro si alternano, si sommano, si rispondono, legati a un comune cordone ombelicale. Creano la storia di una famiglia italiana, in cui il male si perpetua come un’eredità misteriosa tramandata da padre in figlio, un male che si presenta ad ogni nascita e ad ogni morte.

INFO E PRENOTAZIONI
La prenotazione è vivamente consigliata
06 6875550 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
le prenotazioni possono essere effettuate
dal lunedì al venerdì dalle 11:00 alle 19:00

intero 15 euro
ridotto 12 euro
ingresso consentito ai soli soci: tessera associativa annuale 3 euro

ABBONAMENTO #BeQueen 15 spettacoli - € 120
ABBONAMENTO #BeKing : 7 spettacoli - € 65
ABBONAMENTO UNDER 25 / Universitari: 7 spettacoli - € 38
ABBONAMENTO PERCORSO MONOGRAFICO: 3 spettacoli - € 30
CARNET 3 INGRESSI* - € 30
*di cui 2 utilizzabili per lo stesso spettacolo lo stesso giorno e l’altro quando vuoi tu!
www.teatroorologio.com - www.proximares.it

Fonte: Stefania D'Orazio, Ufficio stampa Teatro dell'Orologio

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP