"Matteo diciannove, quattordici" di Giovanni Franci, con Fabio Vasco, al Teatro Manhattan di Roma

Scritto da  Domenica, 16 Novembre 2014 

Uno spettacolo riservato a pochi spettatori, nell'intimità' del teatro, come in una preghiera, in cui il giovane Matteo affronta i propri demoni, gli abusi subiti all'interno delle rassicuranti mura di un collegio cattolico, il sesso, le paure... l'amore, probabilmente.

  

MATTEO DICIANNOVE, QUATTORDICI
scritto e diretto da Giovanni Franci
con Fabio Vasco


-Ognuno di noi ama come è stato amato-, afferma il protagonista. Se questo fosse vero, a cosa porta un'educazione sentimentale fatta di abusi e ricatti? Quanti compromessi, più o meno gravi, abbiamo dovuto accettare noi tutti? In cambio di quali e quante cose abbiamo barattato la nostra purezza? Quante carezze, quanti baci, quanti abbracci, abbiamo creduto fossero amore? Cosa è rimasto, adesso, di limpido in noi?

Questo spettacolo, scritto e diretto da Giovanni Franci e interpretato da Fabio Vasco, non vuole muovere accuse o sensibilizzare lo spettatore sul tema della pedofilia all'interno della chiesa cattolica, non crediamo ce ne sia bisogno (i fatti di cronaca sono già abbastanza eloquenti). E' un monologo duro, rabbioso, fisico, che non esclude momenti di grande tenerezza, né attimi di sincero divertimento. E' un racconto di formazione, fatto a tu per tu con lo spettatore, una confessione esplicita, commovente, vera.

 

Dal 27 al 30 novembre 2014
TEATRO MANHATTAN
VIA DEL BOSCHETTO 58, ROMA [MONTI]
ore 21:00 / domenica ore18:00
LO SPETTACOLO E' VISIBILE DA MASSIMO 30 SPETTATORI A REPLICA
info & prenotazioni: 3293780817 / Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Fonte: Ufficio stampa Compagnia

TOP