La nuova stagione al Teatro Franco Parenti: una stagione con tutte le stagioni

Scritto da  Venerdì, 16 Maggio 2014 

Il Teatro Franco Parenti di Milano ha presentato la nuova stagione 2014-2015, che attraversa l’intero anno per arrivare all’Expo; è un piccolo cambiamento, un segno, insieme a molti altri, di come il Teatro si trasformi, cominci a fare cose diverse per rispondere alla crisi ed incidere sulla stessa. Non è un caso infatti, che la campagna abbonamenti si apra con le ben note parole di Einstein: “non possiamo pretendere che le cose cambino se continuiamo a fare le stesse cose(..). E’ nella crisi che sorge l’inventiva (…) e l’unica crisi pericolosa è la tragedia di non volere lottare per superarla.

  

 

Ed il Teatro comincia a fare cose diverse. Il Parenti quindi si trasforma, ma lo fa conservando: lasciando al palcoscenico l’amore per gli attori che presentano opere in cui credono; facendo rivivere ad ogni rappresentazione il proclama di Franco Parenti; lasciando intatta l’anima iniziale, che ancora si respira tra i vecchi mattoni. Ma attorno all’anima di questa casa per gli attori, c’è un gran fermento, un movimento continuo che la arricchisce, rendendola uno spazio aperto, di scambio, dove la fruizione non si limita alla visione dello spettacolo, ma si allarga alla socialità, alla convivialità e allo sport. L’inizio dei lavori per ripristinare per l’Expo la piscina, ne è l’esempio. Il Teatro Parenti contribuisce cioè, come altri teatri milanesi, a forgiare la nuova identità internazionale che Milano va sempre più conquistandosi, come sottolinea l’Assessore alla Cultura del Comune di Milano, l’onnipresente Filippo Del Corno. La cultura poi fa sistema: il Parenti è infatti sostenuto nei suoi progetti da partner privati, come Fondazione Cariplo, Intesa San Paolo, Pirelli, AcomeA.

 

Un finale di stagione che vede, nei mesi di maggio e giugno 2014, caffè filosofici e lezioni magistrali sul tema delle dipendenze alternarsi, il giovedì sera alle 19.30, a film su dipendenze e separazioni affettive; le proiezioni saranno presentate da professionisti nell’ambito della psicanalisi, sessuologia, psichiatria e sociologia e seguite dal dibattito con il pubblico. Tra gli spettacoli previsti per giugno - inizio luglio, ricordiamo: "La Famiglia Singer" di Edith, Isaac e Israel Singer; e "Un Filo Di Trucco, Un Filo Di Tacco", con Ornella Vanoni in concerto.
Per ulteriori informazioni: Spettacoli giugno - luglio 2014

 

Per la nuova stagione invece, che debutta già a luglio, sono previsti tre abbonamenti, con tre programmazioni diverse, pensate per soddisfare il pubblico eterogeneo del Teatro Parenti:

 

Abbonamento "Grandi Interpreti": con la possibilità di scegliere 8 o 4 spettacoli che saranno presentati da luglio 2014 a marzo 2015. Gli interpreti sono ben conosciuti al pubblico: tra gli altri, Fabrizio Gifuni, in "Lo Straniero, Un’intervista Impossibile", da "L’Etranger" di Albert Camus; Roberto Herlitzka, in "Casanova", di Ruggero Cappuccio; Franco Branciaroli (anche drammaturgo), Ugo Pagliai e Gianrico Tedeschi, in "Dipartita Finale"; Luca De Filippo in "Sogno di una notte di mezza sbornia", esilarante commedia di Eduardo; Silvio Orlando in "La scuola", di Domenico Starnone.
Per ulteriori informazioni: Abbonamento "Grandi Interpreti"

 

Abbonamento "Con Altri Occhi": anche qui l’abbonamento prevede 8 o 4 spettacoli che vanno da settembre a marzo 2015. Tra i protagonisti ricordiamo Emma Dante, autrice e attrice, con "Io, nessuno, Polifemo"; Carlo Cecchi con "Il lavoro di vivere", di Hanoch Levin; Gianrico Tedeschi che ritorna nell’emozionante "Farà Giorno"; Filippo Dini e Arianna Scommegna, in "Il Coraggio Di Adele"; Filippo Timi, con il suo "Skianto" che dà voce al grande malessere di chi non la ha; Rosario Lisma, Anna della Rosa, Ugo Giacomazzi e Andrea Narsi, tutti bravissimi e veri in "Peperoni difficili", già presentato la scorsa stagione; torna Sonia Bergamasco che ha ideato ed interpreta "Il Ballo"; Luca De Bei, in una sensibile prova d’attore con un testo di Vittorio Moroni, "Il Grande Mago".
Per ulteriori informazioni: Abbonamento "Con Altri Occhi"

 

Abbonamento "4 Classici della Contemporaneità": da ottobre 2014 ad aprile 2015, quattro capolavori di grandi maestri: Hanoch Levin, "Il Lavoro di vivere", con Carlo Cecchi e la regia di Andrée Ruth Shammah; Harold Pinter, "La Serra", con un valido cast di attori e la regia di Marco Plini; Thomas Bernhard, "Alla Meta", per la regia di Walter Pagliaro, con Micaela Esdra, Rita Abela e Diego Florio; ed infine Samuel Beckett, con "Finale di Partita", per la regia di Lluis Pasqual e con Lello Arena.
Per ulteriori informazioni: Abbonamento "4 Classici della Contemporaneità" 


Ricordiamo che è già partita la campagna abbonamenti e che è prevista una piccola riduzione per chi acquisterà entro il 31 luglio 2014.

 

Articolo di Raffaella Roversi
Grazie a: Francesco Malcangio, Ufficio stampa Teatro Franco Parenti
Sul web: www.teatrofrancoparenti.it

 

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP