Giù di Scimone Sframeli al Teatro Argentina di Roma, dal 18 al 21 ottobre

Scritto da  Sabato, 13 Ottobre 2012 

Giù

TEATRO ARGENTINA
18 - 21 ottobre 2012
Giù
di Spiro Scimone
regia Francesco Sframeli
con Francesco Sframeli, Spiro Scimone, Salvatore Arena, Gianluca Cesale
scene Lino Fiorito
Compagnia Scimone Sframeli
in collaborazione con Festival delle Colline Torinesi e il Théâtre Garonne Toulouse

 


Dal 18 ottobre la Compagnia Scimone Sframeli provocherà il palcoscenico del Teatro Argentina mettendo in scena un grande water bianco da cui affacciarsi per riflettere e denunciare le contraddizioni morali e le storture che regolano la nostra quotidianità.
Ambientazione grottesca e surreale per uno spettacolo in equilibrio tra dramma e comicità, che restituisce l’immagine di un’intera generazione di giovani senza speranza né futuro, ma anche di padri dalle esistenze misere e calpestate, sacrificate e genuflesse all’egoismo e all’arroganza dei potenti. Ed ancora faranno capolino dall’enorme tazza del water altri simboli di un’umanità offesa, colpevole di aver conservato la propria dignità contro le bieche logiche del compromesso, e che per questo trova rifugio e riscatto soltanto in fondo allo scarico, lontano dal marciume che ingurgita il mondo.
Giù è un invito indignato a rompere il silenzio per dare voce agli altri. È un urlo contro il putridume della nostra società che umilia la dignità e la libertà dell'individuo. A popolare questo mondo, dalle suggestioni drammatiche ma a tratti molto divertenti, sono quattro personaggi: il Figlio, che una mattina, sotto gli occhi del Papà, sbuca fuori dal cesso per manifestargli il proprio malessere contro un mondo sempre più saturo di egoismo e di indifferenza. Il Papà, che vedendo il proprio figlio nel cesso e scosso dalle sue parole, cerca in tutti i modi di tirarlo fuori. Ma, nel cesso, da tirare fuori, c'è anche Don Carlo, un prete scomodo, che è finito giù, perché su non vuole più stare comodo.
Giù è finito il Sagrestano che dopo tanti anni di soprusi e violenze, stanco di subire, trova nel cesso la forza e il coraggio di ribellarsi.
Giù c'è anche il povero cristo di Ugo che preferisce cantare sotto un ponte per non perdere la dignità. Per non vendere la propria dignità.
Ma Giù ci sono ancora tante persone che, per difendere i valori umani e lottare contro il male che avanza, aspettano il loro turno per tornare su. Per tornare, di nuovo, su.

 

TEATRO ARGENTINA  18-21 ottobre 2012
Ufficio promozione Teatro di Roma: tel. 06.684.000.346 fax 06.684.000.360 
www.teatrodiroma.net
Biglietteria Teatro Argentina: tel.06.684.000.311
Orari: 18 e 19 ottobre ore 21.00 - 20 ottobre ore 19.00 - 21 ottobre ore 17.00

 

Fonte: Ufficio stampa Teatro di Roma

 

TOP