"Garofano Verde - scenari di teatro omosessuale", dal 28 al 30 settembre la XXIV edizione al Teatro India

Scritto da  Sabato, 23 Settembre 2017 

Torna in scena al Teatro India, sua cornice negli ultimi anni, la rassegna “Garofano Verde - scenari di teatro omosessuale” curata da Rodolfo di Giammarco e giunta alla ventiquattresima edizione. In scena dal 28 al 30 settembre quattro reading connotati da una profonda sensibilità per i generi, per le identità, per l’immaginario altro.

 

TEATRO INDIA
28 - 29 - 30 SETTEMBRE 2017

La ventiquattresima edizione della rassegna Garofano Verde • scenari di teatro omosessuale in mancanza di sostegni istituzionali da alcuni anni (pur avendo avuto il privilegio d’essere stata per i due decenni iniziali la sola iniziativa italiana tematica finanziata pubblicamente e con costanza dal Comune di Roma), deve ancora e soltanto allo Stabile della città, al Teatro di Roma diretto da Antonio Calbi, l’unica modalità di sussistenza, grazie all’accesso libero per tre sere al Teatro India. L’opportunità offertaci dallo spazio ci fa scommettere ancora su tre appuntamenti che a loro volta fanno leva sulla sensibilità di artisti, attori e registi impegnati a mettere a segno proposte fondate su idee, studi, reading e allestimenti leggeri, la cui realizzazione si deve ascrivere alla Società per Attori.
Dunque tre serate, tre incontri con scritture e artisti, tre affacci su poetiche, letterature, drammaturgie, sempre con omaggi ad autori dotati di sensibilità per i generi, per le identità, per l’immaginario altro. Escludendo intelligenze artificiali di algoritmi per individuare orientamenti gay o etero. Noi privilegiamo l’umano.
Biglietti agli amici di Pier Vittorio Tondelli costituisce il primo capitolo ufficiale per una lettura scenica a cura di Massimiliano Civica, lui stesso presente con Carmelo Alù, per raccontare, per introdurre, per dar voce a un micro-epistolario che Tondelli concepì con distinte e riflettute dediche a giovani compagni di vita e d’intelletto, rimarcando l’effimero dei rapporti, l’amarezza per l’inafferrabilità degli altri.
Santa Rita and the Spiders from Mars - reading tra David Bowie e Paolo Poli con e a cura di Marco Cavalcoli, vede questo attore multiplo alle prese, quasi in un’ipotetica sede radiofonica, con le partiture verbali di due artisti inclini perfettamente, nelle loro rispettive ri-balte del teatro e della musica, all’alterazione della propria silhouette, allo sconfinamento di sembianze, alle allusioni maschili-femminili.
Occhi gettati di e con Enzo Moscato, testo-chiave nell’universo di questo profondo poeta imprestato al teatro, dopo trent’anni dall’esordio senza più repliche, assurge a eccezionale ripresa di un repertorio che testimonierà ancora una volta il tragico e il grottesco, il reale e il surreale di un mondo, di un linguaggio i cui ascendenti intrigantemente napoletani irrompe-ranno come suoni di una ricerca senza fine.
E c’è una novità, quest’anno, perché nel primo orario della prima serata apre la staffetta Artemy del giovane Simone Carella, vincitore del Premio Inedito - Colline di Torino, un testo sulla dimensione spazio-temporale dei ricordi di due ragazzi ex innamorati.
Questa è la cultura che il Garofano Verde può offrire, legittima e sempre in cerca di legitti-mazione.
Rodolfo di Giammarco

28 settembre 2017 ore 19.30
READING
ARTEMY
di Simone Carella
con Angelo Di Genio, Francesco Martino, Emanuela Villagrossi
musiche originali di Attila Faravelli
a cura di Tommaso Rossi

Artemy è la storia di un incontro impossibile, sul vagone di un treno che viaggia nella notte attraverso le gelide campagne russe.
Anton e Artemy si ritrovano sullo stesso treno che li vide conoscersi e frequentarsi venticinque anni prima, ai tempi dell'università, tra il gelo di Mosca e le immutabili chiusure della città di Samara.
Sono cambiati e sembrano non riconoscersi: uno dei due è diventato uomo, l'altro è rimasto ragazzo. Poi, lentamente, in una dimensione spazio-temporale inafferrabile, a cavallo tra ricordi, desideri insoddisfatti e rimpianti, i due rivivono la loro storia tormentata e si ritrovano insieme. Forse finalmente innamorati e liberi, forse solo fantasmi delle proprie coscienze alla ricerca di un perdono reciproco e del lieto fine.
E mentre via via i ricordi si arricchiscono di dettagli, il loro destino scivola insieme a quello del convoglio verso un epilogo finalmente diverso, di dolcezze e affetti. Libero dalle dure discriminazioni e dai freni dell'apparenza, ma pur sempre prigioniero del sogno".

Artemy ha vinto il Primo Premio nella sezione Testo Teatrale del Premio Inedito - Colline di Torino 2017, XVI edizione.

La Giuria, presieduta da Valter Malosti, ha motivato il premio definendo l'opera "Interessante dal punto di vista formale, nella resa codicistica della sceneggiatura. L’uso e la scelta della prosa lirica per l'enunciato dei soggetti risultano il suo punto di forza. Da segnalare vi è anche l’escamotage usato per il cambio scenico: vengono introdotti altri contesti (di tempo e di luogo) in cui l'azione si svolge senza una soluzione di continuità. Tema interessante, analizzato in maniera non convenzionale, che sa spiazzare con delicati colpi di scena".

28 settembre 2017 ore 21
READING
BIGLIETTI AGLI AMICI
di Pier Vittorio Tondelli
con Carmelo Alù e Massimiliano Civica
lettura scenica a cura di Massimiliano Civica

Pier Vittorio Tondelli scriveva biglietti agli amici.
Ne scrisse 24 di biglietti, uno per ogni ora del giorno e della notte.
Biglietti come barchette di carta che con la mano sospingeva, sopra il mare delle sue ore di solitudine, verso le persone a lui care, verso il porto di un "tu" che gli permetteva di scorgere
e di conoscere meglio se stesso.


29 settembre 2017 ore 21
READING
SANTA RITA AND THE SPIDERS FROM MARS
reading tra David Bowie e Paolo Poli
con e a cura di Marco Cavalcoli
direzione tecnica Paolo Panella
si ringraziano Anna Antonelli, Silvia Lamia, Giampiero Segneri

Non ho mai voluto apparire come me stesso in scena, mai fino a poco tempo fa.
Tratteggiavo figure di personaggi e volevo riprodurli in scena.
L'esperienza diretta non può mai bastare, Flaubert non provò i dolori del parto, né i dolori dell'arsenico, eppure era giusto e vero quando disse “Sono io la signora Bovary”.

Due istrionici, impenitenti, irrefrenabili male impersonator con versatilità (congeniale o occa-sionale, o anche solo metaforica) di female impersonator, due talenti del teatro musicale e della musica teatrale come Paolo Poli e David Bowie, si prestano, anche a distanza, ad es-sere visitati attraverso una lettura binaria di alcuni dei loro testi.
E Marco Cavalcoli è il decrittatore, la voce multi-identitaria, il potenziale doppio che unisce i Poli, i Bowie. (r.d.g.)


30 settembre 2017 ore 21
READING - SPETTACOLO
OCCHI GETTATI
un de-coupage, 30 anni dopo, in omaggio al Garofano Verde 2017
di e con Enzo Moscato

Considerato già nel 1986, anno del suo debutto scenico, testo-chiave per addentrarsi nel variegato universo espressivo di Enzo Moscato, Occhi Gettati si ripresenta oggi in tutta la sua vivezza esplosiva di parole ed emozioni.
Non un monologo, piuttosto un polilogo, un polittico di voci, una sorta di lungo e rapsodico canto sospeso tra il tragico, il comico, il grottesco, il surreale. Che, se ha i suoni della parlata napoletana, tradisce e trascende, allo stesso tempo, qualsiasi luogo o circostanza ispirativa, per obbedire, invece, solo all’Assoluto Universo, senza referenzialità specifiche, di ciò che viene detto Teatro.


INFO TEATRO DI ROMA
Biglietteria: telefono 06.684.000.314/311
Vendita on-line: www.teatrodiroma.net

Orario spettacoli:
28 settembre ore 19.30 e 21
29 e 30 settembre ore 21

Biglietti: posto unico € 10

 

Fonte: Amelia Realino, Ufficio Stampa Teatro di Roma

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP