Corti Teatrali 2017 - i vincitori della prima edizione

Scritto da  Sabato, 22 Luglio 2017 

Si è conclusa la prima edizione del premio “Corti Teatrali", il concorso teatrale romano svoltosi in 6 serate (7, 8, 9 e 14, 15, 16 luglio) al Teatro Piccolo di Pietralata. Organizzato dall'attrice e autrice Angela Calefato congiuntamente ai direttori artistici Gloria Imperi e Franco Franchi, il concorso ha visto in gara 17 compagnie teatrali professioniste operanti nel territorio romano. Una giuria popolare e una giuria tecnica formata da esperti (critici, registi, autori, direttori artistici teatrali) ha selezionato 12 semifinalisti e 6 finalisti in due turni di votazione. Il 16 luglio, serata finale del concorso, un terzo e ultimo giudizio ha decretato l'unico vincitore del Premio in danaro messo in palio.

 

Tra i giurati presenti: Lina Bernardi, Giuseppe Cantore, Renato Casali, Andrea Cova, Monica Guazzini, Riccardo Iannaccone, Paolo Leone, Marcantonio Lucidi, Alberto Mancini, Fabio Mureddu, Caroline Pagani, Luca Pizzurro, Giusi Potenza, Federico Rizzo, Luigi Russo, Marco Simeoli, Carrozzerie n.o.t.

Terzi classificati
DON CHISCIO'
con Pierpaolo De Mejo, Olivia Cordsen e Alessandro Lupi
di e diretto da Pierpaolo de Mejo

Secondi classificati
LE COSE SCOMPARSE
con Dario Carbone e Salvatore Lanza
diretto da Maurizio Lops

Primi classificati
AGAIN BY NOW
con Michele Pagliai e Giuli Olivari
compagnia RESPIRALE TEATRO regia Veronica Capozzoli


ReSpirale Teatro nasce a Bologna nel 2008 e si propone di essere un laboratorio aperto di sperimentazione teatrale, in cui si incontrano e contaminano diversi generi e diversi sguardi, alla ricerca di nuovi linguaggi e canali comunicativi. Nel 2011 riceve la Segnalazione Speciale Premio Scenario per lo spettacolo “L’Italia è il Paese che amo”. Nel 2014, vince il Premio Scintille presso il Festival Asti Teatro 36, con il primo studio di Again/ByNow-anatomia di una felice insurrezione. Successivamente partecipa a festival come Playfestival 1.0 a Roma e festival Troia Teatro sempre con Again/ByNow. Adesso la compagnia è alle prese con la nuova creazione IOhERO uno studio sugli eroi contemporanei in riferimento alla generazione dei millennials (la nostra), ha appena concluso una residenza ministeriale al Teatro Nucleo di Ferrara e ha presentato un primo studio al Totem Arti Festival.

Again/By Now è stato un momento importante per la vita della compagnia. Nasce come movimento di una trilogia sulla rivoluzione. Poi si sviluppa come progetto a se stante.
Again è un dipinto di due persone incastrate in un sistema da cui non riescono a scappare. Imprigionate in un meccanismo che non gli consente di essere libere. Prive di immaginazione da non concepire altro che la reiterazione della fine della loro vita insieme.
Un quadro grottesco e surreale, ricco di leggerezza e divertissement, che rispecchia molte dinamiche reali.

Fonte: Angela Calefato

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP