Collettivo CRiB: #parolesulcorpo e #guardafuori, iniziative artistiche in tempi di isolamento

Scritto da  Sabato, 25 Aprile 2020 

Il collettivo CRiB lancia le iniziative online #parolesulcorpo e #guardafuori, per continuare a creare anche stando a casa. Due azioni performative concepite per la condivisione social (sui canali Instagram e Facebook del collettivo), ma basate su uno scambio intenso e quasi “fisico” con le persone coinvolte. Appuntamento domenica 26 aprile alle ore 21.30, in diretta Facebook sul profilo del collettivo (@CRiBCollettivo), un capitolo "live" della proposta.

 

L’iniziativa #parolesulcorpo: Letture condivise in tempi di isolamento, celebra la sua quarantesima pubblicazione sui profili Instagram a Facebook del collettivo (@CRiBCollettivo). Pensata per esistere online, la proposta raccoglie video-letture multilingua sul tema del corpo e risponde in prima istanza alla cancellazione del laboratorio espanso “RIPENSARE IL CORPO: oltre i cavalieri”, con il quale CRiB sarebbe stato impegnato lungo tutto il mese di marzo 2020.

Vincitore del bando n. 4/2019 “Sviluppo e Cultura” della Fondazione Caript, il progetto prendeva come punto di partenza le sculture dell’artista pistoiese Marino Marini, per promuovere una più ampia riflessione sulla rappresentazione del corpo oggi aldilà degli stereotipi del genere, la medicalizzazione e il potere eteronormativo.

#parolesulcorpo: Letture condivise in tempi di isolamento risponde quindi alla volontà del collettivo di portare avanti la propria indagine sul corpo, adattandola alla dimensione dell’isolamento forzato e plasmandola con i mezzi messi a disposizione dalle nuove tecnologie. Così, dal 13 marzo 2020, i profili social del collettivo ospitano una video-lettura quotidiana sul tema del corpo, secondo un esercizio di condivisione costante e rigoroso che risponde a obiettivi molteplici: 1) parlare del corpo, assoluto protagonista della crisi in atto; 2) accorciare il ‘distanziamento sociale’, ricreando le dinamiche della tradizione orale, anche se in un contesto online; 3) costruire vincoli a-geografici che rispecchino la globalità del problema (l’iniziativa è aperta a lettrici e lettori da tutto il mondo). Tra coloro che hanno voluto contribuire all’iniziativa, compaiono anche personalità della scena culturale internazionale, come: Sveva D’Antonio (Collezione Taurisano, Napoli), Marc Garcia Cotè (Attore, Barcellona-Parigi), Gugliemo Poggi (Attore, Roma), Imma Prieto (Direttrice, Es Baluard, Palma di Maiorca) o Paola Ugolini (Curatrice indipendente, Roma).

In attesa di poter tornare a lavorare “dal vivo”, CRiB utilizza infine questa fase di passaggio per riflettere sui canali attraverso i quali la cultura può essere prodotta, promossa e consumata quando l’esperienza fisica dell’arte viene negata (si spera solo temporaneamente!). Servendosi dei linguaggi che gli sono familiari e che spaziano dalla performance al video, il 29 marzo 2020 il collettivo ha dunque lanciato anche l’iniziativa #guardafuori: Proiezioni libere in tempi di isolamento, una serie di proiezioni sui gusci degli edifici che non possiamo abbandonare. Le proiezioni vengono trasmesse ogni fine settimana in diretta Facebook e Instagram e prevedono la collaborazione di tutti coloro che a casa abbiano un videoproiettore e un edificio proiettabile nelle vicinanze. I contenuti, invece, sono creati da CRiB.

Ad oggi, l’iniziativa consta di 3 capitoli, tutte libere divagazioni visive sullo sfondo sonoro di grandi classici del cinema italiano. Questa domenica 26 aprile 2020 alle ore 21.30, va però in streaming su Facebook una edizione davvero “live” dell’iniziativa, dove anche il materiale audiovisivo sarà prodotto in diretta grazie alla collaborazione con l’artista Ilaria Restivo (Roma, 1994) e il musicista Claudio Cotugno (Benevento, 1985).

 

Fonte: Collettivo CRiB

TOP