I migliori spettacoli teatrali del 2018: la classifica di SaltinAria

Scritto da  Domenica, 30 Dicembre 2018 

Dodici mesi di teatro italiano, di creatività incoercibile e indomito coraggio nel portarla avanti nonostante le difficoltà sempre in agguato. Dodici mesi che abbiamo seguito con passione giorno dopo giorno e che, come ormai tradizione sulle nostre pagine, ci piace celebrare prima che l’anno si avvii alla conclusione con un ricordo dei suoi istanti più preziosi. Ecco a voi i migliori spettacoli teatrali del 2018 secondo SaltinAria.

 

Killology edoardo purgatoriANDREA COVA

Miglior spettacolo
1. “Killology”, di Gary Owen, traduzione e regia Maurizio Mario Pepe - Teatro Belli (Roma)
2. “Quel che accadde a Jack, Jack, Jack e Jack”, scritto e diretto da Francesco Petruzzelli - Teatro Studio Eleonora Duse (Roma)
3. “Cous Cous Klan”, uno spettacolo di Carrozzeria Orfeo, drammaturgia Gabriele Di Luca, regia Gabriele Di Luca, Massimiliano Setti, Alessandro Tedeschi - Teatro Piccolo Eliseo (Roma)
4. “Incognito” di Nick Payne, regia Andrea Trovato - Teatro della Cometa (Roma)
5. ex aequo
“Roma Caput Mundi”, scritto e diretto da Giovanni Franci - Off Off Theatre (Roma)
“Shakespeare in love”, sceneggiatura Marc Norman e Tom Stoppard, adattamento teatrale Lee Hall, musiche Paddy Cunneen, traduzione Edoardo Erba, regia Giampiero Solari, regia associata Bruno Fornasari - Teatro Brancaccio (Roma)

Miglior drammaturgia
ex aequo
“Quel che accadde a Jack, Jack, Jack e Jack”, drammaturgia di Francesco Petruzzelli
“Per Strada”, drammaturgia di Francesco Brandi

Miglior regia
“Killology”, regia di Maurizio Mario Pepe

Miglior attore
ex aequo
Giandomenico Cupaiolo, per “L’amore per le cose assenti”
Francesco Petruzzelli, per “Quel che accadde a Jack, Jack, Jack e Jack”

Miglior attrice
Carlotta Mangione, per “Vox Family”

Menzione speciale: “La Mano felice / Il Castello del Principe Barbablù”, progetto creativo di ricci/forte - Teatro Massimo (Palermo), per l’istinto visionario e la magistrale sintesi tra la tessitura operistica di Schönberg e Bartók ed una regia sperimentale ed innovativa

 

Giulio Forges DavanzatiDANIELE PIEROTTI

Miglior spettacolo
1. “Incognito” di Nick Payne, regia Andrea Trovato - Teatro della Cometa (Roma)
2. “Hairspray”, libretto Mark O'Donnel e Thomas Meehan, musiche Marc Shaiman, testi Scott Whittman e Marc Shaiman, regia Claudio Insegno - Teatro Brancaccio (Roma)
3. “Quel che accadde a Jack, Jack, Jack e Jack”, scritto e diretto da Francesco Petruzzelli - Teatro Studio Eleonora Duse (Roma)
4. “Stabat Mater”, di Antonio Tarantino, regia Giuseppe Marini - Teatro Piccolo Eliseo (Roma)
5. “Persone naturali e strafottenti”, di Giuseppe Patroni Griffi, regia Giancarlo Nicoletti - Teatro Palladium (Roma)

Miglior drammaturgia
“Quel che accadde a Jack, Jack, Jack e Jack”, drammaturgia di Francesco Petruzzelli

Miglior regia
“Prima di andar via”, regia di Francesco Frangipane

Miglior attore
ex aequo
Riccardo Sinisi, per “Hairspray”
Francesco Sferrazza Papa per “Per Strada”

Miglior attrice
ex aequo
Maria Paiato, per “Stabat Mater”
Marisa Laurito, per “Persone naturali e strafottenti”

 

Il sindaco del rione SanitàFRANCESCO GAUDIOSI

Miglior spettacolo
1. "Il Sindaco del Rione Sanità", di Eduardo De Filippo, regia Mario Martone - Teatro Bellini (Napoli)
2. "La banalità dell'amore", di Savyon Liebrecht, adattamento e regia Piero Maccarinelli - Teatro Mercadante (Napoli)
3. “Io mai niente con nessuno avevo fatto”, drammaturgia e regia Joele Anastasi - Teatro Piccolo Bellini (Napoli)
4. “Questi Fantasmi!”, di Eduardo De Filippo, regia Marco Tullio Giordana - Teatro Bellini (Napoli)
5. “Solo”, di Arturo Brachetti - Teatro Diana (Napoli)

Miglior drammaturgia
“Io mai niente con nessuno avevo fatto”, drammaturgia di Joele Anastasi

Miglior regia
“Fronte del Porto”, regia di Alessandro Gassmann

Miglior attore
Daniele Russo, per “Fronte del Porto”

Miglior attrice
Anita Bartolucci, per “La banalità dell'amore”

 

Un cuore di vetro in invernoILARIA GUIDANTONI

Miglior spettacolo
1. “Il Governatore”, di Andrey Mogouchy - Tovstonogov Bolshoi Drama Theatre (San Pietroburgo)
2. “Alice”, di Andrey Moguchy - Kamennoostrovsky Theatre (San Pietroburgo)
3. “Puz/zle”, di Sidi Larbi Cherkaoui - Casa Baltica (San Pietroburgo)
4. “Matilde e il tram per San Vittore”, scritto e diretto da Renato Sarti - Piccolo Teatro Studio Melato (Milano)
5. “Il Padre”, di August Strindberg, regia Gabriele Lavia - Teatro della Pergola (Firenze)

Miglior drammaturgia
“Un cuore di vetro in inverno”, drammaturgia di Filippo Timi

Miglior regia
“Il Governatore”, regia di Andrey Mogouchy

Miglior attore
Lino Guanciale, per “La classe operaia va in Paradiso”

Miglior attrice
Ottavia Piccolo, per “Occident Express”

 

La ScortecataSERENA LENA

Miglior spettacolo
1. “La scortecata”, liberamente tratto da “Lo cunto de li cunti” di Giambattista Basile, testo e regia Emma Dante - Teatro India (Roma)
2. "Il Sindaco del Rione Sanità", di Eduardo De Filippo, regia Mario Martone - Teatro Argentina (Roma)
3. “Scende giù per Toledo”, di Giuseppe Patroni Griffi, regia Arturo Cirillo - Teatro Piccolo Eliseo (Roma)
4. “La cucina”, di Arnold Wesker, versione italiana Alessandra Serra, regia Valerio Binasco - Teatro Eliseo (Roma)
5. “Viva l’Italia - Le morti di Fausto e Iaio”, di Roberto Scarpetti, regia César Brie - Teatro India (Roma)

Miglior drammaturgia
“Nessuno ci guarda”, drammaturgia di Eleonora Danco

Miglior regia
“La scortecata”, regia di Emma Dante

Miglior attore
Salvatore D’Onofrio e Carmine Maringola, per “La scortecata”

Miglior attrice
Eleonora Danco, per “Nessuno ci guarda”

 

Molto rumore per nullaSIMONA RUBEIS

Miglior spettacolo
1. “Molto rumore per nulla” di William Shakespeare, regia Loredana Scaramella - Silvano Toti Globe Theatre (Roma)
2. “Come Cristo comanda”, di Michele La Ginestra, regia Roberto Marafante - Teatro Sette (Roma)
3. “Flora e li mariti sua”, di Toni Fornari, regia Norma Martelli - Barnum Seminteatro (Roma)
4. “Restiamo amici lo dici a tua sorella”, di Sergio Zecca e Massimiliano Bruno, regia Sergio Zecca - Teatro Sette (Roma)
5. “Non si butta via niente”, di Marco Falaguasta, Tiziana Foschi, Alessandro Mancini e Giulia Ricciardi, regia Tiziana Foschi - Teatro Golden (Roma)

Migliore drammaturgia
“Molto rumore per nulla”, drammaturgia di William Shakespeare, traduzione e adattamento di Loredana Scaramella e Mauro Santopietro

Migliore regia
“È cosa buona e giusta”, regia di Andrea Palotto

Miglior attore
Michele La Ginestra e Massimo Wertmuller, per “Come Cristo comanda”

Migliore attrice
Claudia Campagnola, per “Flora e li mariti sua”

 

Mio eroeRAFFAELLA ROVERSI

Miglior spettacolo
1. “Mio eroe”, scritto e diretto da Giuliana Musso - Teatro Elfo Puccini (Milano)
2. “Visite”, di Cecilia Campani, Giovanni Longhin, Andrea Panigatti, Sandro Pivotti, Maria Vittoria Scarlattei, Matteo Vitanza, ideazione e regia Riccardo Pippa - Teatro Franco Parenti (Milano)
3. “Fotofinish”, di Flavia Mastrella e Antonio Rezza - Teatro Elfo Puccini (Milano)
4. “La buona educazione”, scritto e diretto da Mariano Dammacco - Teatro Franco Parenti (Milano)
5. “La scuola delle scimmie”, scritto e diretto da Bruno Fornasari - Teatro Filodrammatici (Milano)

Miglior drammaturgia
“Il padre”, drammaturgia di August Strindberg

Miglior regia
“Visite”, regia di Riccardo Pippa

Miglior attore
Mario Perrotta, per “In nome del padre”

Miglior attrice
Elena Ghiaurov, per “Freud o l'interpretazione dei sogni”

 

Kodo Tamasaburo BandoVALENTINA BASSO

Miglior spettacolo
1. “Kodō One Earth Tour 2018: Evolution”, direzione artistica Tamasaburo Bando - Teatro dal Verme (Milano)
2. “PaGAGnini”, ideazione Yllana e Ara Malikian, regia David Ottone e Juan Francisco Ramos - Piccolo Teatro Strehler (Milano)
3. “Falstaff”, direttore Marcello Mottadelli, regia Roberto Catalano - Teatro Ponchielli (Cremona)
4. “Va Pensiero”, ideazione e regia Marco Martinelli e Ermanna Montanari - Teatro Elfo Puccini (Milano)
5. “Martiri”, di Marius von Mayenburg, traduzione Umberto Gandini, regia Bruno Fornasari - Teatro Filodrammatici (Milano)

Miglior drammaturgia
“Va Pensiero”, drammaturgia di Marco Martinelli

Miglior regia
“La tragedia del vendicatore”, regia di Declan Donnellan, versione italiana Stefano Massini

Miglior attore
Daniele Fedeli, per “Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte”

Miglior attrice
Marina Massironi, per "Rosalyn"

 

Il PadreISABELLA POLIMANTI

Miglior spettacolo
1. “Il Padre”, di August Strindberg, regia Gabriele Lavia - Teatro della Pergola (Firenze)
2. “La classe operaia va in Paradiso”, liberamente tratto dal film di Elio Petri, di Paolo Di Paolo, regia Claudio Longhi - Teatro Argentina (Roma)
3. “Gli Sposi”, di David Lescot, traduzione Attilio Scarpellini, regia, interpretazione e riduzione Elvira Frosini e Daniele Timpano - Teatro India (Roma)
4. “Quasi Niente”, un progetto di Daria Deflorian e Antonio Tagliarini - Teatro Argentina (Roma)
5. “Stabat Mater”, di Antonio Tarantino, regia Giuseppe Marini - Teatro Piccolo Eliseo (Roma)

Miglior drammaturgia
“La classe operaia va in Paradiso”, drammaturgia di Paolo Di Paolo

Miglior regia
“La classe operaia va in Paradiso”, regia di Claudio Longhi, regista assistente Giacomo Pedini

Miglior attore
Gabriele Lavia, per “Il Padre”

Miglior attrice
ex aequo
Elvira Frosini, per “Gli Sposi”
Maria Paiato, per “Stabat Mater”

Menzione speciale: “Reparto Amleto” scritto e diretto da Lorenzo Collalti , con Luca Carbone, Flavio Francucci, Cosimo Frascella e Lorenzo Parrotto - Teatro India (Roma)

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP