Carissimi Padri, Almanacchi della Grande Pace (1900-1915) - Gli appuntamenti di settembre… e qualche anticipazione di ottobre.

Scritto da  Sabato, 19 Settembre 2015 

Dopo la breve pausa estiva sono riprese, con il consueto vigore creativo, le intense attività del progetto “Carissimi Padri - Almanacchi della Grande Pace (1900-1915)". Ideato e diretto da Claudio Longhi, promosso da Emilia Romagna Teatro Fondazione, il progetto culturale prosegue la sua attività con incontri, cene-spettacolo, letture, laboratori e un Atelier che si svolgerà a Cesena presso il Teatro Bonci. Così come fu per “Il Ratto d’Europa”, anche “Carissimi Padri” culminerà in uno spettacolo finale che sarà in scena al Teatro Storchi di Modena dal 7 al 17 gennaio 2016.

 

Anche per il mese di settembre, le attività del progetto - un viaggio nel tempo che ci riporta negli anni della cosiddetta Belle Époque - sono pubblicate sul periodico “Il Sonnambulo - Almanacco d’inizio secolo”. È online, sul sito www.carissimipadri.it, il numero 6 che potete scaricare qui.
Vediamo ora nel dettaglio quali sono gli appuntamenti di questo mese, e qualche anticipazione per il mese di ottobre.

La lunga notte dei Sonnambuli

Spettacolare lezione-spettacolo per capire insieme come l’Europa arrivò alla Grande Guerra attraverso la lucida analisi che Christopher Clark affronta nel testo - e che ha ispirato anche il nome del periodico - dal titolo “I sonnambuli”. Coadiuvati da Fabio Degli Esposti (Università di Modena e Reggio Emilia) e Alberto De Bernardi (Università di Bologna), Michele Dell’Utri e Simone Francia vi condurranno “virgilianamente” attraverso quel fitto ed intricato sistema di alleanze, intrighi balcanici, interessi economici e coloniali, antichi rancori, moderni resoconti e future derive di quella generazione di “svegli-dormienti”. …apparentemente vigili ma non in grado di vedere, tormentati dagli incubi ma ciechi di fronte alla realtà… I sonnambuli!

DOVE/QUANDO/QUANTO?
Modena, Teatro della Fondazione Collegio San Carlo, via San Carlo, 5
Domenica 13 settembre 2015, ore 21
Ingresso gratuito (fino esaurimento posti!)

Quando la banda passò… la Belle Époque suonò!
Tutti in strada, sta passando la banda!!!

Duetto d’annata con il Corpo Bandistico “A. Parmiggiani” di Solignano diretto dal M° Luciano Mazzi ed il Corpo Bandistico di Castelvetro di Modena diretto dal M° Federico Maffei. A cavallo tra ottocento e novecento Donatella Allegro e Simone Francia galopperanno tra le note degli ottoni con letture che attraverseranno operette, inni patriottici, cabaret e canti di lavoro!
C’è n’è per tutti i gusti, per grandi e piccini, per gli intelligenti e per i più sciocchini, per i figli le mamme ed i papà, zii/e nonni/e e per chi vorrà! E per chi non vorrà o non potrà, si affacci almeno al balcone perché… Sta passando la banda!!!!

DOVE/QUANDO/QUANTO?
Castelvetro di Modena, Piazza Roma
Sabato 19 settembre 2015, ore 21
Ingresso gratuito!

Tornano le cene spettacolo!
1910-11, ovvero Sogni e Incubi

La cometa di “Halley”, la crisi di Agadir, le maschere antigas, i 50 anni dell’Unità d’Italia, la guerra italo-turca, il furto della Gioconda… Insomma: le cene spettacolo ritornano per la gioia dei vostri occhi, delle vostre orecchie… e del vostro palato! Donatella Allegro, Michele Dell’Utri, Lino Guanciale e Olimpia Greco alla fisarmonica, vi delizieranno ripercorrendo stavolta gli anni 1910-11. Tra cibo di fattura casalinga e preziosi beveraggi, ci si avvicina sempre più verso gli anni fatidici del conflitto, in un crescendo di “portate ed avvenimenti”, per un appuntamento che continua a riscuotere successo ed interesse. Merito degli argomenti trattati o delle bontà preparate dalle sapienti mani dei modenesi? Avete un solo modo per scoprirlo… E non aspettate perché, come dice il saggio: se il posto è gratuito, prenotati subito!

DOVE/QUANDO/QUANTO?
Modena, Caffè delle Passioni, viale Carlo Sigonio, 382
Venerdì 25 Settembre, ore 21
Per info e prenotazioni: 059 2136031 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ripartono gli appuntamenti con “La montagna incantata”!
Ultimi appuntamenti con la lettura a puntate del romanzo di Thomas Mann. Si riparte, dopo la pausa estiva, con la compagnia dei Carissimi Padri - Donatella Allegro, Nicola Bortolotti, Michele Dell’Utri, Simone Francia, Lino Guanciale, Diana Manea, Eugenio Papalia, Simone Tangolo e la musicista Olimpia Greco - che leggerà la sezione intitolata “Un Laringoscopio”. Le avventure del giovane Castorp continueranno a trascinare gli ascoltatori, in un avvicendarsi di emozioni e turbamenti, verso il gran finale in dicembre ancora una volta con l’intero gruppo di attori e l’immancabile fisarmonicista.
Eeeedizione straordinariaaaaaa!!!

DOVE/QUANDO/QUANTO?
Modena, Biblioteca Civica Antonio Delfini, Corso Canalgrande 103
Sabato 26 settembre, ore 21
Ingresso libero!

Verso il gran finale... o forse no: qui scoppia la guerra!!!

NOI - 7-17 gennaio 2016: al Teatro Storchi di Modena va in scena il trittico “Istruzioni per non morire in pace. Patrimoni. Rivoluzioni. Teatro!”
Paolo Di Paolo fornisce i testi, Claudio Longhi ci mette la regia, Guia Buzzi ci fa le scene e Gianluca Sbicca i costumi, Giacomo Pedini assicura assistenza, per il resto ci sono a recitare tutti gli attori del gruppo di lavoro di Carissimi Padri (Donatella Allegro, Nicola Bortolotti, Michele Dell’Utri, Simone Francia, Lino Guanciale, Diana Manea, Eugenio Papalia, Simone Tangolo e la musicista Olimpia Greco).
Cosa altro manca per il gran finale del progetto?
IL DUBBIOSO - Mah... è davvero possibile raccontare oggi in uno spettacolo teatrale cosa, cent’anni fa, ha spinto il globo alle soglie dell’annientamento, determinando lo scoppio della Prima Guerra Mondiale?
NOI - È difficile, ma ci si può provare.
IL DUBBIOSO - Come?
NOI - Intrecciando affari, arte, filosofia, politica, passioni e religione. Inseguendo per ogni angolo dell’Europa e del pianeta un pugno di uomini, piccoli piccoli, persi in un labirinto di destini incrociati in cui la sorte del singolo si intreccia al futuro delle nazioni. Ma meglio farlo in tre serate, per non ammorbare troppo lo spettatore.
IL (meno) DUBBIOSO - Un trittico?
NOI - Sì! Tre capitoli del tutto autonomi, tre differenti sguardi gettati sullo stralunato mondo della “belle époque” dal titolo comune: ”Istruzioni per non morire in pace”.
IL (ancora un filo) DUBBIOSO - E perché, scusa, raccontare queste storie, ormai di un secolo fa?
NOI - Perché la mostruosità non si ripeta. Attento, o tu che guardi, e manda a mente…

Come dice il proverbio: settembre andiamo è tempo di ritornare, ottobre si prepara per non farti aspettare!

10 ottobre 2015.
Segnate in agenda questa data perché non la scorderete più, anche una volta passata. In quel giorno, alle ore 21, al Teatro Bonci di Cesena, avrà luogo “Il gran valzer dei sonnambuli - Per un esame di (in)coscienza del mondo di ieri”! Ovvero 150 cittadini (partecipanti alle prove del 3 e 4 ottobre) che reciteranno insieme agli attori del progetto, guidati da Claudio Longhi a sua volta assistito da Giacomo Pedini, in un turbine di infiniti “giri di valzer” che, come per le coppie, funzionano per le grandi potenze: “In un matrimonio felice il marito non ha ragione di diventare subito rosso se la sua signora una volta fa un innocente giro di valzer con un altro”!

E ancora, in questo ottobre che si affaccia, vedrete al Dipartimento di Economia, a Modena, lo svolgersi di singolari lezioni universitarie
Si narra infatti che loschi figuri si aggirino fra le aule durante le lezioni degli illustri storici dell’economia e del lavoro Andrea Giuntini, Giovanni Vecchi, Tindara Abbaddo, Alberto Rinaldi e Chiara Strozzi. Codesti loschi figuri, che stando alle prime testimonianze sarebbero gli attori Guanciale, Francia, Allegro, Dell’Utri e Papalia, interverrebbero nelle sopraddette lezioni in modo a dir poco irriverente e virtuoso.
Questa modalità pare coincida con alcune sovversive teorie di un certo “Bertoldo B.”, al quale piaceva far coesistere istruzione e divertimento in ambito teatrale. Per ora le informazioni certe terminano qui. Invitiamo la cittadinanza tutta a partecipare attivamente agli incontri ed a rivelarci, successivamente, tutto l’utile possibile. Seguiranno sviluppi ed aggiornamenti…

Link utili e contatti
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.carissimipadri.it
facebook.com/carissimipadri
twitter.com/CarissimiPadri
fiickr.com/photos/carissimipadri

I partner

“Carissimi Padri”... è un progetto di Emilia Romagna Teatro Fondazione per tutto l’anno 2015 e gode della collaborazione di molte realtà del territorio modenese.

ACIT Modena - Accademia della Crucca
Amici dei Teatri Modenesi
Amici della Musica Modena
ANCESCAO Modena
ANMIG Modena
Archivio di Stato di Modena
Archivio Storico del Comune di Modena
Associazione Circuito Cinema
Banca popolare dell’Emilia Romagna
Biblioteca Antonio Delfini
Biblioteca Estense Universitaria
Casa Circondariale di Modena
Casa delle Culture di Modena
Casa per la pace
Centro Culturale Francesco Luigi Ferrari
Centro sociale anziani e orti San Faustino
CGIL Modena
Comune di Castelvetro
Comune di Modena
Comune di San Felice sul Panaro
Confindustria Modena - Gruppo Giovani Imprenditori
Corale Spilambertese
Cubec - Accademia di Belcanto di Modena
Dipartimento di Economia - Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
Dipartimento di Studi Linguistici e Culturali - Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
Domenica - Il Sole 24 Ore
ER.GO
FAI Giovani Lazio
FAI Giovani Modena
FIAB - Amici della Bicicletta di Modena
Fondazione Collegio San Carlo
Fondazione Fotografia Modena
Fondazione San Filippo Neri
Fondazione Villa Emma
Galleria Civica di Modena
Gazzetta di Modena
Gioventù Musicale d’Italia
Going to Europe
Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea
Movimento Federalista Europeo - Modena
Museo Centrale del Risorgimento - Istituto per la storia del Risorgimento italiano Complesso del Vittoriano Museo Civico d’Arte di Modena
Museo della Figurina
Nipponica
Progetto Europa - Europe Direct
Provincia di Modena
Unione Società Centenarie Modenesi

Articolo di: Isabella Polimanti

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP