"Billy Elliot, il musical" sbarca al Sistina

Scritto da  Venerdì, 01 Maggio 2015 

È previsto per il 5 maggio l’atteso debutto dello spettacolo che traspone sul palcoscenico l’omonima pellicola di Stephen Daldry del 2000. Il ruolo del protagonista è affidato ad Alessandro Frola, un ragazzo di 14 anni gentile e garbato, dotato di grande energia e di un incredibile talento. L’allestimento del musical è curato da Massimo Romeo Piparo.

 

Peep Arrow Entertainment e Il Sistina presentano
BILLY ELLIOT, IL MUSICAL
con Alessandro Frola, Luca Biagini, Elisabetta Tulli, Simone Romualdi, Donato Altomare, Claudia Mangini, Sabrina Marciano, Christian Roberto, Jacopo Pelliccia, Sebastiano Vinci, Maurizio Semeraro
e con (in ordine alfabetico) Gea Andreotti, Giorgia Arena, Paolo Avanzini, Andrea Bratta, Germana Cifani, Nico Colucci, Davide Dal Seno, Tiziano Edini, Giuseppe Galizia, Carlo Alberto Gioja, Lorenzo Gitto, Linda Gorini, Lorenzo Grilli, Giuseppe Inga, Rachele Pacifici, Fabrizia Scaccia, Matteo Tugnoli
e con la partecipazione di Cristina Noci
testi e libretto Lee Hall
musiche Elton John
dal film di Stephen Daldry
scene Teresa Caruso
suono Alfonso Barbiero
figurazioni tap Marco Rea
costumi Cecilia Betona
coreografie Roberto Croce
produzione esecutiva Francesca Piparo e Federico Alessi
luci Umile Vainieri
direzione musicale Emanuele Friello
cast Massimo Romeo Piparo
adattamento e regia originale Massimo Romeo Piparo
la classe di danza delle bambine è composta dal gruppo “Children Tappers” di Graziella Di Marco
orchestra Emanuele Friello (Direzione Musicale e Pianoforte), Andrea Calandrini (Assistente MD/Tastiera 2), Angelo Racz (Tastiera 2), Andrea Inglese (Chitarra), Pino Saracini (Basso), Stefano Falcone (Batteria), Andrea Di Pilla (Tromba), Dino Gnassi (Trombone), Simone Salza (Sax), Alessandro Saraconi (Corno)


Dopo "The full Monty" e "Jesus Christ Superstar", Massimo Romeo Piparo si è lanciato in una nuova ambiziosa avventura, connotata da un forte sapore internazionale. Questa volta l’allestimento a cui si è dedicato è quello di "Billy Elliot, il musical", trasposizione teatrale dell’omonimo film di Stephen Dalrdy uscito nelle sale cinematografiche quindici anni fa. Lo spettacolo debutterà sul palcoscenico del Teatro Sistina il 5 maggio, ed è già oggetto di grande interesse tant’è che le repliche, in un primo momento previste fino al 17, sono state prolungate al 24. E all’orizzonte s’intravvede anche la possibilità di inserire ulteriori date, nel caso molto probabile in cui le richieste del pubblico dovessero aumentare.

La conferenza stampa di presentazione si è aperta con uno showcase del quadro iniziale del musical ed ha permesso ai presenti di respirare l’entusiasmo che gravita attorno alla realizzazione di questo lavoro di cui Piparo firma la regia e l’adattamento all’italiano. "Lo spettacolo arriva nel momento giusto e pur essendo ambientato negli anni ’80, è ancora attualissimo - ha precisato il direttore artistico del Sistina -. Si narra la storia di un sogno, di un salto verso un futuro negato agli adulti, ma che la mente del bambino spera di raggiungere. Nella provincia in cui la vicenda è ambientata, la speranza è negata dalla complessità della realtà. E ancora oggi possiamo dire che c’è un equivoco sulla danza e sui maschi che intraprendono questa strada. In parte, tale situazione è sdoganata, ma non completamente. Se prendiamo ad esempio una famiglia in cui c’è un bimbo di sette anni, la cosa che accade con maggiore probabilità è che i genitori lo indirizzino verso il calcio, piuttosto che verso il ballo".

Dopo un’accurata serie di provini, per il ruolo del protagonista è stato scelto Alessandro Frola, un ragazzino parmense di 14 anni che ha tutte le carte in regola per spiccare il volo in campo artistico. "Abbiamo realizzato una serie di audizioni per diverso tempo - ha raccontato Piparo -. Alla fine, abbiamo selezionato quattro-cinque ragazzi in grado di alimentare il vivaio che intendiamo curare. Attualmente, il nostro Billy è Alessandro, ma stiamo cercando di pensare anche ad altri attori perché i bambini crescono, cambiano voce, vivono nuove esperienze, e noi vorremmo che lo spettacolo rimanesse nel tempo". Il regista ha detto di aver dedicato massima cura alla scelta di un giovane artista animato dal desiderio di seguire la sua passione, così come il protagonista della pièce. "Non volevamo un bambino-mostro - ha aggiunto -. La tv purtroppo ci ha abituati proprio a questo. I piccoli devono essere veri, e il mio Billy deve inseguire il sogno della danza, non cercare il successo a tutti i costi. Nel corso delle audizioni ci siamo trovati a mandare via ragazzini talentuosi, nel momento in cui ci eravamo resi conto che dietro di loro c’era altro. Alessandro non è venuto a cercare la “svolta”. Lui balla, ed è concentrato solo sulla danza".

Ad affiancare Alessandro Frola sul palcoscenico, altri due giovanissimi performer: Christian Roberto che vestirà i panni di Michael, l’amichetto di Billy, e Simone Romualdi, nel ruolo di Kevin, nonché in quello di Billy nel secondo cast. Fra i ragazzi, regna un’ottima intesa. E, come hanno precisato in conferenza stampa, i loro rapporti non sono minati né da gelosie né da discussioni. Anzi, i tre si sono già organizzati per personalizzare il camerino che condivideranno nei giorni a venire.

Gli altri interpreti della famiglia del piccolo Elliot sono Luca Biagini, il papà Jackie; Cristina Noci, la nonna; Donato Altomare, il fratello Tony; Elisabetta Tulli, la mamma. E poi c’è Sabrina Marciano, che sarà Mrs. Wilkinson, la maestra di danza che scoprirà le incredibili doti di Billy. Infine, un cast di trenta performer, coreografati da Roberto Croce. La classe di danza delle bambine è composta dal gruppo "Children Tappers" di Graziella Di Marco.

Come precisato da Piparo, se si tiene presente il numero dei membri del cast, della squadra tecnica e dell’orchestra, si arriva ad un totale di sessantuno elementi impegnati nella realizzazione di questo complesso musical, prodotto dalla Peep Arrow Entertainment e da Il Sistina.

"È uno lavoro in cui si piange, ci si commuove - ha proseguito il regista -. È un testo pieno di valori: si parla della famiglia, della solidarietà fra operai, dell’affetto fra compagnucci di banco, dell’omosessualità. Ma il tutto viene fatto sulle corde della delicatezza".

Altro elemento trascinante dello spettacolo, l’orchestra diretta dal Maestro Emanuele Friello: i musicisti, suddivisi fra buca e barcacce, interpreteranno dal vivo le musiche pluripremiate di Elton John. I costumi sono di Cecilia Betona, le scene di Teresa Caruso.


Teatro Sistina - via Sistina 129, 00187 Roma
Per informazioni e prenotazioni: telefono 06/4200711, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Botteghino: dal lunedì al sabato dalle 10.00 alle 19.00 - domenica dalle 11.00 alle 19.00
Orario spettacoli: da martedì a sabato ore 21, domeniche e 26/4 ore 17
Costo biglietti: poltronissima € 55.00; poltrona e prima galleria € 49.50; seconda galleria € 44.00; terza galleria € 34.00

Articolo di: Simona Rubeis
Grazie a: Federica Fresa e Laura Fattore, Ufficio stampa Teatro Sistina
Sul web: www.ilsistina.it - www.facebook.com/teatrosistinaroma - www.twitter.com/teatrosistina

TOP