Martedì 31 marzo 2015 - Serata conclusiva del Festival film francofono a Roma

Scritto da  Giovedì, 02 Aprile 2015 

La malattia e il dolore conquistano:

a "Ghadi" il premio giuria e a "Gabrielle" quello del pubblico.

Sì è concluso il Festival del cinema francofono a Roma iniziato martedì 24 marzo con "Timbuktù", fuori concorso. Il premio della giuria, presieduta da Romano Milano, al film libanese "Ghadi" che ho molto apprezzato, per aver trattato con mano leggera ma non meno efficace l'handicap, la malattia e il dolore. Con lo strumento della favola spinge a riflettere sulle intolleranze, superstizioni e superficialità di un piccolo villaggio del Libano che potrebbe essere ogni luogo umano. Scevro da moralisti è un inno all'amore e alla possibilità che i diversi, da emarginati diventino vincenti. Una menzione anche alla fotografia delicata e intensa alb un tempo che regala un'atmosfera sospesa.

Il premio del pubblico va al film del Canada-Québec "Gabrielle", ancora un film delicato sull'intreccio tra handicap e sentimenti nella società che spesso ostacola invece di dare supporto alle persone più fragili, proiettato nuovamente nella serata finale.

La giuria si è espressa con soddisfazione a proposito della varietà ed originalità dei film in programmazione.

Notizia a cura di Iaria Guidantoni

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP