ROMAP il primo Interactive Light Festival nel cuore della Capitale (9-10-11 settembre)

Scritto da  Sabato, 03 Settembre 2016 

Dopo il grande successo della prima edizione, ROMAP torna per trasformare il cuore di Roma in un museo di arte contemporanea a cielo aperto con videomapping architettonici in stereoscopia e installazioni multisensoriali. Tre giorni dedicati alle nuove frontiere delle arti digitali e al corto circuito generato dalla sovrapposizione di passato e futuro: dall'incontro tra le più moderne tecnologie e le meraviglie architettoniche del centro storico di Roma. Nel 2015 il Festival ha coinvolto oltre 50.000 persone, esordendo nel panorama artistico e culturale di Roma con due grandi installazioni.

 

9-10-11 settembre 2016
Roma torna a illuminarsi con il Festival ROMAP
il primo Interactive Light Festival nel cuore della Capitale

 

La seconda edizione di ROMAP, Roma Interactive Light Festival, realizzata con il contributo di Roma Capitale in collaborazione con la SIAE, e inserita nell’edizione 2016 dell’ESTATE ROMANA: “Roma, una Cultura Capitale”, moltiplica le location e si concentra nel cuore storico-artistico di Roma tra Piazza Navona e Piazza Sant'Agostino. L'obiettivo è quello di creare un itinerario artistico nel cuore della città, regalando a turisti e cittadini una passeggiata surreale attraverso la Roma rinascimentale e barocca.

Due i videomapping in 3D stereoscopico, nuova frontiera delle proiezioni architettoniche, che immergono gli spettatori in un viaggio surreale tra geometrie, matematica, suoni e immagini, decostruendo forme e prospettive. Sulla facciata della Chiesa di Nostra Signora del Sacro Cuore in Piazza Navona il collettivo turco Ouchhh presenta in prima mondiale Sphinx. Connecting Cities: Istanbul to Rome, un vero e proprio dialogo visivo e sonoro tra le architetture delle due città; Axioma è invece una delle ultime creazioni dello studio spagnolo Onionlab, riallestita in prima nazionale sulla facciata della Basilica di Sant'Agostino nell'omonima piazza, per un viaggio tra le dimensioni dello spazio e le geometrie complesse. Le due installazioni in programma nascono dalla collaborazione di ROMAP con due tra i collettivi più innovativi nell’ambito delle arti digitali a Roma e in Italia: gli Ultravioletto e i Quiet Ensemble. Nel cortile del Museo di Roma a Palazzo Braschi oggetti comuni vengono resi protagonisti di una drammaturgia audiovisiva ipnotica e onirica dalla sapienza dei Quiet Ensemble, con il loro Tra la terra e il cielo; nel cortile del Museo Nazionale Romano in Palazzo Altemps gli Ultravioletto si ispirano alle proporzioni e alle geometrie della corte, invitando gli spettatori a immergersi in giochi di luce, matematica, suono e movimento con l'installazione 405 Dialogues. Sempre la luce come minimo comune denominatore anche nell'evento realizzato in collaborazione con lo sponsor Trollbeads, in cui l'artista del vetro Claudia Cherubini è invitata a presentare le sue creazioni tra luce, vetro e materie preziose in Piazza Navona durante le serate del 9 e 10 Settembre.

La comunicazione di ROMAP, grazie alla collaborazione con lo studio romano Oniride, sarà nel segno dell'ibridazione tra realtà e realtà virtuale. Attraverso l'app del Festival si potranno infatti vedere i contenuti in realtà virtuale su tutti i materiali di promozione cartacea, oltre che consultare il programma e le descrizioni delle opere. Le metro Spagna e Barberini saranno brandizzate grazie alla collaborazione con ATAC e PressUP e per la prima volta sarà possibile visualizzare dei contenuti speciali in realtà aumentata nella metropolitana di Roma tramite l'app ROMAP. Così il festival regala al suo pubblico un'esperienza interattiva ed immersiva già a partire dai supporti grafici che verranno realizzati dal partner We meet Brands, giovane agenzia romana di comunicazione, fino alla documentazione video a 360° che verrà realizzata durante il festival e che sarà possibile fruire in streaming tramite il sito rinnovato grazie alla sinergia stabilita con la web agency NOIS3.

Luce, suono, arti digitali, immagini in movimento in 2d e 3d, stereoscopia, realtà virtuale e video a 360°: questo e altro è ROMAP 2016. Un viaggio tra passato e futuro nella grande bellezza di Roma.

Ideato dal direttore artistico Michele Cinque, con la direzione creativa di Valerio Ciampicacigli, il Festival è prodotto da Lazy Film, società dalla consolidata esperienza nel campo della produzione artistica. ROMAP è realizzato con il sostegno di importanti partner istituzionali, media partner e sponsor. Hanno confermato la loro collaborazione: Ambasciata di Turchia Ufficio Cultura e Informazioni, Ambasciata del Brasile, Ambasciata di Spagna, Trollbeads, PressUP, Turkish Airlines, Sky Arte, ATAC Roma, Wired, Artribune, Car2go, ZERO, Oniride, We Meet Brands, Nois3, Vivi Bistrot, Spring Attitude, SUEDE, Paula Studio.

 

PROGRAMMA

9-10-11 settembre, ore 21.00 – 24.00
Chiesa di Nostra Signore del Sacro Cuore - Piazza Navona
Ouchhh, “Sphinx. Connecting Cities: Istanbul to Rome” – mapping stereoscopico (3D)

9-10-11 settembre, ore 21.00 – 24.00
Chiesa di Sant'Agostino - Piazza di Sant'Agostino
Onionlab, “Axioma” – mapping stereoscopico (3D)

9-10-11 settembre, ore 22.00 – 24.00
Museo Nazionale Romano in Palazzo Altemps - Cortile
Ultravioletto, “405 Dialogues” – installazione

9-10-11 settembre, ore 18.00 – 24.00
Museo di Roma a Palazzo Braschi - Cortile
Quiet Ensemble, “Tra la terra e il cielo” – installazione

9-10 settembre, ore 21.00 – 24.00
Piazza Navona
Evento Trollbeads, Claudia Cherubini, Artista del vetro

 

BIOGRAFIE ARTISTI ROMAP 2016

ONIONLAB (ES) - www.onionlab.com
Studio interdisciplinare con base a Barcellona, Onionlab è uno dei gruppi più all'avanguardia in Spagna e in Europa nel settore delle nuove tecnologie applicate alla creazione artistica. Il team, formato da designer, ingegneri, grafici e visual artist, realizza prodotti ed esperienze altamente interattive, show audiovisivi e motion graphic per film e video. Con la continua sperimentazione dei nuovi linguaggi digitali hanno saputo rispondere alla crescente richiesta di creatività avanzata dal mercato, soddisfacendo le esigenze di visibilità e promozione di importanti brand internazionali, quali: Audi, Eristoff, Ikea, Seat, Mango, Sony, Sonar, Ericsson, ABC (American Broadcasting Company) e J&B. I loro avanguardistici lavori di videomapping hanno preso parte ai più importanti Festival dedicati all'architettura, alle arti digitali e agli audiovisivi tra cui il Mapping Festival di Ginevra, il Signal di Praga, la Biennale Architettura di Venezia (2014).

OUCHHH (TUR) - ouchhh.tv
Ouchhh è uno studio indipendente di design e new media che riunisce a Istanbul artisti che hanno dato vita a una cellula creativa votata alla sperimentazione e all’hi-tech, capace di ibridare confini e territori limitrofi, dal reale al virtuale, dalla scienza alle arti visive, dalle pratiche interattive alla relazione con i luoghi e la creazione di immagini in movimento. I progetti realizzati spaziano dalle piattaforme interattive, alle sculture cinetiche, dalle esperienze immersive, al videomapping e alle live-action. Insieme dal 2011, hanno presentato i loro lavori per importanti istituzioni, festival e rassegne internazionali nell'ambito dell'arte digitale e interattiva, tra cui: il CERN (The European Organization for Nuclear Research, Geneva, Switzerland), l'Ars Electronica Festival di Linz (Austria), lo IAIA (Institute of American Indian Arts in New Mexico, USA), la SAT (Société des arts technologiques, Montreal, Canada), The Creators Project. Hanno lavorato inoltre per agenzie di comunicazione e importanti marchi tra cui Coca Cola, Apple, MTV, realizzando spot, animazioni grafiche, light design.

QUIET ENSEMBLE (I) - www.quietensemble.com
Quiet Ensemble nasce nel 2009 dall'incontro tra esperienze professionali ed espressive differenti; Fabio Di Salvo si dedica alla sperimentazione e l'ideazione di opere video interattive utilizzando moderni software di manipolazione audiovideo, Bernardo Vercelli si laurea in scenografia teatrale in Norvegia e successivamente lavora come light designer a Copenhagen, Danimarca. Insieme sviluppano un interesse rivolto alla contaminazione di modalità espressive differenti osservando il rapporto tra tecnologia e natura, l’equilibrio tra casualità e controllo, dando vita a soggetti composti dal perfetto connubio degli elementi, spostando l’attenzione su aspetti insignificanti e meravigliosi, come il movimento di una mosca o il suono degli alberi. Le loro creazioni esplorano le possibilità estetiche e concettuali delle tecnologie interattive, lavorando sul rapporto tra immagine e suono in relazione ad un ambiente specifico. I lavori sono stati ospitati nei principali festival italiani e stranieri e realizzati in collaborazione con importanti brand e aziende tra cui Toyota, Salvatore Ferragamo, Altamodaroma, Vogue, MTV, Acea.

ULTRAVIOLETTO (I) - www.ultraviolet.to
Ultravioletto è uno studio di progettazione multidisciplinare che fonde arte, architettura e design contaminandoli con le nuove tecnologie. Sensibilità differenti danno vita a molteplici modalità espressive con lo scopo di ridefinire la percezione degli spazi e giocare con le nuove possibilità d’interazione uomo/macchina. Saldatori, sensori e programmazione visuale, integrati con un passato di nastri magnetici e mixer analogici sono alla base dell'inconfondibile linguaggio dello studio curato da Bruno Capezzuoli, Tito Cetroni e Francesco Bruno Viteri. Scenografie virtuali per perfomance teatrali, videomapping, installazioni interattive, videosculture di Ultravioletto sono state realizzate per aziende internazionali quali Absolute, Enel e Disney e presentati in numerosi festival ed eventi italiani e internazionali, tra cui: Palazzo delle Esposizioni e Auditorium (Notte Bianca / Live Visuals - Meet in Town Festival 2007 Roma, 2007); Word Waves - Stedsan Festival (Circolo Polare Artico – Norvegia, 2008); DMY International Design Festival (Berlino – Germania, 2008); Città Invisibili (Rovereto, 2009); JAZZ:RE:FOUND Festival (Vercelli, 2013); This is Rome Festival (Roma, 2014), Periferica Festival (Roma, 2015).

Info e contatti:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - www.ro-map.it - facebook.com/romapfestival

Fonte: Marco Giovannone, Ufficio Stampa NCmedia

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP