La Regina delle Nevi al cinema il 10 e 11 dicembre

Scritto da  Domenica, 18 Dicembre 2016 

Natale sulla neve con l’animazione: un film delicato, con immagini molto raffinate e una storia per grandi e piccoli, tenera e forte insieme con un rimando simbolico articolato e un intreccio che può soddisfare anche un pubblico adulto.

Il film ripropone pur con l’animazione evoluta l’idea della fiaba tradizionale, riuscendo ad incontrare il gusto dei bambini di oggi e un pubblico adulto. Sicuramente un film originale nel panorama della filmografia dedicata ai bambini oggi sempre più legata ad effetti speciali e a storie senza radici con la tradizione fiabesca, prossima a un mondo onirico, fatto di deformità, mostruosità o robot, per l’eleganza delle immagini e la cura dei particolari a cominciare ad esempio dagli abiti. Tratto dalla favola di Hans Christian Andersen, La Regina delle Nevi narra il viaggio di Gerda, alla ricerca del fratello Kai negli sconfinati spazi del fantastico regno stregato dalla Regina delle Nevi, priva di scrupoli che vuole creare un Nuovo Mondo, dove la razionalità cancelli le emozioni e il vento polare geli gli animi. Per questo l’algida sovrana, interamente color bianco ghiaccio, circondata da una castello e servitori mostri tutti traslucidi, senza colore, ingaggia una battaglia contro tutti gli artisti e gli spiriti liberi. Durante il viaggio, Gerda affronta ogni tipo di ostacolo e incontra nuovi amici che la aiuteranno nella sua ricerca fino ad una soluzione finale che racconta come spesso le persone non sono cattive ma infelici, ferite, a loro volta emarginate e per questo serbatoi di rancore. Non è una caso che gli adulti quando si liberano dalle emozioni negative tornano ad essere bambini. In fondo come mi ha detto un bambino che è stato con me spettatore e critico per caso la “nuova” regina delle nevi e la protagonista possono essere la stessa persona. E’ proprio questa la spinta del film, un invito a riflettere sulle diverse parti che sono dentro di noi, sul nostro ruolo sociale e la vita intima come nel caso del troll a servizio della regina che – dichiara – non ha tradito Gerda, ma si è limitato ad eseguire gli ordini della sovrana. Tra i diversi simboli quello dello specchio che rimanda a chi sa guardare un’immagine diversa da quella riflessa, la verità che a volte può sconvolgere.

Yuri Moskvin, produttore 
Molte persone mi hanno chiesto il motivo per cui ho scelto questa storia. Le ragioni sono abbastanza ovvie per me: ben scritto, racconto affascinante, team di professionisti dell’animazione a disposizione. Abbiamo voluto produrre un film con personaggi forti, una storia controversa e intrigante che evoca forti emozioni. Abbiamo adattato il racconto di Hans Christian Andersen ai gusti del pubblico di oggi con una nuova trama, nuovi personaggi e un nuovo stile. Il risultato è un prodotto internazionale costruito nella migliore tradizione dei film di animazione.

La Regina delle Nevi è stato presentato all’Annecy International Animated Film Festival, al Buster Film Festival, al Varna Film Festival.

Trailer disponibile al link:
https://youtu.be/tUpqbibes-4

Distribuzione italiana: 102 DISTRIBUTION
Titolo originale: THE SNOW QUEEN 
Produttore: WIZART ANIMATION 
Nazionalità del produttore: RUSSA
Registi: MAXIM SHESHNIKOV e VLAD BARBE
Anno di produzione: 2012
Durata: 80’

ufficio stampa: Federica Federico

distribuzione:
102 Distribution
Via Antonio Gramsci, 48
00197 Roma
www.102distribution.com
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Articolo di Ilaria Guidantoni

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP