Nuovo laboratorio dedicato alla matematica – Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo Da Vinci a (Milano)

Scritto da  Domenica, 24 Dicembre 2017 

La matematica è un gioco da ragazzi, come racconta il nuovo laboratorio promosso dall’azienda Leonardo, con l’obiettivo di far dialogare cultura e scienza e rendere visibile a tutti i cittadini la tecnologia che utilizzano nella quotidianità anche senza saperlo. Un obiettivo che recupera l’unità del sapere rinascimentale che in Leonardo da Vinci ha avuto il suo simbolo: oggi troppo spesso frammentata in discipline settoriali. In tal senso il Museo milanese promuove incontri e installazioni artistiche oltre che applicazioni pratiche della matematica che sempre più permea la nostra vita di tutti i giorni.

 

Dalla partnership tra il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano e Leonardo nasce un nuovo laboratorio interattivo.
Il laboratorio, inaugurato alla presenza del Direttore generale del Museo della Scienza e Tecnologia, Fiorenzo Galli nasce come spazio permanente per fare matematica in modo sperimentale. Uno strumento per realizzare un progetto promosso dal Museo e da Leonardo: avvicinare il pubblico alla materia in modo informale e divertente, utilizzando un approccio scientifico ma inaspettato, all’interno di uno spazio funzionale, seppur lontano dall’idea classica di laboratorio o di classe scolastica. L’iniziativa, ha sottolineato Galli, offre l’opportunità di investimento sul capitale umane per creare un legame di accessibilità fra tecnologia e società, evidenziando come il mondo della scuola abbia molto bisogno di strutture come queste. La curiosità infatti è lo stimolo fondamentale per la creatività alla base dello sviluppo della conoscenza, della scienza e dell’arte. Questa la ragione per la quale nel Museo sono state previste delle installazioni artistiche ispirate alla tecnologia, in un mondo nel quale, proprio grazie al progredire dell’innovazione, cadono le barriere tra le varie discipline del sapere.
Il Presidente di Leonardo, Giovanni De Gennaro, ha evidenziato come l’azienda Leonardo – che nel 2018 compirà 70 anni - rappresenti una realtà di primo piano nel sistema paese per l’investimento nell’innovazione con un investimento di oltre 1 miliardo e mezzo di euro nella ricerca per realizzare un’organizzazione che possa riallacciare scienza e cultura. Alfio Quarteroni, Docente di Matematica Numerica al Politecnico di Milano, ha sottolineato come oggi la matematica sia più presente che mai nel vissuto quotidiano e che ad esempio le immagini che on line inviamo e riceviamo in formato jpg sono frutto di una decodificazione matematica. D’altronde “Se l’uomo non sapesse di matematica non si eleverebbe di un sol palmo da terra”, diceva già Galileo Galilei qualche secolo fa. Nel nuovo laboratorio interattivo Matematica, realizzato dal Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano in partnership con Leonardo, la frase del celebre scienziato si rafforza di un ulteriore significato. Focus del laboratorio sono infatti la fluidodinamica e i modelli matematici applicati al volo, sviluppati grazie a un software di simulazione realizzato dal Politecnico di Milano che consentirà al visitatore di immergere la propria immagine in un fluido, in una sorta di galleria del vento virtuale. Le capacità del software sono state testate per l’occasione da Elia Viviani, oro olimpico nell’Omnium, ciclismo su pista, a Rio de Janeiro 2016, intervenuto all’incontro evidenziando come il tema attuale sia puntare a penetrare più velocemente l’aria, per consumare meno watt e quindi vincere. Ogni atleta ha un suo potenziometro legato alla persona che ha una propria aerodinamica personalizzata: non solo numeri quindi ma uno studio che assomiglia ad un abito di sartoria. Un doppio appuntamento quello di oggi che oltre all’inaugurazione del laboratorio ha visto anche, in linea con la tradizionale attenzione dell’Ente museale e dell’Azienda nei confronti delle nuove generazioni, lo svolgimento della cerimonia finale del Premio Innovazione Leonardo 2017.

Grazie al laboratorio che è da sempre nel progetto del Museo e che ha già ricevuto la prenotazione di 4mila studenti, farà toccare con mano la matematica. Tra le applicazioni la sperimentazione del caos, grazie all’utilizzo del pendolo doppio, l’impiego di penne 3D per costruire modelli geometrici tridimensionali, l’analisi real-time delle immagini dei partecipanti catturate da una videocamera e addirittura la natura matematica di giochi come i gratta e vinci e le slot machine e le motivazioni che ci spingono a provarli. Le attività progettate dal Museo prevedono sempre una parte di esplorazione libera. Tutti possono arrivare alla fine dell'attività e trarne una conoscenza personale. In ogni percorso è importante il confronto e la discussione fra i partecipanti per elaborare insieme un ragionamento fondato che porti alla comprensione dell'attività sperimentata. L’approccio educativo innovativo mira a sviluppare le competenze del terzo millennio, con un occhio di riguardo alla parità di genere. Il concept dell’allestimento del laboratorio parte dal desiderio di prendere le distanze dall’immaginario abitualmente collegato alla matematica. Lo spazio è informale e permette ai partecipanti di avere un approccio rilassato, contrastando i preconcetti più diffusi su questa scienza. In occasione dell’apertura al pubblico dell’i.lab Matematica, il Museo propone alcuni weekend speciali “I Matematti”, dedicati alla matematica per tutti. In particolare sabato 25 e domenica 26 novembre tutte le attività del Museo saranno dedicate al tema del Ritmo, per esplorare nei diversi laboratori i fenomeni periodici che incontriamo e farsi coinvolgere in performance musicali. Il nuovo i.lab Matematica costituisce un’importante risorsa educativa, realizzando programmi specifici per diversi target (studenti, docenti, famiglie, ricercatori, etc.).
Il Museo, attraverso il suo Centro per l’Educazione Informale (CREI), è Ente Accreditato per la formazione e lo sviluppo professionale degli insegnanti dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca. Partner istituzionale del progetto sono il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, con il contributo scientifico del Politecnico di Milano e le Produzioni originali Living Divani, Newlord, Jannelli&Volpi; Partner tecnici sono Universal Selecta, Mitsubishi Electric, Eco Contract, Caimi Brevetti, Mdsrl.it.

Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci
Via San Vittore, 21 – Milano
Giorni e orari di apertura: da martedì a venerdì: 9.30 - 17 | sabato e festivi 9.30 - 18.30.
Il programma dettagliato di tutte le attività del Museo è disponibile sul sito. www.museoscienza.org | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. |
Tel. 02.485551

Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Ufficio Stampa: Deborah Chiodoni 
Tel. +39.0248555450 / +39.3391536030 P
Paola Cuneo 
Tel. +39.0248555343 / +39.3381573807 
www.museoscienza.org 
Leonardo Ufficio stampa 
Francesca Bernabei; Stefano Tagliani
Roberta Samarelli www.leonardocompany.com

Articolo di Ilaria Guidantoni

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP