Multiculti, la multiculturalità in scena alla Fabbrica del Vapore

Scritto da  Redazione Cultura Venerdì, 01 Novembre 2013 

Mercoledì 6 novembre proiezione del documentario “Duecentoparole”

Il difficile apprendimento della lingua italiana attraverso la storia di tre ragazzi pachistani

 

 

 

 

 

 

 


“Finché ci sarà uno che conosce 2000 parole e uno che ne conosce 200, questi sarà oppresso dal primo; la parola ci fa uguali”. Da una citazione della scuola di don Milani prende il titolo il documentario “Duecentoparole”, che sarà presentato in anteprima mercoledì 6 novembre alle 18.30 alla Fabbrica del Vapore di Milano, in occasione della manifestazione Multiculti promossa da ACLI Lombardia, ARCI Milano e CGIL.

 

Ambientato nel quartiere multietnico di Pioltello, nella periferia est di Milano, Duecentoparole racconta lo sforzo di apprendere la lingua italiana, seguendo un corso di lingua per stranieri tenuto da tre giovani studenti pachistani.
Hassan, Umer e Faizan, in Italia da quattro anni, hanno dovuto imparare in fretta la lingua italiana; oggi, dopo i compiti e la partita a cricket, la insegnano a chi è appena arrivato e incontra le difficoltà che un tempo sono state le loro.

 

La parola che unisce è il leimotiv di questo documentario, dove altre storie si intrecciano. C'è quella di Rita, siciliana emigrata prima in Germania e poi a Pioltello, che con la sua amica marocchina ci guida nei negozi multietnici della zona alla scoperta degli ingredienti giusti per preparare il migliore cous cous tradizionale. Quella di Giulia e Giulia, due giovani ragazze poco più che ventenni, animatrici del Centro Culturale di Pioltello. Nel documentario le vediamo all'opera mentre conducono un laboratorio di teatro espressivo, frequentato da adolescenti stranieri di vari paesi del mondo.

Nato all’interno di un percorso laboratoriale di docufilm, tenuto dal regista Fabio Martina, Duecentoparole avrebbe dovuto essere il saggio finale di 15 minuti realizzato dai partecipanti del corso. E' diventato molto di più.
Sei mesi di riprese, un'ora di documentario, un sito web. Le persone che ci hanno lavorato hanno dato vita al collettivo Nanook.

Duecentoparole è stato realizzato nell’ambito del progetto “On the Stage” promosso dall’associazione Dora e Pajtimit in partnership con IPSIA e Acli Lombardia attraverso fondi per il co-sviluppo 2010 del Settore Relazioni Internazionali del Comune di Milano.
Maggiori informazioni su 200 Parole: http://200parole.wordpress.com


All’interno della stessa serata verrà proiettato il documentario “Impronte” e saranno esposte le tavole preparatorie del fumetto “I bambini inchiodati”, anch’essi realizzati all’interno del progetto “On the Stage”.


Durante la serata saranno presenti i partner del progetto “Albania Domani”.


All’inizio della serata sarà offerto un aperitivo multietnico. L’evento è a ingresso libero.


Fonte: Arci Milano

 

TOP