Gioiello, arte e nutrimento dell'anima. Il Club degli Orafi Italia alla casa Museo Poldi Pezzoli

Scritto da  Giovedì, 02 Luglio 2015 

Una mostra per esaltare il made in Italy nella sua componente di eccellenza tecnica e produttiva come anche di tradizione culturale con un focus sul tema del nutrimento in omaggio all’Expo 2015. L’iniziativa sposa l’impresa orafa con una casa museo di fama internazionale che ha nel gioiello il proprio simbolo.

La piccola mostra “Gioiello – arte e nutrimento dell’anima”, in programma dal 25 giugno al 27 luglio a Milano, è organizzata dal Club Orafi Italia associazione di imprese indipendente nata nel 1980 per promuovere l’eccellenza produttiva e della tradizione di uno dei prodotti simboli dello stile italiano – presso il Museo Poldi Pezzoli, casa museo noto a livello internazionale e realizzato nel 1881 dal collezionista Gian Giacomo Poldi Pezzoli. L’associazione non è casuale perché il museo ospita gioielli antichi ed in particolare è rappresentato dalla Dama del Pollaiolo con le famose perle. Non solo ma il Club Orafi Italia ha sostenuto il restauro di due preziosi smalti limosini, una Pace con l’Adorazione del bambino e una Pace con la Pietà entrambe del 1500 circa, opere della collezione museale. Per la prima volta Broggian, Cesari e Rinaldi, Chantecler, Fope, Forevemark, Enzo Liverino, Vendorafa Lombardi e Vhernier espongono tutti insieme in un museo sul tema del gioiello quale nutrimento, non solo del piacere per l’effetto appagante della bellezza degli oggetti ma anche in associazione al valore del cibo sul quale l’Expo sta riflettendo. Protagonista l’oro e le pietre che in passato, nel Medioevo e nel Rinascimento in particolare, hanno interessato anche il mondo del tessuto con ricami preziosi sugli abiti. In mostra una sciarpa gioiello tessuta in filo d’oro, “Mimì”, prodotta da Giovanna Broggian della collezione Mimì- Orofilato 2015 oro e diamanti che riprende le antiche manifatture italiche; e ancora per Cesari&Rinaldi il tema dei tesori di Cerere con le pietre, gemme molto rare e poco conosciute. L’allegoria della dea delle messi è associata al colore del frumento, il granato; del cielo, la tanzanite e del papavero con la rubellite. Più esplicita l’associazione con il cibo promossa da Chantecler con la Collezione agrumi.

Milano
Museo Poldi Pezzoli
Dal 25/6 al 27/7 2015
"Gioiello - arte e nutrimento dell'anima"
Via Alessandro Manzoni, 12 – piazza Scala
Ore 10.00 - 18.00 (ingresso fino alle ore 17.30)
Chiuso il martedì
Biglietto (mostra+museo) 10 euro

Fone: Ilaria Toniolo
Articolo di Ilaria Guidantoni

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP