"G&T", la prima web-serie italiana a tematica LGBT, conquista la rete

Scritto da  Giovedì, 02 Luglio 2015 

Dopo lo straordinario successo delle prime due stagioni, è da pochi giorni partita la campagna di crowdfunding per finanziare la realizzazione della terza stagione di "G&T", la prima web-serie italiana a tematica LGBT, scritta, diretta e interpretata da Francesco D'Alessio e Matteo Rocchi.

 

SaltinAria sin dalle sue origini si occupa a trecentosessanta gradi di cultura, dal teatro alla letteratura, dalle arti figurative alla musica; per la prima volta ci rivolgiamo su queste pagine ad una forma di cultura di matrice diversa, che in giro per il mondo ha preso piede ormai da anni, ma che anche in Italia si sta progressivamente diffondendo, in particolare tra i giovani e giovanissimi, la web-serie; non è facile fornire una definizione precisa di questo nuovo linguaggio, incasellarlo in un perimetro precisamente delineato. Ci facciamo aiutare quindi da uno studioso, dal Professor Simone Arcagni docente di “Culture e Società” all’Università di Palermo: “La definizione di webserie potrebbe essere quella di un linguaggio audiovisivo che nasce specificatamente nel web e che del web assume forme, strategie e modelli di comunicazione. Un linguaggio che assume modi, forme, estetiche come quelli cinematografici e televisivi, ma di cui poi fa una sintesi…”. È indubbio quindi che si stia parlando di cultura; nel particolare caso di "G&T" credo che però sia assolutamente opportuno scomodare anche il sostantivo Arte.

G&TLa visione di "G&T" prende lo spettatore quasi dal primo fotogramma e lo trascina in una storia dalla quale è difficile staccarsi, catturati dalla curiosità di scoprire come evolveranno le tumultuose vicende.

Giulio (Francesco D'Alessio) e Tommaso (Matteo Rocchi) sono due amici storici, protagonisti di quelle amicizie indissolubili che provengono dall’infanzia e che nulla, o quasi, potrebbe incrinare. Durante una festa in discoteca, però, i due giovani si perdono in un abbraccio che di amicale ha ben poco, concedendosi ad una passione che forse entrambi avevano fino a quel momento celato, ma in realtà covato nel profondo; la passione dell’amore che, come in tutte le storie che si rispettino, non avrà vita facile e il cui continuo crearsi e sgretolarsi diverrà il fil rouge della storia tra Giulio e Tommaso. La conseguenza di quel contatto fisico, infatti, sarà un distacco lungo ben cinque anni, che terminerà per caso grazie ad un fortuito incontro nel locale di un amico comune: questa casualità scatenerà un vero e proprio big bang per la storia, i cui sviluppi naturalmente non sveleremo, per non rovinare la sorpresa a chi si avvicinerà, speriamo, a "G&T".

Ci limiteremo solo a descrivere brevemente i tratti salienti dei caratteri dei due protagonisti: Giulio è un ragazzo sensibile, che crede al vero amore e non abbandona la speranza di costruire un rapporto sincero ed autentico; è apparentemente sicuro di sé, omosessuale dichiarato con la famiglia e con gli amici, ma nasconde in realtà una profonda insicurezza, che l’incontro con Tommy farà riaffiorare insieme a tutte le sue fragilità. Tommaso invece è il classico ragazzo spavaldo, erede di un’azienda che gestisce con un fratello cinico e utilitarista; è fidanzato con Serena, con la quale convive. L’incontro dopo cinque anni con Giulio, però, farà rinascere in Tommy tutti i dubbi che pensava di aver fugato quando l’amicizia era stata troncata. Tommaso reagirà con aggressività, durezza e quasi cattiveria al nuovo incontro con il vecchio amico, ma le sue certezze sull’amore, sulla vita, sulla sessualità inizieranno ben presto a sgretolarsi. Quello che emerge dai due protagonisti, al netto della apparente aggressività di Tommaso e del mal celato distacco di Giulio, è la forte, fortissima volontà di amare e di essere amati e, in definitiva, una straripante dolcezza di entrambi i personaggi.

Naturalmente "G&T" non è solo la storia di Giulio e Tommaso, attorno a loro gravitano una serie di personaggi, che forniscono il giusto contorno e contesto alla storia dei protagonisti. Irresistibile in particolare il personaggio di Sara, interpretato da una fantastica, frizzante e deliziosamente sopra le righe Angela Miriam Ceppone, un colpo di genio da parte degli autori, che hanno donato alla storia una ragazza, amica inseparabile di Giulio, capace di sdrammatizzare anche le situazioni più delicate, con consigli giusti, forniti con modi sempre originali.

Tutto il cast è comunque da applaudire (tra i numerosi giovani interpreti ricordiamo Moritz Ceste, Valeria Tardivo, Anthony Circiello, Paolo Mazzini, Edoardo Mazzoni, Filippo Tabbi e Oscar Ferrari), ma insieme agli attori va riconosciuto merito anche ai tecnici e a tutti quanti hanno contribuito a realizzare le prime due stagioni di "G&T"; va sottolineato infatti che tutto il lavoro è stato svolto a budget zero, tutti hanno partecipato a titolo gratuito. Si parla quindi di tecnici e attori che hanno sposato totalmente il progetto, prestando le proprie capacità artistiche e professionali alla web-serie.

G&TPer ultimi ho voluto lasciare Francesco D’Alessio e Matteo Rocchi, che non sono solamente gli ideatori, sceneggiatori e registi di "G&T", ma anche gli interpreti rispettivamente di Giulio e Tommaso; tralasciando le loro doti recitative (entrambi riescono a donare credibilità, forza, dolcezza e passione ai propri personaggi, denotando capacità recitative fuori dal comune) va sottolineata la geniale intuizione che i due giovani artisti hanno avuto nel creare e produrre "G&T". Questa serie non è solo la prima web-serie italiana a tematica LGBT, ma anche una delle più viste all’estero: "G&T" ha infatti al suo attivo più di 44 milioni di visualizzazioni su Youtube.

Si legge in giro che il progetto di Francesco e Matteo è un progetto coraggioso, lo definirei piuttosto ambizioso; l’idea di creare una storia d’amore, sia essa teatrale, romanzesca, televisiva, o altro non può essere coraggiosa. Certo, raccontare una storia d’amore omosessuale non è facile in un contesto ancora non particolarmente aperto e progressista come quello italiano, ma questa scelta non può è non deve considerarsi "coraggiosa", non voglio credere che questa sia solo una mia convinzione e che debba retrocedere a ruolo di speranza. Il "coraggio" di Francesco e Matteo è stato quello di imbarcarsi in un’avventura un po’ pazza, ma che ha portato i suoi frutti, lanciando "G&T" non solo a livello italiano, ma anche mondiale, ricevendo numerosi riconoscimenti ed una citazione anche sul famoso magazine LGBT “OUT”.

Il lavoro della famiglia di "G&T" però non è ancora finito e l’ambizione ed il sogno di Francesco e Matteo sono ancora forti; è in cantiere una terza stagione, per la realizzazione della quale è richiesto il contributo di tutti i fan vecchi e nuovi di "G&T". Purtroppo in Italia trovare degli sponsor più o meno “istituzionali” per una serie web a tematica gay (ricordo che si tratta di una storia d’amore, che non dovrebbe essere etichettata, l’amore è universale, no?) non è facilissimo, magari si ricevono copiosi complimenti da produttori e addetti ai lavori, ma quando si deve passare ai fatti nessuno si fa avanti. Ed è proprio qui che entra in gioco l’ambizione di Matteo e Francesco: gli sponsor di "G&T" saranno proprio i fan, gli spettatori della serie.

È partita il primo luglio una campagna di crowdfunding volta a finanziare la terza stagione di "G&T", si può partecipare con un contributo minimo di 5 €, ed il link per donare è il seguente: www.kickstarter.com/projects/getwebserie/gandt-3.

Per chi volesse invece vedere, o rivedere, le prime due stagioni di "G&T", basta andare su Youtube collegandosi al seguente link: www.youtube.com/user/GETwebserie.

Non ci resta che rivolgere un grosso in bocca al lupo a Francesco a Matteo e a tutta la squadra di "G&T", augurando loro di raggiungere questo ambizioso traguardo.

 

Articolo di Daniele Pierotti
Sul web: www.getwebserie.com

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP