Javier MarinJavier Marín, un messicano internazionale che porta tutta la sua carnalità scultorea rovesciandola nel frastuono contemporaneo. Gli archetipi della sua cultura ancestrale si legano all’espressionismo contemporaneo con un lavoro che è fatica, ‘disegno’, ‘decoro’ e quindi classicità barocca; e ad un tempo disfacimento, irriverenza, dolore gridato. Il filo conduttore è la carne, prima del pensiero, ed è questo che lo rende leggibile e universale, immediato, come il pubblico lo ha accolto. La mostra è adeguata, perfetta l’ambientazione negli spazi del Macro; adatta ad una moderna capitale la scelta di installazioni nella città come tappe di un percorso dinamico.

L’occasione è stata una serata di gala, venerdì 14 dicembre, con reading nella centrale Galleria Alberto Sordi, già Galleria Colonna, cuore di Roma con un evento promosso da Sorgente Group, proprietario della Galleria con il suo amministratore delegato, Professor Valter Mainetti. La manifestazione ha visto centocinquanta personalità della politica, della cultura e della società romana per la presentazione di due volumi uniti dal percorso comune tra storia, leggenda e arte, “Il mio nome è Nessuno” di Valerio Massimo Manfredi (edito da Mondadori), dedicato alla vita di Ulisse, eroe dalle tre identità e “Il Palazzo del Tritone a Roma”, realizzato da Sorgente Group con De Luca Editori D’Arte. Tra gli autori del libro sul Palazzo del Tritone, Claudio Strinati, Direttore Scientifico di Fondazione Sorgente Group e i professori dell’Università di Chieti-Pescara Fabio Benzi e Francesco Leone. Una doppia anteprima letteraria. Un evento simbolico e un segnale importante per la città in un momento di crisi, che sottolinea l’importanza di investire in controtendenza con un mercato asfittico, legando gli aspetti culturali a quelli dello sviluppo di un territorio, a cominciare dalla valorizzazione del patrimonio, in particolare immobiliare, fino agli interessi più squisitamente economici.

Nove25, dove gli accessori che ti creano parlano di te…una nuova frontiera della gioielleria artigianale Made in Italy.

Sabato 15 dicembre 2012, dalle ore 17.30 alle 23.00; Distribuzione Indipendente presenta alla Casa del Cinema di Roma, BOX OF SHADOWS, la prima personale italiana di Mauro Borrelli. Un progetto del collettivo Jabberwocky a cura di Rossana Calbi.

La mostra “APEIRON: ANCOR PRIMA” presenta una selezione di gioielli e immagini in un percorso narrativo che permette di entrare nel mondo di Antonella Ferrara e di perdersi nel tessuto di emozioni e significati di cui i preziosi sono i veri protagonisti. Il 15, 16 e 22, 23 dicembre 2012 a Sesto Calende (Varese).

EKO DANCE INTERNATIONAL PROJECT al Teatro Astra, Torino: Prima Nazionale "LA BELLA... GISELLE". Il 10 GENNAIO 2013 a Torino - La Eko Dance International Project è diretto dalla grande danzatrice internazionale Pompea Santoro,che ha formato la nuova compagnia di danza, un gruppo di giovani ballerini che presentano due capolavori del coreografo svedese Mats Ek.

TOP