La potremmo definire una Stefano Bollani in gonnella. Senza prenderci troppo sul serio, come ama fare lei. La toscana Giulia Mazzoni con il suo pianoforte, ovvero "il suo migliore amico", come lo chiama, ama giocarci. Con la stessa ingenuità e semplicità di una bambina che passa il tempo "Giocando con i bottoni", per parafrasare il titolo del suo ultimo singolo, tratto dall'omonimo album uscito nel 2013. Un disco che ha lanciato al pubblico nazionale la 25enne pianista di Prato e la sua musica solamente strumentale. Fatta dei sogni e dei desideri che ci racconta in questa intervista.

Sono nati (almeno artisticamente) in Italia, ma Adam Wiltzie e Dustin O’Halloran, in arte A Winged Victory For The Sullen, hanno finora ottenuto molta più considerazione all'estero. Una storia comune a molti progetti, specialmente per chi come loro compone musica neoclassica e sperimentale. Il loro ultimo album, pubblicato lo scorso 7 ottobre, è "Atomos", che nasce dalla colonna sonora dell'omonimo spettacolo di danza del coreografo del Royal Ballet di Londra, Wayne McGregor. Li abbiamo incontrati per farci raccontare questo nuovo lavoro.

Era "morto a vent'anni", come recitava il titolo del suo primo disco. Oggi Lorenzo Cilembrini, in arte il Cile, rinasce con il suo nuovo album, "In Cile veritas". Un lavoro che non rinuncia alla sua caustica descrizione di una generazione, quella dei trentenni, in crisi (non solo economica). Ma che allo stesso tempo getta i semi per superarla ed entrare nell'età matura. Ce lo presenta lui stesso in questa intervista.

Sono il perfetto esempio di cervelli, o meglio, "ugole" in fuga. I Matinée nascono sulle rive dell'Adriatico, ma è Oltremanica che hanno trovato lo spazio per il loro indie rock cantato in inglese. Oggi, però, rientrano in Italia, a partire dal concerto di domani (giovedì 25 settembre) all'Ohibò di Milano. Portandosi dietro un nuovo album in uscita e un grande bagaglio di esperienze accumulato nel dorato mondo dell'indie britannico. Il loro frontman ne parla con SaltinAria.it in questa intervista.

Quella di questo weekend (26, 27 e 28 settembre) a Faenza non sarà solo l'edizione del ventennale del Mei, ma anche l'ultima. Lo ha annunciato a sorpresa il fondatore e organizzatore del Meeting delle etichette indipendenti, Giordano Sangiorgi. Ma il suo impegno non si ferma qui: "Sto lavorando a un nuovo evento che racchiuda le migliori menti della musica indie". In questa video-intervista a SaltinAria.it, Sangiorgi traccia una lucida diagnosi dello stato di salute del mondo indipendente e propone le sue idee per un rilancio del settore.

Sarà presentato dal vivo domenica 28 al Mei di Faenza "Forgotten Dream", secondo album da solista del polistrumentista e cantautore Luka Zotti.

TOP