Zaz, dopo "Je Veux" il nuovo album è tutto dedicato a Parigi

Scritto da  Venerdì, 07 Novembre 2014 

Negli ultimi 4 anni, Zaz è una delle artisti francesi di maggior successo all’estero. Dal Cile all’Egitto, dalla Germania alla Cina, i fan di oltre 50 paesi hanno decretato vendite per oltre 3 milioni di copie dei suoi primi due album.

Dopo il successo di “Je Veux”, Zaz ritorna ora con “Paris” , in uscita il 7 novembre, un album interamente dedicato a Parigi  e alle canzoni storiche dedicate al passato della Ville Lumière, città in cui lei stessa si è trasferita otto anni  fa da Bordeaux. “Paris” sarà disponibile in digitale, in cd e cd+dvd con un video dietro le quinte di 24 minuti con Zaz, Quincy Jones, Charles Aznavour, Nikki Yanofsky. Quando Maurice Chevalier cantava "Paris sera toujours Paris" durante l’occupazione del 1939, era “un brano che continua a racchiudere fino ai giorni nostri lo spirito di libertà della città”.

Anche nei momenti più bui della sua storia, Parigi è sempre stata una città luminosa, che affascina Zaz e chiunque abbia fede nei propri sogni, un luogo magico dove tutto sembra possibile. Zaz non aveva nascosto il suo forte desiderio di invitare Quincy Jones per registrare alcuni brani del suo terzo album. E sfidando ogni probabilità, non solo l’autore e produttore che ha firmato, tra l’altro, “Thriller” di Michael Jackson (l’album più venduto nella storia) ha accettato, ma l’ha anche definita una delle voci più belle da lui mai ascoltate: “Ha radici così profondamente blues nella sua voce, che giureresti arrivare direttamente dal ghetto!”.

Sbalordita da simili riconoscimenti, Zaz ha prestato la massima attenzione a tutti i suggerimenti di immenso valore che leggende viventi quali Charles Aznavor, Quincy Jones e il suo collaboratore John Clayton hanno condiviso con lei. È interessante notare che, per preservare la spontaneità di quest’esperienza emotiva, Zaz ha volutamente frenato la sua curiosità intorno a queste hit francesi, evitando interpretazioni delle versioni originali, riprese successive o lo specifico contesto in cui i brano erano stati scritti. Al contrario, Zaz ha affrontato l’intero progetto come se le composizioni dell’album fossero tutti brani originali. Al primo ascolto è difficile capire quale sia l’unico brano originale firmato anche dalla stessa Zaz, per descrivere la “sua” Parigi, tanto è rievocativo del classico stile della chanson francese

Tracklist: 1) "Paris sera toujours Paris"; 2) "Sous le ciel de Paris"; 3) "La Parisienne"; 4) "Dans mon Paris (Version Manouche)"; 5) "Champs Elysees"; 6) "A Paris"; 7) "I Love Paris / J’aime Paris (duet with Nikki Yanofsky)"; 8) "La romance de Paris"; 9) "Paris Canaille"; 10) "La complainte de la butte"; 11) "J'aime Paris au mois de mai (duet with Charles Aznavour)"; 12) "Paris, l'après-midi"; 13) "J'ai deux amours".


Fonte: Warner music

Video

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP