Targhe Tenco 2014: tutti i finalisti della canzone d'autore

Scritto da  Mercoledì, 22 Ottobre 2014 

Ci sono artisti e lavori discografici che toccano tutti gli stili possibili della canzone d'autore nelle nomination delle Targhe Tenco 2014, il riconoscimento più prestigioso della musica italiana.

Le Targhe non sono assegnate dal Club Tenco, ma da una giuria composta da oltre 200 giornalisti (di gran lunga la più vasta e rappresentativa in Italia in campo musicale), che in questa prima fase ha votato fra i dischi candidati i finalisti delle cinque sezioni. Nella Targa per la miglior canzone si fronteggiano gli autori dei seguenti brani (in ordine alfabetico per brano):
"L'amore non esiste", scritta da Niccolò Fabi, Max Gazzè, Daniele Silvestri (anche interpreti)
"Il cielo è vuoto", scritta da Cristiano De André, Dario Faini, Diego Mancino (interprete: Cristiano De André)
"Del suo veloce volo", scritta da Antony Hegarty, Franco Battiato, Manlio Sgalambro (interpreti: Franco Battiato e Antony)
"Lettera di San Paolo agli operai", scritta dai Virginiana Miller (anche interpreti)
"Sessanta sacchi di carbone", scritta da Giacomo Lariccia (anche interprete)

Le nomination per la Targa album dell'anno riservata a cantautori (qui elencati in ordine alfabetico per artista, così come nelle seguenti sezioni) vedono in lizza:
Brunori Sas, "Il cammino di Santiago in taxi"
Caparezza, "Museica"
Le Luci della Centrale Elettrica, "Costellazioni"
Massimo Volume, "Aspettando i barbari"
Nada, "Occupo poco spazio"
Virginiana Miller, "Venga il regno"

La Targa per l'album in dialetto vede come finalisti:
Enzo Avitabile, "Music life O.s.t."
Francesco Di Bella, "Francesco Di Bella & Ballads Cafè"
99 Posse, "Curre curre guagliò 2.0"
Davide Van De Sfroos, "Goga e Magoga"
Loris Vescovo, "Penisolâti"

Nella sezione Opera prima (di cantautore) troviamo:
Betti Barsantini, "Betti Barsantini"
Pierpaolo Capovilla, "Obtorto collo"
Filippo Graziani, "Le cose belle"
Johann Sebastian Punk, "More Lovely and More Temperate"
Levante, "Manuale distruzione"

Fra gli interpreti di canzoni non proprie (quindi non cantautori) sono invece arrivati in finale:
Chiara Civello, "Canzoni"
Fiorella Mannoia, "A te"
Mirco Menna, "Io, Domenico e tu"
Alberto Patrucco e Andrea Mirò, "Segni (e) particolari"
Raiz e Fausto Mesolella, "Dago Red"
Saluti da Saturno, "Shaloma locomotiva"

Le Targhe saranno consegnate il 6 dicembre a Sanremo al Teatro Ariston, in una serata-evento a cui saranno invitati tutti i vincitori e che vedrà David Crosby come ospite d'onore. I biglietti sono già in vendita sul sito www.clubtenco.it e alla cassa del Teatro Ariston, tutti i giorni dalle ore 16. Dopo le candidature, selezionate da una commissione di 20 giurati, le Targhe Tenco sono assegnate in due fasi. Con la prima, appena svoltasi, vengono selezionati i 5 finalisti (o più, in caso di ex aequo, come accade quest’anno in due sezioni). Con la seconda, che si terrà nei prossimi giorni, verrà proclamato il vincitore di ogni sezione.
 
Negli ultimi anni la Targa Tenco per il miglior disco è andata nel 2008 ai Baustelle, nel 2009 a Max Manfredi, nel 2010 a Carmen Consoli, nel 2011 a Vinicio Capossela, nel 2012 ex aequo ad Afterhours e Zibba & Almalibre, nel 2013 a Niccolò Fabi. Quella nella sezione dialetto, nel 2008 a Davide Van De Sfroos, nel 2009 a Enzo Avitabile, nel 2010 a Peppe Voltarelli, nel 2011 a Patrizia Laquidara e Hotel Rif, nel 2012 a Enzo Avitabile, nel 2013 a Cesare Basile. La Targa come opera prima ha visto primeggiare nel 2008 Le Luci della Centrale Elettrica, nel 2009 gli Elisir, nel 2010 Piero Sidoti, nel 2011 Cristiano Angelini, nel 2012 Colapesce, nel 2013 Appino. Fra gli interpreti hanno vinto: nel 2008 Eugenio Finardi con Sentieri Selvaggi & Carlo Boccadoro, nel 2009 Ginevra Di Marco, nel 2010 Avion Travel, nel 2011 Roberta Allosio, nel 2012 Francesco Baccini, nel 2013 Mauro Ermanno Giovanardi.


Fonte: Midas promotion

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP