Paolo Benvegnù, il tour arriva anche a Milano

Scritto da  Lunedì, 17 Novembre 2014 

Giovedì 20 novembre arriva al Circolo Magnolia Paolo Benvegnù che, a tre anni di distanza dall'ultimo disco, torna ora nelle maggiori città italiane per presentare dal vivo il nuovo album "Earth Hotel", uscito ad ottobre per Woodworm.

Dodici brani in cui l’arte, la poetica di Benvegnù esplorano l’amore, da diversi punti di vista. All’interno dell’"Earth Hotel", luogo a cui tutti apparteniamo ed in cui tutti abitiamo, trova posto l’amore in ogni sua declinazione, i luoghi dove esso si espande e si consuma, i viaggi che ne acuiscono la distanza o la riducono, i tempi brevi o lunghissimi che ne scandiscono i ritmi. Un inno fortissimo alla vita, urlato a gola piena. Una riflessione profonda e ammaliante, senza sconti, lucida ed appassionata, carica di amore, necessità irrinunciabile che l’artista persegue con l’ostinazione di un capitano che, senza bussola, affida alla propria intuizione e alle stelle la sua rotta.

La carriera di Benvegnù inizia come chitarrista-cantante fondatore degli Scisma, imprescindibile gruppo alternative rock italiano ormai sciolto. Dal 1996 al 2000 la band è stata vincitrice di Arezzo Wave, e unica band italiana prescelta per i Festival europei Europa connection, Le primtemps de Bourges (Francia), ha vinto il Premio Ciampi 1998, e svolto centinaia di concerti in Italia e in Europa. Benvegnù si trasferisce in seguito a Firenze per collaborare con Marco Parente, suonando anche nell' album dell'artista fiorentino "Trasparente", uscito per Mescal/Sony. Molto legato a tutta la scena artistica contemporanea della città, Benvegnù costruisce un proprio studio di registrazione a Prato, e parallelamente alla nuova carriera solista, inizia quella di produttore artistico con tantissimi album lavorati, tra i quali "Perturbazione", "Terje Nordgarden" e "Brychan".

In accordo con le label toscane Santeria e Stoutmusic, pubblica il suo primo album solista, "Piccoli Fragilissimi Film". Il disco riceve un ottimo riscontro di pubblico e critica, piazzandosi tra i migliori lavori discografici del 2004 e diventando un classico del panorama indipendente. A fine 2007 Paolo Benvegnù da alle stampe un nuovo EP, intitolato "14-19", con la propria nuovissima etichetta La Pioggia Dischi. Il disco crea grande attesa per il nuovo album "Le Labbra", che esce a febbraio 2008 e viene accolto immediatamente come uno dei migliori dischi italiani degli ultimi anni. Ad aprile esce l’EP "500", prodotto da Fabrizio Barbacci (Ligabue, Roy Paci), ed il tour porta Paolo al Primo Maggio a Roma, sul main stage di Italia Wave per concludersi a dicembre 2009 al Circolo degli Artisti di Roma, con "Dissolution", il memorabile concerto divenuto nel giugno 2010 un disco dal vivo omonimo che ha dato luogo a un fortunato tour nazionale di oltre venti date.

Nel febbraio 2011 viene pubblicato "Hermann" e nuovamente Benvegnù incontra il favore di quotidiani e riviste specializzate, nonché grande visibilità da parte di trasmissioni televisive e radiofoniche di qualità. L’autunno vede Paolo ricevere il Premio Radioindie Music Like, come artista più trasmesso dal circuito radiofonico che determina la classifica Indie Music Like. Hermann si classifica secondo alle Targhe Tenco 2011, nella categoria miglior disco in assoluto dell’anno. Inoltre il cantautore riceve al MEI il premio come miglior solista dell’anno, Premio Italiano Musica Indipendente 2011 (PIMI).


Fonte: Godzillamarket

TOP