Noa live a Bologna con il nuovo spettacolo in quartetto

Scritto da  Martedì, 21 Ottobre 2014 

Il 28 ottobre (ore 21) al Teatro Duse di Bologna Noa torna con il nuovo spettacolo, ‘Noa-Dor-Four’.

L'artista sarà in un quartetto che la vede insieme, oltre che all’inseparabile chitarrista Gil Dor, al giovane virtuoso del contrabbasso Adam Ben Ezra e all’altro partner musicale di lunga data, il percussionista Gadi Seri. Cantante, compositrice e percussionista di origine yemenita, israeliana e americana, Noa continua ad incantare il mondo con la sua voce angelica ed una presenza sul palco magnetica. In questo concerto, quasi tutto in acustico, Noa volge il suo sguardo in particolare ai sentieri jazzistici, rimanendo sempre ancorata alla sua dimensione di cantante totale, in grado di rappresentare se stessa sul palco sia quando si cimenta con le tradizioni musicali yemenite ed ebraiche, sia quando ritorna alle sue origini di cantautrice dalle influenze world.

Parte integrante del nuovo progetto di Noa è l’album ‘Love Medicine’, nel quale ritrova le sue sonorità originali dopo l'esperienza napoletana degli ultimi anni. ‘Love Medicine’, primo album registrato in studio dal 2009, deve il suo titolo ad una riflessione sui poteri curativi della musica e della sua capacità di evocare meditazione, compassione, accettazione ed emozioni infinite. In ‘Love Medicine’ si trovano brani ispirati ad una grande varietà di persone e situazioni affascinanti che Noa e Gil hanno incontrato e vissuto durante questi quattro anni. Tra questi una canzone scritta da Noa per Joaquin Sabina, brani dedicati al Brasile che si ispirano e rendono omaggio a grandi artisti come Joao Bosco, Milton Nascimento e Gilberto Gil (del quale Noa ha tradotto in ebraico il celebre brano ‘A paz'), ma anche una canzone composta da Pat Metheny per Noa, e del quale la stessa Noa ha scritto il testo. Si tratta della prima collaborazione artistica fra i due grandi musicisti dopo 24 anni di reciproca ammirazione ed amicizia. Metheny ha infatti prodotto il primo album internazionale di Noa nel 1994.

In ‘Love medicine’ anche alcuni pezzi scritti da Noa e Gil Dor per un musical sulla vita di Papa Giovanni Paolo II, davanti al quale nel 1994 cantò un’indimenticabile versione dell’Ave Maria. Accanto al talento artistico, il suo infaticabile e coraggioso lavoro per la pace nel suo Paese e gli impegni di volontariato in tutto il mondo che le sono valsi titoli e riconoscimenti tra cui quello di ‘Ambasciatrice di buona volontà della FAO’, di ‘Cavaliere della Repubblica Italiana, il ‘Chrystal Award’ ricevuto dal WEF a Davos e il ‘Dove of Peace’ ricevuto da Shimon Peres. Noa è stata, inoltre, l’unica grande artista israeliana che ha accettato di esibirsi alla storica manifestazione per la pace che seguì l’assassinio di Yitchak Rabin. Nel 1997 partecipa alla scrittura e interpreta ‘Beautiful That Way’ di Nicola Piovani per il film di Roberto Benigni ‘La vita è bella’, vincitore del premio Oscar.


Fonte: Teatro Duse

TOP