Ha debuttato in prima nazionale nella suggestiva cornice dei Giardini della Filarmonica Romana “Girls Like That”, nuovo lavoro del regista Emiliano Russo dopo il consenso di pubblico e critica riscosso da “All Over Lovely”. Il testo del drammaturgo anglo-canadese Evan Placey, insignito del Writers’ Guild Award for Best Play for Young Audiences, traccia un ritratto impietoso di un’intera generazione di ragazze e ragazzi, del branco animato da dinamiche perverse ed insensibili, di una società digitale annidata tra i labirinti di pixel di smartphone ultra-tecnologici, custodi di segreti insondabili e solitudini abissali. Quattro anime plastificate, impermeabili al benché minimo sentimento, danzano spericolatamente sull’equilibrio ardito con cui l’arguta regia di Russo percorre quest’opera dall’urgenza dirompente. Quattro anime inquiete per quattro interpreti dall’ironia sottile, eclettiche, intense, impetuose e pungenti come si conviene all’incandescente, disturbante materia drammaturgica.

TOP