Michela Staderini

Articoli di Michela Staderini

Dal 10 al 28 gennaio. Vulcanica, ironica, versatile, Michela Andreozzi con talento e innata comicità, riporta in scena, in un monologo irresistibile, la storia universale di un amore andato in frantumi per colpa del tradimento di un uomo immaturo. Al Teatro della Cometa con “Maledetto Peter Pan” si ride di gusto, con ironia e intelligente leggerezza, riconoscendosi nei coloriti personaggi interpretati dalla protagonista e in emozioni e situazioni che, per una sera, da amare diventano comiche.

E' entrato nel buio e nella quasi distrazione del pubblico, puntuale e discreto, per raggiungere il microfono al centro del palco e godersi l'applauso scrosciante. Poi, quasi tre ore dopo, da quel pubblico carico ed entusiasta si è ritirato con altrettanta misura: è rimasto fermo sul palco, braccia conserte, sguardo commosso, a riempirsi il cuore di ciò che aveva davanti. Ecco. L'inizio e la fine di un concerto prezioso. E in mezzo c'è tutto il resto, per citare la sua poesia forse più famosa. Questo è Niccolò Fabi, riguardoso e schivo anche nel concerto conclusivo e celebrativo del suo tour per i vent'anni di carriera, anche nella sua città che per l'intera serata lo ha applaudito, coccolato, accompagnato. Lui, il padrone della festa.

Magia che si aggiunge alla magia. Un'orchestra da 80 elementi diretti da Justin Freer ha eseguito dal vivo, in perfetto sincrono con il film, l'intera colonna sonora di "Harry Potter e la camera dei segreti". Così, per tre serate speciali, il nutrito pubblico dell'Auditorium Conciliazione di Roma è stato incantato dal secondo capitolo della serie dei cine-concerti dedicati al maghetto più famoso del mondo, nato dalla fortunata penna di J.K. Rowling.

Dal 21 novembre al 3 dicembre. In un affresco di vita di provincia di inizio Novecento, la vita delle "Sorelle Materassi", figure iconiche nate dalla penna di Aldo Palazzeschi, procede tra toni grotteschi e drammatici, nell’adattamento di Ugo Chiti per la regia di Geppy Gleijeses. Uno spettacolo classico e misurato, pervaso da un'amara ironia e retto dalle bravissime protagoniste Lucia Poli, Milena Vukotic e Marilù Prati.

Sabato, 21 Ottobre 2017 20:19

Grease - Teatro Sistina (Roma)

Dal 14 al 29 ottobre. Sono tornati Pink Ladies e T-Birds! “Grease”, prima film-icona con John Travolta e Olivia Newton John, poi Musical dei Record in Italia, è di nuovo in scena al Teatro Sistina di Roma sempre con la regia di Saverio Marconi. Un nuovo adattamento per festeggiare il 20° compleanno: energia, colori, amori, hit intramontabili eseguite dal vivo, il fascino degli anni Cinquanta e tanta voglia di ballare.

La biografia di due sovrane raccontata con colori e leggerezza: al Roma Fringe Festival la storia di Maria Antonietta e Maria Carolina, sorelle e regine, è portata in scena in chiave pop da Mirko Di Martino con “Regine Sorelle”. Un monologo brillante, tra ricostruzione storica e leggenda, in cui Titti Nuzzolese interpreta mirabilmente le due sovrane e una moltitudine di altri personaggi, aristocratici o popolani, vividi e folcloristici.

Con un titolo che incuriosisce e provoca, “Il laboratorio della vagina”, scritto, diretto ed interpretato da Patrizia Schiavo, racconta le donne tra commedia e teatro civile. Un inno alla femminilità e alla sacralità del loro corpo che si tramuta in una decisa denuncia di abusi e violenze: le risate diventano orrore e attraverso l'ironia si arriva a temi ben più profondi. Liberatorio e divertente, terapeutico ed esplicito.

Il mito di Amore e Psiche viene rivisitato e attualizzato nel monologo scritto e diretto da Flavio Marigliani e interpretato da Valeria Nardella. Presentato nella seconda settimana del Roma Fringe Festival, lo spettacolo unisce toni grotteschi a trovate ironiche ma, nonostante la buona interpretazione e l'originalità dell'idea, non riesce a sfruttare pienamente l'occasione.

E’ un gioiellino l’ “Esilio” (scritto e diretto da Mariano Dammacco e da lui interpretato accanto alla bravissima Serena Balivo) scelto per inaugurare la rassegna OFF alla 31° edizione del Todi Festival. Nel suggestivo Nido dell’Aquila, ecco un riuscito esempio di piccolo teatro: racconto surreale di ironia e verità, in cui l’alienazione odierna vive attraverso spunti creativi e atmosfere poetiche.

Dalle oltre 100 laude religiose di Jacopone da Todi, Eugenio Allegri e Ramberto Ciammarughi hanno tratto un recital di suoni e parole per fratello Jacopone, “Del folle amore”, realizzato in esclusiva per il Todi Festival 2017. Uno spettacolo impegnativo e dai toni alti in cui la complessità dei temi trattati nelle invettive e nelle preghiere del frate viene sorretta dall’esperienza interpretativa di Allegri e dalle intense note del pianoforte di Ciammarughi.

TOP