Sabato, 12 Dicembre 2015 12:44

La Tempesta - Teatro Ghione (Roma)

Un’illusione, un artificio, una malia teatrale organizzata dal capitano, il maestro Giorgio Albertazzi che, come un direttore d'orchestra o un moderno regista, crea e manipola a suo piacimento la realtà, intervenendo sugli elementi naturali. La nave è affondata irrimediabilmente, tutti i protagonisti sono già morti ma non ne hanno la consapevolezza, ne “La Tempesta” di William Shakespeare diretta da Daniele Salvo al Teatro Ghione dal 20 novembre al 13 dicembre.

Domenica, 26 Ottobre 2014 16:36

Enrico IV - Piccolo Teatro Strehler (Milano)

Uno degli attori più osannati del nostro teatro, Franco Branciaroli, da giovanissimo fu il preferito di Giovanni Testori, che scrisse per lui e recitò con lui dal vivo sulla scalinata est della Stazione Centrale di Milano una propria commedia assolutamente indimenticabile. Oggi Branciaroli, che in teatro è ormai un classico, sceglie di interpretare e dirigere per la prima volta una commedia di Luigi Pirandello, che il grande drammaturgo siciliano scrisse nel 1921 appositamente per un attore così grande e celebre che ancora oggi si parla di lui, Ruggero Ruggeri. L’opera, "Enrico IV", andò in scena a Milano nel 1922, mentre Ruggeri entrò a far parte della Compagnia d’Arte fondata due anni dopo proprio da Pirandello per poi diventare, molti anni dopo e assieme a Giorgio Strehler, il più celebre Arlecchino che da Milano girò il mondo intero. Ma tutto questo che c’entra? Nulla forse, salvo che il teatro è creato da gente che ama il teatro, sia che lo scriva, reciti o diriga e così tutto torna. Branciaroli è al Piccolo Teatro Strehler dal 21 ottobre al 2 novembre e offre una messa in scena straordinaria della lucida follia che Pirandello ha sempre cercato di descrivere in tutti i suoi grandi capolavori del malinteso e dell’ironia.

Sabato, 22 Febbraio 2014 09:16

Il Teatrante - Teatro Quirino (Roma)

Dall'11 al 23 febbraio. In scena al Teatro Quirino la graffiante e sarcastica riflessione condotta sul significato intrinseco del teatro e sulle sue interazioni col tessuto sociale da Thomas Bernhard, romanziere e drammaturgo austriaco dall’inconfondibile sguardo icastico. Dopo “Servo di scena”, che nella scorsa stagione ha raccolto un caloroso consenso di pubblico e critica, l’indagine prosegue con “Il teatrante” lasciando libero sfogo al pessimismo atavico dell’autore che non concede alcun margine di riscatto né al teatro né tantomeno all’individuo che si illuda tramite esso di pervenire ad una sintesi risolutiva tra sogno e realtà, concretezza del vivere quotidiano ed utopico slancio creativo. Il tutto confezionato in una commedia di lucente brillantezza, che dispiega dinanzi a Franco Branciaroli terreno fertile per un’interpretazione istrionica e vibrante, da dominatore incontrastato del palcoscenico capace di sostenere due ore di rappresentazione in un pressoché ininterrotto monologo, con una potenza espressiva realmente da mattatore d’altri tempi.

Con la messinscena de Il teatrante, testo graffiante scritto nel 1985 dal grande romanziere e drammaturgo austriaco Thomas Bernhard, Franco Branciaroli continua la lunga riflessione sul Teatro e sul suo rapporto con la società attraverso la Memoria che ne è l’elemento fondamentale. Mentre in Servo di scena la Memoria è il presupposto stesso dell’azione scenica (da un lato la necessità di tener desta la memoria del popolo inglese durante la guerra, dall’altro gli sbandamenti della memoria di chi dovrebbe assumersi questo compito), ne Il teatrante, questa, viene messa direttamente a tema.

Sabato, 23 Novembre 2013 17:01

Servo di scena - Teatro Bellini (Napoli)

Dal 19 al 24 novembre. Dalla penna del vincitore del premio Oscar per "Il Pianista", Ronald Harwood, nasce lo spettacolo teatrale The Dresser, tradotto per l'occasione dal bravissimo Masolino d’Amico, con un titolo in italiano quanto mai originale, ovvero “Servo di scena”, ed impreziosito dall’interpretazione e dalla regia del grande maestro Branciaroli.

Venerdì, 23 Novembre 2012 19:52

Servo di scena - Teatro Argentina (Roma)

Dal 20 novembre al 2 dicembre. L’apertura della nuova stagione del Teatro Argentina è affidata alla commedia “Servo di scena” del drammaturgo sudafricano Ronald Harwood, opera pervasa da un potente connubio di brillante ironia e struggente emozione. Un inno viscerale al teatro e alla sua incoercibile capacità di affrontare con coraggio e dignità le contingenze più oscure e dolorose, portato in scena con magistrale carisma ed inesauribile passione dall’istrionico Franco Branciaroli, con la traduzione di Masolino d’Amico e l’affascinante allestimento scenografico di Margherita Palli.

Come vi piace

Dal 7 al 23 settembre. Il Silvano Toti Globe Theatre si avvia alla chiusura della sua programmazione, notoriamente estiva, con la rappresentazione di “Come vi piace”, commedia shakespeariana di nuova produzione per la struttura di Villa Borghese, con la regia di Marco Carniti. In scena Daniele Pecci, Melania Giglio, Pia Lanciotti, Nicola D’Eramo, Gianluigi Fogacci e un ricco e variegato cast di giovani e talentuosi interpreti.

Venerdì, 09 Settembre 2011 20:25

Riccardo III - Silvano Toti Globe Theatre (Roma)

Riccardo III

Dal 2 al 18 settembre. Una chiusura in grande stile per la nona stagione del Globe Theatre: debutta in prima assoluta un sontuoso, moderno ed emozionante “Riccardo III”, adattamento e regia di Marco Carniti. La tragedia giovanile di William Shakespeare, epilogo della tetralogia minore dedicata alle più tormentate ed oscure vicende della storia inglese, racconta l’implacabile ascesa al potere di Riccardo III, duca di Gloucester, segnata da infinite nefandezze, sordidi inganni ed efferati omicidi. Una compagnia di attori animati da un talento luminoso e capaci di coniugare tecnica ricercata ed evidente passione per il teatro scespiriano, originalissime ed intriganti soluzioni sceniche dal sorprendente impatto visivo, ricchissimi costumi e una regia precisa, dinamica ed accattivante rappresentano i segreti di un appuntamento assolutamente da non perdere.

Spoonface

Il significato e la bellezza dell’esistenza percepiti da un’anima speciale, dotata di una sensibilità straordinaria, di una forza morale limpida e di una sorprendente positività nell’affrontare il suo breve quanto accidentato cammino terreno. Il regista Marco Carniti porta in scena l’emozionante e profondamente poetico testo di Lee Hall, raccontandoci l’incoercibile amore per la vita della piccola Spoonface Steinberg nonostante la diversità, una famiglia che esplode in frantumi e il dramma della malattia. Ad incarnare questa creatura pura e coraggiosa, in un sottile equilibrio tra ironia e commozione, l’attrice Melania Giglio che regala al pubblico romano un’interpretazione luminosa, carismatica e di rarissima intensità.

Pagina 2 di 2
TOP