Un’apertura da Oscar: è sulle suggestive note della musica di Nicola Piovani, colonna sonora de “La vita è bella”, che ha inizio la conferenza stampa di presentazione della nuova stagione del Teatro Eliseo e del Piccolo Eliseo. Un incantevole prologo, eseguito da Europa InCanto - orchestra di giovani e talentuosi musicisti diretti dal Maestro Germano Neri - che apre con atmosfere soavi lo sguardo sugli spettacoli e sugli eventi in programma per la stagione 2019-2020.

Un triennio importante quello che si aprirà con la stagione 2018-2019 del Teatro Quirino. Ricorrerà, nel 2021, il centocinquantesimo compleanno della storica sala romana, una grande occasione di festeggiamenti e celebrazioni che seguiranno alle imminenti operazioni di restyling della struttura nata nel 1871. Nel presentare in netto anticipo - rispetto alle consuetudini, e rispetto agli altri teatri romani - la programmazione della prossima stagione, il Presidente - e co-direttore artistico unitamente a Guglielmo Ferro - Geppy Gleijeses sottolinea, in apertura della conferenza, l’avvilente carenza di contributi da parte delle Istituzioni. Non perde neppure l’occasione per un riferimento incisivo alla nota vicenda del finanziamento al Teatro Eliseo, ora alle valutazioni della giustizia amministrativa, avendo presentato, alcuni tra i teatri più importanti della città, un ricorso contro il contribuito assegnato alla sala diretta da Luca Barbareschi.

Dal 13 maggio al 18 giugno. Inaugura la stagione 2016 al Teatro Greco di Siracusa Elettra di Sofocle per la regia di Gabriele Lavia con Federica Di Martino nella parte di Elettra, Maddalena Crippa nelle vesti di Clitemnestra, Jacopo Venturiero nei panni di Oreste e Maurizio Donadoni in quelli di Egisto. Regia possente senza enfasi: misurandosi con il classico Lavia asciuga la partitura, esce di scena, attualizza senza modernizzazioni l’impianto, ed esalta il tema del femminile che in questa tragedia è centrale. Senza cadere nel descrittivismo ne interpreta piuttosto le istanze attuali e fruibili dal pubblico di oggi: un coro al femminile, una battaglia e un sentire tutti al femminile. Una tragedia che Lavia porta tutta nell’interiorità e incornicia in un’interpretazione corale armonica, che regala anche una bellezza estetica sobria ed essenziale. Una regia che coglie il classico nel senso più profondo del termine.

Un’opera scritta dall’attore Franco Branciaroli, "Dipartita finale", ha saputo riunire fin dallo scorso anno sul palcoscenico alcuni tra i più immensi attori del Novecento italiano: Gianrico Tedeschi in primis, Ugo Pagliai, Maurizio Donadoni, un intervento plateale dello stesso Branciaroli e l’apparizione nel finale del più giovane Sebastiano Bottari. Ora al Piccolo Teatro Grassi, dal 4 al 14 giugno, lo spettacolo allieta le serate più calde della primavera milanese. Martedì 9 giugno al Chiostro Nina Vinchi, all’interno del Piccolo di via Rovello, sarà presentato alla presenza di numerosi personaggi illustri il volume dal medesimo titolo, edito da Titivillus e firmato ovviamente da Franco Branciaroli.

Si presenta ricco di eventi il cartellone della stagione 2015/2016 del Teatro Parioli Peppino De Filippo, articolato com’è fra commedie della tradizione italiana, classici internazionali, musica, danza ed operetta. Fra gli interpreti che si alterneranno sul palcoscenico di via Giosuè Borsi Lello Arena, Isa Danieli, Sebastiano Somma, Edoardo Siravo, Franco Branciaroli, Ugo Pagliai, Gianrico Tedeschi, Glauco Mauri.

Domenica, 12 Gennaio 2014 11:55

Otello - Teatro Carcano (Milano)

Dall'8 al 19 gennaio. Prodotto da Arena del Sole – Nuova Scena – Teatro Stabile di Bologna giunge a Milano, in occasione della sua terza tournée, l' "Otello" diretto da Nanni Garella con protagonisti Massimo Dapporto e Maurizio Donadoni. Questa tragedia di Shakespeare è caratterizzata, come parte dell’opera del drammaturgo di Avon, dall’eredità di due epoche: l’idea rinascimentale dell’uomo, con la sua tensione ad affermare se stesso oltrepassando anche il limite naturale o divino; e, al contempo, lo sgomento proprio dell’età barocca, angosciata da lacerazioni profonde di fronte alla vastità della fragilità umana, amplificata dalle recenti scoperte geografiche.

Maurizio Donadoni in “Carissimo Pier Paolo...” conclude gli appuntamenti che il teatro Vascello ha voluto dedicare in questa stagione teatrale a Pier Paolo Pasolini. Ricordiamo con grande piacere gli artisti che hanno voluto insieme a noi ricordare questa straordinaria figura considerata tra i maggiori artisti e intellettuali del XX secolo: Maddalena Crippa con La Poesia di Pier Paolo Pasolini (10 dicembre 2012), Caterina Venturini con Nessuna Pietà per Pasolini di Maccioni, Rizzo e Ruffino (11-20 gennaio 2013), Antonello Fassari con La Ricotta (25-27 gennaio 2013), Fabrizio Gifuni con Na specie de cadavere lunghissimo (29 gennaio – 3 febbraio 2013), Fabrizio Gifuni e Sonia Bergamasco con Un'amicizia in versi - Attilio Bertolucci – Pier Paolo Pasolini (4 febbraio 2013).

Venerdì, 09 Settembre 2011 20:25

Riccardo III - Silvano Toti Globe Theatre (Roma)

Riccardo III

Dal 2 al 18 settembre. Una chiusura in grande stile per la nona stagione del Globe Theatre: debutta in prima assoluta un sontuoso, moderno ed emozionante “Riccardo III”, adattamento e regia di Marco Carniti. La tragedia giovanile di William Shakespeare, epilogo della tetralogia minore dedicata alle più tormentate ed oscure vicende della storia inglese, racconta l’implacabile ascesa al potere di Riccardo III, duca di Gloucester, segnata da infinite nefandezze, sordidi inganni ed efferati omicidi. Una compagnia di attori animati da un talento luminoso e capaci di coniugare tecnica ricercata ed evidente passione per il teatro scespiriano, originalissime ed intriganti soluzioni sceniche dal sorprendente impatto visivo, ricchissimi costumi e una regia precisa, dinamica ed accattivante rappresentano i segreti di un appuntamento assolutamente da non perdere.

TOP