Venerdì, 25 Maggio 2018 20:54

Martiri - Teatro Filodrammatici (Milano)

Dal 22 maggio al 3 giugno. “Martiri” è l'ultimo spettacolo della stagione 2017/18 del Teatro Filodrammatici e porta in scena gli stessi undici promettenti attori di “Tamburi nella notte”, che ha aperto la stagione il 5 ottobre 2017. Il testo, del 2012, è del drammaturgo tedesco classe 1972 Marius von Mayenburg, i cui lavori sono stati rappresentati in tutta Europa con notevole successo, e la regia è di Bruno Fornasari, co-direttore artistico del teatro Filodrammatici. Nel 2016 da questa pièce teatrale è stato anche tratto un film, “Parola di Dio”, che ha vinto il Premio Chalais al Festival di Cannes dello stesso anno.

Il Teatro Filodrammatici di Milano ha presentato la nuova stagione 2017/2018. In cartellone pièce di drammaturgia contemporanea volte a raccontare la nostra epoca dominata dalla paura, dallo sgomento e dalla pericolosa tentazione di ergere muri per una illusoria sicurezza. Gli spettacoli però, pur raccontando dei conflitti del mondo contemporaneo, offrono attraverso l'arte momenti di dialogo, di pluralità.

Lunedì, 09 Dicembre 2013 21:27

Brutto - Teatro Filodrammatici (Milano)

L’opinione pubblica, che spesso si interroga sull’utilità dei classici greci e latini nell’epoca 2.0, dovrebbe dare un’occhiata a certe perle di saggezza partorite da quelle menti così vulcaniche dell’antichità. Il più grande di tutti, Aristotele, aveva già intuito che “la bellezza è la miglior lettera di raccomandazione”. Verissime, le parole dello Stagirita, ma forse Ovidio coglieva ancor più nel segno sottolineando che “la bellezza è un bene fragile”. Marius von Mayenburg - il drammaturgo creatore di Brutto, portato in scena al Filodrammatici fino a domenica scorsa - è un ragazzo colto (ha 41 anni, quindi nell’Europa che invecchia va inserito di diritto tra i giovanotti), di buone letture e spiccata sensibilità. Il discorso su realtà e apparenza -già ben chiaro ai pensatori di cui sopra - lo ha interiorizzato alla grande, e si vede.

Sabato, 16 Novembre 2013 11:17

Brutto - Teatro Filodrammatici (Milano)

Dal 14 novembre all'1 dicembre. Spettacolo gustoso e godibile, ironico, prova di uno sforzo di interpretazione notevole che non si arrende ad un cambio continuo di ogni personaggio che ha un doppio e un solo interprete; una situazione scivola nell’altra e si ritrova nella prima, il cambio è continuo e circolare: così senza perdere il ritmo né il filo, senza ingarbugliare la vicenda ad effetto ma tenendo fermo il rigore dell’azione, con leggerezza si parla di un tema caro al Novecento, l’identità. Non è tutto nuovo il contenuto ma è nuovo il modo di raccontarlo, il mood, la leggerezza tenuta sul filo in sospeso senza mai scivolare in pura comicità. Bravissimi gli interpreti.

Mercoledì, 07 Novembre 2012 20:32

Call Me God - Teatro Argentina (Roma)

Call Me God

Prima mondiale per lo spettacolo corale di Gian Maria Cervo, Marius Von Mayenburg, Albert Ostermaier e Rafael Spregelburd. Un’esperienza collettiva nata dalla riflessione individuale di ciascun drammaturgo sul tema dei Beltway sniper attacks, rimontata poi dal noto regista Marius Von Mayenburg senza livellare le differenze stilistiche bensì lasciandole esistere nel flusso continuo. Un progetto che tenta di creare una coesione internazionale facendo il  punto su una drammaturgia europea contemporanea che s’interroga sui grandi temi sociali: la libertà e la sua soppressione, la società civile contaminata da una violenza che ha ormai superato ogni limite.

Call me God

Teatro di Roma e RomaEuropa Festival presentano
Gian Maria CERVO | Marius VON MAYENBURG |
Albert OSTERMAIER | Rafael SPREGELBURD
CALL ME GOD
prima mondiale
regia Marius von Mayenburg
con Katrin Röver, Genija Rykova, Thomas Gräßle, Lukas Turtur
scene e costumi Nina Wetzel, musica Malte Beckenbach
drammaturgia Laura Olivi, video Sebastien Dupouey
coprodotto da Residenztheater, Teatro di Roma, Romaeuropa Festival, Festival Quartieri dell’arte
con il sostegno di Goethe-Institut

4 | 5 | 6 Novembre ore 21
Roma – Teatro Argentina
per il ciclo Appena fatto! in collaborazione con Rai Radio3
Elena Stancanelli
incontra Gian Maria Cervo e Marius Von Mayenburg lunedì 5 novembre al termine dello spettacolo
per il ciclo Teatri di Carta in collaborazione con Casa delle Letterature
martedì 6 Novembre alle ore 18 Gian Maria Cervo dialoga con Mauro Covacich

 

Quattro drammaturghi in una scrittura a più voci per affrontare uno dei temi più urgenti dei nostri tempi: il rapporto tra la sicurezza e la libertà degli individui. È CALL ME GOD di Gian Maria Cervo, Marius von Mayenburg, Albert Ostermaier, Rafael Spregelburd, nuovo appuntamento del Romaeuropa Festival 2012 in coproduzione con Teatro di Roma, in prima mondiale al Teatro Argentina dal 4 al 6 Novembre.
Il punto di incontro dei quattro drammaturghi, autori diversi per origine geografica e culturale, stile e percorso teatrale, sono i Beltway sniper attacks, gli attacchi dei cecchini della circonvallazione, che nell’ottobre 2002 tra Washington D.C., il Maryland e la Virginia causarono dieci vittime. Un fatto di cronaca che ha causato molto scalpore negli Usa, ma deliberatamente scelto per questo lavoro perché poco noto in Europa. Da qui parte un inedito esperimento di scrittura multipla: ognuno dei quattro drammaturghi infatti ha scritto un testo autonomo, condividendo però le sue impressioni con gli altri: alla fine sarà von Mayenburg a montare la stesura definitiva, senza omologare i diversi stili ma piuttosto esaltando le differenze e i contrasti, come si trattasse di un quadro cubista.
Voci diverse per altrettanti approcci, domande inquietanti: oggi serve maggiore controllo in nome della sicurezza oppure le vittime degli attentati sono il prezzo da pagare alla libertà? Controllo, sicurezza, crisi economica, vittimismo occidentale fanno parte di uno stesso fenomeno? In prima mondiale al Teatro Argentina, lo spettacolo si baserà su un allestimento-installazione e vedrà protagonista gli attori dell’ensemble del Residenztheater di Monaco di Baviera.
Due i momenti di dialogo e incontro con gli artisti:
Lunedì 5 Novembre, al termine dello spettacolo, Gian Maria Cervo e Marius Von Mayenburg dialogano con la scrittrice Elena Stancanelli per Appena Fatto!, serie di incontri curati da Rai Radio3 con Fondazione Romaeuropa per offrire uno sguardo critico sugli spettacoli del Festival attraverso il contributo di personalità provenienti da diversi ambiti disciplinari.
Martedì 6 Novembre alle ore 18 presso Casa delle Letterature Mauro Covacich dialoga con Gian Maria Cervo per Teatri di Carta, il ciclo di incontri tra scrittori e autori teatrali teso a indagare il rapporto tra testo e messa in scena e le problematiche della drammaturgia contemporanea.

 

Fonte: Ufficio stampa Teatro di Roma

 

TOP