Dodici mesi di teatro italiano, di creatività incoercibile e indomito coraggio nel portarla avanti nonostante le difficoltà sempre in agguato. Dodici mesi che abbiamo seguito con passione giorno dopo giorno e che, come ormai tradizione sulle nostre pagine, ci piace celebrare prima che l’anno si avvii alla conclusione con un ricordo dei suoi istanti più preziosi. Ecco a voi i migliori spettacoli teatrali del 2018 secondo SaltinAria.

Sabato, 13 Gennaio 2018 13:06

Rosalyn - Teatro Carcano (Milano)

Fino al 21 gennaio “Rosalyn”, thriller psicologico scritto da Edoardo Erba e diretto da Serena Sinigaglia, è in scena al Teatro Carcano di Milano.

Declina i titoli dei film di 007 la campagna grafica della stagione 2016/2017 del Teatro Sala Umberto e, al motto di “Licenza di Ridere”, il direttore artistico Alessandro Longobardi accoglie pubblico e stampa per la presentazione di una stagione che si preannuncia ricca, variegata, e di grande spessore.

Mercoledì, 30 Marzo 2016 18:44

La scuola - Teatro Quirino (Roma)

Dal 29 marzo al 10 aprile. Daniele Luchetti e Silvio Orlando, affiancati da attori di qualità e spessore, riportano in scena "La scuola". Nato nel 1992 con il nome di "Sottobanco" e tratto dalla produzione letteraria di Domenico Starnone, lo spettacolo divenne presto un cult, antesignano di tutto un filone di ambientazione scolastica tra cui anche la trasposizione cinematografica del 1995 della stessa pièce che prese, infine, il titolo "La scuola". Un dipinto della scuola italiana di quei tempi e al tempo stesso un esempio quasi profetico del cammino che stava intraprendendo il sistema scolastico.

È stata presentata, in anticipo rispetto a tutti gli altri teatri di Roma, la stagione 2015/2016 del Teatro Quirino Vittorio Gassman. Geppy Gleijeses, co-direttore artistico e presidente della società che gestisce il Teatro, accoglie i suoi ospiti - giornalisti, attori, registi, e addetti ai lavori presenti in sala -  vestito in abito completamente bianco, a voler far risaltare all’occhiello, in contrasto, una rosa vermiglia: il simbolo scelto per la stagione che sta per presentare.

Sabato, 25 Ottobre 2014 10:16

Tres - Teatro Manzoni (Milano)

Dal 23 ottobre al 9 novembre. Una commedia brillante, per chi ama questo tipo di commedie, una trama che lascia spazio a piccoli colpi di scena, delle belle attrici e perché negarlo, un bell’attore, unico maschio a comparire in scena e l’unico forse che abbia una concretezza corporea e di pensiero nelle vite attuali delle tre donne. La regia è di Chiara Noschese che ha curato anche l’ideazione scenografica.

Il pubblico del Teatro Manzoni di Milano troverà per la nuova stagione un cartellone ancora più ricco, pronto a soddisfare le esigenze più variegate. Una stagione con tante stagioni o meglio con più programmi.

Sabato, 19 Ottobre 2013 16:57

Tres - Teatro Sala Umberto (Roma)

Dall'8 al 27 ottobre. La commedia impudica e tagliente, moderna e seducente di Juan Carlos Rubio, giovane drammaturgo spagnolo dalla penna tanto affilata da essere stato frequentemente accostato al cinema di Almodovar, debutta in prima nazionale al Sala Umberto di Roma, promettendo un dipanarsi dell'intreccio narrativo denso di esplosivi colpi di scena ed una non comune capacità di investigare tra gli abissi di solitudine del quotidiano e le segrete aspirazioni coltivate nell'animo delle tre protagoniste. Tre donne comuni avvicinate da un rimpianto, la mancanza di un figlio, che si tramuterà in un progetto bislacco all'insegna di un modello familiare tutt'altro che tradizionale, comunanza di affetti lontana da schemi rigidi preconfezionati. Tre grandi attrici, Anna Galiena, Marina Massironi e Amanda Sandrelli, magistralmente dirette dall'estro creativo, dall'esperienza e dal fervido entusiasmo di una quarta donna, Chiara Noschese. Senza tanti giri di parole, "Tres".

TresUn testo scritto da un nuovo autore spagnolo e diretto da una donna, di una ‘comicità violenta’ per ammissione della stessa Chiara Noschese, che di questa caratteristica si è innamorata con l’idea di ‘aprirlo’, dilatarlo per accompagnare il pubblico italiano in una comicità irriverente, senza un preciso messaggio o una proposta di legge, ma un semplice gioco per raccontare la vita: la voglia d’amore e di famiglia, anche se non più con il modello tradizionale. Attori scelti per elezione e per essere una squadra, un lavoro del quale tutti sembrano fortemente entusiasti e soprattutto divertiti. Il desiderio di raccontare il femminile e il maschile senza femminismi o maschilismi per assaporare due dimensioni che si intrecciano in modo sempre nuovo.

Marina Massironi

Dal 24 gennaio al 5 febbraio. Un monologo di grande intensità emotiva, un affresco esistenziale tagliente e drammatico in cui la solarità di una storia d’amore appassionata e galvanizzante sprofonda ben presto nel baratro opprimente della violenza più cupa e sordida, della dipendenza dall’alcol, momentaneo anestetico che non rimargina le ferite dell’anima, dell’apparente assenza di una via d’uscita. Fino al raggiungimento di un’improvvisa, salvifica e lacerante presa di consapevolezza, a quella presa di coraggio che può essere innescata solamente dall’istinto ancestrale più potente ed insopprimibile, quello di difesa nei confronti delle proprie creature.

TOP