Fino al 19 marzo, al Teatro Franco Parenti di Milano va in scena “Delitto e Castigo, una discesa agli Inferi tra lucidità e follia”, spettacolo che si muove a partire dal capolavoro di Dostoevskij e che, grazie all’adattamento di Alberto Oliva e Mino Manni, sa rendere fortemente attuali temi, sensazioni, disagi e paure di un'epoca lontana eppure vicina.

Due spettacoli andati in scena al Teatro Alfredo Chiesa, facenti parte del progetto DonneTeatroDiritti, giunto alla settima edizione. Venerdì 5 e sabato 6 febbraio “Ipazia, la nota più alta”, affascinante racconto ispirato alla vita della filosofa del IV secolo. Domenica 7 febbraio “Un telescopio tutto per sé”, carrellata sulle astronome che hanno lasciato un segno profondo nella storia della scienza.

Torna a Milano per il secondo anno un successo della scorsa stagione firmato dalla produzione PACTA . dei Teatri, diretto da Annig Raimondi; arriva sul palcoscenico del Nuovo Teatro Ariberto lo straordinario capolavoro scritto da Oscar Wilde e pubblicato in Inghilterra nel 1890, "Il ritratto di Dorian Gray". Divenuta simbolo dell’amor proprio spinto sino al narcisismo, la saga di Dorian Gray, gentiluomo vissuto in epoca vittoriana in un paese estremamente bigotto ma sotterraneamente lussurioso, esprime tutti i desideri e i vizi di una borghesia ipocrita. Oscar Wilde provocò scandalo anche personalmente ma nessuno potrà mai negare il suo ingresso brillante nella letteratura britannica di fine Ottocento grazie alla sua capacità carismatica di narrare e descrivere attraverso aforismi svariate sfumature di sentimenti, emozioni, eventi e condizioni sociali.

Il Teatro Carcano di Milano si rinnova intrecciando, nel cartellone 2015/2016, esperienze artistiche e linguaggi diversi; si presenta contemporaneo, colto e popolare; sensibilità ed intelligenza creano un ponte tra avanguardie, siano esse vecchie o nuove, ed il teatro di tradizione. Perchè il teatro oggi non è più solo un teatro di prosa, un luogo dove fruire di uno spettacolo e rientrare a casa; ma è uno spazio di incontro tra generazioni e generi artistici, una piazza di scambio dove si mescolano pubblico e performance. Prosa sì, ma, cosa nuova per il Carcano, di drammaturgia contemporanea.

Domenica, 21 Giugno 2015 20:28

Caligola - Teatro Oscar (Milano)

Voi dite che è un anarchico. Lui crede di essere un artista. Ma in fondo non c’è differenza”. Dal 17 al 28 giugno, dopo il successo del suo debutto, torna al Teatro Oscar di Milano "Caligola" di Albert Camus con la regia di Annig Raimondi. Spettacolo sovratitolato in inglese in occasione di Expo 2015.

Sabato, 25 Aprile 2015 08:35

Caligola - Teatro Oscar (Milano)

Dall'11 al 26 aprile. ‘Il potere ce l’ho io’, dice l’imperatore Caligola. Nel più bel testo teatrale di Albert Camus, concentrato sul delirio del potere, emerge il contrasto irrimediabile fra individuo e politica. Caligola, forse pazzo, forse geniale, comunque sconvolto dalla morte della sorella Drusilla con la quale aveva un rapporto incestuoso, perde ogni controllo e fa decadere l'Impero. Caligola cancella qualsiasi tabù, abbatte i totem e demistifica la natura degli uomini: incarna la violenza e il male per mostrare che tutto è come appare. Quanto noi contemporanei conosciamo di Caligola è filtrato e inquinato dai secoli e da certe mistificazioni storiografiche. Il suo progetto ha un senso e una direzione. Tramite la morte, restituire la vita. Un monito a saper cogliere la bellezza e la purezza e l'amore in ogni singolo istante della propria esistenza. PACTA . dei Teatri porta in scena al parabola umana di uno degli imperatori romani più controversi al Teatro Oscar di Milano, con la regia di Annig Raimondi.

Col gusto per l’esplorazione di grandi romanzi e commedie dimenticate Annig Raimondi, come regista e attrice, porta in scena al Teatro Oscar l’opera di Oscar Wilde "Il ritratto di Dorian Gray": dal 30 gennaio al 15 febbraio con la presenza in scena anche di Maria Eugenia D’Aquino e Riccardo Magherini, la riflessione sul narcisismo e le catastrofi cui può portare.

PACTA . dei Teatri dà il via per il settimo anno consecutivo alla Rassegna Tεatr0inMatεmatica: la traduzione di concetti scientifici e matematici, apparentemente astrusi, in personaggi e trame avvincenti. Dall’11 al 23 novembre la rassegna inizia al Teatro Oscar con APPUNTAMENTO AL LIMITE - Il calcolo sublime con la drammaturgia di Riccardo Mini, la regia di Valentina Colorni e in scena Maria Eugenia D’Aquino, Riccardo Magherini, Vladimir Todisco Grande.

Non è facile ricostruire il rapporto tra Elisabetta I e Maria Stuarda; non è facile suggerire agli spettatori quel groviglio psicanalitico, intriso di invidie e livori sotterranei, che vissero le due regine, “parenti serpenti”d'oltremanica. Tutte cose non facili, che per essere portate a compimento necessitavano di una buona drammaturgia, una buona regia e brave attrici. Per fortuna, nello specifico, l'operazione era nelle mani di Paolo Bignamini, Alberto Oliva, Maria Eugenia D'Aquino e Annig Raimondi: fior di professionisti, che hanno mantenuto tutte le promesse e anche di più.

Dall’8 al 25 maggio. Uno spettacolo che affonda le radici in un passato lontano per attraversare le epoche, dal 1500 ad oggi, insieme a due grandi regine, Maria Stuarda ed Elisabetta I, rivali anche dopo la morte. Un modo originale, ricco di tensione drammatica e sottile ironia, per rivivere il rapporto tra queste due figure, mescolando con intelligenza storia e fantasia.

TOP