Domenica, 02 Settembre 2018 12:15

“L'ultima rosa d'estate” di Mariù Safier

Romanzo circolare nella struttura, commovente, di sentimenti puri, struggente e catartico ad un tempo. Una storia d’amore in qualche modo senza tempo, al centro della quale una ragazza determinata quanto pura, innamorata dei propri sogni. Ispirata a una storia vera, perché la vita ha sempre più fantasia di noi, anche degli scrittori, ci fa riflettere sull’incredibile gioia e dolore che la quotidianità ci riserva e anche sulle possibilità che abbiamo, non già di cambiare il corso delle cose, ma di conservare l’integrità di noi stessi.

Mercoledì, 13 Dicembre 2017 09:47

“D’ombra e sabbia” di Mariù Safier

Illustrazioni di Laura De Luca

Il racconto originale di 15 donne della Bibbia in versi. Una ricerca e riscrittura coraggiosa per un tema che si rivela di grande attualità ma non certo di moda. Un'ottica singolare e preziosa per rileggere al femminile la religione veterotestamentaria ed anche evangelica e per affrontare il tema della violenza sulle donne.

Racconti brevi, brevissimi, un soffio, un’istantanea; spesso soltanto una battuta. E’ così che attualizza questo genere che in Italia si legge sempre meno. Un racconto tira l’altro, come una sequenza cinematografica in presa diretta che oscilla tra il mondo del fantastico attingendo alla fiaba – oggetti e animali che parlano – e la cronaca più spicciola. In fondo un mondo domestico, che può essere letto anche centellinando le pagine, tra un impegno e un altro nel caos metropolitano. Le pagine volano leggere, graffianti, talora esilaranti, ma anche grottesche, sferzate gelide di un mondo che sembra avere poca speranza, dove non c’è giustizia. Solo in quello fantastico sembra esserci la possibilità di sognare e di amare e il racconto è un buon viatico.

La rivista femminile “Confidenze” ha conservato l’antica abitudine di pubblicare testi letterari di facile e veloce lettura. Uno degli appuntamenti della rubrica “Il nostro romanzo d’autore” è con Mariù Safier e il suo racconto “Perché finisce quando finisce?” dedicato ad un tema che negli ultimi tempi sta riscuotendo non poche attenzioni, forse perché le relazioni affettive si sfaldano con più facilità, per non parlare dei matrimoni. Tanto che sull’argomento si sono scritti addirittura testi più o meno seri su come lasciarsi e come sopravvivere ad un abbandono o a un fallimento.

Lettura scenica con intermezzi musicali, per la rievocazione di un personaggio storico entrato di recente nella nostra attualità con la Beatificazione di Maria Cristina di Savoia ad opera di Papa Francesco. Nel testo tutta la delicatezza e determinatezza dell’autrice, Mariù Safier, la sua eleganza che la mette in sintonia con il personaggio femminile raccontato. La capacità di una donna, quando la virtù è in grado di cambiare il mondo, un dialogo del femminile verso il maschile, di grande modernità. E’ la scommessa, vinta, della giornalista e scrittrice, che restituisce un modello di donna senza romanticismo agiografico.

Letizia Sperzaga

La scrittura teatrale femminile è universo prezioso ancorché in parte nascosto che un premio può contribuire a diffondere. Si scrive relativamente poco per il teatro e molto poco al femminile eppure la materia è ricca. Tredici edizioni del Premio di scrittura teatrale femminile lo dimostrano. L’edizione 2012 è multiforme ma se un fil rouge vogliamo trovarlo è il sentimento nella sua profondità, forza dirompente, talora dolorosa, pur sempre essenziale strumento rivelatore della vita. E’ l’amore il vero protagonista, quasi sempre legato alla sofferenza, con una declinazione quanto mai varia.

TOP