Terza edizione per “Scenari di Quartiere”, da sabato 8 a domenica 23 settembre, festival teatrale di narrazione a Livorno, città di mare e quindi di storie, con 15 spettacoli al calar del sole, in luoghi insoliti, tutti a ingresso libero. Dalla collaborazione con il Teatro Nazionale della Toscana e il Teatro Goldoni di Livorno, una conferma dell’importanza delle sinergie nella cultura, il ritorno del teatro di narrazione e di prossimità territoriale, perché la rappresentazione disegni una trama sociale e non solo culturale. Quest’anno anche tre appuntamenti di dibattito filosofico fuori dalle accademie, in chiave socratica.

Dopo la recente nomina a Teatro Nazionale, Emilia Romagna Teatro Fondazione presenta una Stagione che riconosce la linea di lavoro e ricerca che negli anni ha visto ERT crescere assieme alla sua città. È proprio quella con la città la prima relazione che il Teatro deve tessere, riconoscendovi un luogo privilegiato di riflessioni, crescita personale, sviluppo di senso critico ma anche un importante momento di confronto con la realtà e la contemporaneità che ci circondano.

Paolini porta sul palco del Piccolo Teatro di Milano, dal 3 al 22 febbraio, “Ballata di uomini e cani”, il suo tributo a Jack London e alla sua immaginazione di uomo e scrittore. Egli intraprese nel 1897 un viaggio alla ricerca dell'oro. Arrivò in Klondike, e poi al di là delle montagne, fino a Dawson City in Canada percorrendo il lungo fiume Yukon; non trovò l'oro ma un mondo dove la natura sembrava imporre la legge del più forte; senza l'immaginazione, che gli permise poi di scrivere alcuni dei suoi capolavori, quel viaggio sarebbe stato solo un percorso in uno scenario di lotta spietata per la sopravvivenza. I tre racconti tratti da “Nelle terre del grande nord”, sono completati da ballate e musiche composte ed eseguite da Lorenzo Monguzzi, con Angelo Baselli e Gianluca Casadei.

Dal 21 gennaio al 2 febbraio, sul palcoscenico del Teatro Argentina di Roma, Marco Paolini attraversa i terreni avventurosi dello scrittore statunitense Jack London, muovendosi tra i suoi racconti come in un paesaggio selvaggio, dove la natura estranea e ostile obbliga a lottare per la sopravvivenza e svelare il senso della propria solitudine.

Dal 21 gennaio al 2 febbraio sul palcoscenico del Teatro Argentina di Roma Marco Paolini attraversa i terreni avventurosi dello scrittore statunitense Jack London, muovendosi tra i suoi racconti come in un paesaggio selvaggio, dove la natura estranea e ostile obbliga a lottare per la sopravvivenza e svelare il senso della propria solitudine.

Sabato, 04 Febbraio 2012 20:35

Itis Galileo - Teatro Colosseo (Torino)

Marco Paolini

Marco Paolini abbandona (ma solo in apparenza) la denuncia sociale per narrare in questo monologo insospettabilmente divertente l’antica e moderna storia del fondatore della scienza libera, in netta contrapposizione con la fede integralista e la superstizione.

TOP